Cerca nel blog

giovedì 18 ottobre 2012

Sanità senesota: Enrico Rossi come Fini?


   Più i nodi vengono al pettine, più la situazione rischia di sfuggire di mano: stretto nella morsa del Fatto e dell'Espresso, vacilla la carriera politica di Gianfranco Fini. La casa monegasca pare davvero la sua maledizione. In giornata, ha riferito di non avere mai mentito agli italiani, e quindi di non dimettersi, neanche di fronte all'evidenza dei fatti.
 Amaro - per non dire altro - declino, per un politico che pretendeva di incarnare, dopo la spregiudicata svolta postfascista, un neonato spirito gaullista in salsa italiota (ma noi preferiamo i Duci, rispetto agli statisti). Comunque vada a finire, il futuro politico di Fini sarà sempre ipotecato, in negativo, dalla moglie, la bionda Tulliani (ex di Luciano Gaucci, bene ricordarlo).

  Rischia seriamente di fare la stessa fine anche il Gran moralizzatore piddino Enrico Rossi, uno che veniva indicato come potenziale futuro leader nazionale: sulla Sanità ha costruito la sua carriera politica, sulla Sanità rischia di cadere.
Come era cauto, prudente, attendistico, qualche sera fa, dalla Gruber, alla destra di Roberto Formigoni: il Celeste ed il Rossi duettavano d'amore e d'accordo. Ma come, hai un Presidente che era politicamente un dead man walking, per giunta di un partito sulla carta da combattere, ed invece di azzannare la ghiotta preda in balìa dei flutti, tu gli lisci il pelo, non vuoi farne una questione personale?
 Non bastasse il maxibuco di Massa (di cui ovviamente lui mai si era accorto), a togliere il sonno al Gran moralizzatore da un po' sono i conti in rosso dell'Asl senesota (negati fino a quando è stato possibile farlo), come scritto ad abundantiam su questo blog. Colui che aveva le mani in pasta nel Bilancio, il dottor Grazioso, era un fedelissimo della signora Rossi (dottoressa Benedetto). Di lui abbiamo scritto a ripetizione: ora si trova con un bel procedimento interno in corso, più 30 giorni di proroga della sospensione (ferie da giocarsi non ne ha più). Secondo il blog il Gavinone, ci sarebbe una lettera di licenziamento pronta per lui.
Ad ogni buon conto, questo rampante dottor Grazioso bisogna esca di scena senza troppo clamore: hai visto mai parlasse...una volta, per dirne una, tirò fuori che la password per accedere alle scritture contabili non era di sua sola pertinenza, ma che era anche in mano ai collaboratori. Cosa alquanto opinabile, che ha l'odore, disperato ed ingeneroso, dello scaricabarile.
Colui che fu scelto (e promosso sul campo!) dalla moglie di Enrico Rossi per gestire il Bilancio della Sanità aslina, sarà al corrente che in quel programma le correzioni - con tanto di date - sono rintracciabili?
E lo sanno i cittadini toscani che la Regione taglia duramente su tanti fronti, ma per ripianare i debiti aslini trova sempre il modo?
 Lo scorso 3 settembre, per esempio, la delibera 791 assegna 12 milioncini di euro. Per colpa - si legge - di una "situazione di sottofinanziamento". Parlare di deficit o di disavanzo sarebbe stato bruttino, in effetti: edulcorare, edulcorare, mi raccomando.

Ps Enrico Rossi è incazzato nero con il Direttore generale Pestelli, che quest'estate è andato in Procura a consegnare materiale sull'Asl 7. Curioso, questo atteggiamento del Gran moralizzatore toscanota, no? In nome della trasparenza che per lui è un must, lo avrebbe dovuto portare come esempio alle future generazioni. Quando ci andò lui, in Procura a Massa, a portare i libri contabili, si autopresentò, come di consueto, come uomo di integrità morale adamantina. Come uno che appena sente puzza di bruciato, parte e va (in Procura).
 Sull'Asl della moglie, invece, si è fatto battere in velocità... 

18 commenti:

  1. Gasperino il carbonaro18 ottobre 2012 20:12

    caro Eretico,

    così giusto per il gusto di conversare, stamane al reparto di pediatria e neonatologia si è guastato una macchina per ecografie mobile, che viene usatasia in reparto che negli ambulatori. Bene,la gentile e dolce dottoressa che stava visitando i cittini si è imbufalita alla notizia per il solo fatto che è pienamente cosciente che non ci sono i soldi per acquistarne un'altra e che quindi i cittini che ne hanno bisogno o si dovranno "dividere" quella fissa del reparto o dovranno farla altrove ( all'interno dell'ospedale ).
    Così, giusto per il gusto della conversazione in questa città candidata a capitale europea della cultura!

    RispondiElimina
  2. Si il gran moralizzatore....certo pestelli se la sta vedendo bruttina...ma mettere le mani nella asl senesota non è semplice...piena zeppa di gente scollocata e da ricollocare e quelli collocati appena adesso dove li metteranno? Il nostro governatore dovrebbe farsi un esamino di coscienza...ma proprio la fidanzata doveva sistemare in una asl, poteva collocarla in qualche altro contesto??? Certo che con queste premesse credo che tra lui e il berlusconi non ci sia molta differenza. Da quello che si dice in giro anche in regione la sanità non sta vivendo uno dei periodi migliori, provare ad informarsi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che pare si siano conosciuti biblicamente solo dopo la nomina, si mormora a Montalcino.

      Elimina
    2. si certo.....sveglia!!! Ma figurati se rossi prende qualcuno a fare il direttore generale di una asl a scatola chiusa!!! Si conoscevano e bene!!!

      Elimina
    3. Stavolta il Rossi/Schettino l'ha preso in tasca!
      Pensava di mettere tutto a posto a modo suo ,alla zitta.
      Così il disavanzo lasciato dalla dr.ssa Benedetto e dai suoi sodali poteva essere spacciato per sottofinanziamento e ricolmato con stanziamenti regionali ad hoc ( extra fondo regionale ).
      E poteva provare al solito a scaricare su qualche timoniere malese le responsabilità e le colpe.
      Stavolta non ha trovato ,come a Massa , il Delvino della situazione ; ma invece qualcuno che , accortosi dell'eredità lasciatagli da chi l'aveva preceduto, è andato correttamente a consegnare le carte in Procura.
      E questo ha fatto letteralmente andare in bestia il governatore senza macchia ;
      che in questo caso rischia di brutto :
      se saranno acclarate, le responsabilità della Benedetto sono di certo superiori a quelle della Tulliani....

      Elimina
  3. Visto che parli continuamente di USL7 e di carriere al neutrino perchè non racconti la carriera al neutrino del DG , o dai voce a quelli che la vogliono raccontare

    RispondiElimina
  4. In settimana prossima, caro anonimo, potrebbe esserci una golosa sorpresina per te...

    L'eretico

    RispondiElimina
  5. Caro Eretico, hai dimenticato nelle tue riflessioni la figura del nuovo Assessore,il senese Marroni, sì, quello che parlò di sottofinanziamento.E pensare che all'inizio la notizia che la sanità regionale si era indirizzata verso una scelta di alta levatura manageriale non era dispiaciuta.Poi invece improvvisamente,il manager..... diventa Assessore... e le cose allora cambiano..

    RispondiElimina
  6. Caro Eretico,anche Rossi si dimostra un inciuciaro e un trappolone, alla stregua di tutti i suoi compagnucci del PD. Gran moralizzatore ed innovatore, ora è costretto a prorogare la Presidenza del Consiglio Regionale a tal Monaci Alberto, personaggio che conosci bene.
    Questi fanno finta di litigare per prendere in giro i cittadini, ma sotto sotto fanno sempre i loro sporchi accordi sulla pelle della gente. E a Siena hanno ingannato molti onesti cittadini con questo orrido acordo tra le finte liste civiche di parte del PDL (Sena Civitas), dell'ex Margherita (Nero su Bianco) e la residuale Impegno per Siena. Una vera ammucchiata di t.....i! E non mi stupirei che sotto sotto ci sia la solita regia di Ceccuzzi, Monaci e Piccini. Ovvero i direttori d'orchestra della sinfonia tragica "La caduta di Siena".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è solo il Rossi a non volere più il Pestelli.
      C'è pure Alberto Monaci, il " crotalo "
      - come ebbe a definirlo Tommaso Strambi su La
      Nazione - che ha ripreso pigolo.
      Infatti questi che dovrebbe essere riconfermato,la
      prossima settimana,presidente del Consiglio regionale ( con grande scorno del PD senese e del
      Ceccuzzi) sta riorganizzando la sua truppa ,
      ostenta i suoi rapporti privilegiati con Fioroni
      e Bonanni e soprattutto ha rinsaldato il vecchio rapporto
      con il suo compagno di merende , Rossi.
      E così lui ed i suoi amici ,negli ultimi mesi ai margini dei giochi politici che contano a Siena,
      provano a creare un po' di " ammuina " e fibrillazione nei nuovi equilibri della sanità senese con attacchi mirati sulla stampa locale e sul loro blog.
      Perciò annunciano un prossimo licenziamento del Pestelli.
      Si perchè il Pestelli , secondo loro ed è tutto dire ,sarebbe " un uomo del Ceccuzzi " e come il Ceccuzzi è destinato a durare poco.
      Peccato che non abbiano il coraggio di affermare
      che la vera colpa del neo-direttore e dei suoi collaboratori è di avere cominciato a sistemare i conti in rosso lasciati dalla Benedetto, a ripristinare il rispetto delle regole ed a mettere da parte i "nominati " dalla
      governatora.

      Elimina
  7. Sugli sprechi della sanita in Toscana , ti voglio raccontare questo episodio.6 anni fa,Rossi assessore alla sanita, fa recapitare a tutti i medici di medicina generale e pediatri dei questionari da compilare sulla privacy in base alle cui risposte bisognava attaccare sul librettino USL un bollino verde o rosso . A parte la perdita di tempo notevole, perché i pz non sapevano rispondere e quindi bisognava farlo in ambulatorio, ma c'erano gia le tessere sanitarie rese obbligatorie per le ricette. Tutta quella carta sprecata ed il tempo perso a chi sono servite ?

    RispondiElimina
  8. a proposito d'inchieste:
    ANSA) - SIENA, 19 OTT - E' stata rinviata al 24 gennaio prossimo l'udienza preliminare per l'inchiesta sull'ampliamento dell'aeroporto di Ampugnano, in provincia di Siena. Fra i 14 indagati c'e'
    anche l'ex presidente di Banca Mps e attuale presidente dell'Abi Giuseppe Mussari, accusato di concorso morale in falso e turbativa d'asta. L'udienza e' stata rinviata per un ''legittimo impedimento''
    di un difensore di Mussari, l'avvocato Fabio Pisillo.
    Secondo l'accusa nel progetto di ampliamento dello scalo in provincia di Siena, nel comune di Sovicille, nella scelta del partner privato della societa' Aeroporto di Siena venne favorito il fondo
    Galaxi, che risulto' vincitore dell'asta rispetto ad altri concorrenti. Proprio uno di questi, l'associazione temporanea d'imprese Real Dreams Italy/Terra Nova Partners durante l'udienza che si e' svolta
    stamani a Siena ha annunciato la sua richiesta di costituzione di parte civile.
    Far gli indagati oltre a Mussari ci sono Lorenzo Biscardi, responsabile del procedimento di privatizzazione della societa' Aeroporto di Siena, Enzo Viani, Antonio Romoli e Raffaele Rizzi,
    componenti della commissione di valutazione della procedura di evidenza, Luisa Torchia, consigliere della Cassa depositi e prestiti e consulente della societa' Aeroporto di Siena, oltre a Suzanne
    Corinne Namblard, amministratore del fondo Galaxi. Per la Fondazione Banca Mps, indagato anche il provveditore Marco Parlangeli. Per abuso di ufficio rispondono i componenti del Cda
    dell'Aeroporto di Siena Riccardo Raimondi, Aude Gwenola Chareton, Roberto Tommasetti, Roberto Boccucci e Marcello Rustici. Indagato anche il presidente della societa' Aeroporto di Siena,
    Claudio Machetti, accusato di falso in atto pubblico.
    La societa' Aeroporto di Siena e' formata da Comune e Provincia di Siena, Banca Mps, Aeroporto di Firenze, Comune di Sovicille e Camera di commercio di Siena. (ANSA).

    RispondiElimina
  9. Marroni....si diceva....
    Dunque, Marroni ha convocato per il 31 ottobre, ore 11, alle Scotte, medici, operatori e rappresentanti del mondo della "salute mentale" per discutere circa l'opportunità di realizzare NUOVI LOCALI per il CSM (centro salute mentale). L'ideona trova fondamento nel fatto che attualmente il CSM si trova all'interno dell'EX Ospedale Psichiatrico. Tale collocazione secondo Marroni potrebbe acuire il senso di disagio e lo "stigma" che ahimé, sempre accompagnano questi pazienti. Il principio è lodevolissimo se non fosse che...all'interno dell'Ex Ospedale Psichiatrico non c'è solo il CSM, ANZI, ci sono facoltà Universitarie, Centri di riabilitazione Fisica, La sede del 118, abitazioni private (Contrada del Montone) ecc.ecc
    Inoltre i lPadiglione CHIARUGI che ospita i locali del CSM è stato COMPLETAMENTE RISTRUTTURATO circa 6 ANNI FA quando il CSM vi si è trasferito dal fatiscente Ospedale Sclavo, le stanze sono numerose, accoglienti e luminose. Non si coglie quindi il senso della proposta dell'assessore Marroni a meno che...
    "a pensar male si fa peccato ma spesso ci s'azzecca" sopratutto con i "nostri politici!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ad onore del vero è la legge che prevede che servizi per pazienti psichiatrici non possano stare all'interno dello stesso, anche se ex, ospedale psichiatrico. Il problema non sono gli altri servizi. Ci andrà qualcun altro lì.

      Elimina
    2. Esiste un avviso scritto di questo incontro del 31 ottobre?

      Elimina
  10. In fondo il CSM e' un ambulatorio. Non credo che chi lo frequenta si senta a disagio perché e' ubicato in quella struttura . Ormai li dentro c'è di tutto: universita,uffici USL , corte dei miracoli, fisioterapia ,bar ecc. Ora spendere dei soldi , e toglierli ad altre attività , visto che non si naviga nell'oro,e' veramente sospetto .

    RispondiElimina
  11. - No, personalmnte non ho nessun avviso scritto, ne è stata data comunicazione durante gli incontri dei gruppi AMA familiari(auto mutuo aiuto)
    - volevo dire proprio questo, la presenza di molti altri servizi all'interno dell'Ex OP lo ritengo una cosa positiva, certamente non un "problema"
    - La legge che ne impedisce la dislocazione all'interno degli ex OP è successiva al 2006, anno in cui il CSM vi è stato trasferito dall'ex Sclavo? Perché se è antecedente mi sembra che sia stata trasgredita....fino ad oggi.

    RispondiElimina
  12. proprio così...le norme sono state disattese...ed il tempo sta per scadere!!

    RispondiElimina