Cerca nel blog

mercoledì 27 giugno 2012

Addio Mps: adesso è Mpr!

    
   Alla fine, ci siamo arrivati: da oggi, chi dice Monte dei Paschi di Siena dice cosa fuori dalla realtà delle cose. Non lo era già da tempo? In parte, sì: ma la novità è che da oggi la cosa è plateale, sfacciata, comunque non più eccepibile. Da oggi, non più Mps: bensì Mpr, Monte dei Paschi di Roma.
 Mussari l'aveva pensata, la banca, romana sì, ma sotto l'ala privata dei poteri forti romani (Caltagirone in primis); il Calta, però, quando ha visto la pessima ed irredimibile parata (gennaio 2012) ha preferito approdare su ben altri lidi. Mica scemo, il Calta...
Una Banca che pietisce 4 miliardi dallo Stato nel momento in cui ne capitalizza 2,4 (scarsi) in Borsa, è una BANCA NAZIONALIZZATA in re ipsa. Sarebbe corretto e doveroso, a questo punto, che il Presidente lo nominasse il Governo (come scritto da Andrea Greco su Repubblica), dato che Viola e Profumo sono dovuti andare con il cappellino in mano a chiedere dindini a Monti.

   Il Fatto di Padellaro e Travaglio mette da parte la querelle su Napolitano, ed apre la prima pagina con un titolo amaramente da incorniciare:
 "Altro regalo alle banche 4 miliardi a Montepaschi".
Per poi aggiungere:
"La banca di Profumo, indebitata e indagata, non trova i soldi per rispettare gli impegni. Ma niente paura, glieli presta il governo".

 Ci sarà tempo e modo di parlare dei 4.600 esuberi del Piano industriale, della nuova contrattazione salariale, del ruolo dei sindacati (che meritano un articolo ad hoc).
Per oggi, l'eretico cerca di mettersi nella multiforme testa del Presidente Mps Alessandro Profumo. Che ha tanti, tantissimi difetti, ma certo non è stupido. Prima di venire nel borgo medievale, avrà chiesto garanzie anche di questo tipo.
La domanda che viene spontanea è questa: Profumo una città così imbelle se l'aspettava, o è stata - per lui - una piacevolissima sorpresa? Mussari Giuseppe, nel momento in cui si raccomandava di risostenerlo all'Abi, glielo avrà spiegato, con dovizia di particolari, che qui nessuno avrebbe fatto niente, a differenza delle barricate che, in una situazione equipollente, ci sarebbero state in altre città?
La risposta non si può che azzardare: secondo l'eretico, ebbene sì. Mussari Giuseppe presumo gliel'abbia detto, più o meno con queste alate parole:
"Stai tranquillo, Alessandro, a questi puoi fare digerire di tutto e di più (io ne sono la prova vivente e gaudente). Specialmente quando c'è la terra in Piazza del Campo. Nessuno dirà niente, tranquillo!".
D'altro canto, che i locali debbano avere l'anello al naso, in particolar modo con la terra in Piazza, viene esplicitamente teorizzato dai giornalisti più allineati al Sistema Siena.
Prendiamo Daniele Magrini (ceccuzziano di ferro, sempre con Franchino durante la scorsa campagna elettorale) sul Gazzettino di oggi: al termine di un pezzo in cui gioca sull'ambiguità semantica della parola MONTE (banca e fantini), alla fine scrive, papale papale:
"Ma per fortuna, per tradizione, per Dna genetico della nostra gente, quando arriveranno i cavalli nelle stalle, si penserà solo alle monte. Con la minuscola, si intende".
Che nessuno si azzardi a parlare d'altro, dunque.

   E così facendo, anno dopo anno, il popolo che si crogiola nel ricordo di Barbicone, si è fatto nazionalizzare la sua banca, perdendone il controllo.
"Oh, domattina ci sò i cavalli in Piazza: te che fai, ci vieni alle prove di notte?".

35 commenti:

  1. Intanto il Mussari ha riraccattato la poltrona che più gli interessava...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ricatato, vorrai dire

      Elimina
    2. o eretico che ti sei messo a leggere il gazzettino dei piccoli (anzi dei nanetti)?

      Elimina
  2. Però c'è da dire, per onestà, che il senese è persona tostissima, anche se di lento comprendonio.
    Regge qualsiasi cosa, digerisce anche i sassi, perdona ogni torto, basta stare in compagnia.
    E siccome lo sguardo è sempre rivolto indietro, molto indietro, spesso non ricorda quello che è successo ieri o stamattina.
    Inoltre tanti senesi hanno la casetta al mare, tanti hanno il SUV, il senese veste bene, tanti hanno la seconda casa affittata agli studenti.
    E quando il Partito glielo dice, il senese gonfia il petto e vota!
    Il senese è un animale buffo: a quale assomiglia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendo la sfera di cristallo e guardo i prossimi 5 anni

      - senza universitari (crollo demografico e mancanza di appeal causa 250 milioni di buco) le seconde case in centro agli studenti chi li affitta ? 10 extracomunitari ad appartamento che si dividono gli affitti stellari delle case in centro ??

      - senza gli stipendi mps di una volta chi avrà i soldi per fare shopping di lusso ?

      - con l'imu alle stelle a chi converrà più avere la seconda casa al mare ?

      - passate le elezioni in america ci sarà la guerra fra israele ed iran (per chi parteggerà l'egitto?)e dopo il SUV con il diesel a 2 euro il litro con che lo mandi?

      Siamo sicuri che fra 5 anni in questo contesto il senese sarà sempre il solito buffo animale ?

      Io ho proprio timore di si ... :-(

      F.to
      L'Anonimo

      Elimina
  3. Si va bene, tutto vero ... ma cosa ti aspettavi che uno con un legno entrasse alla Rocca o a Palazzo Sansedoni e spaccasse la testa a qualcuno ? Ora onestamente hai anche un po' rotto le p...e con l'accusare e l'additare ... il salto di qualità non fatto e nel proporre una soluzione e qui di soluzioni non se ne sono lette ... riunire un nucleo di persone capace di prendere le redini ed evitare la catastrofe ... ma niente neanche di questo ... informazione tanta ma tutti continuan ad andare per la loro strada sia angeli che demoni ... ora serve altro, i sindacati non salveranno i 5000 esuberi ... non senza un riferimento forte che li supporti ... va beh ... scusa lo sfogo.

    RispondiElimina
  4. Che imbecilli.............!dal latino imbecillis, composto da (in) senza (baculum) bastone ( avendone invece bisogno) appare fragile, impotente, senza forze. Di persona che dimostre poca intelligenza,scarso buon senso.............o un siamo noi senesi!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Ma i numeri uno di BMPS, non erano contrari ai tremonti Bond?

    Quando Alessandro Profumo era il numero uno di Unicredit, che ne pensava dei Tremonti Bond?
    «finanziariamente un aumento di capitale è chiaramente più conveniente rispetto ai Tremonti Bond». Così parlò il 6 ottobre del 2009 colui che oggi, come presidente della banca senese, sta per ricevere da “babbo Monti” un prestito di oltre 2 miliardi.

    MUSSARI E LA SOLIDITÀ DELLE BANCHE ITALIANE.
    «Le banche italiane sono solide, sane, hanno resistito in modo brillante all’ondata di crisi ono ricapitalizzate chiedendo soldi al mercato, non sono costate un euro al consumatore italiano», diceva Mussari il 15 ottobre 2011 intervenendo a un convegno col cappello di presidente Abi. Altri tempi, certo. Ma l’ottimismo ha resistito fino al primo maggio di quest’anno: «Le banche italiane non hanno le difficoltà che incontrano banche di altri Paesi europei».

    ... e Fabrizio Viola ?
    Viola il 13 gennaio di quest’anno, fresco di nomina, aveva assicurato: «Nei discorsi fatti in questi giorni non abbiamo mai parlato né pensato alla possibilità di ricorrere a nuovi Tremonti bond. Questo è uno strumento del passato. Abbiamo u altre forme di rafforzamento patrimoniale».

    invece ...tremonti bond al quadrato, al raddoppio, auguri.


    http://www.economiaweb.it/tbond-gli-uomini-del-monte-dicevano-no/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande, Fattorini!
      Adoro quelli come lei, che ricercano la coerenza nelle persone ed hanno la dote di ricordare (o la pazienza di ritrovare, magari grazie al web!) le celebri "ultime parole famose"!
      Ancora grazie per i graziosi pro-memoria! :-)

      Elimina
  6. Bastardo Senza Gloria27 giugno 2012 20:55

    Altra gente, altro stampo, altri ideali, altro orgoglio.....
    Oramai a Siena ci sono i grovigli armoniosi......e secondo gli aggrovigliati a Siena "nulla si crea niente si distrugge ma tutto si trasforma"...ora però in che si trasformeranno quei quattromilaseicento dipendenti ancora non ci è dato saperlo.....ma va tutto bene....anzi chi dice di no è un gufo.....pensa te.....un gufo....invece chi ha contribuito a tutto questo porta bene.....pensa te......
    http://it.wikipedia.org/wiki/Barbicone

    RispondiElimina
  7. io sto pensando di levarmi dai coglioni, perchè non riesco piu' a far finta di niente e ci campo male. come reputi questa mia aspirazione, vile, coraggiosa, realista o la me la caldeggi?
    uno che ammira quello che fai, che dici e che argomenti, parli la mia lingua e magari sarà poco, ma hai la mia stima, Raffaele.

    RispondiElimina
  8. Ed ora....i politici nostrani quali scuse troveranno,non sapevano,non credevano fosse tale la situazione ,non gliene fregava niente.

    RispondiElimina
  9. Caro Eretico, è tutto vero. Ma un dipendente del Monte, che dovrebbe o potrebbe fare, con la prospettiva di essere esodato (senza che la Fornero se ne accorga, s'intende)? Ed uno che lavora in Comune, come si dovrebbe comportare? Che fanno questi disgraziati? Sciopero? Con chi, col Sindacato degli amici degli amici? Picchiano Beppe? Così beccano una denuncia. Dirai: possono smettere di votare la Casta. Vero. Ma qual è una credibile alternativa? Se poi uno vota Corradi e se lo ritrova con Frankino? A Siena abbiamo l'anello al naso, o siamo stretti nell'impotenza?

    RispondiElimina
  10. Per quanto mi rigurda, data la situazione economica in cui versa il Comune di Siena, sarebbe stata una scelta coscienziosa quella di non fare il palio quest'anno.
    Non ci sarebbe niente da stupirsi;
    In effetti solo le guerre hanno interrotto il palio..... perchè non possono farlo anche Giuseppe, Maurizio, Franco, Gabriellone...... etc. etc, etc. etc.??

    No scusa ho sbagliato....; e lo sai perchè??? di barbicone ce n'è stato solo uno ed è belle morto..... purtroppo....
    ciao

    ale benve

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli hanno scippato il Monte e si baloccano con i cavalli...

      Elimina
    2. Concordo con chi mi ha preceduto. Non fare il Palio sarebbe stato il segnale da dare, anche per vedere di cambiare quel giochino che è troppo gonfio di quadrini che vanno a finire sempre negli stessi gruppetti

      Elimina
  11. Non avrei mai pensato di arrivare a tanto schifo, e a dire che mi fa schifo la mia cittá, popolo di pecoroni stupidi che hanno continuato a votare chi li ha rovinati, in mano a una casta di delinquenti che hanno dilapidato tutto a pro loro senza pagarne le conseguenze. Non è possibile che non si incazzi nessuno, non è possibile che rimangano e si sentano tranquilli e impuniti, non è possibile che debbano rimetterci sempre i soliti lavoratori onesti!

    RispondiElimina
  12. che città di mediocri è diventata....ma che devono fare per farci avere un rigurgito di autostima.....che devono inventarsi affinchè ci ribolla il sangue nelle vene e ci si ricordi che il monte non è per questa città come la Fiat per Torino, ma più come le patate per l'Irlanda del 19° secolo ( senza quelle non si viveva ). Nessuno ( a partire dai sindacati ) che pensi ad organizzare una manifestazione uno sciopero che sò du' berci sotto le finestre...ma sopratutto nessuno che quando incrocia certe persone per strada non abbia il coraggio di dirgli quello che pensa, magari anche con toni bruschi, e per paura di cosa?! di una denuncia?! ed eventualmente che abbiamo più da perdere??!!
    Perdonami lo sfogo, Eretico, ma questo ancora una volta conferma che siamo diventati la città meridionale più a nord d'italia ( come senso civico e omertà ).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "quando incrocia certe persone per strada non abbia il coraggio di dirgli quello che pensa" ... comincia te ... vediamo un po'

      Perdonami ma non credo che qualcuno lo faccia ne che serva a qualcosa, piuttosto va cercato un manipolo di persone in grado di governare seriamente ed onestamente !

      Elimina
  13. Eretico, penso (anzi ne sono convinto) che tu abbia molto da parlare dei sindacati, anzi precisamente dei sindacalisti, e di tutti i vantaggi da loro conseguiti col loro atteggiamento connivente (benefici solo indiretti ..... loro dicono di non aver fatto alcuna carriera al Monte.... ???!!!). Sic

    RispondiElimina
  14. Salutando con grande piacere il rientro in servizio attivo di Marco Fattorini con i suoi preziosissimi suggerimenti internettiani, l'eretico coglie l'occasione per precisare una cosa: NESSUNO PRETENDE CHE ALCUNO VADA IN ROCCA SALIMBENI ARMATO DI BASTONE (anche perchè chi maggiormente di dovere si è già levato da tre passi).
    Certamente si ritiene penoso il continuare ad omaggiare, come è stato fatto per anni, i castisti: a questo proposito, infine, sarebbe cosa buona e giusta che qualcuno che si è inchinato per tanto tempo, recuperasse una posizione vagamente eretta. Nel caso, qualcuno potrebbe perfino chiedere scusa: cercando di recitare bene la parte del pentito...

    L'eretico

    RispondiElimina
  15. Gli oltre 30mila dipendenti...non riescono a racimolare 2,5 miliardi, per acquistare la banca? Magari ce la fanno e vanno in auto-gestione!!! Costituiscono una società, versano il capitale...e vai!!

    RispondiElimina
  16. Gli oltre 30mila dipendenti...non riescono a MANDARE AFFANCULO MUSSARI E VIGNI?

    RispondiElimina
  17. Io penso che Beppino sarà in qualche agriturismo ipertrendy da grande manager a sorseggiare un bel cocktail sui bordi della piscina e se la stia spassando come pochi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che Beppino quando la sera spenge la luce della suite all'agriturismo, dice una preghierina a Gesù Bambino perchè domani invece che l'autista non arrvi il cellulare dei Carabinieri a prelevarlo.... Sarà, ma io con Bebbino non mi ci cambierei mai.

      Elimina
  18. Sento sempre di più gente che interviene caldeggiando un cambio di rotta. Soprattutto l'intervento sul piano politico di un soggetto nuovo, vergine (+ o -) e di gente che non abbia messo mano nelle cause del dissesto della città.
    E' l'ora di cominciare a guardarci in faccia.
    Io sono convinto che ci siano i margini per intervenire adeguatamente con persone nuove.
    Ce ne sono, di buona volontà e pronte a girarsi i coglioni, per iniziare una campagna elettorale e proporsi come nuovo elemento?
    Raffaele, come avevo già sollecitato sul blog del Santo, vorrei che i blogger cittadini si unissero in questa ricerca per vedere quanta gente può aderire a QUESTO PROGETTO.
    Grazie
    Francesco

    RispondiElimina
  19. http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-06-27/monte-paschi-siena-finiti-soldi-124159.shtml

    RispondiElimina
  20. Io sono molto arrabbiato. Cerco di vivere quotidianamente senza "omaggiare i castisti", cerco di non agevolare lo status quo a Siena. Non devo niente a nessuno e se un giorno qualcuno organizzasse un ritrovo per "fare du' berci" sotto la rocca ci verrei anche... Più di così che devo fare? Picchiare qualcuno e farmi levare la casa? Rinunciare al Palio? Ma di che, visto che a quelli del Palio non gliene frega niente...
    Non credo di essere il solo in questa condizione... Che si fa? A farmi dare del mediocre, dell'inetto, del buffo animale non mi sta bene. Cominciamo a generalizzare un po' meno...

    Michele

    RispondiElimina
  21. Pare che, a questo giro (a palese differenza che nella versione Tremonti bond del 2009), se Mps non paga perchè non produce utili, il Tesoro raccatti direttamente azioni della banca ex senese.
    Mpr più che mai, dunque...

    L'eretico

    Ps Quello della Provincia ha dichiarato a Raitre che questo "è un piano per il futuro". Ha ragione, è da qui al 2015. Ma questo è un fenomeno!!

    RispondiElimina
  22. Ma perché non la smettete di spendere centinaia di migliaia di euro dati (a nero) al fantino di turno che vince comprandosi gli altri? Sì va bene, il palio è il palio, ma le contrade e i contradaioli che ci trovino ancora gusto a buttare quattrini così? O se si stabilisse un tetto massimo da dare ai fantini? Il palio lo correreste e vi divertiresti lo stesso...

    RispondiElimina
  23. Vorrei rispondere a quell'anonimo che ha scritto " si vota corradi e poi lo ritroviamo con Ceccuzzi". Mi fate il piacere di ricordare , esclusa una mozione di indirizzo sulla Fondazione che se la leggete oggi ci sarebbe un'azione di responsabilità verso i responsabili del disastro, quando ho votato a favore della maggioranza? Mi basta una votazione se la trovate. Se poi vi riferite alle votazioni sul bilancio alle quali non ho partecipato perché altri erano i motivi del disaccordo ed io non volevo schierarmi per uno dei due blocchi. In quelle votazioni il bilancio era solo un pretesto per le mancate nomine e questo lo sanno anche i gatti.....l'unica cosa vera era che avrei preferito un governo tecnico fino alla fine dell'anno e poi regolari elezioni. Questo vuol dire tradire gli elettori? A parer mio no, ma rispetto tutte le opinioni

    RispondiElimina
  24. Il Corradi è sempre sulla difensiva. Se ci fosse stato un comportamento più lineare negli ultimi mesi non ci sarebbe bisogno di farlo. Speriamo non siano credibili le voci di un ingresso di Pietraserena e del Corradi stesso con il Pd...

    RispondiElimina
  25. Questa e' veramente bella......mi piacerebbe conoscere di persona quelli che mettono in giro questa voci....se li conoscete io sono sempre disponibile al confronto

    RispondiElimina
  26. In questo blog più volte ho letto critiche al Corradi (mi riferisco in particolare ai commentatori), a mio parere, ingiustificate.
    Da osservatore esterno (sono di Siena, ma anche se non ci vivo più da oltre vent'anni l'amore che ho per Lei me ne fa seguire costantemente le sorti) dico che Corradi è stato alle ultime elezioni una delle pochissime alternative politiche credibili e mediamente qualificate (anche se di certi sponsor in campagna elettorale non ho ben compreso senso ed utilità ...)
    Soprattutto è uno - sempre a mio parere, ovviamente - che ci ha messo la faccia e l'impegno per semplice affetto verso la propria città, al di sopra da ogni sospetto di interesse personale, politico e/o economico. Il che, a guardare da fuori con gli occhi di chi la conosce bene, per la Siena degli ultimi venti-venticinque anni non è cosa da poco!
    Se gli errori o, peggio, le ambiguità che gli si vogliono addossare derivano solo dalla prese di posizione sulle votazioni al bilancio, mi sembra che le critiche non stiano davvero in piedi. La spiegazione la da lui stesso (giusto?) due commenti più sopra; spiegazione che mi pare abbia una logica ed una coerenza politica, nella volontà di marcare il distacco con le posizioni dei "duellanti" con i quali, oggi, è davvero importante non confondersi, se si vuole tracciare una strada nuova a Siena.
    Altri episodi non me ne vengono in mente. Magari ci penserà il Fattorini (magistrale rilevatore di incoerenza) a trovare qualche magagna al "nostro uomo", ma fino ad allora voglio continuare a pensare che il Corradi è quella persona che una banale ed alquanto fugace circostanza della vita me l'ha fatto conoscere qualche anno fa ed apprezzare per non comune signorilità ed educazione.
    Andrea Soldateschi

    p.s.
    E' chiaro che dopo queste mie parole di stima, caro Corradi, voglio almeno l'offerta di un assessorato, se alle prossime elezioni si ripresenta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti i candidati della presunta opposizione finora hanno sempre giocato a perdere, perchè conveniva loro di più raccattare qualche briciola che attaccare il potere. Hai ragione, Andrea, il Corradi è stato il meglio: ha perfino cercato di salvare in extremis il Franketto. Speriamo si ripresenti e ti faccia assessore, è uno che ci serve: forse c'è rimasto ancora qualcosetta da sputtanare qua e là nelle pieghe del bilancio comunale. Discontinuità ma con coerenza, perbacco.

      Elimina