Cerca nel blog

venerdì 27 luglio 2012

Lo sciopero Mpr (e quello dell'Ilva)

   
   Nonostante il periodo vacanziero, oggi due città, in Italia, hanno visto le rispettive aziende leader in sciopero: Siena, con la "sua" banca, una volta Mps; Taranto, in cui la Magistratura è intervenuta per bloccare gran parte dell'attività della locale acciaieria, l'Ilva appunto, a causa degli esorbitanti tassi di inquinamento.
Ovvie e scontate le differenze fra le due realtà, oltre al fatto che nessun magistrato senese ha fatto chiudere la banca (anche se tutta - dicasi tutta -  la nomenklatura Mps degli ultimi dieci anni è avvisata di garanzia...).
A Taranto, bisogna scegliere tra il diritto alla salute e quello al lavoro; a Siena, bisogna scegliere tra un benessere medioalto, ed una forma - coatta, ed indotta da errori del management chiaramente individuabili - di autoretrocessione del benessere stesso.
A Taranto, la scelta è difficile, anzi difficilissima; di più, lacerante. A parte il sempre valido "dura lex, sed lex", credo che il sapere che il benzopirene sputato fuori dagli altoforni corrode, giorno per giorno, i polmoni dei bambini come fossero tabagisti, dovrebbe valere più di ogni altra cosa, financo del lavoro (anche perchè sono anche i figli degli operai, ad ammalarsi o a rischiare seriamente di).
A Siena, invece, nessuna alternativa così drammatica od invasiva, se Dio vuole: lo sviluppo della banca - chissà se Profumo e Viola lo sanno - fu deciso con l'avallo pieno delle consorterie aristocratiche e padronali, un secolo or sono, le quali consorterie volevano un futuro consapevolmente deindustrializzato per la loro città, proprio per conservarne la salubrità e la beltade (poi ci hanno pensato i cementieri del Pds-Pd a distruggerla, ma questo è un altro discorso...).

  E veniamo alla cronaca: i sindacati gridano vittoria per l'alta adesione allo sciopero (tra l'80 ed il 90% del personale); resta il fatto che in Piazza Salimbeni (stavolta accessibile) non c'erano più di 300 persone, a volere essere generosi assai (ed il comizio NON c'è stato neanche stamattina, quasi che a pronunciare certi nomi - e soprattutto uno - ci sia una sorta di timore panico...).
 A conferma di ciò che si era già visto e descritto a marzo, i BANCARI SENESI SCIOPERANO, MA TENDONO A NON MANIFESTARE, A NON METTERCI LA FACCIA. Mentre in una situazione drammatica (non come Taranto, certo) quale questa, non solo bisognerebbe scioperare, bisognerebbe anzi fare di più (come a Taranto): blocchi stradali, per esempio.
Il bancario medio non ha l'attitudine, per farli? Allora si dolga di se stesso, e se stesso pianga. No ai blocchi stradali, più operaisti che da bancari? Allora si trovi un'alternativa, però.
Fra pochi giorni c'è la Festa del Pd alla Fortezza Medicea. Vediamo se i sindacati organizzano lì un'altra manifestazione: NON si perde la giornata di salario, e si ottiene il doppio, forse il triplo di visibilità. I sindacati non organizzerranno alcunchè (anzi scommetto un Guggiari presente a qualche dibattito)? Allora si mettano d'accordo i lavoratori, e ci vadano loro: basta un minimo di organizzazione e di buona volontà. Quelli del Comitato contro Ampugnano l'hanno fatto: hanno fatto il picchettaggio davanti all'ingresso della Festa, hanno fatto sentire la loro voce (hanno presentato un corposo esposto alla Magistratura). Per ora, l'aeroporto si è bloccato.

 D'altra parte, chi ha distrutto la senesità (e la ricchezza tout court) della banca? Il Partito sardo d'Azione?
 Non a caso, stamattina c'era la assoluta desertificazione del Pd: neanche quello della Provincia si è fatto vedere. A conferma del fatto che, senza essere preso per mano da Franchino il Ceccuzzi, il povero Bezzini non esce da casa. Ed il paonazzo del Nicchio, presente sfacciatamente a marzo, scioperante fra gli scioperanti? Non pervenuto, salvo plastiche facciali delle ultime settimane. Quel Guicciardini che dovrebbe tenere in mano il Pd in Provincia?  Cesare Lombroso, che grande, straordinario studioso...

Ps Ogni tanto, anche i sindacati ne fanno una buona. Da un volantino di stamattina, parafrasando B. Brecht:
"Prima di tutto vennero a privatizzare i servizi e fui contento, perchè i dipendenti pubblici erano assenteisti;
poi colpirono gli operai e stetti zitto, perchè facevo l'impiegato;
poi vennero a prendere gli impiegati e fui sollevato, perchè lavoravo in banca;
poi vennero a prendere i bancari e non dissi niente, perchè lavoravo al Monte;
poi esternalizzarono i lavoratori del Consorzio del Monte e rimasi muto, perchè bisognava tagliare qualcosa;
un giorno vennero a prendere me, e non c'era rimasto nessuno a protestare". 

34 commenti:

  1. Ma perché, te t'aspettavi dai montepaschini senesi berci e proteste? Da questa città conformista e perbenista non verrà mai fuori niente fin quando non cominceranno a mandare a casa qualcuno e mancherà lo stipendio a fine mese.
    Riguardo ad Ampugnano sono passato qualche giorno fa all'aeroporto e mi ha colpito un cartello su dei lavori pubblici da effettuare: per rinnovo edifici UN MILIONCINO UNO di euro (più circa 40.000 euro di oneri per la sicurezza) affidato alla ditta Bruni di Sinalunga. Per rinnovo manto stradale CINQUECENTOMILA euroni (più circa 20.000 di oneri per la sicurezza) affidato alla ditta SIES di Siena. Lavori commissionati dai comuni di Siena e Sovicille.
    Le mie considerazioni:
    1) cinquecentomila euro per rifare la strada che porta all'aeroporto (sarà poco più di 1 chilometro e mezzo e neppure così dissestata) mi sembrano un po' tantini... Sbaglio? Lo dico a ragion veduta avendo fatto asfaltare DA PRIVATO 300 metri di strada dalla stessa ditta per un importo in proporzione nettamente inferiore. Chi li fa i bandi di gara, Pulcinella?
    2) in un periodo di vacche magre come questo è lecito SCIATTARE circa 3 miliardi delle vecchie lire per una cattedrale nel deserto come Ampugnano? E poi mi si viene a dire che non ci sono risorse per garantire i servizi sociali??? Ma andate aff...!!!!
    Non so se questa notizia è nota a quelli del comitato contro Ampugnano o se questi lavori sono stati interrotti, ma mi farebbe piacere saperne di più se qualcuno è informato. Grazie

    RispondiElimina
  2. Ringrazio per la segnalazione, quantomai opportuna, che giro agli amici del Comitato e a tutti gli altri che vivono in zona. A occhio, concordo in pieno con quanto scritto.

    Quanto ai berci, NON me li aspettavo di certo: quelli purtroppo sono riservati, ormai, solo al panem et circenses, e sono uno dei motivi della clamorosa decadenza della città.
    Qualcuno in più in Piazza Salimbeni, francamente sì.
    L'eretico

    RispondiElimina
  3. Ritengo inqualificabile il fatto che ancora una volta non ci sia stato un comizio. Landini oggi a Taranto l'ha fatto.
    Un'altra considerazione: il prossimo sciopero, indiciamolo venerdì 17 agosto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai sbagliato di poco, il prossimo è lunedì 13 agosto, mi raccomando accorrete numerosi!
      Per quanto riguarda l'adesine si parla, fonte sindacale di un 80/90% di filiali chiuse che non significa certo una pari percentuale di adesione: tutti i colleghi in ferie hanno per esempio contribuito a non far aprire le filiali senza aderire allo sciopero, senza considerare tutte le DG che con l'apertura delle filiali non c'entrano niente. L'azienda ha i dati certi e definitivi, perchè non li rende pubblici?

      Elimina
  4. Chi avrá la meglio il 13 Agosto ... per la seconda giornata di Sciopero ?

    Panem o Circenses ?
    Vincerá il Panem o vincerá Circenses ?
    Si vedranno montepaschini in sciopero con il fazzoletto ?

    http://finanza-mercati.ilsole24ore.com/azioni/pagine/dettaglioazioninotiziepull/dettaglioazioninotiziepull.php?PNAC=nRC_27.07.2012_16.39_350&ID=1_1_11&NEWSPAGE=1&QUOTE=!BMPS.MI&NEWSQUOTE=BMPS.MI

    RispondiElimina
  5. Bastardo Senza Gloria27 luglio 2012 20:50

    http://www.lettera43.it/politica/toscana-13-mln-di-premi_4367559120.htm

    A proposito del presidente Rossi caro professore vatti a vedere quanto, considerato quello che chiedono a tutti noi in termini di sacrificio, sta concedendo in regione.
    Poi gli stessi compagni suoi lanciano allarmi sul finanziamento di scuole ospedali ed enti vari....
    Sarà.......ma anche a questo giro me lo sento sdrucciolà....

    RispondiElimina
  6. Per come si sono comportati negli ultimi anni ai sindacati MPS va a pennello un'altra citazione di B. Brecht "ci siamo seduti dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati". Ora però i sindacati hanno una straordinaria occasione di riscatto e di dimostrare di saper condurre una vera trattativa e non un gioco delle parti. Mi auguro di cuore per il futuro della città che sappiano coglierla.
    Enrico Tucci

    RispondiElimina
  7. Caro Eretico, per il momento i Montepaschini non berceranno perchè son sicuri che qualcosa accadrà e che il PD alle prossime elezioni qualcosa se la inventerà. Licenzieranno chi non è nato a Siena o forse chi non ha la tesserina del partitone che non vuole le preferenze per la prossima legge elettorale, una soluzione si troverà. La maggioranza dei Montepaschini soprattutto le ultime generazioni non hanno dovuto faticare come noi comuni mortali a fare i precari a tempo indeterminato .... concorsi su concorsi e a prendere pedate nel fondo schiena nonostante laurea con lode, master, specializzazioni. Il mio pensiero e che la fine dello strapotere del PD ... dei suoi amici ...dei suoi alleati aiuterà questa città a rinascere a credere in se stessa. A Siena ci sono tanti talenti alcuni nati in città e altri che vengono da fuori, e che non somigliano al famoso Beppino e che lavorano senza fare rumore e che amano questa città.

    RispondiElimina
  8. Di gente ce n'era poca per un semplice motivo: hanno pensato bene di concentrare tutte le penalizzazioni su un gruppo ristretto di appartenenti a determinate funzioni della Banca, e nella migliore tradizione italiota e soprattutto senesota si è scatenata la guerra dei poveri per cui gli altri dipendenti della Banca se ne fregano ben contenti di aver salvato le proprie chiappe

    RispondiElimina
  9. Piú ti leggo e piú mi comvinco che cerchi un posto al sole. E' vero che sei stato all'estero, ma non solo ora, da sempre. Frequenti pochissimo Siene, per niente le contrade, ambiente notoriamente frequentato dai dipendenti MPS, piú per fola ed interesse che per passione. Sei come la Casta, parli di cose che conosci poco o niente. Nelle contrade di questa crisi non c'é traccia.Si continua nello stesso binario, con la stessa megalomania, guarda quanto é costato il palio dell'onda. Il montepaschino pensa che la cosa continuerá in eterno, e poi, chi non é abituato a comfrontarsi, non lo fará mai. Anche gli scioperi sono una farsa, perché organizzati da gente che in vita lorl hanno scelto il sindacato per non fare assolutamente nirnte. Tantissimi di loro delle banca conoscono solo il bancomat. Mussari e company l'hanno sempre saputo, e prprio su questo hanno creato il loro potere. Caro eretico una delusione, in una dittatura il principe ha sempre avuto bisogno di una falsa critica. Come fai a fare una critica di qualcosa di cui non hai piena compscenza.

    RispondiElimina
  10. I sindacati sono a mille: hanno fatto uscire dal bunker della Rocca Ilaria Dalla Riva, wow!!!
    Quasi quasi riprendo la tessera...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ti sembra proprio una vittoria ? Io penso invece che si sia raccolta un'elemosina. In altri tempi, con altri sindacalisti, la Signora sarebbe stata rimandata in ufficio e le si sarebbero ricordate le regole del rispetto di ruoli e persone. Ma tanto, fra poco, vedrai che per entrare al Monte ( o come si chiamera'...... ) bisognera' partecipare ad Amici o a qualche reality.

      Elimina
  11. Ma il Guggiari si è presentato alla manifestazione di ieri?

    RispondiElimina
  12. Non sono d'accordo con il sig. Tucci e sono invece con l'anonimo del precedente articolo.
    Ai sindacati e ai loro dirigenti attuali non va concessa alcuna nuova possibilita'; tutti a casa e subito, hanno fallito totalmente in questi anni, e come dice qualcuno forse per ritorni personali. Quindi nessuna "clemenza" al pari dei dirigenti Mps che hanno portato la Banca al disastro. Tutti a casa, e con un'azione di responsabilita', che personalmente proporrei anche contro i dirigenti sindacali.
    Altrimenti lo strappo della tessera che vuole dire taglio dei fondi a "lorsignori", che saranno costretti a lavorare, forse per la prima volta in vita loro. E apprezzo la proposta dell'anonimo su potenziare l'Associazione Buongoverno Mps, che ha fatto buone cose, ha valide persone e potrebbe finalmente tutelare davvero i lavoratori senza prendere ordini dal Cda. E forse potrebbe anche fondare un nuovo sindacato veramente vicino ai dipendenti.

    RispondiElimina
  13. Vorrei sapere come sono stati affidati i lavori dell'Aeroporto di Ampugnano alla Ditta Bruni e alla Ditta Sies di Mangiavacchi.
    E' stata fatta una gara regolare? Oppure........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono quello di prima che ha sollevato il problema dei lavori a Ampugnano (primo post): sono curioso anche io di sapere se c'è stata una regolare gara. Guarda caso la torta se la sono spartita due ditte della provincia (meglio per loro e per l'economia locale se hanno fatto offerte congrue in questi questi tempi di crisi e concorrenza spietata).
      Però qualche dubbio mi viene: com'è che gli importi dei lavori pubblici di solito non sono mai tondi tondi (esempio: nei cantieri delle grandi opere, con gare "al ribasso", si leggono cifre tipo euro 1.358.901, 50, e raramente 1.000.000 tondo...). Sono io che penso male? O visti gli "arrosti" fatti col Fondo Galaxy ci stanno riprovando a prenderci per coglioni?
      Si può sapere cosa ne pensano i membri del Comitato contro Ampugnano? Nel caso si può fare una segnalazione a Der Kommissar o alla magistratura per vederci più chiaro?

      Elimina
  14. Avranno fatto un'ampugnanata, dai...

    RispondiElimina
  15. Ottima la scelta del 13 agosto per lo sciopero MpS. Adesione in massa e berci assicurati....... dietro ai cavalli!

    RispondiElimina
  16. Questo è ciò che si è verificato nel penultimo rinnovo del contratto dei bancari:
    Per il biennio trascorso, quello cioè 2006-2007, Abi e sindacati si sono accordati per erogare complessivamente una "una tantum" di 1.600 euro medi quale arretrato per la figura dell'ex capo ufficio con 6 scatti di anzianità (figura media del settore). Per la stessa figura l'aumento complessivo medio mensile, alla fine del prossimo triennio (2010), sarà di 277 euro.

    L'aumento dal primo gennaio 2008 per l'ex capo ufficio con 6 scatti di anzianità è di 179,97 euro. Altri 55 euro saranno erogati dal 2009, mentre 41 euro saranno in busta paga dal 2010. Per il 2006-2007 saranno erogati come arretrati 1579,49 euro con la prima busta paga del 2008. Complessivamente, alla fine del triennio 2008-2010, l'aumento salariale medio erogato sarà di 275,17 euro.

    In questo periodo di grave crisi per il sistema bancario è stato rinnovato, ad inizio 2012,il contratto con un aumento medio di 180 euro.
    Si ricorda a tutte le lavoratrici/ori del suddetto comparto,che quasi tutte le altre categorie hanno stipulato contratti con aumenti economici che a malapena raggiungono i 100 euro.Naturalmente dal 2006 in poi.
    Siete dei privilegiati.
    Se non siete in sintonia con i dirigenti del vostro sindacato,organizzate una protesta,partecipate ai direttivi e incazzatevi invece di delegare.Altrimenti......lasciate tutti la tessera!!
    Il sig.Profumo(Mr.40 quaranta milioni di euro...a tanto ammonta la sua buonauscita da Unicredit)a quel punto non procederà all'accompagnamento alla pensione con costi aziendali aggiunti per gli esuberi,non esternalizzerà mettendo in carico ad altre aziende parte dell'esubero,ma semplicemente licenzierà 4600 persone.
    PERCHE'E' IL MERCATO,BELLEZZA!!
    E voi,come negli States,riempirete i vostri scatoloni e ve ne andrete al mare.
    Hasta la vista compagna/o bancaria/o

    RispondiElimina
  17. Io sono d'accordo con l'intervento della magistratura perchè la salute, soprattutto dei bambini, deve essere il bene supremo, da cui derivano tutti gli altri. Se uno vuole arrivare ad ottenere qualcosa però deve fare come gli operai dell'Ilva, non restare a Follonica quanmdo c'è una manifestazione.
    Curioso di vedere il 13 agosto...

    RispondiElimina
  18. Anche io sono d'accordo con la magistratura, soprattutto se arrestasse Mussari

    RispondiElimina
  19. Ciao a tutti, come senese doc, laureato a Siena in ingegneria informatica con 110 e lode, trovo sinceramente avvilente che tra i dipendenti MPS ci siano una massa di raccomandati, figli di ex dipendenti che riscuotono lo stipendio (e che stipendio!) senza fare nulla, o quasi. Sindacalisti agganciati politicamente che fanno carriera a discapito di persone di valore che potrebbero dare un valore aggiunto alla banca simbolo della città che amano. Credo che prima di tutto per risollevare la banca (ammesso che sia sempre possibile) andrebbe riportata una sana meritocrazia nelle assunzioni. Nel 2004 ho fatto il Concorso al Monte dei Paschi, recandomi anche a Roma (all'Ergife Hotel se non ricordo male) eravamo circa 1800, sono arrivato quarto assoluto. Assunto. Ho chiesto di rimandare il mio ingresso in banca perchè volevo prima finire l'università. Non concesso. Ho rifiutato. Qualche anno dopo, una volta che avevo la mia bella pergamena appesa in camera sono stato ammesso al Master GINTS (finanziato dal Monte) nove mesi di corsi più tre mesi di stage al Consorzio Operativo. Finito il Master (con il massimo dei voti) nè io nè i miei colleghi siamo stati ricontattati. Chiedendo spiegazioni ai sindacati del perchè finito il master non ci è stata fatta nemmeno una telefonata sul perchè hanno deciso di non assumerci (dopo che la banca aveva investito fior di quattrini sulla nostra preparazione) ci è stato sussurrato velatamente che quelli che fanno il Master per entrare al Monte sarebbero visti come "raccomandati". Benissimo. Raccomandato io? Da un certo punto di vista adesso mi viene da sorridere. Mi dispiace perchè il Monte certamente è stata una grande risorsa economica anche per tutto il nostro territorio ma come dice la mi nonna, a questo punto "il male voluto non è mai troppo".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fava di Lesso1 agosto 2012 17:15

      Permettimi una domanda diretta, da Ing. informatico ad Ing. informatico: quando ti sei iscritto al GINTS qual'era il TUO (e di tutti gli altri partecipanti, ndr) vero obiettivo? Provo ad ipotizzare una risposta visto che in parte ci sono passato anche io:spendo 5K €, perdo un'anno ma poi tanto mi infilano in qualche ufficio del Monte...

      Questo ruzzino è durato diversi anni, anche troppi...prima tutti i partecipanti erano assunti per chiamata diretta ed inseriti su Siena, poi a Siena un' c'era più posto e li mandavano a Firenze, poi anche a Firenze c'era il pienone ed allroa li facevano assumere all'Engineering e poi...fine del palo!

      Questo meccanismo aveva già iniziato ad incepparsi nei primi mesi del 2007 (ero al Consorzio anche io...); se NOI senesi non avessimo avuto gli occhi egli orecchi foderati di "presciutto" magari ci potevamo accorgere un po' prima di dove andavamo a finire.

      A Siena, e non solo in MPS, si è sempre andati avanti per conoscenze, affiliazioni (politiche, di contrada, massoniche,...) mai per merito. Oggi il giochino è finito e a chi un' gli è toccato gli girano i coglioni?!
      Egoisticamente a me un pochino si! Sò sincero.

      Aspetto repliche e confessioni "bagnate".

      Elimina
  20. Ancora il programma della Festona del Pd in Fortezza non c'è...

    RispondiElimina
  21. ...e c'è anche chi, bancario del Monte, non ha scioperato perché "è già il secondo sciopero dell'anno!"

    RispondiElimina
  22. Caro eretico, forse sono giovane e non molto esperto di tematiche senesi ma certe situazioni mi amareggiano non poco. Mi riferisco ai volantini appesi sulla bacheca mps per lo sciopero di venerdi scorso, sotto ai quali comparivano i volantini delle stesse sigle sindacali datati novembre 2007 e marzo 2008 in cui si esprimeva profonda soddisfazione per l'acquisizione di antonveneta. Ora mi chiedo: ma i dipendenti, a prescindere dall'adesione o meno a certi sindacati, non si dovrebbero sentire quanto meno presi in giro da chi dovrebbe difendere i loro diritti? che credibilità dovrebbero avere i sindacati di fronte ad una trattativa con i vertici aziendali sulle scelte decisionali in vista di esuberi etc.?
    mi sembra che ormai i sindacati siano diventati alla stregua dei partiti politici, il cui interesse è quello di difendere i privilegi di pochi a scapito del benessere di tanti.

    RispondiElimina
  23. Caro giovane amico,
    su questo blog sai bene che la linea è del tutto coincidente con ciò che hai appena scritto: leggere per credere!
    Ti dirò di più: senza neanche bisogno di andare al 2007 (anche perchè l'ho fatto decine e decine di volte, sul blog e nei miei libri), basterebbe andare al 16 marzo 2012. Perchè la Cgil non voleva i manifestanti in Piazza Salimbeni? Quali erano gli accordi, e stipulati con chi?
    I sindacalisti del foularino ancora non hanno trovato il modo di rispondere. Sarebbe bene che chi ancora ha la tessera gliene chiedesse conto...

    L'eretico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti, gli ho rimandato la tessera proprio dopo il 16 marzo...vabbè ci provo lo stesso, se mi rispondono in maniera credibile posso persino pensare di rifare la tessera(bugia).
      Ragazzi sveglia, per quanto ancora potrete sopportare i sindacalisti del ciclostile? È inutile che borbottiate nei capannelli e teniate le tessere! Solo affamandoli(leggasi togliendo le tessere) possiamo fare piazza pulita e rimandarli a lavorare chè ce n'è tanto bisogno

      Elimina
    2. Giustissimo! Non cediamo al ricatto che comunque un sindacato alla fine difende i lavoratori. Se cadono questi sindacalisti ne arriveranno degli altri che non sono andati a braccetto con il calabrese...

      Elimina
  24. E' abbastanza sconfortante leggere alcuni commenti che generalizzano sulla condizione dei bancari (sconfortante per l'intelligenza di chi li esprime più che altro), quasi che il "bancario" fosse una categoria antropologica omogenea. In realtà è ovvio che tra i bancari ci sono dei privilegiati raccomandati, così come dei bravissimi professionisti che da molti anni lavorano duramente 10 ore al giorno per guadagnare esattamente come normalissimi lavoratori di altre categorie, e che non meritano di essere messi per strada con le loro famiglie per scelte sbagliate di altri che (senza voler urtare la suscettibilità dell'Unto del Corriere di Siena) vanno in giro per Siena omaggiati anzichè spernacchiati come meriterebbero. Esultare per il loro possibile allontanamento è quindi una becera forma di stupido qualunquismo. Per quanto riguarda MPS bisognerebbe semmai cominciare a fare i nomi e cognomi dei veri privilegiati dirigenti che tutti conoscono, che ieri erano sdraiati sotto l'ex Presidente e oggi sotto l'altro grande diskontinuator, il nuovo Presidente, che in 3 anni almeno di gestione hanno fatto più danni della grandine: non solo il Presidente era responsabile, ma anche un middle management incapace e servile che è al 95% ancora lì al suo posto a servire i nuovi capi, a bordo delle macchine pagate dalla Banca e con la benzina pagata dalla Banca. A quello del Master Gints dico anche che non è normale che vi siano Master di dubbio valore scientifico che campano di forme di finanziamento da parte di una Banca e non del valore formativo riconosciutogli dal mercato, anche se mi dispiace molto e sono solidale con lui se ha investito un anno di studio confidando in una prospettiva che gli è stata poi sottratta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei sottolineare quanto segue:

      1)in nessun settore economico esistono categorie antropologiche omogenee

      2)quando parliamo di aumenti contrattuali,si fa sempre riferimento all'aumento contrattuale MEDIO per la categoria (pur sapendo che ci sono differenze e che tali possano essere sostanziali)

      3)non ho esultato affatto per l'allontanamento dei lavoratori ed anzi sono fortemente solidale con la loro lotta e d'accordo sul fatto che non meritano di essere messi per strada con le loro famiglie per scelte sbagliate di altri

      4)se conosci i nomi e i cognomi di un middle management incapace e servile che è al 95% ancora lì al suo posto a servire i nuovi capi,li puoi fare!sono graditi!!
      Dai, un pò di coraggio anonimo!

      Elimina
  25. Da cliente MPS di vecchia data posso dire che fare di tutta l'erba un fascio è sbagliato, ma di dipendenti MPS senesi con le spalle tonde ne ho conosciuti una caterva, e non solo fra i dirigenti... Per esperienza personale ho avuto spesso da ridire con cassieri e direttori di filiale che in orario di lavoro si assentavano per il SACROSANTO cappuccino di mezza mattinata dal Nannini lasciando sguarnito lo sportello o che restavano a chiacchiera con la conoscente mentre dietro c'era una fila spaventosa. Sicuri che a Milano gli lascino fare lo stesso?
    E poi non mi si venga a dire che come categoria quella del "bancario senese MPS" sia certo una delle più vessate e svantaggiate: ho diversi conoscenti che ci lavorano e confrontando il loro trattamento con il mio (tredicesima, quattordicesima, quindicesima, orari di lavoro non certo da minatori, bonus, scatti d'anzianità non sempre per merito, conto corrente gratis e mutui agevolati) mi sembra proprio che non abbiano da lamentarsi.
    Altro discorso invece per tanti "esterni" MPS che certi privilegi invece non li hanno, sono precari e vivono con la spada di Damocle sopra il capo.
    Nessuno è contento che la banca vada male e che ci siano tanti posti di lavoro a rischio, tanto meno io. Però non guasterebbero un po' più di "palle" durante gli scioperi: prima di tutto PARTECIPANDOVI e INCAZZANDOSI; e magari strappando la tesserina in faccia ai Signori del sindacato, diventato anch'esso un ente autoreferenziale, sottomesso alla politica e all'interesse personale.

    RispondiElimina
  26. Se esiste questo parassitismo da montepaschino medio la colpa è del singolo dipendente e di chi ha fatto di tutto per incoraggiarlo in tal senso, specie se prendeva la tessera giusta.
    Meditate gente meditate...

    RispondiElimina
  27. Un applauso a quegli operai di Taranto che stamattina hanno duramente contestato i sindacati confederali. Bisognerebbe che qualcuno imparasse da loro!

    RispondiElimina