Cerca nel blog

domenica 3 aprile 2011

Galaxopoly: ecco altri montepaschini che ben sapevano...

   Che bella giornata di primavera, di sole, di luce! Forse è arrivato il momento, allora, di fare appunto luce su un fatto: il coinvolgimento dei vertici di Mps (Banca e Fondazione) nell'affaire Galaxy. Gli inquirenti, di ciò, hanno prove provate.
In una banca normale (a maggior ragione, una banca etica come si definisce il Monte), ci dovrebbero essere pubbliche scuse, seguite dalle dimissioni: qui, ovviamente, si farà finta di niente, as usual. Alcuni di questi signori, poi, non hanno neanche ricevuto un avvisetto di garanzia, quindi penalmente parlando non avranno nessun problema, stiano tranquilli (a meno che non dicano bugie quando dovessero essere chiamati a testimoniare: altrimenti, naso lungo lungo!): per quanto concerne la coscienza, si sa che siamo in un paese cattolico, no? Basta una confessione la domenica...

Il 10 maggio 2007 (4 mesi esatti prima della Gara d'appalto!), ci furono "incontri riservati presso Banca e Fondazione per concludere le trattative già stabilite in un "Memorandum of understanding" sottoscritto dai soci dell'aereoporto e dall'ad Fondo Galaxy, stabilendo tempi e modalità di svolgimento della procedura...", sostengono i finanzieri ed i carabinieri che hanno messo su il dossier Galaxopoly. Non c'era neanche stata la gara, e già parlavano con il vincitore!

Ecco la lista dei partecipanti a questi "incontri riservati": per la Banca, scesero in campo Raffaele Rizzi (indagato), Emmanuele Mazzotta, Riccardo Ancilli, Roberto Boccucci (indagato), Gabriele Gori, Luca Bronchi, Massimo Beneforti; per la Fondazione Mps, un team composto da Enzo Viani (indagato), Lorenzo Biscardi (indagato), Marco Parlangeli (indagato), Valentino Fanti.
Chi era l'allenatore della prestigiosa squadra? Non certo il Presidente della Fondazione Gabriellone Mancini: lui, al massimo, poteva fare il massaggiatore, giusto per fare qualcosa e legittimare la mangiatona innaffiata da buon vino dopo; l'allenatore - a dire degli inquirenti - era il Presidente della Banca Mussari Giuseppe: in pieno stile berlusconiano, Lui vuole fare tutto, no?
Questi signori - per chi non l'avesse capito - incontravano Corinne Namblard per discutere dei dettagli dell'ingresso di Galaxy: peccato che lo facessero - come detto - 4 mesi prima della gara d'appalto...
A questo punto, il candidato Sindaco Franco Ceccuzzi (che ha appena imbarcato nella sua ammiraglia proprio i mussariani di Per Siena, nonchè i giustizialisti - solo con Berlusconi, evidentemente - di Di Pietro), deve dire la sua: secondo la sua Carta etica (sic!), è giusto fare le gare d'appalto così? E lui, Ceccuzzi, ne sapeva niente? Voglio sperare che qualche candidato (non certo il suo alleato di ferro Alessandro Nannini, si capisce), glielo chieda: in modo diretto ed esplicito. Forza Corradi, forza Laurina, forza grillini (sperando ci siano): basta domandarglielo, questo non può rispondere. Fa una figura cacina, tranquilli...
O forse - visto che a Siena ora siamo tutti acculturati, per prepararci al 2019 - la si potrebbe mettere così: nella città europea della Cultura, siamo talmente acculturati, che gli eventi riusciamo a prevederli, come il mago Otelma. Anche gli esiti delle gare d'appalto...

Ps Oggi, campane a festa, a martello, in città: monsignor Giuseppe Acampa compie 42 anni.Ha vinto - per ora - la causa contro di me, ed il giudice Cavoto ha scritto che è stato già assolto dal suo processo per l'incendio in Curia e per calunnia.
Stasera - dopo una giornata di Messe e preghiere, condite da confessioni e visioni mistiche - almeno una pizza fuori, se la mangi: anche i preti devono avere un minimo di vita sociale, no?
Raffaele Ascheri

4 commenti:

  1. Auguri a chi finisce gli anni e pure a Siena, con queste persone ne ha bisogno.....

    RispondiElimina
  2. francesca bardi10 aprile 2011 11:34

    tornata da un lungo viaggio,informata sulla causa per ora vinta, di acampa contro Ascheri inorridisco ancora una volta di fronte all'ipocrisia e alla violenza nascosta di questa di questa citta'..e all'indifferenza di tante pecore (ingnoranti come capre).che scernari squallidi,che miseria umana..la mia unica ideologia e'l'individualismo,ma in questo caso nn mi basta attestare la mia solidarieta'sul blog,vorrei poter fare di piu'.nn ci sara una giustizia in tribunale,ne'divina..ma la giustizia morale esiste e il giudizio critico anche..la verita'e la liberta'VERE sono piu'forti di tutto questo potere da 4 soldi.

    RispondiElimina
  3. dopo un lungo viaggio appena tornata a siena vengo informata sulla notizia della causa vinta da acampa.sempre piu'disgustata dall'ipocrisia e dalla violenza silenziosa di questa citta' prendo atto che anche i giudici sono di parte,nn tutti per fortuna,ma anche se il mio credo e'l'individualismo,sento che questa volta un attestato di solidarieta'ad Ascheri nn mi basta.vorrei fare qlc di piu'(ma nn so cosa)per differenziarmi dalle pecore che tutto lasciano correre,nella loro apatia e ignoranza.la verita'anche se ben nascosta o distorta esiste,come esiste una giustizia morale e persone con giudizio critico.nn mi voglio rassegnare,ma mi chiedo cosa si puo'fare oltre a rimanere svegli continuando a informarsi?francescabardi.

    RispondiElimina
  4. ne ho postati 2 prat uguali per sbaglio perche'pensavo che il primo nn fosse andato a buon fine data la mia scarsa dimestichezza col pc,ad ogni modo meglio cosi,forse solo un mantra potra'salvarci..io continuo a crederci e per la terza volta rinnovo la mia solidarieta'ad una voce veramente libera che ha tutto il mio rispetto,per quello che puo'valere..f.b.

    RispondiElimina