Cerca nel blog

lunedì 6 febbraio 2012

Barocco e Bisi: che pomeriggio, per la Casta...

 
     Un venerdì pomeriggio epico, quello scorso, per la Casta senese. Alle 17,30, in Palazzo Chigi Saracini (non alla Meridiana a San Miniato...), c'era un appuntamento di concreto, effettivo spessore culturale: la presentazione del monumentale volume "Pittori senesi del Seicento", dello studioso Marco Ciampolini. Il quale ci ha lavorato la bellezza di 12 anni! Posto magnifico, libro di sicuro interesse e destinato a durare, divenendo sin da subito ipso facto autorevole, tanta gente ad ascoltare.
 Peccato per i tre presentatori istituzionali: il Bezzini, Gabriellone tutta Fondazione e il Pinciani (incidentalmente, figlio della moglie di Alberto Monaci, ma ovviamente non è certo diventato vicepresidente della Provincia per questo).
L'eretico doveva smobilitare suo malgrado alle 18, per andare ad ascoltare il Bisi ai Rozzi: posizione inattaccabile, la sua, visto che la stessa, identica cosa l'hanno fatta il Prefetto ed il Questore. Vediamo se qualcuno dice qualcosa...
 C'è stato quindi giusto il tempo di godere per il simpatico duetto preconferenza Buoncristiani-Gabriellone (ormai scontato, nella sua prevedibilità assoluta, visto il risaputo feeling fra i due), con il Vescovo poi rimasto in loco, anteponendo il barocco al Bisi, pur sempre massone; e soprattutto per gustarsi la pantomima del duo provinciale Pinciani-Bezzini, numero due ed uno dell'istituzione provinciale: entrambi ad affannarsi per fare vedere che loro, sì, c'erano alla presentazione, ma avevano lavorato sodo per la collettività fino ad un secondo prima; il giovin Pinciani, addirittura, è arrivato a scusarsi per essere in maglione e non incravattato (modello Marchionne?). Stia tranquillo, giovin Pinciani, stia tranquillo: il disamore del popolino (in maglione o incravattato che sia) verso la Provincia di Siena, non dipende certo da queste formalità, quanto da cose ben più sostanziose (do you remember Cinghialopoli? Anche la Polizia provinciale le braccate non le faceva incravattata...). L'invece incravattato Bezzini, da par suo, aveva il suo bigliettino scritto per l'occasione da qualcuno che non confondesse il barocco con l'arrocco, e sul compitino si è difeso, strappando il seino: il problema sono stati i 2 minuti in cui ha parlato a braccio, prima. 120 agghiaccianti secondi, conditi da 8 "insomma" e da 6 "diciamo". Testimonial perfetto, il Bezzini, per Siena Capitale europea della Cultura...

 Procedamus: dal palazzo del Conte, ai Rozzi; dal barocco al Bisi.
 Tono insolitamente dimesso, nell'altrettanto magnifica Sala degli specchi. Qualche vuoto nelle prime file (non nella primissima: erano già arrivati il Prefetto ed il Questore...). Ultimo cui il conduttore Claudio Giomini ha concesso il microfono, fra i presenti in sala, Roberto Barzanti; il quale - finalmente! - ha fatto un breve, ma secco intervento. Invitando a farla finita con l'autocompiacimento da Siena vincente e, soprattutto, con la sindrome dell'assedio, di continuo richiamata dal Bisi stesso. Uno scatto, un sussulto barzantiano che deve avere sorpreso l'autore del libro "La carica dei 101". Il quale, infatti, presa la parola, ha difeso sì il Sistema Siena, ma con un'enfasi certo differente da quella di altri tempi (nisi fallor, dell'anno scorso). Il paladino del Sistema resta lui, ma in tono appunto dimesso. Almeno venerdì sera.
 Forse perchè eravamo nella Sala degli specchi, e uno - allo specchio - ogni tanto ci si deve guardare?

Ps Mentre gli altri erano affaccendati con la Cultura, Franchino brillava per la sua assenza. Era a spalare il sale? Non saranno mica fondate le voci che lo danno tutto pappa e ciccia con lo Strambi della Nazione?

6 commenti:

  1. Ad un'assise del Pd di qualche tempo fa, questo Pinciani si mise a parlare di meritocrazia nelle nomine. Complimentoni!

    RispondiElimina
  2. http://www.repubblica.it/economia/finanza/2012/02/06/news/fitch_declassa_le_banche_italiane-29450475/
    MPS declassata, la colpa secondo il Carli, sarà data sicuramente a qualche senese disfattista....

    RispondiElimina
  3. W il Pinciani! Quando c'era il Folosone fu colpevolmente trascurato...

    RispondiElimina
  4. " C. S. M. "

    " Che fai, invochi l'intervento della Magistratura? "

    " No: Calvi - Sindona - Mu....i "

    ...tanto sennò 'un si sfanga!

    RispondiElimina
  5. 8 insomma e 6 diciamo,abbiamo proprio un grandissimo presidente della provincia.

    RispondiElimina
  6. cittadino senese10 febbraio 2012 16:16

    Personalmente non provo “simpatia” per Lei ERETICO e nemmeno per Fratello Illuminato, anzi in molte Vostre esternazioni ci trovo della supponenza e una dose considerevole di superiorità per la serie “IO PURO E GLI ALTRI TUTTI DA INQUISIRE”. Poi è avvenuto un fatto, anzi una serie di fatti e lo dico dopo attenta riflessione: una parte della città o meglio una parte (penso e spero esigua) della classe “dirigente” di questa società senese, di questo “sistema” ha tentato in vari modi di delegittimare i vari blog definiti “anonimi” diffondendo anche notizie in città su possibili conseguenze per i cittadini partecipanti.Ora veda gentile “eretico"” io sono antifascista e amo la Costituzione, ho votato per il centrosinistra, ho votato per l’attuale SINDACO e non sono pentito, però , ecco la famigerata parola il però e voglio scriverla GRANDE, PERO’ non posso accettare che i cittadini e le cittadine di SIENA non possano parlare liberamente in modo RISERVATO (loro lo definiscono anonimo).La riservatezza per difendersi da possibili ritorsioni, ma chiedo a tanti illustri uomini e donne di LEGGE che se ne intendono molto più della pochezza culturale di chi scrive, CHIEDO non è forse vero che tanti casi polizieschi sono stati risolti o almeno aiutati da lettere definite “anonime” ma ben circostanziate? Questa è una verità a livello mondiale.Qual’è quel cittadino onesto che vedendo compiere un reato contro PERSONE O PATRIMONIO non avvertirebbe le FORZE DELL’ORDINE? E se lo facesse in modo ANONIMO cioè riservato commetterebbe reato? Via allora! Rispettiamo la Costituzione,rispettiamo la gente di Siena, rispettiamola anche quando contesta la classe dirigente.Ma questa non si chiama DEMOCRAZIA? Mica avrà davvero ragione il sindacalista LANDINI quando si dichiara preoccupato per un lento decadimento dei principi democratici? Allora io dico all'Eretico a anche a “fratello illuminato” , faccia un passo indietro, magari fatti più documentati, critiche legittime ma più circostanziate.Dico a tanti personaggi che hanno ottenuto benefici, per carità pienamente legittimi fino ad eventuale prova contraria, dico a loro: Ma perchè avete tanta rabbia contro questo blog? Avete forse paura? Se avete compiuto tutte le vostre azioni nel pieno rispetto della LEGGE non c’è nulla da temere, anzi dovreste replicare a “fratello illuminato” e all'eretico dicendo, VEDI CARO ERETICO HAI DETTO UNA SCIOCCHEZZA quindi devi chiedere scusa e pubblicare la smentita.C’è infatti da meravigliarsi di certe PERSONE formate in ambienti dove il rispetto per la Persona dovrebbe guidare ogni azione e ogni pensiero che dimostrano invece forte astio in presenza di contestazioni e anche chi formatosi alla vecchia scuola comunista dove la QUESTIONE MORALE era VALORE ASSOLUTO dimostra oggi come minimo insofferenza verso le critiche.Ma avete ascoltato tanti cittadini di Siena? Non solo quelli che frequentano salotti ormai sempre più vuoti, li avete ascoltati? Si è vero qualche volta esagerano dicono cose troppo forti, usano aggettivi eccessivi, ma questo è IL POPOLO, volete far tacere il POPOLO?
    Partecipate al blog, parlate, portate la vostra verità magari le cose stanno diversamente, magari nemmeno c’è la crisi, magari è tutta una invenzione di qualche gruppo complottista venuto da fuori.Magari……..DIFENDIAMO LA COSTITUZIONE E LA LIBERTA DI STAMPA E DI PAROLA

    RispondiElimina