Cerca nel blog

lunedì 10 giugno 2013

L'anatra zoppa Valentini vince, il Pd tira un sospirone di sollievo...


    Bruno Valentini, detto Rodolfo Valentini, è il nuovo Sindaco di Siena; margine risicato (meno di 1000 voti), percentuale del 52 contro il 48% dello sfidante. Astensionismo che ha battuto forte, con una percentuale di votanti che ha solo lambito il 55% (al primo turno, era andato a votare il 68%: disaffezione o piuttosto indicazione data dalle altre opposizioni? Diremmo entrambe un pochino, impossibile stabilire se più l'una o l'altra cosa).

 Rodolfo Valentini vince, dunque, ma non convince. Ma soprattutto si presenta come un'autentica "anatra zoppa", una lame duck che sarà assediata dalle falangi ceccuzziane e monaciane (declinazione Alberto): come i Presidenti statunitensi dopo avere perso le elezioni di medio termine, sempre Presidenti ma in minoranza nel Parlamento. Valentini è, di fatto, in minoranza all'interno del suo stesso Consiglio comunale. Se vi sembra poco. Franchino può staccare la spina come e quando preferisce.
 Primissimo banco di prova, la composizione della Giunta, attesa per i prossimi giorni. Non a caso, niente di niente è trapelato, fino al voto. Non a caso. Già da lì, si capirà quanto spazio di autonomia potrà ritagliarsi l'ex Sindaco di Monteriggioni.
Strada in salita, in salitissima: una pettata tipo Giuggiolo, potremmo dire. Stasera si goda legittimamente la vittoria (senza ipocrita sobrietà), perchè del doman non v'è certezza...

 Eugenio Neri. L'eretico l'ha incontrato a caldo negli studi di Siena Tv: era ovviamente stanco, ed altrettanto ovviamente incazzato. Una vittoria, che sembrava impossibile, si è invece rivelata molto più vicina di quanto si potesse pensare fino a ieri.
 Non si deve essere laureati con lode in Scienze politiche per capire che un'opposizione più coesa avrebbe portato ad un differente risultato finale: l'abbiamo scritto così tante volte, da farci venire a noia solo il pensare di riparlarne.
Il candidato sconfitto, da par suo, avrebbe dovuto essere più incisivo nel proporre la sua squadra prima del voto, con i nomi di buon livello che avrebbe potuto fare, a quanto sembra: ha fatto solo, fra i nomi, quello che invece si sarebbe potuto risparmiare di fare (Alessandro Piccini futuro vicesindaco).
 Però Eugenio Neri ha avuto l'indubbio merito di fare la voce grossa sul Monte dei Paschi, sulla linea Piave del 4%, adesso più che mai prossima a cadere, e sull'inadeguatezza, assoluta e comprovata, di Gabriellone Mancini in Fondazione.
 Lo aspettiamo (Eugenio, non Gabriellone!), con sincera fiducia, alla prova dell'opposizione. Difficile anche quella, visto appunto la lacerazione della stessa. Con il paradosso cui assistiamo: opposizione mai così vicina a vincere, opposizione forse mai così divisa al proprio interno. Un regalo al Pd, ovviamente.

 Questo voto, poi, ripropone un antico, ma mai così evidente, dualismo, quello tra voto intra-moenia ed extra moenia: nel centro storico, ha vinto Neri, in alcuni casi in modo anche netto. Sarà riduttivo - me ne rendo conto - ridurre tutto alla questione degli "omini degli orti", ma questo dato elettorale conferma in pieno la necessità della sottolineatura del fenomeno. Giustamente un amico piddino, tutto galvanizzato dallo scampato pericolo (hanno avuto almeno sincera paura di perdere, a questo giro...), diceva, in un capannello in Piazza del Campo, che aveva proprio ragione il Valentini:
"Bisogna allargare il perimetro comunale fino ad Asciano e poi verso nord, altrimenti la prossima volta si perde davvero!".

 Due sono stati i protagonisti fondamentali della vittoria del Valentini, oltre a quelli che tutti possono cogliere (cioè che il Pd, a Siena, può oramai fare qualunque disastro, dopo questa tornata elettorale: vince lo stesso, per la già richiamata Sindrome di Stoccolma):
1) la presenza di Maurizio Cenni nella coalizione neriana, mai abbastanza rimarcata. Pochissimi voti portati (quantificabili in un centinaio), a fronte di non sapremo mai quanti fatti perdere al solo evocarne il nome o le buffe e variopinte fattezze. Un suicidio politico che l'eretico non riesce ancora a spiegarsi. Appelliamoci ai posteri.
2) la Procura di Salerno, con l'avviso di garanzia a Franchino il Ceccuzzi dei mesi scorsi. Quante volte l'avevamo detto e scritto, ma come si fa a non ricordarlo oggi? Con Franchino candidato, trionfo assicurato. Degli altri, però.
 Ed ora, vai con altri 5 anni targati Pd: tanto il Duomo - come disse Mussàri Giuseppe al Corriere della sera - non ha le ruote, quindi non può essere portato via. Neanche il Pd senesota ce la può fare...

Ps Il Santo si interroga giustamente sul senso dell'andare avanti con il blog, visti i risultati politici; gli illuminati sono legittimamente durissimi, e lasciano intendere un prossimo disimpegno, anche a breve; il Gavinone, da par suo, continua a tacere.
 L'eretico ha da smaltire un pochino di materiale pregresso, poi di sicuro si prende una bella vacanza bloggheristica. Quanto al futuro: se si continua (non è certo il dottore ad obbligarci), comunque qualcosa dovrà giocoforza cambiare. Ne riparleremo, ma lo scoramento è davvero tanto. C'è forse qualcosa di cui gioire, stasera, politicamente parlando?   

60 commenti:

  1. Voglio ringraziare Eugenio Neri che ci ha messo la faccia e tanto impegno. Ha rimontato alla grande da solo, senza l'ausilio di una macchina da guerra alle spalle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece voglio ringraziare Enrico Tucci ed i suoi sodali: grazie anche a loro il Pd continuerà a dettare legge per altri 5 anni. W i duri e puri!!

      Elimina
    2. Loro sì che non si sono sporcati con questo ballottaggio come Craxi hanno detto di andare al mare. Ora li voglio vedere sulle barricate dell'antivalentinismo duro e puro, ci sarà da diveertirsi..tieniamoli gli occhi ben addosso Consiglio dopo Consiglio...

      Elimina
  2. fabrizio bocci10 giugno 2013 21:03

    Per far perdere il PCI ci vuole, forse, solo un terremoto vero e proprio , i circoli culturali (?) Ex comunisti, non si battono con l'astensione. Chi non ha votato ha avuto marcio torto, era l'occasione per battere il PCI. Niente, il Pci non si batte.

    RispondiElimina
  3. non c'è proprio nulla da gioire, e gli omini degli orti non se ne rendono conto, anzi... pericolo scampato!!! Conosco il Valentini e, sinceramente, è una brava persona ma, purtroppo, non potrà lavorare dovrà vendicare l'onta subita dal Ceccuzzi, dovrà fare quello che gli diranno, dovrà assegnare le poltrone giuste alle persone giuste... l'apparato è più forte di lui! Lo ha capito troppo tardi e Siena non ha possibilità di riscatto. Chi può farà bene a fare le valigie e non tornare mai più

    RispondiElimina
  4. Ma che dici Eretico? Proprio ora è il momento di continuare, di non mollare. DAJE!
    Luca.
    P.S.: Al posto delle letterine anti-robot metti il sondaggio: "io ho votato Neri".

    RispondiElimina
  5. e bravo Eretico quando citi i motivi della sconfitta. ne aggiungo un altro. durante l'ultimo dibattito a Siena tv, il Neri citò almeno 5 volte, (contate) Lallo Meacci come vittima del pd. a me è venuto da pensare: machissenefrega! con tutti i problemi che ci sono a siena, questo perde tanto tempo a citare uno che si è seduto su tante poltrone negli ultimi 10 anni e ah votato tutto quello che c'era da votare. ma daiii. io credo, caro Eugenio, che se ti eri davvero scrollato tutte queste anime perse (monacini compresi) e avevi aggregato al vera e unica opposizione degli ultimi anni da subito (Tucci, Falorni)avresti vinto in carrozza.

    RispondiElimina
  6. riccardo clemente10 giugno 2013 22:43

    48% è un buon motivo per non mollare! Quanto di questo 48% è arrivato grazie a questo ed altri blog è un buon motivo per non mollare! Alla fine anche i più duri capiranno che cambiare ogni 60 anni fa bene alla democrazia.... fa bene a Siena come a Milano e a Brescia. Oggi qualcuno ha presouno spavento grosso!! Complimenti a Neri , Marignani e tutti gli altri che ci hanno creduto.

    RispondiElimina
  7. Ho condiviso la speranza nella vittoria di Neri perché avevo ed ho fiducia nella possibilità che si apra qualche spiraglio al cambiamento, ma certo senza illudermi che questo fosse la bacchetta magica per liquidare l'onnipresente partito del sistema Siena, e punire i responsabili dei tanti disastri. Il risultato di Neri è comunque straordinario, se pensiamo ai numeri dell'astensione- praticata su indicazione politica ("Valentini o Neri per noi pari sono") o per stanchezza verso i partiti. Più che di sconfitta, parlerei di una strada tutta in salita, ma i segni della volontà di cambiare ci sono. Silvia Tozzi

    RispondiElimina
  8. Un saluto

    Sicuramente no, non c'è niente per cui gioire, politicamente parlando.
    Io non riesco a fare delle disamine "tecniche" del ballottaggio, vedo solamente il risultato e questo mi basta, per farmi vomitare.
    Peró, credo che sia possibile intravedere anche un segnale, in questo -per me- tragico epilogo. E penso sinceramente che questo possa essere l'inizio di un cambiamento. Credo alle favole? Forse. Ma, secondo me ci crede, o ci credeva di piú...chi sperava in una botta sola, di sconfiggere un sistema, che ancora esiste, anche se esangue e allo stremo.

    Non é stata fatta e non doveva essere fatta una rivoluzione, non ci sono ancora le condizioni. Ancora si sperare nella solita "mano santa", e si pensa che ... tutto si risolva e possa andare bene. Ma non andrá bene.

    Credo che sia il momento -per i cittadini di Siena- di iniziare a controllare approfonditamente, a chiedere conto con maggior vigore e tempestivitá, pretendere con più fermezza completa trasparenza. In merito a quest'ultimo punto, vorrei rilanciare la proposta apparsa sul blog del Santo, nei giorni scorsi; Il nuovo Sindaco nominerà un assessore alla trasparenza (chiaramente senza portafoglio) condiviso con tutte le anime del Consiglio comunale?
    Eugenio Neri aveva giá risposto: “Io sarò il garante della trasparenza”. Valentini invece non aveva risposto. Bene incomincino i cittadini senesi, singolarmente -se valentini non vorrá nominare nessuno- ad essere "assessori alla trasparenza", ciascuno per ció che gli compete.

    Quando c’è una meta, anche il deserto diventa strada. (Proverbio Tibetano)

    RispondiElimina
  9. Ti parla un laureato con lode a Scienze Politiche: MAI SMETTERE DI DIRE LA VERITA'!

    RispondiElimina
  10. Ho letto spesso e volentieri il tuo blog, ma a questo giro mi sembri fin troppo schierato. Stiamo parlando di Neri, mica di Gandhi o Mandela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ma da ciò che scrivi anche te non mi sembri Montanelli. Povero coglioncello continua continua a dire che sono tutti uguali!!!

      Elimina
  11. C'è per la prima volta un leader dell'opposizione. Nessuno ha avuto niente da ridire su Eugenio Neri. Se lo vorrà ora libero della zavorra dei Cenni, dei Verdini e dei Piccini (Pierluigi) potrà legittimamente, avendo dimostrato sul campo di avere consenso e di non avere paura, mettersi a capo dell'opposizione e lavorare per la vera alternativa. L'anatra zoppa tra i due marpioni dura poco e anche nella sua lista c'è gente che voleva cambiare davvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma i voti di nero su bianco , circa il 9 percento, come credi l'abbia presi la lista del Cenni? non faceva così schifo? forse con gli anni la rete di conoscenze in stile marzucchi ha portato voti? e secondo te chi ti porta quei voti si deve suicidare politicamente ora perché il neri non ha il prosciutto negli occhi? e il cenni e co (volponi politici) si allontaneranno sconvolti dall'acume politico del Neri cardiochirurgo? non siamo ingenui. l'intrallazzone della porta accanto se è amico mio fa comodo. Siena è al centro di una guerra tra bande, sveglia!

      Elimina
  12. Mala tempora currunt...Neri non è il Corradi o il Nannini farà un opposizione dura, lui non deve coprire sue marachelle pregresse!!! Lotta dura e penna in mano per Corte dei Conti e Procura, per ogni incarico esterno, anomala gestione del personale, elargizioni varie ecc...Il 48% di chi lo ha votato, a parte lo scoramento iniziale, questo vuole e gli è dovuto!!

    RispondiElimina
  13. Cari candidati a sindaco al primo turno,

    Volevo solo augurarvi un buon quinquennio 2013 - 2018 di giunta Valentini.

    F.to
    l'Anonimo (che non ci credeva, poi ci ha creduto, poi ci ha sperato, poi deluso, poi tutto uguale come prima)

    RispondiElimina
  14. Auguri tucci e grazie un grazie a che alla vigni dura e pura. Anche voi adesso siete il vecchio della politica. Illusi. Avete consigliato di non votare? Bravi adesso fatevi l'opposizione del menga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il Neri è il nuovo? con Cenni e il Falorni (discepolo di P.L. PIccini)? 20 anni di primi cittadini in un uomo solo!

      Elimina
    2. Sintetica ma ineccepibile analisi. La finta opposizione "salva-coscienza-e-basta" non porta a niente.
      Valentini era entrato in campo contro Ceccuzzi e ha fatto le primarie contro il vice-Ceccuzzi (ora però se lo sono dimenticati in troppi).
      Spero (per Siena) che non soccomba dentro lo scatolone PD, come molti invece si augurano.

      Elimina
  15. "Franchino può staccare la spina come e quando preferisce"... il chianino come Berlusca!

    RispondiElimina
  16. Bastardo Senza Gloria11 giugno 2013 08:01

    Vorrei fare due considerazioni.
    La prima. Ma se vinceva il Neri, non era più semplice anche fare opposizione? Nonostante ciò, si è preferito non votare, non partecipare, il che non voleva dire accettare in toto o non essere critici verso la compagine neriana. ma tant'è.
    La seconda. Volevo far osservare che per l'ennesima volta ci troviamo un sindaco che è dipendente MPS e dirigente di partito. Vi ricorda qualcosa? Viva la "discontinuità", viva il cambiamento.......viva panciovilla.....
    Un abbraccio a Raffaele che come sempre, quando si prende posizione, subisce le illazioni del più ganzo di turno, che si crede più furbo ma la faccia non ce la mette....chissà perchè.
    Carlo Regina

    RispondiElimina
  17. Neri incazzato? Secondo me tornato a casa ha stappato champagne per festeggiare lo scampato pericolo e il molto raqccolto. Pensiamoci: ha sul petto la medaglia dell'oppositore che più vicino nella storia senesota è andato vicino a vincere; potrà tornare ad occuparsi del lavoro che ama e i consiglio si farà vedere una volta su tre quando necessario davvero; di nuovi nemici non se ne farà nessuno (chi non sceglie non sbaglia)anzi raccoglierà tanti apprezzamenti per l'ottimo lavoro svolto fin qui; magari anche il Berlusca si ricoderà di lui. E tutto questo senza doversi impicciare di un Comune ridotto in braghe di tela, che il prossimo anno non potrà neppure pagare gli stipendi, che dovrà strizzare i residenti e proprietari di case come limoni ecc. Secondo me ha davvero brindato a champagne; mentre Valentini come Roderduck si stava mangiando il cappello.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo! Concordo al 100%. L'ho sempre pensato sia di Neri che delle altre liste: guai a vincere ... meglio l'oposizione dalla finestra, non ci si sporca, si resta "nudi e puri".
      Se l'opposizione voleva vincere, faceva una unica lista SERIA invece che sei o sette M5S camuffati in vario modo.
      Le grane lasciamole al Valentini .... c...i suoi....

      Elimina
  18. Il tempo mitiga le emozioni, anche quelle più dolorose. Se Valentini dura anche solo tre anni, tutto sarà dimenticato ed il PD (o come si chiamerà allora) tornerà a spadroneggiare come prima. Per la prima volta l'opposizione aveva presentato un nome degno, ma è mancata non dico l'unità (impossibile) ma almeno un coordinamento. E, soprattutto c'erano troppi nomi compromessi ad appoggiarlo. La lezione del M5S a Parma non ha insegnato niente: quando la gente è incazzata nera, con un buon nome come sindaco puoi riempire la lista di nomi semisconosciuti ma puliti e vinci lo stesso. Adesso l'incazzatura passerà e tutto tornerà a posto (per loro). Coraggio, speriamo bene!

    RispondiElimina
  19. "Un'opposizione più coesa avrebbe portato ad un altro risultato finale..." Opposizione?! Perché i voti del Neri sono i voti dell'opposizione??? Che confusione che avete in testa cari miei...

    RispondiElimina
  20. Carissimo Professore, condividendo l'analisi politica , mji soffermo su quella più squisitamente sociale legata all'ultima parte del comunicato in cui si parla se vale la pena continuare l'esperienza dei Blog.
    L'esercizio del libero pensiero penso sia sempre e comunque indispensabile e chi lo esercita sia da lodare e quindi mi auguro che tale esperienza, in modo particolare quela dell'eretico, continui per il bene di tutti , o almeno per coninuare a alimentare la sana e libera dialettica tra coloro che hanno la voglia di informarsi.
    Il problema sociale ( di Siena ma non solo )stà nel fatto che la democrazia e la libertà non sono solamente dei diritti, delle condizioni umane e sociali ovvie, ma rappresentano uno status che ognuno ha il dovere di mantenere. Questo avviene quando il cittadino ( sia esso senese o italiano ) compie il dovere di informarsi prima di prendere una decisione politica , qualunque essa sia; questo non accade, e le decisioni vengono prese quando va bene sull'onda della eccitazione ( vedi movimento 5 stelle ) o peggio in base ai " si dice " o alle indicazioni di terzi, a cui molti delegano l'imprescindibile fattore democratico della facoltà critica di esaminare una realtà.
    Ho partecipato ad un volantinaggio di carattere sindacale, dove unitariamente si perorava la causa della riduzione delle tasse sul lavoro ( essendo la repubblica fondata su di esso e non sulla rendita che invece è tassata ad un terzo rispetto al lavoro ). Ovviamente tutti liberi di assecondare o meno il progetto, ma la generazione degli apparenti benestanti dai 60 anni in su, e quella dei giovani in carriera ( quale carriera poi non è dato sapere ) quel volantino non lo ha voluto nemmeno leggere. Questo è il problema , non ci informiamo, non vogliamo informarci, e chi scrive nei blog scrive fondamentalmente a chi già la pensa come loro, e quindi non crea apparentemente valore aggiunto. ma non scrivere vorrebbe dire soccombere, e io carissimo professore politicamente e socialmente voglio morire leggendo ancora quanto l'eretico ha da dirmi.

    RispondiElimina
  21. Io continuò a non capire tutti questi commenti di forte delusione. Se come si leggeva e si sapeva ad ogni angolo di Siena che a guidare le mosse del neri ci sono ( il candidato non ha mai preso le distanze che io sappia) il Cenni (sindaco che ha messo Mussari a presidente della fondazione e poi della banca e poi quando a smesso di fare il sindaco ha avuto in premio un posto di gran prestigio non avendo le doti per ricoprir lo), il Minuti (diciamo ermeticante più' attento ai bisogni delle sue cooperative che a quelli della città') il Borghi (lasciamo perdere) Alfredo Monaci(idem) e lasciamo perdere Verdini. Non vedo dove è' tutt'uno il rinnovamento che si perso io sarei andato a votare solo se il ballottaggio fosse stato con il Pinassi o con la Vigni.

    RispondiElimina
  22. Anche io vorrei ringraziare di cuore Il Dott. Tucci (profugo berlusconiano non dimenticatelo mai) per il suo contributo essenziale ... a far rivincere i soliti noti. Auguri anche al suo Romoletto che potrà continuare a fare i suoi affari immobiliari facendo finta di essere "l'opposizione". Bravi bravi d'avvero.
    Una cosa che volevo sottolineare a tutti è che finalmente avremo un'opposizione non corruttibile. State tranquilli che Eugenio (gigio per gli amici di studio) gli farà girare parecchio ma parecchio le palle. Credetemi e... alla prossima si azzerano da soli!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai Tucci con te all'opposizione il Valentini perderà il sonno...

      Elimina
  23. fai festa Raffaele, il tuo l'hai fatto, gli omini degli orti non li smonti nemmeno te; il Valentini continuera' a fare quello che ha sempre fatto (poco) spinto sempre da quelli che l'hanno portato fino a li, si, i soliti che hanno fatto la siena attuale.........e come ha fatto a fare carriera?...vi meravigliate ora?
    ho preso un pezzettino d'orto dal comune anch'io.
    Keo

    RispondiElimina
  24. Nero su Bianco ha preso l'8 e passa per cento....ma il Cenni non faceva così schifo? prima tutti contro ora lo votete perché contro il PD. W il cambiamento col Neri! secondo me chi non ha votato al ballottaggio ha fatto bene, se alla fine hanno di fronte 2 candidati che non piacciono. poi scusate, ma se neri dal primo al secondo turno ha raddoppiato i voti, vuol dire che proverranno da elettori del primo turno dei m5s, tucci, vigni ecc . Ognuno vota chi vuole sennò fate un colpo di stato e decidete voi. se per esempio uno vota Vigni e dice che i massoni si sono spalamti nei principali poli poi deve votarne uno? ma per fare piacere a chi? agli elettori di uno dei 2 poli che vuole vincere? non ha senso.

    RispondiElimina
  25. Caro Eretico, fai una analisi lucida, che apre enormi prospettive per il futuro dei senesi, e poi vorresti chiudere? Non è da te!
    Capisco la tua incazzatura nel rivedere vincere il PD, che è la mia, anche se mitigata dal fatto di non vedere Piccini vice sindaco e una serie di impresentabili in Consiglio Comunale assieme al buon Neri.
    L'analisi è tutta qui. Il Neri, pur non entusiasmando dal lato politico, andava bene. Sono stati alcuni macroscopici errori fatti (l'annuncio del Piccini vice sindaco, non si sa per quale logica, è stato distruttivo ma molto palese su chi comandava in quel gruppo) e i compagni di viaggio (e i loro comportamenti) a scavargli la fossa, come ben detto da te e da altri blog. Doveva avere il coraggio di fare pulizia all'inizio, scansare i partecipanti al Groviglio e allearsi subito con i civici veri, senza cascare nella rete degli exMargherita, di Piccini e di Cenni. E lascia attaccare chi (a mio avviso anche giustamente) si è espresso legittiamemnte per il non voto e soprattutto il 50% dei senesi che, in piena autonomia e senza ordini di scuderia, non si sono riconosciuti nei due schieramenti e non hanno votato (al mare o in campagna poco importa) ai livorosi e agli stupidi; il 50% (CINQUANTAPERCENTO), una cifra mostruosa, ovvero la schiacciante maggioranza si è espressa in modo legittimo contro gli alfieri del Sistema, nascosti nel PD ufficiale e in quello ufficioso (insieme al PDL verdiniano e altri vecchi politicanti falliti). Te sei troppo intelligente per non capire che ora c'è un'autostrada davanti a Siena, e che ormai il Sistema sta per implodere, intanto con la sparizione di personaggi che hanno infestato Siena per anni facendo da complici, e ora, se non ci facciamo prendere dalle frenesie, tocca al cuore del PD. Penso che anche Neri sia così intelligente da evitare di dare colpe agli altri sulla sconfitta (anche perchè gran parte dei Vignani, dei Tucciani e dei Grillini come me lo hanno votato), e riesca a riconoscersi in un'opposizione coesa che tenga il Valentini per le p...e e soprattutto lo convinca a fare totale pulizia del vecchio PD che ancora immarcescisce il Consiglio Comunale.
    Ora si che la pulizia totale inizia ad essere pensabile e il cambiamneto sarà obbligato a farlo il Valentini, o rischia di andare a csa subito anche lui. Però servono anche le facce e la sinergia dei blogger come te, appunto intelligenti, che non ragionano con il c..o e non sono in cerca di vendette personali, disposti a dare una mano al 25% dell'opposzione rimasta pulita (5Stelle, Vigni e Tucci), e all'enorme numero di senesi incazzati che, forse per la prima volta, non sono riusciti ad andare a votare.

    RispondiElimina
  26. Buongiorno Eretico, forse non è il giorno ed il post adatto, però vorrei farti un appunto: non mi piace il tono con il quale parli di "omini degli orti" e "donnine delle coop" quasi si trattasse di minorati. Si tratta spesso di gente semplice, che non ha mai messo piede all'Università e non ha mai lavorato per il Monte.
    Il semplice fatto di essere fuori da certi giri non gli permette di capire appieno la portata dei danni fatti a Siena negli ultimi anni e quindi non hanno ancora chiaro perchè si debba cambiare. A Siena state ancora troppo bene e ci vorranno ancora alcuni anni perchè gli effetti del malgoverno si manifestino. E allora qualcosa cambierà sicuramente.

    Marco Burroni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco, il problema è che questi "omini" decidono del futuro delle generazioni successive. Io sarei quasi per abolire il diritto di voto al momento della pensione, ma capisco che siamo in democrazia e che debba decidere una maggioranza geriatrica che ha potuto pagarsi il mutuo di case (e orti!) che la mia generazione, destinata al precariato, potrà solo sognarsi.

      Elimina
  27. Ma nessuno dice che il 48% è dovuto al fatto che Franchino il Ceccuzzi ha fatto votare il Neri? Pensate davvero che sono voti di opposizione? Oh perchè alla festa al Bandierino non c'era nessuno dei Ceccuziani? Si narra che gli impiegati del Pd (schifati)non lo potessero più vedere brindare ad ogni schermata che tirava sù la percentuale del Neri.!!!

    RispondiElimina
  28. Scegliere tra votare qualcosa di maleodorante o uno di CDX? Il senese ha scelto la prima. Chi aveva votato Vigni o M5S ha preferito stare a casa piuttosto che sporcarsi le mani. Giusto? Sbagliato? Chissà. Ringrazio di non risiedere più a sienina sennò anch'io avrei avuto grossi problemi per scegliere...
    Comunque il PD c'ha poco da ridere...sono al 25%, fossi in loro mi farei delle domandine, tipo: "com'è possibile perdere poco meno di metà elettori nel giro di 2 anni?".

    RispondiElimina
  29. Neri è andato oltre le aspettative pur commettendo diversi errori ma è arrivato quasi alla vittoria.A suo tempo pochi "scienziati" della politica avrebbero potuto costruire un'alternativa forte e vincente fin dal primo turno candidando l'avvocato Luigi De Mossi;in quel caso i piccoli interessi di bottega e le invidie personali hanno impedito questa candidatura,con ostacoli contro il De Mossi messi in campo anche dai "duri e puri" di Pietraserena come Romolo Semplici e Ombretta Sanelli.

    Michele Estavino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michele Scemino, De Mossi ha una bocca per parlare e una penna (anche abbastanza buona) per scrivere. Avesse voluto davvero candidarsi non aveva che da proporsi: non lo ha fatto, perciò quanto da te scritto è una speculazione (illazione?) meschina. Quindi invece di sparare cazzate, visto che i due da te citati a sproposito sono semmai tra i pochi che erano disposti a mettere da parte ogni personalismo pur di fare fronte comune con grillini e/o movimento civico e/o vigni eccetera, sei pregato di attenerti ai fatti.
      a.

      Elimina
    2. Romolo Semplici11 giugno 2013 17:46

      Coniglione, quando chiami in causa i comuni cittadini cerca di avere il coraggio di mettere nome e faccia. Oltretutto quando dici delle scemenze come questa, ancora una volta tese ad ingannare i lettori; Luigi De Mossi, a cui mi lega un'amicizia e trascorsi di vecchia data, sarebbe stato un ottimo candidato anche per me, essendo stato oltretutto per lungo tempo vicino a Pietraserena. Ma non mi risulta che nessuno abbia pensato a lui, o meglio, mi risulterebbe che sia stato qualche esponente di partito a non volerlo. Comunque dichiarati e proponilo fin da ora per la prossima volta; io ci sono.

      Elimina
    3. Come sai, caro Romolo, io sono stato molto incerto su votare o meno, ma la questione PD non poteva essere elusa: l'Eretico, Carlo Regina e tanti altri hanno ragione da vendere a lamentarsi dei gurppi Tucci-Vigni(-M5S). Il Neri poi si sarebbe visto fino a che punto dipendeva o meno da certa gente...ma mettere sullo stesso piano due candidature da contesti così diversi è ENORME, INQUALIFICABILE sul piano politico e storico.
      I sindaci possono fare sorprese, possibile non si sappia?! Quanto al De Mossi, ricordo bene la sera del 20 (?) settembre 2012 dopo una riunione 'aperta' agli esterni (come me) di Pietraserena che ci fu chi lo propose (io) e ci fu qualche altro che lo affossò...come affossò l'idea delle primarie. Chiamo a testimoniare l'amico Zunino: siamo ai fatti 'storici', quindi è bene chiarirseli.
      Ripeto quindi: io ho l'impressione che qualcuno debba fare un serio esame di coscienza. In più bisogna ricordare che la cosa più grave è che certe cose incrinano la FIDUCIA, che è un rapporto anche più delicato dell'Amicizia. Quando si perde...non si recupera, temo.

      Elimina
  30. a proposito di spina, mi sento più sicuro con ceccuzzi vicino alla presa che con politicanti opportunisti e voltagabbana co0me guideri( ma quanti voti ha preso!!! ma chi ha avuto il coraggio di votarlo? ), piccini alex, cortonesi, monaci, borghi, minuti, cenni.... gente che alla prima, prima occasione non ha esitato a far cadere un sindaco e far commissariare una città. e lacrime per meacci che , poverino, dopo anni di militanza è stato fatto fuori... sono questi imotivi per far cadere un sindaco, non i problemi di lavoro, ambientali ecc...

    RispondiElimina
  31. felice gimondi11 giugno 2013 16:12

    io più che Rodolfo Valentini,visto quello che ha fatto a Monteriggioni lo chiamerei Rodolfo....Cementini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rodolfo Valentini è solo per assonanza del cognome col grande attore degli anni '30, anche perchè lo chiamavano (per davvero!) il George Clooney del Bar dell'Orso!

      Elimina
  32. Caro eretico
    Visto come sono andate le votazioni. Questi eletti non rappresentano quasi più nessuno. Quindi tocca a noi proporre, per esempio chi ha un disoccupato in casa non paga l'Imu . MI PARE UNA BATTAGLIA DI CIVILTÀ .

    RispondiElimina
  33. Altra battaglia di civiltà , abolire il canone televisivo, che non mi serve e comprarmi un paio di scarpe in più visto che ho i piedi sofferenti.

    RispondiElimina
  34. Ma, che tra qualche mese qualcuno vinca un concorsone alle Scotte e s'avvicini a casa ?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, non vorrei vedere uno scatto di carriera di Neri o Piccini A. ... Sembrerebbero fuori luogo...ma che c'entra la casa? Forse perché, come Scajola e il PDL di Verdini insegnano, qualcuno degli sconfitti al ballottaggio avrà qualcosa "a sua insaputa"? Via, anche se in quella tegamata c'è gran parte del peggio della politica senesota degli ultimi vent'anni, non credo arriveranno a tanto!

      Elimina
    2. IL sagace commentatore dell'11/6 ore 17:47 si riferiva al Tucci......

      Foloso

      Elimina
    3. Concorso con vincitore noto già prima dell'espletamento? Impossibile ! Non se ne fanno alle scotte

      Elimina
  35. Il Tucci è stato l'unico COERENTE, ma come si sa, in questa città la coerenza NON paga. Meglio Cenni e i Monaci al governo, per la DISCONTINUITà...RIDICOLI.

    RispondiElimina
  36. Ho appena sentito l'intervista d'insediamento di sua competenza il sindaco. Ha ià tirato stoccate a dx e a manca dicendo che mai più un sindaco che casca per divisioni interne (monaci), che un sindaco non può abdicare senza aver fatto tutto il fattibile (ceccuzzi), che il commissario non ha colpa dell'aumento delle tasse che avrebbero dovuto fare i politici e che bisogna avere più consapevolezza della ns situazione dato che anche l'università si sta risanando!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  37. l'unica cosa che mi sento di dire in questa diatriba allucinante di commenti è che capisco lo " sconforto" dell'eretico, perché per la prima volta da anni i distruttori della città sono stati ad un passo dall'essere mandati a casa.
    Mi chiedo, e chiedo: saremmo stati cosi vicini a questa svolta epocale senza la meritoria opera di informazione che l'eretico, ed altri blogger, hanno condotto? Penso proprio di no!
    Allora, considerato che un potere sedimentato come quello senese non puo' che essere sconfitto con una battaglia lunga e costante nel tempo, basata specialmente sulla corretta informazione, invito l'Eretico ad insistere nel suo lavoro, ringraziandolo anticipatamente per il coraggio e la perseveranza fino ad ora dimostrate.




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo: è proprio ora il momento di "battere il ferro finchè è caldo".... Hanno vinto di pochi voti al Ballottaggio (proprio come avevo auspicato io su un commento di qualche giorno fa, ho sbagliato solo dell'1% le percentuali: mi sono fatto quasi paura da solo!), laddove fino a due anni fa prendevano il 60% al primo turno. E non è già questa una grossa sconfitta per loro, non abbastanza enfatizzata dai media asserviti come sempre?!
      E' ora il momento di non mollare... e di far capire a quelli che non hanno votato che la prossima volta non devono andare al mare, e soprattutto non devono rivotare coloro che hanno buttato via occasioni su occasioni per "ben seminare" e far fruttare i "talenti" (leggasi: i soldini piovuti da Banchi di Sotto).
      Tanto, come hanno scritto in diversi su FB proprio lunedì pomeriggio, "sono aperte le scommesse su quanto dureranno...".

      Inoltre, chi ha detto che allargare il Comune di Siena alle aree rurali vada a vantaggio del PD, si sbaglia di grosso. Con il Comune della "Grande Siena" invece la "ciaccia" sarebbe definitiva e di proporzioni più ampie, perchè non dimentichiamocelo, nei comuni limitrofi vivono tantissimi giovani disillusi, la famosa "1000 Euro Generation", che per trovare una casa a prezzo decente (anche se definirlo decente è sinceramente un'eresia) ha dovuto abbandonare la residenza nel Comune capoluogo, e l'ha presa a Sovicille, Monteriggioni, Castelnuovo etc... nella famosa cintura di cemento sorta sul confine comunale di Siena, che si vede bene anche dall'alto (provare per credere su Google Maps, con la visione satellitare!). Credete davvero che queste persone, con stipendi da fame, con ore ed ore passate alla guida nel caotico traffico cittadino per fare qualsiasi cosa, dall'andare al lavoro, al portare i figli in piscina o andare a fare la spesa, persone che devolvono metà stipendio al Monte per il mutuo e l'altra metà la buttano tra benzina e Siena Saccheggi, pardon, Parcheggi, siano ben disposte a votare PD?! come dicono gli americani, I DON'T THINK SO.

      Elimina
    2. Credo che questi blogger producano come risultato più quello di sfornare un mucchio di notizie tutte sbilanciate da una parte (visto anche l'ampio tempo a disposizione degli autori, oltre all'indubbia passione) che una acuta analisi politica. Ormai le fonti dove capire come stanno le cose sono molte, spesso più obiettive, approfondite ed efficaci (non ultima, Report). Le perole dei blogger sono di parte e non possono avere efficaca che su lettori di parte, quelli che non fanno una seria e lucida analisi della situazione, ma che sono prevenuti. Per fortuna, sono una minoranza e tali resteranno. Il successo "al contrario" dei votabili ed invotabili dell'Eretico ne è solo un ultimo esempio: i senesi decidono con la testa loro. Magari leggono, ma poi fanno come vogliono. E - aggiungo - giustamente e democraticamente, cosa che a loro risulta inaccettabile.
      Altro enorme difetto di questi blog è appunto il pensare di essere depositari della verità assoluta, tanto da definire dispregiativamente come "senesoti" coloro che hanno altra opionione. Per loro non esistono opinioni divergenti: ci sono i buoni e i giusti da una parte, i corrotti e cattivi (e senesoti) dall'altra. Al massimo ai primi è concesso di replicare con qualche (inutile) post di commento alle loro sentenze inconfutabili.
      L'auspicata nuova figura politica di opposizione al cosiddetto "regime senese" se ne guarderà bene da cercare l'appoggio di questi spazi sulla rete, ma si proporrà all'attenzione di un pubblico più equo, equlibrato, democratico.

      Elimina
    3. beh ti rispondo dicendoti che se la pensi così o non sei lucido, o sei in malafede, o sei come quelli che sono stati ricattati dal PD: "o fai vincere noi o vai a casa". È successo all'Acquedotto del Fiora e alla Siena Saccheggi, pardon Parcheggi, ambedue controllate dal Comune di Siena. Viva Rodolfo Valentini, Viva il nuovo che avanza! E se avanza, speriamo raffia presto la muffa.

      Elimina
    4. In tanti post e commenti uno che contenesse così tante cretinerie non mi era mai capitato di vederlo. Solo per fare qualche esempio: Report ha praticamente riportato nel maggio del 2012 quanto era stato detto, scritto e documentato nei tre o quattro blog senesi. E comunque fa poca opinione anche Report evidentemente, visto che la trasmissione inchiodava inesorabilmente tutti i bersagli dei blogger (proprio perché trasmissione basata su quelli). E non ti sprecare ad arrampicarti sugli specchi visto che tanto Raffaele quanto chi scrive hanno passato giornate intere con Mondani accompagnandolo in una realtà a lui del tutto sconosciuta fino a quel momento. L'unica cosa vera che scrivi è che i senesi poi fanno di testa loro. Verissimo. E con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Se va bene così, non ci sono problemi. Buona fortuna. Noi, Raffaele incluso, non dipendiamo da nessuno e il nostro lavoro non c'entra nulla con nessuna delle istituzioni distrutte dal PD. Quindi pensa quanto interesse personale abbiamo nel fare le battaglie che facciamo.
      Saluti

      Elimina
  38. Leggo nel Corriere della Sera Toscana un articolo di Allegranti, che parlando del Valentini cita un pezzo del libro di Bisi " Cenni ha pochi amici, ma fidatissimi. Il migliore è Bruno Valentini" .
    Allora Cenni appoggia Neri, Ceccuzzi dopo averlo combattuto appoggia Valentini,
    i fratelli Monaci si dividono nelle due liste.
    Sicuramente da torraiolo sarò "duro" ma, o è tutto talmente chiaro, oppure io non ci capisco più niente.
    Alessandro Di Piazza

    RispondiElimina
  39. Complimenti a Rodolfo Valentini sindaco di Taverne d'Arbia!
    Per me dovrebbe insediarsi lì o in alternativa a Costalpino.

    RispondiElimina
  40. Il Duomo non ha le ruote ma la Rocca Salimbeni è fatta di blocchi squadrati, facilmente smontabili e impacchettabili. Aspettiamo di sentire cosa dirà il neosindaco (o bi-sindaco) quando il piedistallo di Sallustio Bandini sarà diventato un posto in prima fila per vedere cosa succede in Piazza dell'Abbadia.
    Orazio P.

    RispondiElimina