Cerca nel blog

sabato 14 maggio 2011

Siena: se non ora, quando?

 Siena, se non ora, quando? La città del Palio si trova in questo fine settimana di maggio davanti ad un bivio: o lo status quo, o il rinnovamento, la discontinuità, il cambiamento. La Storia ci insegna che il cambiamento non è di per se stesso sinonimo di miglioramento: nessun dubbio, al proposito. Dopo Lenin, per esempio, venne Stalin...
Detto questo, di certo a Siena c'è bisogno di cambiare, di vedere facce diverse e nuove a guidare la città: poi magari faranno male, e noi li criticheremo, e i lettori li manderanno a casa nel 2016, magari anche prima. Il voto a Ceccuzzi, invece, è un voto che significa mera riconferma di ciò chè stata la città negli ultimi anni, con i brillanti risultati in tutti i campi.
  Questa volta, nessun alibi, per chi va a votare domani e lunedì: nel 2006 si intuivano certe cose, ora una parte delle magagne sono emerse in pieno (e qualcuna sta per emergere...); l'ignoranza, dunque, non è più ammessa, o ammissibile.
In più, questa volta il carnet dell'offerta politica è ampio e variegato, con due novità che non possono che fare piacere: una lista seria di sinistra, con una candidata di grande integrità e preparazione culturale come Laura Vigni; in più, abbiamo la novità assoluta dei grillini, con un candidato frizzante e tutt'altro che sprovveduto come Michele Pinassi.
Come nel 2006 (ma non con Piccini candidato a Sindaco), c'è un outsider di ciò che è restato delle Liste civiche, aggregato al Terzo polo: il candidato è un sanguigno ex bancario, uno che ancora si indigna (diciamo, si incazza) quando vede la Dirigenza della Banca Mps abdicare platealmente al suo (presunto, peraltro) ruolo super partes, calandosi le brache pro Ceccuzzi, con i suoi buffet e la sua campagna elettorale stile Achille Lauro.
Se proprio uno vuole farsi del male, c'è infine la candidatura - debole - di Nannini: il problema, però, non è solo lui, è soprattutto chi lo sostiene, da Campi Bisenzio e da Arcore. L'eretico lo ripete: Berlusconi vuole più di D'Alema, di Bersani e di quello che voleva andare a fare il missionario in Africa, che il Monte resti nelle mani del tandem Ceccuzzi-Mussari.

"Il Pdl in Campania ha un legame più che organico con la camorra", ha detto Andrea Orlando, il commissario mandato da Bersani in Campania dopo la figuraccia delle Primarie annullate (qui, neanche fatte: peggio Siena o Napoli?). Chi è uno dei main sponsor del Pdl campano? Chi è che si sta impegnando allo spasimo per portare voti al Pdl nel Salernitano? Paolone Del Mese, da Pontecagnano Faiano. Grande amico personale di Ceccuzzi (anche se ora sbianchettato dalla campagna elettorale); lui ha dato tanto per Siena, ma Ceccuzzi non ha mai voluto specificare cosa abbia ricevuto in cambio. Un'altra delle tante domande cui il deputato-candidato Sindaco non potrà mai rispondere...

Ps Giovedì scorso, a Canale Tre ci doveva essere il confronto Tv tra i 5 candidati: Nannini e Ceccuzzi non si sono neanche presentati, per paura del contraddittorio. Meditate gente, meditate... 

6 commenti:

  1. IL SANTO è TORNATO, RIGENERATO E SU UNA NUOVA PIATTAFORMA DIGITALE.... BUONA LETTURA

    http://ilsantodisiena.wordpress.com/

    RispondiElimina
  2. Che ne pensa l'eretico dell'articolo sugli indagati del dissesto Università pubblicato oggi sul Fatto Quotidiano?
    Pur apprezzando l'iniziativa del giornale la tempistica mi appare un pò sospetta, essendo finita la prima parte dei giochi elettorali.
    Forse su questo sito potresti riportare pari pari detto articolo per dare la corretta informazione ai cttadini.

    RispondiElimina
  3. Se non ora quando?
    Quando il senese capirà che la città ha urgente bisogno di aria nuova, di togliersi di dosso strati di muffa e di polvere accumulati nei decenni.Quando il senese sarà consapevole che cambiare il governo della città non vuol dire rinunciare ai propri valori su cui ha improntato la vita (la pasta dal Nannini, la partita di calcio e di basket, la vasca per il corso, il cenino in contrada ecc.). Quando il senese sarà proto a riuscirà alla senesità peggiore, quella della sudditanza ad una banca.
    Mi faccio tani auguri....

    RispondiElimina
  4. speriamo nei grillini....anche il sanguigno ex bancario sedicente senese ma di acquaviva di montepulciano e' il meno peggio ma...

    RispondiElimina
  5. rob the fighter16 maggio 2011 21:41

    Dear Eretico,
    san Uto pia dei Tolomei non ha fatto il miracolo.
    Se il 'se non ora quando' non e' stato colto dai nostri concittadini pecore, visto il 54% al 1° turno, abbrutiti dalla paura di cambiare,o almeno provarci,vuol dire che non abbiamo piu' speranza, cosi' vogliono Siena cosi'se la tengano fino a che la seppelliranno definitivamente insieme al Monte ed allaUniversita'. Svenduti alla casta per un piatto di lenticchie. Cucinate anche male.

    Già,ma tu sei eretico,e in quanto tale quindi non puoi e non devi mollare...adesso piu' che mai...

    RispondiElimina
  6. quando poi un ci sarà più un becco di un quattrino, o questi signori si frugheranno in tasca sennò si andrà tutti a cercà i cartoni

    RispondiElimina