Cerca nel blog

venerdì 26 ottobre 2012

Legge-bavaglio: cosa fa Siena? Una proposta ereticale


    Tutto rinviato a lunedì, per la Legge-bavaglio all'informazione (a quella libera, per quella embedded non cambierà molto). Come prevedibile, c'è una gran voglia di redde rationem, da parte della corrotta classe politica italiota, con il Pd, as usual, furbescamente pronto a far fare gli ultrà, i pasdaran antigiornalisti ai pidiellini, per poi accodarsi lemme lemme (come sullo Scudo fiscale e su tante altre porcate immonde).
Francesco Rutelli - che non si sa più a quale partito appartenga - viene descritto come scatenato, nel pretendere Giustizia contro i diffamatori (infatti ha proposto astutamente il voto segreto: ma la moglie non sarebbe una giornalista?): si è evidentemente accorto della pericolosità della stampa, mentre  non si era mai accorto dei soldi sottratti alle casse della Margherita dal boy scout Lusi...

  L'obbligo di rettifica a prescindere, è semplicemente inaccettabile (se uno vuole, replica, e gli si dà spazio, ma non in modo coatto!); una norma sacrosanta come quella contro le cosiddette querele temerarie (proposta da alcuni piddini presentabili, come Casson e D'Ambrosio), è stata fatta cadere nel vuoto. Ci credo, ci credo: in caso di sconfitta del potente che querela, il perdente avrebbe dovuto pagare tutte le spese processuali, condite da un decimo della somma richiesta. Col cavolino, che la fanno passare!

Veniamo ai nostri pelaghi (per dirne una, il mio avvocato Luigi De Mossi mi ha testè comunicato che l'udienza Ceccuzzi-Mussari versus eretico è stata aggiornata al prossimo 18 marzo), anzi a quelli senesoti.
I lettori provino, giusto per un attimo, a chiudere gli occhi, e a pensare a quante cosine NON AVREBBERO MAI SAPUTO (o avrebbero saputo in microspazi insignificanti) senza l'attività dei blogger locali. Se volete divertirvi (o incazzarvi), e affinchè la cosa non diventi stucchevolmente autocelebrativa, pensateci: se qualcuno vuole esagerare, può scrivere un commento, può venire fuori un bell'elenchino, no?
 Ora che siamo alle porte con i sassi del Ddl, adesso che tutti i giornali nazionali (anche quelli non certo irreprensibili, contro certi Poteri e contro certi malfattori) si stracciano giustamente le vesti, a Siena il giornalismo "ufficiale" cosa fa? Se non mi sono perduto qualcosa, tace. Guardate, che i vostri colleghi usano toni drammatici, talvolta liricamente drammatici.
Ho letto con piacere un pezzo di Elio Fanali-Alessandro Lorenzini: che si dice del tutto contrario al Ddl, ma poi vira subito sui diritti (sacrosanti) di chi è oggetto di critica, piuttosto che su quelli dei giornalisti. Poi, nel Ps, tira fuori le mogli (?), dicendo di lasciarle stare: in tutta sincerità, non ho capito a chi alludesse, e sarei invece contento di avere gli strumenti per farlo. Aiutami, Elio!

 Ad ogni buon conto, non sarebbe, anzi non è momento di divisioni, fra chi produce informazione: di fronte ad attacchi non peggiori di questo, in passato si è visto sfilare, fianco a fianco, Michele Santoro e Bruno Vespa.
A Siena ormai ci sono più Associazioni cultural-politiche che barbieri: sarebbe bene che si dessero una mossa, e che una organizzassero un incontro, invitando chi di dovere (compreso ovviamente il buon Elio, e a maggior ragione Stefano Bisi e lo Strambi) ad esporre i termini del problema, in modo pubblico e partecipato.
Come gli Stati Uniti e la loro storia ci hanno insegnato, nei momenti più difficili e drammatici ciò che unisce deve (dovrebbe) prevalere su quello che ci divide.
 

Ps In effetti, devo ammetterlo: stare a discettare di informazione accanto a Stefanino Bisi ed allo Strambi, sarebbe curioso assai.
Per cercare di evitare questo obbrobrio (il Ddl, intendo), però, questo ed altro. Oddio, forse mi sono davvero spinto troppo in là...

19 commenti:

  1. Bastardo Senza Gloria26 ottobre 2012 20:14

    Caro professore la stima che ho nei tuoi confronti è dovuta essenzialmente ad un fatto.
    Colgo in te quella nota di sano romanticismo che hanno solo coloro che credono in quello che fanno e sopratutto fanno quello che credono senza chiedere nulla in cambio.
    E' palese oramai che il "sistema" che si sente minacciato da coloro, come te, che tentano di rendere gli uomini liberi, quindi informandoli, provocandoli, stimolandoli ad "imparare", "studiare", "conoscere", stia predisponendo adeguati "anticorpi" per controllare tale offensiva.
    Non so se anche questo tentativo passerà, non è il primo e non sarà l'ultimo, ma la libertà quando è voluta fortemente è come l'acqua trova sempre i suoi spazi. Vedremo.
    P.s. Il giornalista da te nominato a proposito delle mogli, credo si riferisca ad un finale di post sull'argomento da parte dei cari Fratelli Illuminati.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. RIPRENDIAMOCI SIENA
    Ciao Eretico, sono rientrato da poco, la mia vita è abbastanza simile a quella dei nomadi. Ho cenato, e ho letto le notizie.
    E dove vuoi che legga le notizie?
    Ovviamente sui blog!
    E ora se passa sta cosa, dove le leggo le notizie?
    Il problema non è solo di quello che può essee una notizia, WHO, WHAT, WHERE, WHEN, ma anche, banalmente di trovarla.
    Credo di non essere smentito se dico che qui certe notizie viaggiano SOLO sul WEB.
    A volte provo a cercarle sui giornali o sui fogli locali, ma stento a trovarle.
    Non ci sono proprio!!!
    Quindi pregevole e prezioso il tuo/vostro lavoro di divulgazione, che, come si dice da queste parti, alla fine "poggio e buca fa piano", ovvero tra opinioni e parzialità ritengo che alla fine i pro e i contro si bilancino in una specie di gioco innescato dal concetto di blog.
    Sarebbe un peccato perdere queste fonti.
    Sarebbe un peccato rinunciare a questa finestra sulla libertà.
    E allora ben vengano le riunioni e gli incontri tra le Associazioni politico/culturali, che se mettessero da parte vere o presunte rivalità potrebbero davvero aiutare Siena.
    Se dietro ci sono cittadini di buon senso, persone velide che riescono a mettere da parte le loro velleità partitiche o presunte tali.
    Non ne conosco tante ma un paio che mi sembrano più staccate dai vechi nomi si.
    E poi, secondo me non conta il berretto ma la testa che c'è sotto.
    Avanti Eretico, e se sarà incontro, vedremo se verranno allo scoperto anche Il Dott. Bisi o il Dott. Strambi.
    Che dici vengono?
    Un saluto Eretico, oggi ho scritto molto e sono stanco.
    GC

    RispondiElimina
  3. La mia solidarietà a Federico Muzzi: è un peccato che persone come lui debbano chiudere un blog coraggioso e fuori dal coro come il Santo di Siena.
    La sua rassegna stampa mi mancherà, tanto.
    Federico, spero tu possa ritornare sulla tua decisione.

    Un lettore accanito dei blog "contro"

    RispondiElimina
  4. caro eretico, ti sei chiesto perchè, nell'infuriare della polemica sulla legge bavaglio, gli unici a tacere sono gli editori che pure ne avrebbero bendone per protestare? Non sarà che questa legge sembra fatta su misura per far perdere le residue briciole di coraggio ai pochi giornalisti(veri, non surrogati come abbiamo qui a siena) ancora in circolazione? Perchè dovrebbero mettere a rischio i propri soldi, la propria casa o stipendi futuri? Sopratutto per chi? Per i sempre meno e meno attenti lettori? Per editori smaniosi di tagliare testi e costi e che guardano solo alla pubblòicità? Credo che gli editori tacciano oggi perchè si realizza, per legge minatoria, il loro sogno: giornali omologati, senza spine nè angoli acuminati, buoni per contenere marchette a go-go (quelle sì che fanno vendere centinaia di copie alla volta: basta mettersi d'accordo con l'interessato che ne acquista un blocco) o articolesse dove il beppino di turno elogia l'areoporto e così via. Credo che si vada in quella direzione.

    ps: piddini decenti? Ti ricordo che Casson con due querele al vecchio Montanelli si acquistò due Mercedes che con gli amici chiamava Montanelli 1 e Montanelli 2 perchè acquistate con i proventi delle cause. Decente? Mah!!!

    RispondiElimina
  5. VI CONSIGLIO VIVAMENTE DI VISUALZARE - YOUTUBE: SIENA SGARBI QUOTIDIANI........Cordiali saluti a tutti Marco Bernardi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come è triste notare che a distanza di 15 anni le considerazioni fatte da Sgarbi a commento della situazione paradossale capitata al Sig. Bernardi sono purtroppo ancora attuali...
      Davanti ad evidenze grandi come macigni sembra che la Procura si sia iniziata a muovere, timidamente, a piccoli passi...la speranza è che si muova e che faccia il suo dovere. Che grande rammarico...quante SCIAGURE si sarebbero potute evitare se le azioni CRIMINALI fatte nel corso degli anni ( i risultati sembrano evidenti!) fossero state portate alla luce da chi di dovere.
      Ovviamente solidarietà ai tanti sig. Bernardi di questa meravigliosa città e provincia in cui come diceva Sgarbi tutto è puro e tutti sono "santi" immuni da commettere reati!

      Elimina
  6. Ringrazio davvero tutti gli intervenuti fino ad ora su questo spinosissimo tema dell'informazione libera (se non è libera, che informazione è?).
    Vediamo se qualcuna delle tantissime associazioni risponderà, nei prossimi giorni: sarebbe oltremodo curioso il contrario, no?
    E aspettiamo lunedì - o quando sarà - per il Ddl che mette il bavaglio all'informazione libera.
    Una cosa è certa: prima che diventi un blog scritto da altri, si chiude bottega. O quantomeno, ci si organizza altrimenti: altri argomenti, nessun nome, sviolinature a destra e manca...

    Ps Bentornato a Bsg! Quanto a Felice Casson, onestamente ignoravo la storia delle due macchine "montanelliane"...

    L'eretico

    RispondiElimina
  7. Posso dire Eretico che questa volta mi hai deluso? Sono passati due giorni dalla notizia del mese, per non dire dell'anno, e te non l'hai ancora commentata???? Ma come?! Mettono in liquidazione Ampugnano, dopo anni anni e anni di sprechi di denaro pubblico, dopo aver coinvolto Galaxy, Mussari etc.... e non spari nemmeno un petardo per festeggiare? No, davvero, mi hai deluso proprio! :-D

    P.S. il mio intervento, per i duri che non lo avessero capito, è totalmente scherzoso. Comunque, apparte gli scherzi, mi aspettavo un tuo intervento, io questa la reputo una buona notizia (per i conti pubblici e per le nostre tasche). E' una goccia nel mare, ma il mare è pur sempre fatto di gocce, no?

    RispondiElimina
  8. Rispondo all'ultimo intervento ed anche a Guido Contini che mi aveva sollecitato in tal senso.

    Non ho scritto della liquidazione di Ampugnano perchè avevo altre cose importanti (secondo il mio metro di giudizio), e poichè di Ampugnano - specie nei miei libri - ho scritto quasi fino alla nausea.
    Però un modo per "festeggiare" l'amarissima vittoria ci potrebbe essere: a novembre, tempo di castagne; una delle "castagnate ereticali" sarà il ritirare fuori un pochina di inchiesta su Ampugnano, con qualche intercettazione succulenta et alia.
    La Casta cerca in tutti i modi di rinviarlo o comunque di posticiparlo, il Processo; questo blog invece ha cercato, cerca e cercherà di fare sapere.
    Ddl permettendo, appunto...

    L'eretico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la risposta, ad ogni modo, ripeto che la notizia è di quelle da sottolineare in rosso mille volte, e da far stappare una bottiglia di Prosecco! Peccato solo che la condanna a 4 anni del Cavaliere abbia dato un valido argomento alla Casta e ai suoi mezzi di DISinformazione per parlare d'altro! Personalmente spero di poter continuare a poter leggere questo blog.

      Elimina
  9. Eretico, se chiudi il blog ti denuncio !!!

    BK

    RispondiElimina
  10. RIPRENDIAMOCI SIENA
    Non avrei saputo dare una risposta migliore rispetto all'ultima osservazione anonima.
    Caro Eretico, compreso il senso della crociata Mussariana in territorio Minucciano, anche io reputo il "maledetto DDL" un pochino più importante di Ampugnano.
    Chissa quanti "Ampugnano" continueranno ad esistere se passerà questo Decreto.
    Priorità alle priorità, qui ci si gioca molto più che l'ennesimo banchetto alla faccia del popolo.
    Avanti ERETICO, se serve la padela per i maroni ci penso io, e porto pure "poenta e osei".
    Alla prossima
    GC

    RispondiElimina
  11. Ho la sensazione che il tuo appello alle associazioni cadrà nel vuoto.
    Queste infatti, nella quasi totalità, altro non sono che un condensato riciclalcastista che fa da paravento ai soliti personaggi, in vista delle prossime elezioni amministrative. A questi soggetti, i preferiti delle notizie non politicamente corrette dei blog, sai cosa importa del nuovo Ddl che vi imbavaglia? Nulla.
    Il problema è, almeno qui a Siena,nostro, perché se aspettavamo la stampa ufficiale non avremmo certamente conosciuto, come oggi sappiamo, la storia di Siena degli ultimi anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Associazione Pietraserena e ben lieta di accogliere l'invito dell'Eretico. Siamo sempre pronti ad essere promotori e ospiti di dibattiti pubblici sui temi riguardanti la Città. Del resto abbiamo partecipato in forze all'iniziativa dell'Osservatorio Civico, svoltasi il 12 Giugno 2012, sulla libertà di stampa, a cui partecipò, come ospite, anche lo stesso Eretico.

      Elimina
    2. Ringrazio gli amici di Pietraserena, aspettando da loro un nuovo invito, dato che da quel 12 giugno molto è cambiato, in Italia e soprattutto a Siena (più il discorso appunto del Ddl!).
      Il mio invito era ovviamente rivolto in primo luogo alle altre associazioni, più o meno nuove: del giornalismo - locale e nazionale - non interessa niente a nessuna?

      L'eretico

      Elimina
  12. Caro Eretico ho paura che perderemo, siamo in una dittatura, e al principe non é mai piaciuto essere criticato. Di internet non sanno assolutamente nulla, se non per sentito dire, e quindi é il demonio. E poi se mettono in silenzio queste uniche voci non controllate, meglio, hanno solo i giornali e la tv, di cui sono i padroni assoluti. Comunque non ci arrenderemo e trovere ugualmente il sistema per far sentire la nostra voce.

    RispondiElimina
  13. Io ammiro l'Eretico perchè ci mette nome e cognome, nei libri come nel blog come negli interventi pubblici. Non mi pare che questi decantati Fratelli illuminati o gli ultimi arrivati del Gavinone facciano la stessa cosa quindi invito a vedere le differenze caso per caso, grazie.

    RispondiElimina
  14. Caro anonimo,
    ti ringrazio davvero per il complimento.
    Come già detto in altre simili circostanze, i colleghi di Fratello illuminato e del Gavinone in effetti la faccia non ce la mettono, ma tirano fuori tante informazioni, talvolta autentici scoop (a differenza della stampa embedded, che fa uno scoop ogni sei mesi, se lo fa).
    Credo che il lettore possa essere interessato a sapere chi scrive,non c'è dubbio; ma ciò che più conta è la veridicità dell'informazione, della notizia.
    Scrivono benemerite cazzate, loro? A me, francamente, pare proprio di no. Quindi...

    L'eretico

    RispondiElimina
  15. Buondì prof, queste sono giornate incandescenti, c'è tanta carne al fuoco, sia a livello locale che nazionale e capisco che sia difficile stare dietro a tutto. Ma la legge salva Sallusti, che mi interessa in modo particolare, visto che ti leggo quotidianamente e mi romperebbe non poco se il blog chiudesse, è passata o no? Non ho più saputo niente, potresti aggiornarmi? Grazie

    RispondiElimina