Cerca nel blog

martedì 23 ottobre 2012

Ferdinando Minucci, l'ultimo dei Mussarosauri (I)

  Fateci caso: di fronte al baratro senese, i giornalisti tesserati usano ormai le loro sane cautele. Mussari Giuseppe non si critica, ma la gestione della banca nel passato, un pochino sì (basta non fare il Nome, insomma); Ceccuzzi? Implicitamente si osa accennare a qualche criticità emersa nel brevissimo mandato. Mancini, qualche indiretta critica la raccatta (lo 0,5% di ciò che meriterebbe, peraltro). Ferdinando Minucci, invece, è l'unico che goda ancora del diritto sacrale all'agiografia aprioristica, a prescindere, della quale gli altri hanno goduto fino a pochi mesi o settimane fa, e che di certo adesso gli invidiano.

 Questo blog ha la pretesa (verrebbe da dire l'orgoglio) di avere dimostrato che la Casta senesota non è fatta solo di politici e banchieri per caso, ma anche di altri tasselli, di cui lo sport (non uso più l'espressione latina, ormai sulla bocca di tutti...) è stato tassello fondamentale per alimentare il consenso. Sia il calcio che il basket. Ma mentre la Robur ha avuto varie figure pronte ad avvicendarsi al timone, al basket locale - con un potere via via crescente, fino a diventare totale - nell'epoca mussariana c'è stato solo, solamente e soltanto Ferdinando Minucci.
Il quale, con i soldi (tantissimi) della banca, ha scalato i gradini del potere cestistico nazionale: tale e quale quell'avvocato che conosciamo.
 Uno voleva arrivare all'Abi, e così è stato. L'altro voleva diventare il Dominus della pallacanestro italiana, e così è stato. Entrambi provenienti da carriere diverse, entrambi cresciuti l'uno senza sapere niente di banca e finanza (Mussari), l'altro di basket (Minucci). Da grandicelli, poi, il Fato li ha condotti per vie insperate.

  I giorni scorsi sono stati però giorni intensi ed amari anche per Minucci, l'ultimo dei Mussarosauri: nel silenzio dei media montepaschinizzati (settore basket), la Commissione Giudicante (il II grado, in sintesi) del Tribunale sportivo-cestistico ha chiuso (per ora) quella Baskettopoli che si è fatto di tutto per insabbiare (ne abbiamo già parlato, ne riparleremo a lungo).
Con una sentenza di puro equilibrismo diplomatico (Milano aveva presentato un esposto contro Siena alla Federazione, sbagliando di brutto: doveva andare in Procura), la suddetta Commissione Giudicante ha respinto il ricorso milanese (opposto all'archiviazione disposta dalla Procura federale sull'esposto dell'Armani), ma PER LA PRIMISSIMA VOLTA IN TUTTA LA SUA CARRIERA l'ombra del sospetto grava, per tabulas, nei confronti di Ferdinando Minucci.
La Gazzetta dello sport - ormai quotidiano da bruciare nelle pubbliche piazze senesi - sabato scorso scriveva (a firma di Paolo Bartezzaghi) quanto segue:
"Tuttavia la Commissione ha riconosciuto "un'ipotetica responsabilità disciplinare" del manager di Siena Ferdinando Minucci nelle telefonate intercettate con l'allora presidente del Comitato arbitri Giuseppe Garibotti, indagato nell' ambito dell'inchiesta ora in oggetto di un processo penale in corso a Reggio Calabria. Secondo la Commissione monocratica, "se in tali frasi non si può ravvisare una condotta diretta a condizionare in qualche misura lo svolgimento delle gare, può ritenersi contrario ai principi di lealtà e correttezza il comportamento del massimo dirigente di una società impegnata nei play off che, immediatamente dopo una di tali gare e prima di quella successiva, contatta telefonicamente il massimo dirigente del Settore arbitrale per discutere di quanto svoltosi durante e dopo la gara".
Siamo dopo Gara 2 della finale Scudetto 2008. Il Presidente romano, il costruttore romano Claudio Toti, era entrato negli spogliatoi della gara, a caldo, per protestare? Malissimo, pessimo comportamento: ma Minucci poteva (doveva) fare un esposto in Federazione contro il comportamento scorretto di Toti, invece di chiamare, nel cuore della notte, il "massimo dirigente del Settore arbitrale per discutere di quanto svoltosi durante e dopo la gara".
 Questi sono fatti, messi nero su bianco da un Giudice (sportivo, ovviamente); non opinioni, ereticali o milanesi.
Continua la Commissione Giudicante, riferita a Minucci:
"Non sfugge certamente ad un dirigente esperto e di alto livello (come il Minucci) la circostanza che i rapporti tra Società sportive e dirigenti del Settore arbitrale DEVONO RIGOROSAMENTE SVOLGERSI ENTRO I CANALI DI COMUNICAZIONE UFFICIALI previsti dalle norme regolamentari".
Tra i quali canali, non pare esserci la telefonata all'1,30 di notte...

Ps Ancora una volta: mandate pure i commenti antiereticali (l'eretico è del Costone, oppure altro ancora). Se non sono eccessivamente offensivi, state pur tranquilli che li pubblicherò, come sempre. Vorrei solo fare capire che è l'operato dell'ex bancario Ferdinando Minucci, al centro dell'attenzione, non certo le straordinarie partite e vittorie mensanine. Solo uno che non capisca un'acca di basket potrebbe non avere apprezzato il recente passato mensanino (quest'anno, ancora sono a secco di partite viste). E poi, una volta per tutte, cerchiamo di liberarci da questa faziosità autolesionistica (vista la Siena attuale): uno può benissimo tifare per una squadra, e criticarne il Presidente, specie in certi casi. L'eretico, alcuni anni fa, si è trovato Gran visir del Costone l'ottimo Acampa Giuseppe.
 Si può ragionevolmente dire che gli abbia risparmiato qualcosa perchè - ahimè! -, me lo sono trovato all'improvviso costoniano?   

50 commenti:

  1. Eretico, che di'? non era giocatore di basket da giovane? per il resto, ok!

    RispondiElimina
  2. Eretico ... ma chi se ne frega ... i problemi sono ben altri, qui si rischia il posto di lavoro. E (Gavinone dixit) dentro alla banca e societa' limitrofe continua imperterrito lo sciatto dei quattrini ed il potere dei raccomandati incapaci. Preoccupiamoci di portare a nudo queste "strane" situazioni e se ci riusciamo a sistemare queste ... poi ci si preoccupera' del futile ... ma solo "se".

    RispondiElimina
  3. Noto, con vivo piacere, che ancora latitano i commenti classici sugli articoli sul Minucci ("arrivano gli sformati... eretico a questo giro hai pisciato di fuori"...).

    Al primo anonimo: non so se Minucci abbia un passato da cestista (di certo assolutamente non rilevante, comunque), sicuramente ha saltato tutta la trafila che viene fatta di solito da un dirigente normotipico.

    Al secondo anonimo: "i problemi sono ben altri". Se leggi il blog ogni giorno, lo vedi infatti molto bene.
    Ricordiamo comunque, ancora una volta, che Minucci è parte integrante del gruppetto di virtuosi che ha fatto collassare il Sistema Siena: lui alzava al cielo coppe su coppe, e le cose, intanto, andavavano come andavano. Vogliamo poi fare un discorsino sulle sponsorizzazioni?
    Se poi non ti vanno bene gli argomenti proposti, cambia pure blog: qualche migliaio di lettori credo rimarranno lo stesso fedeli...

    L'eretico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Permalosetto se ti si fa notare che un altro blog da notizie con piu' focus sul cosa accade al momento ...

      Elimina
  4. Non lo so se MInuccvi ha giocato a basket da giovane però a me risulta abbia giocato con altre cose. C'entra sempre il MOnte

    RispondiElimina
  5. se eri una donna avevo trovato l'anima gemella

    lui ha gestito 18 milioni all'anno per dieci anni, ne ha spesi 10 all'anno (forse) gli altri 80 hanno alimentato un settore della corte locale, sempre per il consenso.
    chissà se accertamenti fiscali ne faranno mai...

    RispondiElimina
  6. Per completezza dell'informazione ti invio la lettera del procuratore Alabiso integrale, che magari è giusto leggere. Si può ovviamente trovare in ogni sito di basket serio. Non so se oggi la Gazzetta ha pubblicato questa lettera integrale, ovvero l'intervento del magistrato che ha indagato. Ieri non lo aveva fatto, come se Arturi avesse scritto LA verità e non la SUA verità. Per il resto che ognuno giudichi con la sua testa. Di seguito la lettera del procuratore federale Roberto Alabiso scritta all'indomani dell'articolo della Gazzetta.
    Mirko

    INTREVENTO DEL PROCURATORE FEDERALE ALABISO, NON UN TIFOSO
    Non esistono segrete nei Palazzi romani, né dependance ad assetto geografico variabile. L’aria che si respira nelle stanze della Giustizia Sportiva della Federbasket è quanto mai salubre e per nulla rancida o maleodorante. In più di venti anni in Fip il sottoscritto, passando attraverso tre Presidenti e due Segretari Generali, ha sempre visto riconosciuto come limpido il proprio operato, svolto sempre in maniera specchiata e cristallina. Quanto riportato in alcuni commenti pubblicati sulla Gazzetta dello Sport a firma Franco Arturi non solo non possono non provocare il mio sdegno nei confronti di tali e tante imprecisioni che rasentano la mistificazione dei fatti, ma mi spingono anche a dover replicare per il bene della verità, ovvero ciò che sempre deve perseguire il Procuratore Federale nelle vesti di Pubblico Ministero.
    Nel commento alla vicenda Milano/Siena pubblicato domenica scorsa 21 ottobre si legge che “la Commissione Giudicante, in secondo grado, da una parte smentisce il lavoro del Procuratore Alabiso …”. Falso: la Commissione Giudicante, in data 19 ottobre ed in composizione monocratica, ha rigettato in toto il ricorso di Milano confermando, in sostanza, quanto deciso dalla Procura con l’archiviazione dell’indagine. Non esiste dunque attività fraudolenta o illecita di condizionamento e ciò non fa che accogliere in maniera completa le tesi della Procura Federale.
    Va da sé che Milano non può in alcun modo vedersi “riconosciuta buona parte di fondatezza del suo esposto”. Quanto all’ipotesi formulata dalla Commissione Giudicante, in composizione monocratica, è e rimane una valutazione personale che io rispetto ma che, secondo quanto emerso dal lavoro svolto dalla Procura, non ha trovato alcun riscontro certo.
    “Si scopre solo tre anni dopo che c’erano gli estremi per un rinvio a giudizio: perché non si è voluto indagare a fondo fin dal 2009, evitando i rischi della prescrizione che è un modo per definire la sconfitta di un sistema?” si legge nell’articolo di Arturi. Ebbene, le indagini sono state condotte con scrupolo non solo da noi ma dalla Procura di Reggio Calabria, che non ha ravvisato, all’epoca, elementi utili per configurare reato di frode. Prova ne è il fatto che le numerose persone ascoltate sono state solamente lambite dall’indagine.
    In quanto alla presunta scarsa o nulla serietà dell’inchiesta giova ricordare come il sottoscritto abbia percorso l’Italia in lungo e in largo per ascoltare, come riportano altri quotidiani sportivi, ben 14 persone. E’ stato dunque fatto quanto in nostro potere per il corretto svolgimento dell’inchiesta e vale la pena ricordare come la Procura Federale abbia concluso la stessa nell’arco di 60 giorni anziché nei 90 previsti.
    Compromessi politici non sono mai stati fatti. Mi corre l’obbligo di ribadire, con forza, l’indipendenza, l’autonomia e la terzietà dell’intera Giustizia Sportiva in generale e di quella della Federbasket in particolare facendo riferimento alle parole del Presidente del Coni non più tardi di qualche giorno fa: occorre rispettare i giudici, gli arbitri e quanti sono preposti al rispetto delle regole, altrimenti sarà solo caos.

    Roberto Alabiso
    Procuratore Federale

    RispondiElimina
  7. Scusate non c' entra nulla con questa notizia ma quando notiziole sulla nostra asl 7 e sul suo DG in corsa carrieristica ?
    Mi sembra che vi sia troppa quiete..... Forse prima della tempesta ?

    RispondiElimina
  8. Minucci non ha mai giocato a pallacanestro e prima di fare il suo ingresso nella Mens Sana era totalmente a digiuno di questo sport. Nel primo o secondo anno della sua gestione (1992?) capitò a Siena la nazionale (sia Senior che Juniores). Allora per gli appassionati senesi che si erano sorbiti anni di B e "squadroni" come Roseto, Porto S. Giorgio e Campobasso fu un evento eccezionale. Durante gli allenamenti degli azzurri assistei in prima persona a un episodio imbarazzante: un allenatore delle giovanili Menssanine dovette fermare Minucci e presentargli ufficialmente l'allora allenatore della nazionale Juniores perchè FM non sapeva nemmeno chi fosse quel tizio che gli era sfilato un paio di volte accanto.
    Comunque, qualcuno (forse l'Eretico) sa il VERO motivo per cui Minucci ha "lasciato" MPS per dedicarsi anima e core alla palla a spicchi? Cioè, oggi sarebbero in tanti a farlo, ma allora la Banca godeva di sana e robusta costituzione, mentre la Mens Sana faticava a trovare sponsor e faceva il possibile con giocatori come Vario Bagnoli e Ezio Battistella. Sulla questione circolano da anni tante voci...

    RispondiElimina
  9. Caro Eeretico non sono d'accordo sul discorso della gazzetta dello sport: primo perchè la gazza non deve essere considerata il verbo e poi, perchè non hai riportato anche la presa di posizione del procuratore federale che smentisce proprio la gazzetta? sarai mica te in malafede???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo,
      per me il Verbo non è nemmeno di colui che morì in croce, figuriamoci della rosea.

      Il Procuratore Alabiso ovviamente difende il suo lavoro, come è giusto ed inevitabile che sia (e ho pubblicato il commento con il suo intervento molto volentieri); ma i fatti - ripeto, i fatti - censurati della Commissione Giudicante sono acclarati.
      In soldoni, senza girarci tanto intorno e focalizzando (per ora) solo su questo: a voi sembra fisiologico che un Presidente di una squadra telefoni alla massima autorità arbitrale all'1,30 di notte, e non per parlare del cielo stellato? Se l'avesse fatto un altro Presidente e a Siena si fosse saputo, nessuno avrebbe detto niente?

      L'eretico

      Elimina
    2. strano però caro eretico , e pure di basket un pochino ne hai macinato negli anni ( quando eri impegnato a offendere i giocatori provenienti dalle giovanili menssana) , e dovresti sapere che i presidenti quando le cose con gli arbitri non vanno il telefono lo usano....dovresti saperlo visto che un presidente che aveva il doppio ruolo in una società e poi in fip lo conosci no? Dovresti altresì dire che minucci si preoccupò all'epoca visto che TOTI entrò a forza nello spogliatoio degli arbitri e all'epoca toti era culo e camicia con gente che in fip contava sia come ex dirigente che come politico....ma te ometti, come ometti che alabisio ha detto che ci sono state due inchieste con questa e che la PROCURA di reggio calabria non ha nemmeno mai considerato minucci come minimamente interessato all'inchiesta tutta interna al sistema arbitrale! Sarai mica te che hai mandato il plico anonimo a MILANO a PROLI, esponendolo cosi ad una figura nei confronti di tutta l'italia cestistica? Ometti , come ometti le decine di imprenditori senesi che vantano crediti verso il siena calcio, cosa che non succede alla menssana, ometti che mps oltre alla sponsorizzazione in questi anni con la robur ha dovuto coprire milioni e milioni di debiti, ometti sempre al siena calcio dipendenti che riscuotono ogni 5/6 mesi.Minucci prima di fare il dirigente sportivo un sapeva cosa era il basket? e che è un reato? anzi, se uno che non sa niente arriva dove è arrivato lui in base AI RISULTATI SUL CAMPO sono un merito non una colpa! Le menssana, anche se a te da fastidio , ha portato in giro per l'europa il nome di siena, anzi lo ha portato nel mondo anche di recente, è attualmente l'unica cosa sana che abbiamo in città, l'unica con i conti a posto, si, cari, perchè i bilanci sono pubblici, basta guardarli, un so spariti soldi, so spariti semmai quelli che ci volevano mangiare alla menssana e un gli è riuscito. Caro Eretico, nel mondo reale ci vogliono i FATTI non le chiacchere, non le ipotesi campate in aria o sui sentito dire! con le ipotesi si prendono querele e si deve anche PAGARE, per fortuna ( o purtroppo ) in italia ci sono ancora i tribunali che decidono cosa è giusto o sbagliato, non i blog o i gossip ......

      Elimina
  10. caro eretico sono d'accordo con te, minucci incarna esattamente il prototipo di quello che si riusciva a fare ( e ancora forse si riuscira a fare) a siena muovendosi in modo accorto e con pochissimi scrupoli fra gli anfratti piu bui del sistema siena

    RispondiElimina
  11. http://www.sportando.net/ita/italia/serie-a/45121/alabiso-risponde-l-aria-che-si-respira-nelle-nostre-stanze-e-salubre-e-non-rancida.html

    RispondiElimina
  12. Eretico se vuoi sapere qualcosa di primi passi Minucci nel basket devi chiedere ai vecchi presidenti della MENSANA tipo ROSSI e CIUPI loro ti saprebbero raccontare tante cosine, te lo dico per certo.

    RispondiElimina
  13. a me sembra che sull'argomento in questione la miglior risposta l'abbia data il procuratore federale dottor Alabiso nel comunicato fatto l'altro ieri; chi vuol capire capisca....

    RispondiElimina
  14. Sulla via di Damasco-


    Infatti all'Eretico va il grande merito di aver capito prima di altri (non prima di me, perché io lo avevo capito già in tempi non sospetti...anni e anni prima dell'Eretico)che la Casta, e tutto il suo indotto, è fatta anche di altri "tasselli" fondamentali per "alimentare il consenso" senesota: il calcio, la Mens Sana..e io aggiunngo il Palio.
    Ma soprattutto il merito gli va riconosciuto perché, come è noto, l'eretico Raf in realtà non nasce eretico ma ingranaggetto senesissimo del sistema senesota, contradaiolonoe, sportivo tifoso, provincialotto, senesissimo fino al midollo (chi lo conosce da tempo lo può confermare). Non è mai stato un anticonformista, né un ribelle, ma uno che delle convenzioni senesi faceva il suo stile di vita (come quasi tutti. Per carità, nulla di male. Quello che stupisce, invero, e che viene da chiedersi e da chiedergli (ma tanto non risponderà, se lo conosco....)è: com'è possibile che si sia verificata questa folgorazione sulla via di damasco, che lo ha condotto a diventare quello che è oggi..e che fa di lui uno dei miei supereroi preferiti? Dopo Bruce Wayne, s'intende.

    cordialmente
    BK

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, Eretico, proprio bene bene non sei partito ma hai fatto progressi. Ed hai ampi margini di miglioramento....

      Elimina
  15. Non sono un castista, tutt'altro. Tifo mens sana ma non in maniera viscerale, sono molto più legato alla Robur. Minucci, per quel poco che conosco, mi sta abbastanza
    antipatico.
    Tuttavia, onestamente, quando l'eretico tocca questo argomento non sono quasi mai d'accordo con quello che scrive.
    La Gazzetta è un organo limpido ed indipendente più o meno come il Corriere di Siena: viene palesemente utilizzato da piazze tipo Roma o Milano come strumento di propaganda. La mens sana, negli anni, ha costruito una squadra vincente spendendo molto, si, ma spesso meno di Roma, Milano e a suo tempo Bologna.
    Dopo quasi 10 anni di dominio è normale che gli altri cerchino di utilizzare altri mezzi, oltre che quelli sul campo, per cercare di incrinare lo strapotere.
    Minucci è potente in Lega, sicuramente, come lo è ogni presidente delle squadre più forti in Europa. Può avere sbagliato a chiamare alle una e mezzo di notte, ma leggendo la trascrizione dell'intercettazione (TUTTA, non solo la parte pubblicata dalla rosea), si evince chiaramente la totale insussistenza delle accuse.
    Può stare antipatico, ma quantomeno ha speso bene i soldi dati dal babbo.
    Sarei curioso di sapere che sarebbe successo se ci fosse stato "un Minucci" a capo della Fondazione, dell'Università, del Comune o della Robur.
    Chissà, saremmo stati la città più antipatica d'Italia, ma magari qualcosa si sarebbe salvato...

    Saluti,
    Michele

    RispondiElimina
  16. Quando la smetteranno i senesi di fare i servi e i vassalli?
    Questo complesso d'inferiorità per i potenti, nato per volontà del Sistema fondato dall'ex sindaco Piccini, ha distrutto una popolazione una volta orgogliosa e non disposta a piegare la testa.
    Oggi tutti prendono in giro i senesi, prima Piccini, poi Cenni, poi Ceccuzzi, poi Monaci, poi Mancini, poi il PDL, poi anche Minucci.
    Vorrei ricordare che queste persone erano pagate, e molte pagate bene, per fare il bene della Comunità; quindi se hanno ottenuto qualche risultato, con i soldi dei cittadini, non hanno fatto che il loro dovere e c'è solo da dire loro bravi, senza altro aggiungere.
    Se invece hanno fatto male, come sembrerebbe visto lo stato della Città, oltre a dare loro un bel calcio nel c..o (chiaramente simbolico), sarà bene valutare se ci sono comportamenti da perseguire penalmente e civilmente.
    Basta con creare miti e fenomeni, oppure cerchiamo di spostare il tiro da sportivi, fantini e politici ambiziosi (che hanno banchettato anche troppo con i soldi dei senesi)a scienziati, persone impegnate nel sociale o cose similari.
    Solo così Siena potrà uscire da questa mediocrità nella quale è finita.

    RispondiElimina
  17. La Mens Sana ha iniziato a vincere prima che il mussari diventasse presidente della banca...e il minucci è diventato gm quando il mussari forse non era nemmeno a siena, o se c'era faceva ancora l'avvocato.mi sembra che trasparisca un po' di invidia nel tuo articolo. forse mi sbaglio

    RispondiElimina
  18. Guardate che di cosine anche il sior Minucci ne ha padellate tante. Chi ha un po' d'occhio in queste faccende unito a un tantino di onestà intelletuale non può dimenticare i milioni spesi in un settore giovanile che ha tirato fuori in 20 forse un giocatore da serie A. Per non parlare di un triennale a un ormai 35enne Myers, o un pacchi di soldi pagati per giocatori che bolliti.
    Tutto questo per dire che, salvando la gloria cestistica di cui tutti abbiamo goduto, con i soldi che ci sono stati si poteva mandare anche l'acqua all'insù.
    Ora vediamo se il signor Cappellone sa fare il suo mestiere, ora bisogna trovare giocatori buoni da scoprire e che costano il giusto, proprio come fanno nell'odiata Cantù dal quale abbiamo attinto a piene mani.

    RispondiElimina
  19. Luca Scarselli24 ottobre 2012 15:45

    In effetti questa volta mi pare che l' eretico abbia un po' toppato. Tutte le volte che parla di Minucci e della Mens Sana si nota un' acredine che non gli fa onore. Poi, a furia di scrivere cazzate, se qualcuno vince le querele non si lamenti. Mi pare che un po' più di informazione lo preserverebbe da questi scivoloni.

    RispondiElimina
  20. Scusa Eretico, ma ti stai contraddicendo con quanto scritto nel libro.lì accusavi Minucci di aver concordato con Roma (Veltroni addirittura se non erro) di perdere gara 4 a Roma di quella serie scudetto, mentre ora contesti il fatto che sia sia preoccupato telefonando al capo degli arbitri, per avere garanzie sulla trasferta romana. allora qual'è la verità? diciamo che come spesso ti accade, non hai le idee molto chiare e ti contraddici, forse accecato da chi sa quale rancore.

    RispondiElimina
  21. Caro Eretico parliamo di fatti: hai giustamente messo in maiuscolo "i rapporti tra Società sportive e dirigenti del Settore arbitrale DEVONO RIGOROSAMENTE SVOLGERSI ENTRO I CANALI DI COMUNICAZIONE UFFICIALI previsti dalle norme regolamentari".
    Il punto è questo, la telefonata c'è stata ed il perchè lo ha riassunto bene.
    La telefonata è stata fatta a seguito dell'irruzione del presidente Toti nello spogliatoio arbitri (per irruzione si parla di cose come porta aperta a calci) in cui lamentava nemmeno troppo velatamente un arbitraggio secondo lui troppo di parte. Lasciando da parte la giustezza del discorso su cui si potrebbe discutere per settimane la telefonata del Minucci avvenne quando seppe dopo tempo di questo fatto totalmente irregolare (i presidenti possono parlare con gli arbitri solo se c'è anche la controparte). Sicuramente è una violazione del regolamento ma secondo lei è meno grave di quella di un presidente che sfonda la porta degli arbitri e a cui nessuno ha detto nulla? Di questo si sta parlando.
    Nel discorso consideri che si era nei playoff, quindi con partite ogni due giorni, ergo se fai l'esposto agli interessati questi lo valutano a campionato finito come minimo e se poi ti dicono che hai ragione ma gli arbitri sono intimiditi durante le partite è una consolazione buffa.
    Le cose andrebbero un attimo contestualizzate perchè altrimenti io potrei scrivere che Monti ha fatto un colpo di stato e via.
    Ora la mia domanda è: se è così interessato a questa vicenda a quando il post sul fatto che Toti non è stato messo sotto inchiesta per quello successo e il Minucci si per una cosa che, spero concorderà, è un bel pò meno grave.
    Aspetto risposta, grazie
    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cari lettori,
      vedete bene che ci sarebbe da rispondere almeno a 7,8 domande, oltre che replicare a chi va giù duro (e io lo pubblico lo stesso, anche se è anonimo, senza tante lagne...).
      L'avrei fatto lo stesso, ma a questo punto in settimana prossima un altro pezzo minucciano mi tocca proprio farlo.
      Solo una cosa, per ora: magari volessi difendere Roma o Milano o chi altri, specie se prezzolato all'uopo.
      Chi si è arricchito - e parecchio - con il basket, state pur tranquilli che non è il sottoscritto.
      Alla prossima, comunque.

      L'eretico

      Elimina
  22. Domanda n°1 : il Minucci ha fatto una cosa fuori dal regolamento e dai normali canali di giustizia sportiva? Risposta si!
    Domanda n° 2: la Mens Sana con il Minucci presidente ha usufruito di favori arbitrali, rubato scudetti ecc. come te pensi? Risposta no
    Domanda n° 3: il Minucci,. come te pensi, è un personaggio border-line nel mondo del basket, all'interno di questa povera città ridotta in macerie da una classe dirigente pietosa? Risposta forse
    Il mi figliolo gioca nel Costone così forse ci si vede a qualche partita. Un saluto
    Paolo Corsi

    RispondiElimina
  23. Gnamo eretico questo parallelismo fra Mussari e Minucci non regge proprio. Entrambi hanno raggiunto i loro obiettivi, come dici te, ma uno ha lasciato dietro di se le macerie mentre l'altro la bacheca piena e i bilanci sani. Dai, non ci prendiamo in giro, è una forzatura.
    Sulla telefonata notturna di Minucci poi, che ti devo dire Toti aveva appena fatto irruzione nello spogliatoio degli arbitri, se ti pare una cosa normale... E la guerra è guerra.

    RispondiElimina
  24. Tra l'altro, da ex (e prima in assoluto) hostess della Mens Sana posso vantarmi di aver sentito dire il Minucci a me stessa medesima nel 1992 che lui "di basket non capiva niente" quindi avrebbe controllato il chiamiamolo "operato" di noi hostess per tutta la durata della partita... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SuperGiuliaaaaaa, finalmente sono arrivati i rinforzi! Benvenuta nel blog,spero che tu ci rimaga a lungo. T'aspettavo come l'acqua dopo una lunga stagione di siccità. Qui c'è bisogno di superdonne come te per rimettere in riga il misogino Eretico.

      chediotibenedica

      BK

      Elimina
  25. Confermo, anche per me Rossi e Ciupi hanno visto (e sentito) cose che voi umani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si davvero, c'è da idolatrarli il Rossi e il Ciupi, se ci rimanevano un'altro pochino a quest'ora la Mens Sana giocava in promozione

      Elimina
  26. Certo che fare il GM (PADRONE) del Baccellaio con i QUATRINI della Banca potrebbero essere buoni in tanti, metteri QUATRINI come il ROSSI o il CIUPI mi sà che a Siena ce ne siano pochini.
    PS.Ma tutti questi fenomeni da TASTIRA dove erano quando la Palla a balzello giocava nelle infime categorie, un po come è successo quando la Robur è salita in seria A a sentire certi personaggi loro erano anche a vedella a Cannara (PG) peccato che ancora se la facevano nelle mutandine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se si ragiona in questi termini allora nel calcio l'Inter avrebbe dovuto vincere 800 scudetti.....
      In quanto al fatto che il Rossi e il Ciupi hanno speso di tasca loro x la Mens Sana beh, lasciamo perdere, il 1 di Aprile è ancora lontano, hanno lasciato un buco degno di coloro che hanno amministrato la città in questi ultimi anni

      Elimina
    2. Sinceramente sei sicuro che il Rossi e il Ciupi come gli altri prima di loro ci siano entrati solo per passione? Una partita di giro, Te garantisci il basket e io lavoro con le tue aziende.....gnamo gnamo ... io ero fra quelli che andavano a Vigna di Valle che si facevano tutti dico tutti i campi della serie cadetta, ero di quelli che attaccarono l'ingresso di Minucci come GM, in quel momento credevamo di avere ragione comunicati, incontri con i dirigenti.....Minucci ha dimostrato con intelligenza e lavoro di meritarsi quel posto...l'unica differenza epocale e lui l'ha sempre detto è stato l'ingresso diretto della Banca come sponsor, ma chi lo ha preceduto ha avuto comunque sempre le spalle protette dalla banca....io non sò cosa avete visto voi, altri umani, non sò cosa vogliate continuare a vedere, ma talvolta è solamente un discorso di incastri, l'uomo giusto al momento giusto, le mire di Minucci in crescita come manager e la scelta di una Banca (allora ancora sana, almeno in buona parte) di investire nel basket direttamente garantendo l'immagine dello sponsor. Molti non si rendono conto del lavoro svolto, il basket era in rottura con la polisportiva, assemblee feroci, scontri verbali, era un momento molto difficile, i dirigenti di allora di entrambi le parti (è bene ricordare a molti che la polisportiva e la Mens sana Basket non sono la stessa cosa)non riuscivano a trovare una convivenza sportiva, Minucci è riuscito con l'aiuto di Ricci presidente della polisportiva a ricreare l'ambiente ideale per collaborazione ed intenti, ogni tanto è bene ricordare le cose fatte bene, caro Eretico l'ho già espresso in altre occasioni, fino a che riesci a non essere fazioso sei una lettura piacevolissima e interessante....poi Ti perdi.....un saluto e buon lavoro...

      Elimina
  27. Il parallelo dell'Eretico è perfetto: Mussari e Minucci sono diventati dei grandi in tutta Italia per mire di potere personalistiche. Però con i soldi di una banca dissanguata fino all'ultimo centesimo. Bravi senesoni continuate ancora a battergli le mani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il solito teorema. Date ai senesi il calcio, il basket, il Palio e loro vi daranno il consenso. E uomini avidi di potere costruiranno i loro imperi su questo consenso.

      si salvi chi può

      BK

      Elimina
    2. cosa c'entri il Palio in questa vicenda poi Dio solo lo sa

      Elimina
    3. ...c'entra perché anche il palio, così come le contrade, è da considerarsi instrumentum regni. Ma di questo si è già parlato a lungo in questo blog.

      Elimina
  28. RIPRENDIAMOCI SIENA
    Un saluto a Beatrix (che ancora deve rispondere ad alcune domande su altri miei post, no problem) e Giulia, e tutte le signore che scrivono qui.
    Sono reduce da un po’ di giorni in trasferta, tanto per restare in tema, ma non cestistiche, ma per lavoro.
    Mi sono riposizionato qui dentro e, mentre mi aspettavo affondi e stoccate, trovo un po’ di “notiziole” che, secondo me, hanno poco a che fare con il "core business" dei problemi senesi.
    OK, OK Minucci sarà quel che sarà, ma sempre secondo me, che seguo il basket da tempo (a quei tempi di bianchi con i riccioli rossi c'era solo "Charlie" Caglieris, Stonerook è arrivato quasi 30 anni dopo) sono sicuro che sia stato, ed è tuttora, ne più ne meno quello che sono stati altri DG vincenti sia nel basket che in altri sport.
    Se poi a Siena si deve, per forza, trovare il modo di fustigarsi perchè vogliamo farci del male anche nelle cose che hanno anche un minimo risvolto positivo, allora OK, mettiamo in croce anche il Minucci.
    Francamente preferirei cento volte mettere in croce tanti altri prima di lui.
    L'avessimo avuto a Treviso uno come lui, magari ora saremmo ancora in vita e, probabilmente, con qualche scudetto in più.
    Invece con tutto quel ben di Dio che c'è/c'era da quelle parti, la Ghirada, il Palaverde e tutto ciò che di buono è stato fatto, (pure li c’è una Fondazione, la “Fondazione Benetton”) ora non esiste più ne il Volley, ne il Basket (almeno a livelli nazionali), è rimasto solo il Rugby, ma che da quelle parti (scusate la bestemmia, e volendo citare solo a titolo di esempio per importanza locale, e non per valore intrinseco) è un po' come il Palio per Siena.
    Quindi se uno sport doveva restare a livelli alti poteva essere solo quello.
    Certo dipende anche dalla crisi e dal'addio dei Benetton, ma forse, se si fosse vinto di più, sarebbero arrivati anche altri sponsor.
    Ma torniamo a Minucci.
    Diciamo che sia stato in grado di spendere molti soldi, perchè molti soldi sono passati dalle sue mani, ma credo che se andiamo a fare i conti, Roma, Milano, Bologna, la stessa Treviso hanno avuto budget ben più corposi e, sicuramente, in cambio hanno avuto molto meno, o sbaglio?
    In definitiva se una squadra ha vinto 6 scudetti di fila, non credo che dipenda solo dai soldi (altrimenti quanti scudetti di fila avrebbe dovuto vincere la Juventus di Agnelli/Moggi o il Napoli di Ferlaino/Allodi, con Moggi li ad imparare e con Sponsor come CIRIO, SONY, DANONE, FASTWEB solo per citarne alcuni)
    Se poi vogliamo paragonare i soldi spesi e i risultati ottenuti dal Minucci, chissà, magari ci sarebbe da chiedersi se fosse stato Sindaco, o al posto di G.M. alla Fondazione, o di G.M. alla Presidenza di BMPS (che strano, anche le iniziali sono le stesse, oltre che i risultati) cosa sarebbe successo.
    Secondo me, Siena non fa eccezioni, "nessuno è profeta in patria" e qui lo è ancor meno.
    Allora caro Eretico, ti chiedo, ma perchè non ti lanci contro qualche Dirigente di Contrada o torni a sparare contro quelli che hanno fatto il male di Siena e non hanno prodotto niente di buono, almeno il Minucci qualche scudetto lo ha attaccato, come si attacca il "Cencio", e se qualcosa gli è restato in tasca, diciamo che abbia fatto come il fattore che fa stare tutti contenti, el paron e anco el contadin, ma alla so casa non manca mai el bon vin.
    Dai Eretico, non fare come i giornali di Siena che quando c'è tempesta o notizie serie di cui parlare, fanno 3 colonne sul furto delle vacche a Scheggiolla.
    Un saluto cordiale e un sorriso
    GC

    P.S.
    Solidarietà con il Santo che, forse, ha deciso di appendere la tastiera al chiodo a causa delle bellissime leggi sulla "libertà di stampa" inteso come DDL 3491.
    A proposito, ma te che ne pensi?

    RispondiElimina

  29. Vedo che da viale Sclavo aggiornano con buona continuità, come è giusto e prevedibile.
    In attesa del prossimo pezzo, vorrei che si restasse all'oggetto del contendere: la telefonata all'1,30 di notte.
    Del Rossi e del Ciupi, qui davvero niente ci interessa: certo che avranno avuto il loro tornaconto a prendere in mano il basket senese, ma 2 o trecentomila lire forse ce le avranno messe nell'impresa, no?
    Qualcun altro risulta che ci abbia solo guadagnato, usando il forziere montepaschino. E questo solo per stare ai dindini.
    Per il resto, chi vivrà vedrà.

    L'eretico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e certo, facile rispondere a quello che fa comodo e con dossier degni di un libro di asimov....vero? Minucci mi risulta riscuotere uno stipendio , non è un imprenditore, quindi cosa ci deve mettere di soldi se non quelli di babbo monte? e ripetiamo caro eretico, soldi che hanno fruttato, e non lo dicono i pretoriani del minucci, ma l'europa del basket che portano siena ad esempio come modello funzionante e redditizio .....non c'è peggior sordo di chi non vuole ascoltare vero? Rossi e Ciupi un ti interessano ma che hanno portato la menssana sull'orlo della sparizione per te è un particolare da non considerare? MInucci l'ha portata ai vertici, loro alla quasi sparizione....Ci ha guadagnato? e che lo doveva fare gratis di lavorare 20 ore al giorno in viale sclavo? Ripeto parla dei soldi SPARITI e mai tornati indietro anche come immagine per la città dal calcio cittadino.....oppure da via mencatelli ti hanno ordinato di non farlo?

      Elimina
    2. giusto Eretico, forse i 2 suddetti signori 2 o trecentomilalire ce le avranno messe, forse

      Elimina
    3. RIPRENDIAMOCI SIENA
      Un saluto, in effetti sono uscito fuori tema pure io, la telefonata!!!
      Ok Eretico..!
      Leggendo i documenti che ho trovato, e quindi limitandomi ai fatti, ho trovato che la telefonata, forse inopportuna, era lo sfogo di un presidente che temeva di vedere un film già visto, dopo la "scenata" di Toti.
      Nota bene, non mi importa di Minucci, ma se al suo posto fosse stato un altro, avrei commentato allo stesso modo.
      "Vis pacem para bellum..." quindi se voglio la pace, preparo la guerra, anche all'1,30 di notte.
      E poi, non ci interessa perchè non sono Senesi, ma i vari Lo Tito, De Laurentis, e lo stesso Elkann, mi pare che non si risparmino, e telefonate a parte, che non sappiamo se ci siano state, mica stanno zitti.
      Boh, comunque fai te.
      Per me il caso è chiuso qui, penso che ci siano cose più importanti.
      Sicuramente BMPS ha dato tanto e ha ricevuto poco, se non altro dallo sport, ha ricevuto almeno una vetrina positiva e vincente.
      Lo stesso non si può dire per altre persone che lo dovevano rappresentare pubblicamente, e non sto a fare i soliti nomi.
      E poi, avremmo preferito un altro spot miliardario come quello che fu fatto con il compianto L. Pavarotti? Forse di quello non se ne ricorda più nessuno, ma il logo di BMPS che è nel basket o nel calcio lo vedono tutti (e non credo che fatte le dovute proporzioni che i costi siano stati molto più alti, tenuto conto che i 6 scudetti consecutivi resteranno nella storia con il nome di BMPS)
      Anyway, concordo con la simpatica Beatrix, date al popolo il divertimento e vi farà re (che poi altri non è che il vecchio "Panem et circenses" usato dai Romani oltre 2000 anni fa).
      Insomma Eretico non è che hai alzato questo polverone per lavarti le mani da cose più "piccanti", guarda che oggi hanno messo in liquidazione, o quasi, la "aereoporti di Siena", con grandi lacrime da parte della dirigenza della Provincia.
      Dico io, vogliamo farci scappare 'sta notizia? Non spari qualche bordata come si deve?
      Aspetto fiducioso.
      GC

      Elimina
    4. Non capire il significato "politico" del ruolo di Minucci, vuol dire non avere capito molto del Sistema Siena.
      Che i soldi montepaschini siano stati sperperati anche in altri rivoli molto meno vittoriosi, nessun dubbio: ma sempre gli stessi personaggi, sono stati quelli che hanno smazzato milionate (o miliardate) di euro. Se ne gustano, giorno dopo giorno, i fecondi risultati.

      L'eretico

      Elimina
    5. RIPRENDIAMOCI SIENA
      Ok finalmente, ora si che sei stato chiaro.
      Se volevi dire che Minucci è stato uno di quelli che ha elargito "panem et circenses" per conto di un sistema Siena, allora ok, siamo daccordo. Allora ha ragione Beatrix, la tiro sempre in ballo perchè parla meno di me ed è più tagliente (del resto è una donna, quindi meno chiacchiere e più fatti): PALIO, CALCIO, BASKET e la gente è felice. Quindi Minucci come strumento del potere che ha fatto stare buoni i Senesi con i soldi di BMPS "that's all folks".
      Ma per essere "politically correct", non ricordo più se si scrive così, allora parliamo anche delle 17 contrade, che a Siena contano più del Basket e del Calcio e i cui dirigenti si spartiscono favori e poteri, oppure non è così? (se non erro, anche li sia BMPS che il sistema politico fanno la loro parte, e tra l'altro tra cene, cenini e sottoscrizioni volontarie i cittadini/contradaioli vestono il ruolo di sponsorizzatori/sostenitori). Comunque, messaggio recepito, ora ho capito l'intenzione della tua chiosa, almeno spero, e da parte mia stop.
      Ma un proverbio consentimelo:
      CHI VA AL MARCA' CO POCHI SCHEI, LI SPENDE MAL
      (cosa che qui ha fatto eccezione perchè sono stati spesi male tanti tanti schei)
      Viva l'Eretico, con stima.
      GC

      Elimina
    6. Sicuramente gli ex Rossi e Ciupi qualcosa hanno speso, forse non mi sono espresso bene, era allora il modo per garantire il basket biancoverde quello di interessare imprenditori da parte della banca....forse alcuni di loro mai avrebbero pensato ad immischiarsi nel basket senza la "spinta" giusta....con questo per me Rossi e Ciupi sono stati comunque dei Signori.

      Elimina
  30. scusate eh, ma di cosa stiamo parlando? di una telefonata ritenuta ininfluente e già stata a suo tempo archiviata dal procuratore federale? ma argomenti un pò più seri ce li avete?
    e poi cosa c'entra l'esposto di Milano su questa vicenda che riguarda una partita tra Siena e Roma? non è che gli amici milanesi, siccome in questi ultimi anni hanno rimediato cenciate su cenciate, come si dice dalle mie parti, s'attaccano ai muri scialbati?

    RispondiElimina
  31. Alcuni senesoni tutti MensSanona, Sienona Calcio e Palione nei commenti a questo post hanno parlato di bilanci sani, sani un cazzo la Mens Sana ha 24 milioni di euro di debiti e il Siena Calcio 108, ma l'avete capito che sono 50 miliardi e 100 miliardi di lire, cifra fuori di testa o siete tutti dormienti e idioti?
    Sul Palio stiamo zitti, perché di bilanci le contrade (purtroppo) non ne devono fare e quando qualcuno della Finanza ha provato a metterci dentro il becco, lo hanno centrifugato come in una lavatrice...

    RispondiElimina
  32. Stefano Cappelli27 ottobre 2012 02:37

    Testo intercettazione letto e riletto e mi pare chiaro che la telefonata, pur censurabile sul piano del metodo, nel merito non faccia emergere alcunchè di rilevante.. solo la ridicola diriganza AJ poteva fare ricorso su una cosa del genere, andando incontro all'ennesima figuraccia.
    X quanto riguarda il Minucci poi c'è poco da dire, non sarà simpatico e avrà sicuramente avuto i suoi bravi agganci castisti x arrivare dove è arrivato, ma, a differenza della maggior parte dei raccomandati di questa città, lui almeno il suo lavoro l'ha saputo fare.. e non è dipeso solo dal budget MPS, roma e milano in questi anni hanno speso cifre simili senza vincere niente, e va ricordato che Minucci ha portato a Siena a costo irrisorio gente come Mc Intyre e Sato.. ma soprattutto ha impostato una società che come organizzazione e programmazione non ha eguali in italia, a prescindere dai soldi dello sponsor.

    RispondiElimina