Cerca nel blog

martedì 28 maggio 2013

Il voto senese: vincitori e vinti...

 
   Tanto tuonò, che alla fine non piovve (politicamente parlando, eh...) .
 Questa potrebbe essere la sintesi del voto di domenica e lunedì. Dopo il marasma (tutt'altro che finito, ovviamente) degli ultimi mesi, dopo l'emersione del fatto che la collettività è stata depredata delle sue immense ricchezze, chi si aspettava un sussulto, uno scossone, una scudisciata da parte della città (magari confuso), è rimasto deluso. Siena ha punito, o premiato solo in parte, coloro che cercavano di imprimere un rinnovamento forte (a partire dai nomi) alla vita politica ed alla gestione della cosa pubblica in città. Nessun dubbio al proposito. Il crollo verticale (rispetto alle recentissime politiche) del Movimento 5 stelle, a tal proposito, è assolutamente emblematico: si può discettare sulla campagna elettorale dell'amico Michele Pinassi, ma di certo la voglia di rottura, anche drastica, voluta da lui e da Maurone Aurigi non è stata accolta dai cittadini senesi. Che evidentemente preferiscono essere (non lo si scopre oggi, peraltro) blanditi, lusingati, vezzeggiati da figure già note, per quanto ora capaci di presentarsi sotto le ali del rinnovamento.
Se infatti i pentastellati sono i grandi sconfitti, il buon risultato personale di Laura Vigni l'ha comunque tenuta ben lontana da un possibile ballottaggio (quanto avrà pesato l'autogoal sullo Statuto della Fondazione a dieci giorni dal voto?); se il buon Enrico Tucci ha visto premiata la sua aggressiva campagna elettorale ed ha vinto il derby civico (6,58% contro il 5,25) con il comunque sempre vivo e reattivo Marchino Falorni, resta il fatto più cogente: gli autentici vincitori della tornata elettorale sono Franchino il Ceccuzzi ed Alberto Monaci da una parte, Alfredo Monaci ed il paonazzo del Nicchio (Maurizio il Cenni) dall'altra.
 Con il filiforme dell'Istrice (Mauro Marzucchi) capace - mistero gaudioso della politica senesota - di raccattare, perfino a questo giro, più di mille voti (stasera ci sarà un'assemblea dei marzucchiani per decidere con chi eventualmente apparentarsi: sarà una palestra di democrazia, si immagina...).

  Bruno Valentini versus Eugenio Neri, dunque: staremo a vedere. Pur non essendo certo il ballottaggio auspicato dall'eretico, godiamocelo, visto che è di fatto il primo (quello del 1993 fu una mezza farsa): la trama si rivelerà diversa da quella che pare già scritta?
Bruno Valentini è intorno al 40%, e parte nettamente favorito. Ma ricordiamo che l'astensionismo ha battuto duro, e più del 30% dei senesi non è andato a votare: che faranno il 9 giugno? Valentini deve temere questa massa d'urto (poi magari l'astensionismo aumenterà, ed allora pericolo per lui scampato).  Ad ogni buon conto, questa tornata elettorale disegna un futuro Consiglio comunale in cui la balcanizzazione della politica senesota renderà Valentini - in caso di vittoria -  ricattabile politicamente da entrambi i suoi king makers (Franchino ed Alberto Monaci): basta guardare - senza bisogno di binocoli - al successo ottenuto dai loro candidati.
 In televisione, Valentini ha dichiarato che, se dovesse accadere una rottura interna come quella dello scorso anno, lui emigrerebbe fino in Australia. C'è la Francigena da allungare parecchio, per arrivare fino a Sidney o zone limitrofe: nel marsupio delle dichiarazioni da evitare a caldo, c'è (anche) questa. Veltroni con l'Africa docet (o almeno dovrebbe)...

 Quanto ad Eugenio Neri, il distacco da colmare è tanto, tantissimo: 10.278 voti Valentini, 6.000 tondi tondi lui. Un terzo dei votanti ha votato per la coalizione valentiniana, un quinto per il buon Eugenio. Come ho avuto modo di dire ieri a Siena Tv, Eugenio adesso non può stare in difesa, deve attaccare, aggredire, mordere: come sta facendo, con discreta efficacia, su Fondazione e banca. Almeno qualche piccola paurina ad Arrogance Profumo, non ci sta mica male, no? Poi tanto lui fa come gli pare, ma insomma...
Per recuperare l'enorme oceano degli astenuti e per pescare fra chi ha votato Pinassi, Tucci e Falorni (anche senza gli apparentamenti, che in 2 casi su 3 non arriveranno), la V2 di Eugenio è una sola, quella esternata dall'augusto padre ieri sera: presentare Urbi et orbi la compagine di Giunta nei prossimi giorni, senza frapporre indugi. Per chiarezza di fronte alla città, e per mettere in difficoltà il Valentini.
Comunicare quindi la squadra di governo della città: andando a recuperare persone la cui storia di anticastisti a 360° gradi parli chiara (a scanso di potenziali commenti, lo scrivente si tira immantinente fuori). Nomi non se ne fanno, per ovvi motivi di opportunità.
 Verrebbe fuori una squadra composta da antipiddini dell'ultima ora, mischiati ad antipiddini di lunga o lunghissima data; nessuno si aspetta un Dream team, ma almeno una compagine capace di fare aumentare davvero i consensi del cardiochirurgo. E di fare almeno vacillare la terra sotto i piedi degli omini degli orti...

Ps Come sempre magnanimo verso i vinti, l'eretico non infierirà sul risultato della lista 53100. Un'unica cosa, però: chi c'era dietro, non lasci solo il simpatico birbantello Alessandro Corsini, nel momento della disfatta totale. Ce la metta, la faccina, ce la metta:...

89 commenti:

  1. Ma secondo voi con quale credibilità si presentava il M5S?? Un partito - perchè possono dire quello che vogliono, ma di un partito si tratta - che basa la sua strategia sulla "rottura" del sistema costituito presenta come candidato un dipendente dell'Università?!
    Vorrei ricordare come negli anni sono state effettuate buona parte delle assunzioni del personale tecnico-amministrativo di UniSi, cosa che non ci dimentichiamo a portato ad avere un rapporto docenti/amministrativi di 1 a 5.
    Non dico sia il caso del Pinassi ma magari il sospetto può nascere spontaneo, no?
    Un altro candidato non sarebbe stato più opportuno?! Oddio, capisco la difficoltà nel trovare un altro pentastellato in grado di mettere in fila 20 parole senza parlare di chip per il controllo mentale e scie chimiche.

    RispondiElimina
  2. P.S. Mi sono dimenticato di fare i complimenti ai 1417 "geni" che hanno votato ancora per l'anoressico di Kamullia...COMPLIMENTI, vi stringerei volentieri il c...la mano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi unisco al commento relativo a quei "personaggi" che hanno votato per l'impresentabile "filiforme dell'istrice" o "cinta senese"! Ma che faccia di bronzo hanno per votarlo!
      PS: avete notato che, se non sbaglio, era l'unico candidato che non presentava la propria foto sui manifesti elettorali? ... (si vergognava anche lui!!!). Mah!

      Elimina
  3. Scandaloso.
    Ho previsto la vincita del PD quando ho saputo i dati dell' astensionismo. Un cittá incavolata va al voto unita e in massa, ma Siena non è cosí. Troppo mosci e troppo servi.
    Sfido qualsiasi sociologo, politologo, storico a spigare cioé che é avvenuto a Siena. Peccato, un' altra occasione persa per mandarli a casa.

    RispondiElimina
  4. Questa è una città più mafiosa che Palermo. In qualsiasi altro posto non ci sarebbe stata storia. Volete che sia così, bene,quando veramente non ci saranno più soldini,allora andate a chiederli a coloro che avete rivotato. Una città senza p...e,piegata al potere, omertosa.Ora un bello schiaffone dalla magistratura ci vorrebbe,dato che i politici non sono capaci.

    RispondiElimina
  5. Ah!!! Do you remenber, caro Eretico, quando la stampa era libera, ma libera veramente come cantana l'Eugenio Finardi? Ricordi: era il 1993 e il principe Piccini (Pier Luigi) fu costretto per la prima volta nella storia della città ad un umiliante ballottaggio... L'avversario era il mite Carnesecchi, pacioso ed innocuo dc, ma allora erano in pochi a comprendere come la maggior cura dell'opposizione fosse già quella di non far male...di esserci (il palio non si corre da soli)ma poi...Oggi tutti a rimarcare l'evento 'storico' del Valentini costretto al ballottaggio il refrain dei giornali e delle tv...nessuno però a dire che anche stavolta il Neri è il candidato-brenna (e non ci combina nulla la persona, che anzi è umanamente e professionalmente apprezzabile ma polticamente inesistente)e che il copione si ripete uguale. Con un'unica differenza rispetto al '93: che all'epoca c'erano partiti veri capaci, se avessero voluto, di fare la differenza( Mazzoni della Stella non hai proprio nulla da rimproverarti?). Ma oggi le liste civiche....Ma dai...

    RispondiElimina
  6. Mi scuso con l'autore di un commento saltato per motivi tecnici: si augurava che i senesi per bene se ne andassero, bissando il 1555, verso Montalcino. Lasciando la città in macerie agli ultimi rapaci.
    Idea suggestiva, e di grande impatto storico. Grazie al solito partito ed allo stesso sistema di potere, vi assicuro però che Montalcino non è migliore di Siena (ricordate Brunellopoli, fra le tante?).

    L'eretico

    RispondiElimina
  7. sinceramente non credo di andare a votare al ballottaggio. cosa dovrei scegliere? tra il valentini del pd e il neri sostenuto da gran parte di quel groviglio armonioso degli ultimi anni (meacci, guideri, cenni monaci etc). sono deluso al massimo, scegliete per me. chi si entusiasmo mi fa sinceramente pena perchè non vuol vedere la realtà

    RispondiElimina
  8. Caro Eretico,

    Oramai la storia della seconda repubblica ce lo insegna. Più è bassa l'affluenza e più il Pd vince più è alta e più perde.

    Poco da fare. La colpa di quanto è successo è di tutte quelle persone che non sono andate a votare celandosi dietro un cinismo e qualunquismo generico. Il classico "tanto sono tutti uguali" dimenticandosi che un elettore di centrosx vede il voto come un dovere mentre quello di centrodx come un diritto.

    Ci rivediamo fra 10 anni, dopo 2 mandati di Valentini.

    F.to
    L'Anonimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ... credo che tu abbia ragione. E comunque la città evidentemente ha voluto premiare l'ulivo per questi ultimi 2 anni meravigliosi. ... Vabbè ci riproveremmo - appunto - tra 10 anni.
      Che ti devo dire... Se quel magistrato di Salerno si fosse fatto i cazzi tua oggi saremmo a commentare il 40% di voti al testimone di nozze di Mussàri Giuseppe.
      Mamma mia, per quel che mi riguarda è una tristezza infinita e un purgante durissimo da digerire.

      Elimina
  9. Anch'io non andrò a votare....non ha proprio senso! Quando si perdona troppo, non si fa il bene dell'amato che si sente autorizzato a picchiare più forte, che non capisce e quindi non migliora e non cresce! Votare PD è stato moralmente deprecabile e sostanzialmente un abominio. Non andrò più a votare e cercherò di emigrare perché vivere tra mediocri che pensano di essere eroi mi diventa ogni giorno più insopportabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ieri preso dallo sconforto avevo deciso di non andare al seggio per il ballottaggio, poi ho letto che Carolina Persi ricorda al Valentini che lui è lì grazie al Pd e allora quasi quasi prima di andare al mare...

      Elimina
    2. bisognerebbe ricordare anche alla Persi il perchè lei sia lì.....

      Elimina
  10. Il Prof. Carnesecchi mite pacioso, innocuo?? Basterebbe vedere come ha reagito, da Rettore degli Esecutori Pie Disposizioni, alle critiche -di Italia Nostra, Laura Vigni, Mauro Barni, Mario Ascheri ecc.- per la lottizzazione attigua a Palazzo dei Diavoli, voluta dal suo Ente. Un signore che senza voler troppo apparire fa buona guardia a interessi del groviglio...
    Quanto al ballottaggio di oggi, credo che non si debba restare a casa, per quanto le prospettive non siano rosee.
    Silvia Tozzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che carnesecchi fosse di per sè innocuo e pacioso non vuol dire che non fosse funzionale al sistema come era chiaro fin dalla prima candidatura. Che poi fosse anche prono ai voleri, ed interessi altrui, è un fatto conseguenziale. quanto al restare a casa: ha ragione, chi non partecipa ha sempre torto però subentra anche un senso di scoramento, dolce quanto la nostalgia, che non è rimpianto, si badi bene. ma un dolce naufragar...

      Elimina
    2. Cara signora Silvia Tozzi, se Carnesecchi fosse tanto dentro al groviglio come lei insinua, lui e l'ente che rappresenta non sarebbero stati oggetto della campagna stampa diffamatoria portata avanti su un noto quotidiano locale per mesi e mesi. O no???????

      Elimina
  11. siena futura stasera potrebbe decidere il marzucchi in giunta e il tortorelli in consiglio, o meglio le parti inverse.

    RispondiElimina
  12. Un saluto

    Mi dispiace del risultato delle elezioni. Mi dispiace in particolar modo, di verificare ulteriormente, la grande importanza che gli interessi personali e personalistici, svolgono, sulle scelte di voto dei senesi.
    Senesi interessati solamente, al mantenimento dei propri privilegi e dei propri interessi. Senesi, schifosamente ancorati, sempre, solo ad interessi privati,egoistici e familistici.

    La base di voto "pubblico"; MPS, Ospedale, Comune, Provincia, etc. non ha il coraggio, gli attributi e la forza, per fare un passo in avanti, nella direzione di un vero cambiamento. I mutui da pagare, il lavoro da tutelare o ancora una volta da richiedere, le case da continuare ad affittare a nero, i privilegi i piaceri e la visibilitá che si dovrebbe perdere e lasciare .. sono un ostacolo, ad ora, insormortabile da superare.
    Il presente e l'immediato, quindi, che prevale su un'idea di futuro; anche perché ... un'idea di futuro credibile, differente e sostenibile, non é stata minimamente presentata.

    Peró, secondo me, questa base di voto "pubblico", andrá sensibilmente assottigliandosi, nell'imminente futuro. E non prevedere questo cambiamento radicale, del tessuto economico e sociale della cittá, porterá veramente, ad un drastico impoverimento, per tutti.

    Le informazioni, continuano ad essere indirizzate ed incanalate, sempre, dagli stessi canali in mano alle solite persone. Che rimangono in piedi, grazie alle solite "donazioni", della solita "fonte".

    Cambiare a Siena, per il momento non é possibile. MI auguro che la goccia, continui a scavare ancora la pietra, perché i buchi si cominciano a vedere, nonostante tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, cambierà tutto, si, nel 3000 se qualche matto non ha scatenato prima qualche guerra mondiale.

      Elimina
  13. "era il 1993 e il principe Piccini (Pier Luigi) fu costretto per la prima volta nella storia della città ad un umiliante ballottaggio..."
    per la prima volta anche perché la legge che lo istituiva era dell'anno prima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l,anno prima. Appunto.

      Elimina
  14. Voglio avere indietro l'Imu che ho pagato sulla prima casa, che il Monte dei Paschi possa fallire come è giusto che sia, invece che campare con i soldi delle mie tasse. In quanto ai senesi arriverà il giorno in cui vi toccherà o fare un lavoro vero od essere disoccupati, e allora vedremo dove ve li metterete il Pd e il Pdl.

    RispondiElimina
  15. Via su ,si può scrivere di tutto,pensarla in 100 modi diversi,osannare uno ,denigrare un altro.
    Qualche giorno fa ,mi sono soffermato a guardare le foto dei futuri candidati a sindaco, pensare ,che hanno scelto anche quelle meglio,più espressive...
    Credo, che nella rubrica "i nuovi mostri" ,avrebbero avuto un gran successo,sembrano anche poco normali.
    Cioè, per capirsi,dato che io sono uno di quelli che non è andato a votare, mi chiedo, come questi personaggi,tutti ,con la loro supponenza, vorrebbero dire a quell'altri come fare?
    Andai anche a vedere il simpatico comico genovese,per farmi un'idea,avere una speranza,riuscire a capire,poi ho sentito parlare il loro candidato sindaco e qui mi fermo .
    Saluti cari,continuate pure a dire male di tutto e di tutti,io ,ho già sprecato 5 minuti e occupato questo spazio ,dedicandovi queste poche righe e me ne sono già pentito .
    Buon lavoro

    RispondiElimina
  16. Noi senesi ci meriteremmo essere assorbiti annullati dalle province vicine. Altro che la caduta di Siena del '500, almeno allora qualcosa ci rimase da governare e ricostruire un po' di benessere. Ora non c'è più nulla, Monte, Università, Sclavo, ferrovia, strade, tutto in condizioni penose. Fine. Eppure c'era stata l'occasione per una bella spallata. Se leggiamo i voti per i singoli consiglieri sono sempre le stesse persone quelle che sono state premiate. Distrinbuiti furbamente in varie liste poi si incontreranno alla zitta per spartirsi i posti di assessori. Nulla cambia sotto il cielo di Siena. ma allegri tanto ora c'è la giostrina del Palio, tutti a corteggiare il capitano amico del Sindaco, il cugino del nuovo (vecchio)assessore per la figlia/o; l'hanno votato quindi....Chi vincerà a luglio? Ad agosto? Povera Siena. Intanti molti nostri giovani vanno via in altri luoghi, emigrano, cosa rarissima nei tempi andati. Ultima cosa: trai vari 'pecoroni' spiccano quei tipi che hanno votato per Polifemo. Masochisti. Eretico la prossima volta concorri per sindaco che ti voto.

    RispondiElimina
  17. Ho pensato: "pur di dargli contro, al ballottaggio voto a destra". Poi mi hanno fatto presente che se voto di là ci ritrovo (appunto) Cenni e Monaci.
    Stai a vedere che per la prima volta da quando voto mi tocca non andare alle urne.
    Invece di andare a Montalcino propongo delle sedute di gruppo per combattere la depressione prima di dover arrivare al Tavor o al Prozac.

    -Ciao, mi chiamo Guido
    -Ciaaaao Guido....

    RispondiElimina
  18. Caro Eretico,gli omini degli orti e le donnine della cooppe hanno deciso.
    C.A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci volevo credere ma ho paura che sia proprio così. Pochi giorni fa due donnine appunto parlavano fuori della coop e una diceva che lei non ci capiva niente, non sapeva chi fosse meglio o peggio votare; l'unica cosa di cui era certa era di votare come gli aveva sempre fatto fare suo marito: lui votava PD e lei pure... E questi sono contenti di vincere le elezioni grazie a questa gente... a che pannicelli si riscaldano!

      Elimina
  19. che il M5S sarebbe vergognosamente crollato era ovvio, mi sarei stupita del contrario. Non sono state le qualità del candidato Pinassi ma piuttosto la scelleratezza delle scelte operate dal duo Grillo-Casaleggio (che Dio li strafulmini) all'indomani del voto di febbraio. E' ai loro sublimi cervellini che dobbiamo il disastro di alleanza PD-PDL dalla quale nasce la riconferma alla presidenza della repubblica di quel losco figuro di Napolitano (deve essere vera la storia che racconta di una sua illegittima appartenenza alla casa Savoia, vi riconosco la tempra dei nostri ex-sovrani!). Grillo altro non è capace di fare che scalmanarsi su di un palco berciando come un ossesso, la politica vera, quella fatta di impegno e rispetto per chi ti ha votato (nello specifico assumersi delle responsabilità, accettare di governare e cercare di cambiare le cose) non fa evidentemente per lui. E questo, sediovole, gli italiani lo hanno capito, se si rivotasse sarebbe grasso che cola se il M5S riuscisse ad acchiappare il 5%. Una grande occasione perduta. Per quello che attiene al voto senese veramente si può dire che al peggio non c'è mai fine, mi vergogno un po' di appartenere a questa comunità fatta di gentucola incapace di indignazione, di coraggio, incapace di provare sentimenti forti per null'altro che non siano i loro piccoli, meschini interessi personali. In una qualsiasi altra città civile, dopo tutto quello che è successo, sono sicura che un segnale, almeno di malessere, dalla popolazione sarebbe arrivato. Qui il nulla, calma piatta, tutto come prima, niente è successo. Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non la penso per niente come te! Che dentro al M5S siano confluiti anche una buona dose di opportunisti e di inaffidabili... sicuro! Siamo in Italia. Per il resto si può solo ringraziare gente come questo comico scalmanato, come Travaglio e come l'eretico (per quanto riguarda il locale) ... se certe cose sono balzate all'attenzione della gente. I problemi sono altri cara Anna già il fatto che il messaggio che ti è arrivato alla mente è quello per cui è colpa di Grillo se il PD e il PDL sono andati a braccetto ne è un esempio. Aprite gli occhi e leggete (e soprattutto staccate la spina alla televisione) è un pezzo che la destra e la sinistra non ci sono più. Cordialmente Andrea P.

      Elimina
    2. Caro Andrea P., ti devo smentire, guardo pochissima tv, mi tedia a morte. Spippolo sul web, un po', penso e mi guardo intorno. Non mi sembra un paragone accettabile quello fra Grillo, l'Eretico e Travaglio. A quanto mi risulta l'Eretico e Travaglio si limitano a denunciare tutto il putridume che c'è intorno a noi e li ammiro per questo e condivido molte loro battaglie. Se però un giorno l'Eretico e Travaglio si buttassero in politica e raggiungessero un ottimo risultato come quello di Grillo che darebbe loro la possibilità non solo di denunciare ma anche di AGIRE e non agissero, allora mi incazzerei parecchio. Io ti voto e tu governi, altrimenti stattene buono a berciare dal palco (e ti posso anche approvare in quanto dai voce anche alla mia protesta)e non rompermi più i coglioni col voto. E comunque, caro Andrea, tu mi sembri l'unico che non ha capito la strategia del fulgido Casaleggio: rifiutarsi di governare per obbligare il PD ed il PDL ad allearsi. Questa cosa avrebbe determinato, secondo lui, l'indignazione di tutto l'elettorato, il ritorno alle urne in tempi brevi e il trionfo del M5S e di Grillo che sarebbe stato festeggiato più di Orazio Coclite a Ponte Sublicio (mi pare di ricordare che lo stesso Grillo prevedeva un 50% per il M5S alle prossime elezioni). Mi dispiace ma tu confondi la protesta con l'impegno a governare che si assume chi viene eletto. Se poi tu mi dici che, generalmente, chi viene eletto ci piglia tutti quanti per il culo questo lo condivido. Comunque io mi associo a quanto scritto più sotto (o più sopra, non ricordo bene) da Bastardo Senza Gloria: andrò a votare al ballottaggio e voterò Eugenio Neri (avevo votato Laura Vigni ma, come al solito, da trenta anni che sono a Siena, non ho mai avuto la gioia di vedere eletto colui che avevo votato). Cordialmente, Anna

      Elimina
  20. Ciao Eretico, sono della Provincia Sud quindi probabilmente per molti dei tuoi concittadini non conto niente... Peccato che anche a stò giro ci siamo/vi siete persi una bella occasione, forse una delle ultime. La fine per molti si avvicina e nessuno si pente del nulla che rappresenta, ne ora ne mai. L'importante come sempre è la forma ed il ritorno personale.... il paese dei "furbi".... Vi aspetto con le pezze al culo e le lacrime agli occhi a vendere le vs mogli e figlie.... Auguri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La stessa provincia Sud di Rosy Bindi, Borgogni e Pugnalini? Non credo che sia un'area così svincolata dal "sistema"... le PMI, motore dell'economia di tanti paesi, forse si reggeranno un po' sul credito cooperativo, ma poi collasseranno.
      Se vuoi, allora, potremmo organizzare un pullman e andare tutti insieme a vendere mogli e figlie insieme all'ingrosso:magari imbastiamo un 3x2.

      Elimina
  21. Ma siete proprio sicuri che dietro ad Eugenio ci siano Cenni e Monaci (Alfredo ovviamente mi sembra invece piuttosto chiaro dove sia Alberto!!!!!!!!!!!!!!!!!!)???? Avete parlato con lui? Lo conoscete? Ci sono persone in lista che hanno preso 350 voti come Sabatini e Trapassi? Io degli altri sono certo di che pasta siano su Eugenio ho forti dubbi. Li dovete avere anche voi e non ascoltate le chiacchiere!!! E' ovvio che alcuni compromessi in politica li devi fare ma.... domabili.
    Un amico di studi di Eugenio che lo conosce profondamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le immagini del duo Sabatini/Trapassi erano stampate nei "santini" che il Monacione e la di lui consorte, e mamma di, hanno distribuito ai fedeli chierichetti di sinistra per giorni e giorni. La Dc trionfa immortale

      Elimina
    2. non voglio dare giudizi, ma nelle liste del neri, appoggiate dal monaci e dal cenni, c'erano meacci, consigliere pd per anni, guideri, uomo monaci ex consigliere pd e mi fermo qui. anzi aggiungo: indovina chi entrerà in fondazione se vince il neri....
      ovviamente stesso discorso per le liste valentini. io andrò al mare, se non pioverà

      Elimina
  22. clemente riccardo28 maggio 2013 21:21

    Chi prende più voti vince. Chi vota chi vince ha più interessi da difendere di chi perde. Secondo me sbaglia Eretico a dire che il pd ha impoverito la gente, anzi, ha preso soldi da tutta italia e li ha concentrati a siena e toscana. Ora i soldi sono finiti, ma chi ha letasche piene ancora spera ..... e rivota. Perchè dovrebbero cambiare?
    Bisogna avere pazienza ed aspettare seduti sulla riva del fiume ..... se sei appassionato di pesca puoi passare il tempo pescando ....

    RispondiElimina
  23. grazie per aver ricordato la mia richiesta della 'squadra' (anche per Fondazione non sarebbe male), ma per par condicio l'avevo fatta anche al Valentini!I due schieramenti hanno molti aspetti in comune per cui dopo l'astensione del 32%, è ben possibile che il 9/10 giugno sia anche peggio. I due candidati possono invece darsi una fisionomia precisa facendo vedere gli assessori da subito: e certe facce potrebbero dissipare i molti dubbi che circolano sui condizionamenti interni agli schieramenti Forse il tuo blog potrebbe raccogliere una raccolta di firme (non pseudonimi, forza!) con questo auspicio.
    Si potrebbe dire: NOI VOGLIAMO SCEGLIERE LA SQUADRA, alttriemnti andiamo al mare: che ne dici?
    Sto rimuginando un'analisi sintetica del voto: ma non è facile andare oltre le ovvietà e le facili lamentele...

    RispondiElimina
  24. Caro eretico
    In un mio post precedente dissi che le cose al momento non sarebbero cambiate, troppi interessi legano le cose di questa città ........
    Però però però però..... Vi è stata una profonda risacca in una città stabile come questa , anzi il mare si è allontanato di molto dalla riva e presto ritornerà travolgendo ciò che incontrerà . Quindi attenzione nel fare previsioni........

    RispondiElimina
  25. Comunque a Siena si vede che c'è ancora tanta gente che sta bene ... visto che hanno deciso di non cambiare niente o votando i soliti o non votando proprio (tante volte il padrone li vedesse nell'urna ...)

    Secondo me il Movimento 5 Stella a Siena ha pagato la mancanza di carisma del candidato sindaco oltre alla presenza di varie liste civiche, evento che è avvenuto anche in altre città. Infatti spesso queste liste permettono un voto apartitico meno "estremo" di quello per M5S cosa che mancava alle amministrative di febbraio.

    Poi si sa tra contrade (mi pare che le preferenze di alcune si vedano bene), amici, colleghi, etc. col giochino delle preferenze alla fne in consiglio vanno spesso i soliti.
    Ma non si potrebbe chiedere di levarle con una legge ad-hoc??? Noi siao come i comuni di 150000 abitanti.


    RispondiElimina
  26. Cari concittadini, io purtroppo non posso votare xche' vivo in un altro comune anche sono nato nelle lastre nel 1970 e fino al 2000 ho vissuto a Siena e tuttora ci lavoro e quindi ho toccato con mano, ahimè , alla distruzione totale di questa citta' negli ultimi 10 anni. Se volete veramente cambiare marcia ( ed io ne sarei ben felice) bisognerebbe che al ballottaggio ci fosse un affluenza record, perche' come e' stato scritto sopra , al gente anziana continuera' a votare pd tutta la vita mentre bisogna far capira a i giovani che il futuro e' loro e quindi devono prendere una decisione su questa citta' distrutta. Ho un'attivita' commerciale a Siena dove passa tanta gente che si lamenta ma poi , come sempre, il branco di pecoroni si avvia sempre per le solite decisioni mentre chi non vuole questo disfattismo cittadini cosa fà? NON VA' A VOTARE!!! SBAGLIATO!!!!
    Fate vedere che vi girano i c....ni , al gente non ha piu' lavoro , si lavora solo con la tessera di partito!!! ORA BASTA!!!
    Vi prego, fatelo anche per me, ANDATE A VOTARE E CAMBIAMO UNA VOLTA PER TUTTE QUESTA EGEMONIA BULGARA!!!
    stefano D.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che vuoi cambiare, o non lo vedi che sono sempre gli stessi rimpastati! Per cambiare davvero l'opportunità l'abbiamo avuta domenica scorsa, ormai il treno è passato e ora come caschi caschi male...

      Elimina
  27. Avevi scritto sull'invotabile Petti, ed ha preso un sacco di voti. Idem la compagniuccia di merende Persi. Non e' che parlandone male, gli fai del bene ? Vuoi vedere che cosi Mussari sarà beatificato ! Siena e' la città piu ' libera del mondo ... Si fa per dire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sulla Persi, che ha preso di gran lunga più voti di tutti, non solo nel PD, ma proprio in generale, mea maxima culpa. Ma questo fatto è il segno più eclatante che il Ceccuzzi non è morto, anzi è ancora vivo viverrimo (la scorrettezza grammaticale è fatta apposta!), perchè la Persi è la sua ombra da mesi, ed in consiglio comunale terrà a bada il Renziano dell'ultima mezz'ora Rodolfo Valentini!!!!
      Vorrei vedere il bicchiere mezzo pieno: far passare il candidato sindaco dal 54 al 39% e la colazione che lo sostiene dal 62 al 43% sono già due grosse vittorie, forze "di Pirro", ma pur sempre tali. Certo, avrei preferito vedere candidati più extragroviglio, tipo Tucci o Vigni, a sfidare Rodolfo Valentini (in tal proposito Eretico: ti autorizzo ad adottare questo nomignolo per il futuro Sindaco, ahimé, di Siena!), ma sono d'accordo con chi scrive qui sotto che stare a casa non sia la miglior soluzione. E' giusto andare, andare in massa, e turandosi il naso, fagli tanta, ma tanta paura! E' bene che vincano, sì, ma 51 a 49, e che si rendano conto che Siena non è più il loro zerbino, la loro roccaforte, ma che è stufa, non a caso l'affluenza è stata bassa, nella città che, storicamente, registra sempre affluenze sopra la media nazionale ad ogni tornata elettorale, anche per i referendum più scrausi!

      Elimina
    2. oh mio Dio, ho scritto "forZe" invece di "forSe".... chiedo venia!

      Elimina
    3. Caro Conte Berio,
      ti ringrazio davvero per il suggerimento: "Rodolfo Valentini" è ottimo, e da domani, nel prossimo pezzo, lo userò, dandoti merito del copyright (se ne vuoi approfittare per fare outing sulla tua identità...).
      Quanto al commento di chi dice che la Persi e la Petti hanno avuto grande successo nonostante gli articoli contro di loro, che dire? Credo che buonissima parte dei loro elettori non legga oltre il Corrsiena e La Nazione (se va bene); mi consolo volentieri (ormai ci si accontenta di poco...) con l'insuccesso del ginecologo Centini e del badarighe Mazzei Gennaro...

      L'eretico

      Elimina
  28. Amerigo, GuidoElia e anonimi vari. Scusate se mi permetto ma non andare a votare non credo proprio che sia la soluzione migliore. Può piacere o meno il Neri ma la realtà è che ora bisogna scegliere se lasciare tutto in mano ai soliti Ceccuzzi ( vedi l'articolo della Persi su sienafree) e al Monaci (vedi il comunicato dell'associazione Confronti) oppure provare un'alternanza, tanto più che l'unico candidato cenniano, con i pochi voti presi, non potrà mai entrare in Consiglio Comunale.
    Ovviamente questa è una mia considerazione che vale anche per quei candidati sindaci che hanno detto di non sostenere nessuno dei due candidati al ballottaggio. Non appoggiare nessuno è come dire voglio aiutare il Valentini e il groviglio piddino, quindi spero che gli elettori siano più intelligenti dei candidati che hanno votato.
    Chi non va a votare per il ballottaggio avrà la responsabilità di aver dato una mano al PD e al Valentini.
    Firmato: Un senese che se anche vincesse il Valentini, andrà comunque in ferie, a mangiare al ristorante, cambierà la macchina, andrà a lavoro, perché non glielo leva nessuno. Quindi, in fondo in fondo, fate voi a me tange fino ad un certo punto, due soldi per mandare a vivere i miei figli in un paese civile ce li ho!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma l'avete capito chi c'è di la o no? Quell'altro Monaci, l'ex sindaco Cenni e gli accoliti del Verdini. Ma tra cosa vorresti scegliere?

      Elimina
  29. Non c'è speranza, ormai è chiaro. Qui il problema è vecchio, pensiamo a tutte le birbonate fatte nel passato dalla famiglia Monaci e sono sempre sulla cresta dell'onda come niente fosse successo. Ci meravigliamo poi che il Vigni, mancini, Mussari ancora non abbiano pagato pienamente i loro errori, ognuno ha il suo scheletro nell'armadio, nessuno è pulito, il migliore ha la rogna. E i senesi? Nelle liste c'erano anche tante persone nuove, invece sono stati votati i soliti. Così siamo al solito punto, siamo diventati lo zimbello della toscana, anzi dell'Italia, tra poco Monte dei Paschi e truffa, scandalo verranno abbinati nel parlare comune. Che tristezza.

    RispondiElimina
  30. Accade che ,anche in un grosso centro del cosentino il 9 e il 10 giugno si voterà per il bollottaggio tra il candidato sindaco pd coalizione centro sinistra e il candidato sindaco di una lista civica.Accade che,candidato sindaco pd e lo sconfitto candidato sindaco udc-coalizione centro destra,troveranno un punto di accordo pur di far perdere il candidato della lista civica.Accadrà che "i zappatori e li fimminelle"(i vostri omini degli orti e le donnine della cooppe)voteranno pd .Accadrà che per altri 5 anni avremo sopprusi e favoritismi tipici del centrodestra che fino ad ora ha governato la nostra cittadina.Buona giornata a tutti.

    RispondiElimina
  31. Pensieri sparsi quà e là che l'Eretico conosce bene ma non possono entrare nella sua (legittima) campagna politica per Laura Vigni. L'uomo dell'apparato Valentini è sceso in campo contro Ceccuzzi ed ora che ha vinto la sua battaglia (con le primarie) per i suoi avversari ne è curiosamente diventato il sostituto (???). Probabilmente ha commesso qualche errore di avvicinamento al sistema, ma credo non sia facile gestire lo scatolone PD che - va chiarito subito - non può essere l’unico responsabile del disastro Siena; una forza politica non sono due lettere (come invece sostiene Grillo) ma gli uomini che la compongono; altrimenti vorrebbe dire che Renzi, Civati, D’Alema e Bersani sono la stessa cosa. I risultati di lunedi hanno (ri)confermato che non è sufficiente il mono-appello al cambiamento (e basta) per essere credibili Sindaci della città. Occorre appunto credibilità, quella che Valentini benintesi deve dimostrare, ma che gli altri (una sorta di Movimento 5 Stelle frammentato in sei/sette coalizioni) hanno dimostrato di non possedere. Berlusconi nel ‘94 era il cambiamento, era quello che ora a Siena vogliono tutti questi senesi indignati (ma meglio dimenticare queste cose, vero?). Valentini per di più ha un grosso handicap rispetto agli altri: lui il Sindaco lo farà davvero e non potrà nascondersi e criticare (e basta) come efficacemente sanno fare tutti gli altri candidati. E - aggiungo - come realmente preferiscono fare, per non incorrere nelle figurette dei grillini in Parlamento (a loro con tutti i voti che hanno preso è andata decisamente male). Pure la buona Laura Vigni, tanto apprezzata dall’Eretico, trae la forza della sua immagine da questa grande fortuna: non sarà mai il Sindaco di Siena, in perfetta sintonia con la storia della sinistra radicale: l’assoluta incapacità a governare, per di più con “la perla” di fare soprattutto la guerra al PD e conseguentemente la fortuna di Berlusconi. Che, furbone (lui, si) ringrazia con tanto di metaforico gesto dell’ombrello. Ma queste sono considerazioni da “senesoti”. Mi scuseranno i senesi puri, Eretico in primis, che comunque sinceramente ringrazio per questo spazio che permette il confronto e lo scambio di idee. Spesso più gossip che politica a dire il vero, ma è quello che succede ovunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Restituisci 20 miliardi di euro alla città e dopo parla ... caro il mio senesota
      BARTOLOMEO GAROSI

      Elimina
    2. La tua risposta qualunquista è la prova più significativa della veridicità di quanto ho scritto.

      Elimina
    3. Allora rispondimi, a me che sono qualunquista, come è stato possibile che questa dirigenza illuminata, "questo groviglio armonioso" è riuscito ad affossare:
      l' università, l' azienda ospedaliera, il comune con il bilancio bocciato dalla corte dei conti, una banca, solida per secoli, distrutta in pochi anni.
      Anche questo è gossip?
      E te che sei soddisfatto, quanto ci hai mangiato in questo sistema?
      Alessandro Di Piazza

      Elimina
    4. E' gossip il modo con cui lo poni tu. E' evidente che leggi spesso l'Eretico, un maestro nel campo. Purtroppo è difficile disquisire con un utente che, acciecato dalle sue convinzioni, non vuole leggere quello che ho scritto.
      Io "senesota" nn sono affatto soddisfatto e nn ho mangiato proprio niente. Lavoro dieci ore al giorno tt i giorni, faticando (se posso osare una scommessa impossibile) più di te. Il tuo semplicistico qualunquismo (che mi costringi a ribadire) sta nel fare di tutta un'erba un fascio. Il cambiamento (questa parola di cui voi senesi puri di riempite la bocca) non sta nella lista di Valentini come nelle altre listarelle (basta vedere i candidati presenti).
      Un'alternanza vera non la fanno cinque o sei gruppi che si fanno la guerra, perché dimostrano che in realtà non la vogliono se non a parole. Il PCI, PSI, PDS, senese nel passato ha dato sindaci in gamba (es. Piccini) come pessimi sindaci (es. Cenni). La differenza (soprattutto nelle elezioni comunali) la fanno le persone, la loro preparazione, la loro qualità. Io nn ho votato PD, ma la lista Siena Cambiache è entrata in campo CONTRO il PD locale, contro il groviglio armonioso, contro coloro che hanno causato i fallimenti delle maggiori istituzioni cittadine, contro Ceccuzzi, contro Mugnaioli. Nelle riunioni di questa lista la parola "cambiamento" (da parte di tt questi "senesoti") era all'ordine del giorno tanto quanto quella attuale di voi senesi puri. Purtroppo (e sono il primo a rammaricarmene) una volta entrato come candidato ufficiale del PD Valentini si è anche sporcato con alcune scelte di nomi equivoche (per la gioia dell'Eretico). Ma che non tolgono la sostanza delle sue intenzioni (certo tutte da mantenere). E chi come me pensa questo (con sincera onestà e licenza di sbagliare) credimi che non lo dice perché "ci ha mangiato sopra". Questo pensiero porterà sempre a perdere le elezioni tt coloro che la pensano come te, perché è vuoto, semplicistico e inutile. E' uno slogan e basta.
      E' un periodo difficile per tutti e occorrerebbe un rispetto intellettuale per le opinioni di tutti. "Restituisci 20 miliardi alla città e dopo parla" è una modalità di pensiero con la quale io faccio sinceramente fatica a disquisire ma - pur di interagire con te - ho fatto il mio massimo possibile. Da parte mia anche con rispetto. Ma solo da parte mia.

      Elimina
  32. Ti allego una poesia del 1977 di Benedetto Barni sui Senesi, parole davvero profetiche!!!
    "Gente piccina e di cervello corto
    che 'un vede un palmo al di la' dal proprio naso
    che se ne sta co' frati e zappa l'orto
    Ma caschi pure'l mondo 'un ci fa caso

    Gente balorda e d'animo melensa
    che pende in qua o la secondo'l vento
    che un sa nemmeno lei cos'è che pensa
    e'l poco che può fa lo fa a rilento

    gente che un sai capì perchè respira
    che pur di vive accetta ogni bandiera
    e che - se c'è da prende qualche lira -
    unn'ha riguardi a fà da sputacchiera"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meravigliosa, è da incorniciare!

      (Un senese emigrato)

      Elimina
  33. In Italia ci sono 19 milioni di pensionati, 4 milioni di dipendenti pubblici, 500,000 dipendenti della politica e 300,000 dipendenti bancari. Totalizzano quasi 24 milioni di persone su 49 milioni di aventi diritto al voto. QUASI LA META' DELL' INTERO CORPO VOTANTE. Vi rendete conto ?!!?
    State certi che se a Roma vota la metà degli aventi diritto è perché è quella metà che beneficia in qualche modo del sistema. Se a Siena votano di più è perché (per merito del MPS e del PCDI - partito comunista democristiano italiano) sono di più i percettori di prebende.
    Non vi sembra possibile? Bene, vi basti sapere che dopo queste "rivoluzionarie" elezioni avremo un bel consiglio comunale dove, su 32, 9 consiglieri saranno del Ceccuzzi e 6 del Monaci ... con un paio di consiglieri prezzemolini, e sai quanti ne trovano, sarà pari pari com' era prima delle elezioni. Ovvero Siena ha messo al comando della città ESATTAMENTE LA STESSA GENTE CHE AVEVA FATTO FINTA DI CACCIARE QUALCHE MESE PRIMA. In compenso la novità è che avremo un dipendente del MPS come sindaco, iscritto ovviamente al PD!
    Ma scusate eh, ma che analisi dovreste fare per capire meglio quando avete di fronte questi dati? Ma che c' è da capire?!
    A Siena (e in Italia) non c' è da capire altro la data in cui finirà la cuccagna (ovvero i soldi dello stato) per:
    - dipendenti statali
    - pensionati milionari
    - banche
    - apparato partitico e affini

    ... a che pensate che servano le tasse in Italia ?
    Quello che questo sistema terminale non pare capire è che a forza di mungere la mucca in maniera forsennata, la mucca muore. E' morto il MPS, è morto il Comune, è morta l' Università, l' Ospedale sta male. Morirà anche la Regione e infine lo Stato.
    Ma state certi, finché ci sarà un centesimo, ci saranno sempre i nostri alfieri del PCDI a difendere questo orrore.
    Ricordiamoci almeno questo, quando comincerà a mancare il pane ...

    JR




    RispondiElimina
  34. IN UN ECCESSO DI AUTOREFERENZIALISMO, MI CITO:

    Io vi do la mia personalissima interpretazione: Siena è una città profondamente mafiosa, nel senso più gretto e meschino del termine. Sto parlando cioè della mafia dei Riina, dei Provenzano, quella vera e paurosa. La sola differenza è che qui, a Siena, non si spara per le strade (per ora?).
    Ma a Siena: muoiono persone che si lanciano dalle finestre, non esiste una stampa libera, non esistono centri culturali slegati ai punti del potere, non esiste una reale possibilità di far carriera nei posti pubblici per proprie capacità, ecc. ecc. ecc.
    Ed esiste il timore di parlare diversamente, di votare diversamente, di pensare diversamente. Ed esiste il conformismo pericoloso degli stupidi, sui quali il Sistema ha forgiato la propria ragion d'essere. Esiste una pelosa omertà di fondo che non fa mai portare a galla la merda che si deposita nel sottobosco. Tutto questo è Mafia.
    Il Senese è Mafioso, nel pensiero e nell'azione. Logico pertanto che abbia continuato ancora a perpetuare un Sistema Mafioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non sei dentro il sistema Mafioso Senese non fai carriera neanche come libero professionista non solo nei posti pubblici!! Guarda incarichi e consulenze a chi vengono date.... il mio nemico non ha divisa, ama le armi ma non le usa, nel taschino tiene le carte VISA ed il potere non lo logora....

      Elimina
  35. Ma siete sicuri che a Siena è stato rivotato il sistema? Ma li avete visti i numeri? il Pd ha preso 6.500 voti su 48.000 possibili votanti... I numeri per spazzare via i democratici ci sono, ci sono! Ci sono oltre 40.000 persone che non hanno scelto il pd! Il problema, a questo punto, forse sono le alternative, che non vengono considerate tali.

    RispondiElimina
  36. Condivisibile nella sua essenzialità il commento di un mio amico su Facebook: SIENA COME CEPPALONI!
    Contesto diverso, stessa sostanza.

    Avessi 15 anni in meno andrei a lavorare altrove: amo la mia città, ma odio la sua merdosissima mentalità piccolo-borghese.
    Non mi aspettavo un risultato diverso, però... che amarezza!

    Sei stato saggio, Raffaele, a non candidarti: contro questi qui non ce la possiamo fare!
    Il giorno che deciderai di fare il grande passo ti faccio la campagna elettorale gratis.

    MICHAEL KOHLHAAS

    RispondiElimina
  37. ciao eretico mi sono imbattuto nel tuo blog cercando notizie su minnuci e il basket siena che ci sta sfidando in questi giorni...io tifo varese...a parte gli arbitraggi vergognosi delle prime due partite volevo chiederti come sia possibile che a siena votino ancora in massa il pd dopo tutti i disastri che ha combinato,almeno qui da noi la lega ha perso mediamente il 10-15 xcento dopo quello che e' uscito...ieri al palazzetto dicevano che minucci ha ancora in mano il potere in legabasket e quindi gli arbitri lo favoriscono...tu sai dirmi qualcosa??saluti da alessandro dalla prov.di varese...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, che di arbitraggi ci capisci poco... ahaha. Si schrza eh, per sdramatizzare

      Elimina
    2. a rispondere alla tua domanda ci ha pensato l'anonimo delle 11,39 con quella poesia sui senesi: leggila, aderisce alla realtà abbastanza bene...

      Elimina
    3. ciao alessandro due repliche...il basket: non sò che partite hai visto ma non mi sembra che siena quest'anno sia stata favorita nell'arbitraggi...politica:pensa a quello che è successo in lombardia dove avete votato in massa lega e berlusconi dopo tutto quello che hanno fatto.....tutto il mondo è paese.....auguri per varese......

      Elimina
    4. "caro" Alessandro c'è chi corrompe gli arbitri e chi invece tollera una curva razzista come quella dei tuoi amici "arditi" e lancia scarpe in campo per protestare contro gli arbitri. Che vuoi fare ognuno c'ha i suoi difetti! Ci vediamo stasera. Stefano

      Elimina
  38. Le alternative non sono percepite come tali per un motivo molto semplice: non sono alternative, punto!
    Io alla fine, colto da autentico sconforto, domenica ho votato M5S (nonostante le figure cacine che stanno rimediando da tre mesi a questa parte, a tutti i livelli), solo perché, scorrendo i nomi di tutte le liste, mi è parsa l'unica senza scheletri nell'armadio e senza figuri di dubbia presentabilità. Come sindaco ho dato il voto a Laura Vigni, col buco parecchio torto, perché pensavo potesse avere una minima chance di arrivare al ballottaggio, contrariamente a Pinassi. Evidentemente mi sbagliavo, e di parecchio.
    Il 9 e il 10 non posso manco andare al mare, essendo impegnato in un seggio come segretario, ma, dovendo scegliere tra Ceccuzzi e Cenni (il Monaci ha comunque vinto), fuorché andare a scrivere sulla scheda "la scrutatrice bionda è un tegame", penso mi resti poco altro da fare

    RispondiElimina
  39. Sicuramente hanno perso i partiti.
    Basti pensare che il Pd dai numeri bulgari del passato è arrivato al 24%.
    Basti pensare al PDL che a Siena si è dovuto presentare inglobandosi in una lista civica.
    Hanno perso i Grillini, ormai diventati simili ad un partito? Non credo, visto i numeri infinitesimali da cui erano partiti.

    Il fatto che abbiano perso i partiti da sinistra a destra, non ha però scalfito minimamente il gruppo di potere trasversale che regna nella città. Ecco il vero vincitore.Ma agli aggrovigliati, dei partiti, della sinistra, della destra cosa è mai importato?

    Hanno perso, purtroppo (anche se singolarmente alcune liste possono essere soddisfatte), le vere opposizioni al groviglio armonioso, che non sono riuscite a trovare un leader ed un programma per presentarsi unite, baipassando mere logiche di bottega. E pensare che quando uomini e donne appartenenti a queste opposizioni si sono trovati a lavorare a progetti comuni (osservatorio civico, associazione buongoverno, iniziative a tutela della libertà di stampa, ecc.) i risultati sono stati più che soddisfacenti.

    E adesso?
    Per me tra Eugenio Neri (non mi spingo a giudicare le liste che lo appoggiano) e Rodolfo Valentini, come chiamato più sopra, non c'è confronto.
    E' chiaro che Eugenio deve inventarsi qualcosa, sparigliare le acque, essere anche in grado di intercettare l'astensionismo...altrimenti è destinato alla sconfitta.

    RispondiElimina
  40. Tanto si è fatto per cambiare per arrivare a non cambiare niente. Non mi si venga certo a dire che Valentini è novità.
    Il dato dell'astensionismo, importante e verosimilmente ancora maggiore il prossimo 9 giugno dovrebbe essere garanzia di certezza per chi è in testa. Ma è comunque un dato di cui il futuro sindaco dovrà tener conto. Alla fine delle consultazioni semplicemente per onestà, i vertici del Pdl, o di quello che ne rimane, dovrebbero presentare le dimissioni in massa, altro che scranno in consiglio comunale, per aver ridotto al di sotto della doppia cifra percentuale un partito dopo averlo troncato con l'uscita del Tucci.
    In Tv chiedono ai due candidati di far conoscere la squadra di governo per dare qualche certezza in più...Spero anche che entrino maggiormente nel dettaglio rispetto al programma raccontando di cose vere che faranno da qui al palio. Lo faranno?

    Ferdinando Curini

    RispondiElimina
  41. Sono un senese emigrato, per fortuna, altrove. Da quello che leggo credo che non possano farvi più male di quello che vi hanno fatto. Finchè non sarà abbastanza le cose continueranno come sempre.
    Mi spiace per voi popolo con cervello all'ammasso intortati ancora dal Palio. Provo sincera tristezza per lo spettacolo che Siena dà al mondo, vi hanno massacrati e votate i soliti.

    RispondiElimina
  42. Anch'io me ne sto andando, tanto da queste parti o fai come dicono loro o muoi di fame. Comunque ho la certezza che sono alla fine.

    RispondiElimina
  43. A chi non andrà a votare per il ballottaggio il PD manderà a casa la tessera del partito, per riconoscere il merito di aver fatto vincere le elezioni al Valentini, sostenuto dal Ceccuzzi e dal Monaci. Non vi lamentate se poi vi chiameranno compagni!!!

    RispondiElimina
  44. Voglio andare via da questa città,anzi... dovrebbero andarsene loro, il Neri, la famiglia Monaci, il Valentini, la Persi, la Petti e tutti gli altri simili. Tutti su un'isola lontana dalle coste...Capraia, montecristo, la Gorgona.... vanno bene tutte purchè lontano da noi poveri senesi che ci dobbiamo svegliare e distruggere il groviglio armonioso. Dai Ascheri candidati, che saremo molti a votarti, almeno provaci la prossima volta. Anche se farai ( errare è umano) qualche c.....a, sarà di sicuro in buona fede non come questi fraudolenti perseveranti nel peccato.

    RispondiElimina
  45. Vi spiego una cosa che darà molto fastidio a diversa gente. Attualmente c'è un discreto numero di persone ex-MPS, pensionati prima del tempo, che beccano diverse migliaia di euro stando a casa e non facendo nulla tutto il giorno, tranne le cose loro o la giratina per il Corso se è bel tempo. Hanno preso una bella somma di Tfr e aspettano la vera pensione godendosi tanto tempo libero. Secondo voi questi nostri concittadini sono contenti o arrabbiati del clima che si respira a Siena? A voi la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stanno proprio bene alla barba di chi lavora, comunque mi risulta che sono stati invitati con le buone a lasciare il lavoro se no sarebbe stato fatto con le cattive. Sono obbligati a denunciare un eventuale inizio di altra occupazione. Quindi non sono certo loro i colpevoli di questa situazione. Ci si sono trovati e poi non prendono lo stipendio pieno. Puo' darsi che poi abbiano votato anche male, ma chi lo puo' sapere? I responsabili della bancarotta BMPS sono il Mussari, il Baldassarri, il Vigni, il Mancini e tutti i loro amici. Non scordiamocelo; anzi qualche senese se l'è già scordato perchè gira e rigira saranno rimessi i soliti al Comune comunque vada. I furbacchioni si sono distribuiti in ambedue le liste. Eh si, il giorno litigano e la notte vanno a rubare insieme. C'è un proverbio toscano al riguardo? Ah, ecco: 'Sono come i ladri di Pisa'.

      Elimina
  46. fantastici quelli del 53100, si so votati tra di loro, che geni

    RispondiElimina
  47. Dobbiamo in ogni momento ricordare ai senesi chi tira le fila su questa citta' diventata una citta' di zombi destinata a peggiorare ed implodera' su se stessa a tal proposito ricordo l'appuntamento presso la comunita' europea la presentazione del piano industriale del monte paschi che,, se non credibile, comportera' ila mancarta erogazione degli oltre 4000mld di euro e quindi l'inevitabile krack della banca stessa. Di personaggi oscuri ce ne sono diversi ma spicca su tutti il chianino ceccuzzi persona indegna di calpestare le ns lastre. Io vedo nel ceccuzzi la causa dei ns mali. Confido nella magistratura di salerno affinche' ci liberi della sua presenza altrimenti non vedo soluzioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che sia chianino poco importa, anzi per niente! Perchè quello prima di lui, nato, vissuto e vivente entro la muraglia medievale ha fatto meglio?

      Elimina
  48. Bastardo Senza Gloria30 maggio 2013 07:28

    Ripartiamo. Facciamo a capirsi una volta per tutte e molto chiaramente. Non sono il tipo, per mia natura, che non prende posizione e non agisce in base al proprio pensiero. Quindi verrò al punto. Come più volte espresso personalmente al sig. Neri, ho forti perplessità e avversità nei confronti della sua coalizione, soprattutto quella parte che fa riferimento al Monaci, nonché per qualche altro residuato bellico, ho intenzione per tenere fede a me stesso ed a quello che sono di agire e fare. Ognuno faccia ciò che vuole, io dichiarerò molto CHIARAMENTE E SENZA TENTENNAMENTI, quello che farò io. Andrò a votare e voterò per Eugenio Neri.
    Per quello che mi riguarda trovo nel PD e nella persona di Bruno Valentini e tutto il suo entourage, il più grande tentativo di restaurazione, trovo nel PD ed in tutto il suo seguito le più grandi responsabilità politiche e morali del declino della nostra città. La coalizione di Eugenio Neri non rappresenta certo quello che mi sarei immaginato a livello di cambiamento, ma voglio ragionare in base alle priorità, ed in questo momento è prioritario sconfiggere quell'apparato lobbystico-armonioso che è il partito democratico e chi gli darà le stampelle.
    Sarò come sempre critico e trasparente con Eugenio Neri, se sarà necessario, ma ora andrò a votare e voterò per lui.
    Carlo Regina

    Ps. Questo è quello che ho pubblicato sulla mia pagina FB, alla luce di quello che sta accadendo all'interno del partito democratico, sono ancora più convinto di ciò che ho scritto.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse faresti meglio a fare esattamente l'opposto. Se l'acqua va pe' su' fossi tra un annetto ci risiamo.....

      Elimina
  49. Continuo a pensare che il Neri faceva meglio a stare in sala operatoria, visto che almeno quello gli riusciva bene!

    RispondiElimina
  50. Bene, anzi male.
    In modo del tutto infantile pur essendo pessimista su tutto ciò che riguarda la città a questo giro mi aspettavo qualche sorpresa ......
    Certo con alcuni candidati più "credibili" nel m5s o in altra lista civica forse i risultati sarebbero stati diversi, ma così non è stato.
    Auguri a tutti, credo che ne avremo bisogno

    e-remita (sempre più convinto)

    RispondiElimina
  51. Tanti commenti condivisibili, soprattutto sulla delusione di constatare che a Siena non ci sono più Senesi con la S maiuscola, con il coraggio e l'orgoglio di mandare finalmente a casa i distruttori della Città, e assistiamo desolati alla perpetuazione del Sistema, di una parte o di un'altra, o meglio forse tutti insieme secondo un copione che vediamo ormai dal 1993, ovvero dall'avvento di famiglione, di capibastone e di portaborse. Fanno finta di dividersi, ingannano gli Ingenui cittadini, o quelli stolti e venduti, e poi tornano a banchettare tutti insieme. anche questa volta per me è così, come ha detto giustamente qualcuno Valentini e Neri sono due facce della stessa medaglia (o meglio ancora della stessa patacca). Guarda caso con la complicità della solita stampa di regime, che ha esaltato, ed esalta, questi impresentabili e ha boicottato, e boicotta, chi poteva, e può, portare al cambiamento. E qui parlo soprattutto della lista Cittadini di Siena, ovvero l'unica lista civica vera e pulita, senza inutili ideologie, che, proprio per questo, è stata attaccata da tutti, ma, ciò nonostante, ha avuto un notevole successo , che ha fatto sformare tanti presunti politiconi e mestatori. Prima di tutto, come detto, la stampa e soprattutto La Nazione, poi i vecchi politici falliti che hanno ideato la lista Impegno Per Siena (mi astengo dal commentare le varie anime della lista), poi la sinistra vetero comunista che ha imposto alla brava Laura Vigni una linea perdente con liste infarcite di personaggi vecchi ed inutili, tutto per contrastare Cittadini di Siena e la possibilità di “ribaltare il tavolo”. Non commento il 5Stelle che ha scelto una linea di isolamento presuntuosa e suicida, bastonato in tutta Italia.
    Pensate che sarebbe successo se o il 5 Stelle, o la Vigni e Falorni, invece di dare retta ai loro "consigliori" avessero accettato la proposta di Cittadini di Siena di fare un'ampia coalizione; al ballottaggio ci sarebbero state forze veramente nuove e in gran parte civiche, e non ci sarebbero stati problemi nel sapere chi votare, e forse, su chi avrebbe vinto.
    Ora chiedetevi perché Falorni e Vigni da una parte, e il 5Stelle dall'altra, non hanno voluto questo
    Penso che a questo punto Cittadini di Siena sia l'unico gruppo credibile per guidare una coalizione civica per salvare Siena; chiunque vinca tra Valentini e Neri, oltre a non rappreentare alcuna novità, avrà vita breve in considerazione della conflittualità interna dei loro schieramenti e alle loro macroscopiche contraddizioni. Quindi Vigni, Falorni, 5 Stelle, ma anche Corsini, visti i loro risultati deludenti, facciano un passo indietro e aderiscano a questo progetto che potrebbe essere necessario in tempi brevi, forse solo un anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra un'ottima idea, però ho paura di essere in netta minoranza, troppi senesi hanno debiti di riconoscenza verso la Casta. Tengono famiglia. Ne ho viste troppe in questa città, non è cambiato nulla, è sempre la stessa musica, stonata.Forse tra due legislature ci sarà qualcosa, ma io sarò troppo vecchio e rincitrullito per accorgemene. Speriamo tanta fortuna per i giovani che hanno un avvenire davanti. Almeno loro.

      Elimina
    2. Già il fatto di arrogarsi il diritto di essere l'unico gruppo credibile mi sa' di gente presuntuosa... per cui che dire... Peccato che tutta questa consapevolezza non sia stata premiata. Io, come semplice cittadino, continuo ad essere dalla parte di chi lavora contro questo sistema che negli ultimi 19 anni ha demolito l'Italia e la nostra città senza pensare di essere infallibile.
      Andrea P.

      Elimina
    3. caro Andrea P., la invito a informarsi sulla azione dei gruppi che hanno contituito il progetto "Cittadini di Siena": gente assai credibile, visto la storia che hanno alle spalle di lotte contro il sistema... Non si dia del presuntuoso a chi rivendica la giustezza e la verità delle proprie azioni. Meglio gli altri che, chi con il silenzio, chi con la collusione col sistema guardava rovinare la Città?

      Elimina
  52. Cari amici e caro Eretico,

    Certo è che una grande colazione di tutte le forze "anti groviglio" sarebbe stata una buona mossa elettorale (da vedere poi l'esito della attività di governo fra tutte queste anime eterogenee) ma SE NON PORTATE LA GENTE A VOTARE è inutile che la convinciate della giustezza delle vostre posizioni.

    In secundis ha ragione Valentini quando dice che le forze che appoggiarono Ceccuzzi nel 2011 (e prima di lui Cenni) assieme alla liste che appoggiano lui fanno il 55%. Mentre (aggiungo io) le forze di centrodx, le forze civiche e le forze di opposizione tout court a Siena non hanno MAI (ripetiamolo per bene MAI) superato il 45%.

    L'elettorato che gravita attorno al PD è inossidabile, in quanto IDEOLOGICO. Le altre forme di elettorato (5stelle per primo) è fluido in quanto di OPINIONE.

    Caro eretico, confermi la mia analisi ?
    F.to
    L'Anonimo

    RispondiElimina
  53. Romolo Semplici30 maggio 2013 17:57

    L'anonimo delle 10,35 ha fatto un'analisi che sottoscrivo in pieno. E mi stupisce che il sig. Andrea P. delle 15,03 si permetta di criticare il legittimo giudizio di un lettore (più o meno anonimo come lui) che non si arroga un bel niente ma esprime una sua opinione (a meno che non sappia che sia uno di noi di Cittadini di Siena).
    Poi non so se volesse dire che Cittadini di Siena non ha fatto un buon risultato; la cosa mi stupirebbe, perchè come detto, nell'analisi del primo anonimo ci sono alcuni passaggi che danno alcuni spunti per capire come il nostro risultato vada visto come buono, se non ottimo.
    Anche io sono anni che mi batto contro il sistema, non mi sono mai sentito infallibile, ma ho messo nome e faccia in tante situazioni che mi hanno dato pienamente ragione; e inoltre è la terza volta che mi schiero alle elezioni, sempre contro il Sistema, con grande impegno, fatica (e costi) per portare avanti liste civiche pulite e che fanno del totale cambiamento la loro bandiera. Spero che, se non ha mai partecipato fino ad oggi, il sig. Andrea sia con noi alla prossima occasione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Egregio Sig. Semplici, come lei difende giustamente il diritto di critica dell'altro lettore rispetti pure il mio. Non era assolutissimamente mia intenzione offendere nessuno e conosco il suo impegno di lungo corso, anche se ammetto di non aver mai partecipato direttamente, allo stesso tempo però non mi sembra giusto il tono utilizzato in quel commento. Se c'è una cosa che non ho mai sopportato in questa città è l'arroganza e la supponenza di certi personaggi appartenenti soprattutto ad una data corrente... per cui quando vedo che anche chi si pone come alternativa si "autoesalta" ... francamente non ci sto'. La mia personale analisi, da persona che non sa ne' scrivere nè leggere, dice che anche a questo giro la città non ha voluto reagire... inutile criticare ... inutile sponsorizzarsi come unici e belli ... inutile ogni forma di commento se non a rodersi il fegato (sono pienamente in accordo con quanto scritto da Marco Fattorini). Quindi in bocca al lupo a Lei e anche all'anonimo che ha reagito stizzito (o ita)al mio commento perchè fondamentalmente la pensate come me anche se con toni differenti.
      Andrea P.

      Elimina