Cerca nel blog

giovedì 17 gennaio 2013

Mps taglia le Contrade: un bene o un male?

 
  La città (quel 20,30% che ha accesso alle notizie) è scossa dall'ennesima tempesta finanziaria (giudiziaria?) concernente Mussari Giuseppe: questo cosiddetto Progetto Santorini di cui Bloomberg news dice di avere le prove (leggasi Il Cittadino in proposito, fra gli altri). Uno "strano" derivato da nemmeno 400milioni di euro: ma che volete che siano, rispetto ai miliardi di Antonveneta? Pasqualito D'Onofrio, alla fine di queste infuocate giornate di campagna elettorale per le primarie (sic), ne chiederà conto al suo competitor Ceccuzzi?
  Aspettiamo ulteriori notizie (intanto il democristiano, in salsa ceccuzziana, Brandani è diventato presidente della montepaschina banca di Spoleto, all'insegna della ormai celebre discontinuità...).

  La notizia di cui si parla nei "barri", però, è lo stop ai 15mila euro annui che il Monte elargiva ad ogni singola Contrada. Risparmio dunque minimo, quasi irrisorio, ma dal grande impatto emotivo e storico al tempo stesso.
 Paradossalmente, la fine dell'elargizione di questa "mancetta" potrebbe avere almeno un aspetto positivo: a questo punto, anche i minus habentes (a Siena, purtroppo, non rarissimi) potranno comprendere come un'epoca sia finita, e per sempre. Con questo gesto, concreto e simbolico al tempo stesso, finalmente anche i più riottosi potranno fare i conti con la realtà.
Purtroppo questa fine-mancia temo servirà solo in parte a fare diminuire i prezzi palieschi (argomento già trattato in abbondanza su questo blog): l'effetto positivo, dunque, è tutto da verificare. Che si possa innescare un meccanismo virtuoso, tutto da dimostrare. Fintanto che ci sono delle scuole (il Bandini) che aprono le loro porte ai fantini per farli sdottorare non si sa bene di cosa (del nuovo redditometro, forse?), manco fossero dei cittadini benemeriti, non c'è da essere troppo ottimisti.
 L'emergenza dell'hic et nunc, però, dati ormai per perduti certi valori che erano alla base della cultura contradaiola (l'aspetto mutualistico-solidaristico, fra i tanti), è piuttosto un'altra: cercare non di eliminare - non potendolo fare tout court -, ma almeno di alleggerire, l'asfissiante presenza della peggiore politica all'interno delle 17 Contrade.
 La nascita di una lista (53100)  in cui la maggioranza degli aderenti ha rivestito importanti incarichi in Contrada, è in questo senso un pessimo segnale, peraltro atteso da tempo.
I nomi sono conosciuti, e c'è tutto il tempo per approfondire certi percorsi di vita.

 Il piccolo grande Colonnino, ormai opinionista a tutto tondo, divide i contradaioli tra "quelli in cravatta" e quelli senza (tacciamo di quelli grembiulino-dotati, numerosi assai): a pelle, a noi piace stare con quelli senza cravatta...

Ps A proposito di finanziamenti Mps, domani ci occuperemo della povera Robur e della Mps Mens sana. Robetta interessante, direi. 

27 commenti:

  1. il dotto Aceto sdottorerà sull'uso e la differenza tra il congiuntivo ed il condizionale!

    RispondiElimina
  2. Oggi si parlava con alcuni amici della situazione economica del comune e dei suoi eventuali riflessi sull'organizzazione del Palio, quando uno afferma "...si meglio, che di, si rischia di non fare il palio per i debiti, codesto è terrorismo.."
    E' la stessa cosa di quando si provava a parlare delle condizioni in cui era stato ridotto il Monte ed i più dicevano " ..si, che di, come fa a falli il Monte...
    Ecco il fatto che il Monte non versi più il protettorato alle contrade, contribuirà ad aprire gli occhi alla gente sulla realtà delle cose..e questo non può non essere positivo. La riduzione dei prezzi palieschi? Altra cosa inevitabile.
    Negativo è invece, è inutile negarlo, il fatto che questo è un ulteriore elemento di recisione del legame tra la Banca e Siena.
    Un' ultima notazione sulla notizia dell'affare Santorini: ma, a parte quello che d'Onofrio chiederà al Ceccuzzi, il discontinuatore da parte sua a fronte di tutte le notizie che sono uscite, non ha nulla da dire sul Presidente dell'ABI?

    RispondiElimina
  3. Caro Fausto,
    pungolavo Pasqualito D'Onofrio (che almeno ieri due cose "bollite" sulla vergogna Antonveneta le ha messe in fila), ben sapendo che Franchino il Ceccuzzi, su Mussari Giuseppe, NON potrà mai parlare, in modo chiaro e definitivo.
    Il perchè di questo totale silenzio ad personam, è una di quelle domande che mi piacerebbe fargli; ed è uno dei motivi per cui l'intervista ereticale NON s'ha da fare...

    L'eretico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma cosa vuoi che chieda conto Pasqualito D'Onofrio Foglia di Fico ! Almeno di una cosa anche lui ci risparmierà di sdottorare: l'asfissiante presenza della peggiore politica all'interno delle 17 Contrade.
      Questa speriamo non la conosca, forse !

      Elimina
    2. eh si, con quei due ( Chianino e Foglia di Fico ) l'intervista ereticale tela scordi caro Raffaele !

      Elimina
  4. Niente protettorato ? Niente sbandierate e fine del chiasso. Certo il chianino ceccuzzi adesso abbaia alla luna e ripete che la banca deve continuare a versare i soldini alla contrade. Chissa' a quale contrade pensa il chianino ceccuzzi ? Mica pensera' a quelle di montepulciano che spingono le botti per le vie cittadine? Ha sapello?

    RispondiElimina
  5. Il mancato pagamento del protettorato sarebbe un bene se le contrade (tutte) non fossero indebitate fino al collo nei confronti della banca più antica (e indebitata) d'Italia.
    Ma il cielo è sempre più blu...

    RispondiElimina
  6. Mi permetto di segnalare un articolo interessante che spiega in termini "facili" alcuni risvolti dell'operazione in questione (chiedo scusa all'Eretico se mi permetto di mettere un link ad altro blog):

    http://icebergfinanza.finanza.com/2013/01/18/monte-dei-pasci-di-siena-e-la-sammaritana-deutsche-bank/

    In questi giorni mi chiedevo se in fondazione durante il crollo del valore dell'azione non ci fosse stato qualcuno che potesse proporre un'operazione di hedging (sull'azione); cerco di spiegarmi meglio: un ente che ha quasi tutto il suo patrimonio investito in una singola azione, una volta che l'azione stessa comincia a crollare (e vi assicuro che nell'ambiente si sapeva che MPS sarebbe crollata anche più di altri competitor, anche solo osservando le opzioni al ribasso sul titolo aperte nel periodo) perchè non ha messo un pò di soldini su opzioni al ribasso a copertura dell'investimento? Tali operazioni si possono facilmente condurre anche fuori dalla borsa, con contratti otc ....
    Poi ragiono e mi rispondo da solo: ma in tutta la fondazione c'era qualche illuminato che conosce anche alla lontana tali possbilità? Non credo proprio, anzi ne sono abbastanza sicuro dal momento che probabilmente l'unico che poteva conoscere certi meccanismi l'hanno cacciato in tempi non sospetti ....

    PS: premetto che non sono il licenziato in argomento (neanche lo conosco) e che sonon senese originale, anche se da tempo ho deciso di essere eremita nella mia città .....
    Ah, dimenticavo, devo porgere un immenso ringraziamento all'Eretico per le informazioni che riesco ad attingere dal suo blog; piano piano forse le cose cambieranno, quando ci sarà un pò di consapevolezza .... Aggiungo che per accelllerare tale consapevolezza, forse sarebbe bene che nel 2013 il palio acesse un pit stop (non me ne vogliano troppo i miei concittadini)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come mai nessuno dice che il reale valore di Antonveneta, nel particolare periodo di "attenzioni" MPS era di 1.5 m.di in virtù dell'ingente mole di contenzioso (ma non solo...) che aveva in pancia?? E che l'affare fosse stato "benedetto" da Bankitalia (a parte il prezzo che era estremamente elastico sul mercato e che rientrava nelle competenze del Grande Presidente...) nessuno lo dice?? Scavate signori, scavate, non concentriamo l'attenzione solo ai contratti puzzolenti, cerchiamo di vedere la filosofia di fondo di tutto questo inghippo malefico. E facciamo sputare al Presidentone chi fu l'ispiratore occulto (ma non troppo perché a Siena lo sanno tutti ma c'è l'omertà completa...! e nemmeno i giudici hanno il coraggio di tentare qualcosa in questa direzione) di questa schifosa operazione preceduta da altre (altrettanto schifose se non peggio) al solo fine di svuotare la banca.

      Elimina
  7. Caro Eretico,

    Purtroppo giudico molto male questa mossa di MPS. Tanto vale che aggiungano direttamente la desinenza "di Roma" al posto di "di Siena" o peggio di "Parigi" o di "Pechino" ...

    Anche la somma simbolica di 1 euro, anche se avrebbe fatto storcere molti nasi senesi, avrebbe salvato (per quanto ? mezzo Viola?) da una parte la volontà di ridurre le spese e dall'altra di mantenere il legame, in attesa di tempi migliori.

    Caro Eretico, ci manca la politica !!! So' bene che molti Montiani ante marcia vedono nei tecnici la soluzione di tutto ... ma non è così ... a questo punto sono come un popolano dopo 10 anni di conclave ... datemi un papa basta sia

    datemi un sindaco basta sia, anche fosse solo un manichino del crashtest.

    F.to
    L'Anonimo

    RispondiElimina
  8. Leggo su Siena News dell'appello del Ceccuzzi alla banca perchè torni ad erogare fondi alle contrade. C'è qualcosa che mi sfugge: ma a che titolo lo fa? Chi è? Un normale cittadino direi. E allora perchè viene data tutta questa risonanza a quello che fa e dice? Fino a prova contraria finchè non sarà eletto - SE sarà eletto! - non rappresenta proprio niente e nessuno.

    RispondiElimina
  9. concordo totalmente con fausto magi.
    dalla prima all'ultima parola.
    il fatto che le contrade stiano a "piagnucolare" per i 15 mila annui di babbo monte la dice moooolto lunga e ci deve far riflettere, è preoccupante.
    semplice : come ogni famiglia si è data di recente una bella ridimensionata, altrettanto deve essere fatto nei 17 rioni !
    punto e stop.
    e forse se si capisce questo, si torna a vivere la Contrada con la c maiuscola, cioè per i suoi valori mutualistici e solidaristici come ha giustamente ricordato l'eretico.
    valori che sarebbero FONDANTI, ma ce lo siamo dimenticati, rendendole delle s.p.a.

    ooopsss.....ma che sbadato, scusate, quei 15mila venivano usati da tutte le contrade x dare premi di laurea o esonerare dal protettorato contradaioli in difficoltà......

    RispondiElimina
  10. Caro eretico, sai nulla dell'incontro pubblico di ieri sera dove il Ceccuzzi pare abbia strenuamente difeso la sanità senesota e le sue eccellenze?

    RispondiElimina
  11. Certo che 225mila EURI risaneranno il Bilancio del MONTE, queste è solo l'ennesima dimostrazione che dall'insegna si può togliere senza problemi il "DI SIENA" non c'era riuscino nemmeno il DUCE a portarla via c'e invece riuscito Ser Baffino e il suo fido scudiero Sor Ceccuzzo

    AL PEGGIO NON C'E' MAI FINE

    RispondiElimina
  12. Bene o male dici? Boh, l'unica cosa certa è che si dovrà cominciare a chiamare solo Monte dei Paschi, certo non più di Siena. Grazie Ceccuzzi!

    RispondiElimina
  13. mi permetto un ulteriore post, prima di tornare al mio stato di eremita: chi mi conosce sa che per quanto mi riguarda i veri problemi di MPS sono comnciati con la gestione de filibustis; ecco leggo sul cittadino on line che l'operazione santorini è stata effettuata dall'amico di d'alema.
    Ho paura che siamo solo all'inizio, e come dice l'americano che sta indagando (è la sec che indaga su deutsche bank ad aver tirato fuori la notizia) chissà quanto altri scheletri nascosti potranno uscire alla luce del sole (dal bilancio non escono in quanto mai entrati)

    RispondiElimina
  14. Si sente dire che i soldi alle contrade verranno dati nuovamente a seguito delle proteste del Ceccuzzi e che è' stata tutta una manfrine ceccuzzi\profumo per la campagna elettorale. Alla barba del principio: la politica fuori dalla banca! Ma loro quando se ne vanno fuori da siena?

    RispondiElimina
  15. La metafora più adatta per una situazione del genere potrebbe essere quella di un padre che, dopo essersi sputtanato un patrimonio milionario in donne, festini e macchinoni va dal figlio e gli dice: "senti bellino, da oggi si tira la cinghia; e visto che si deve risparmiare ti levo i 2 euro che ti davo per compratti i chewing gum".
    Fatte le dovute proporzioni (i 17 miliardi di euro di Antonveneta contro i 255.000 euro dati alle contrade) mi sembra un esempio calzante!

    A parte questo, viste le cifre a 5/6 zeri con le quali oggi si pagano i palii vinti ed i fantini, non credo che il mancato obolo versato dal Monte cambierà di molto le carte in tavola, né contribuirà ad una svolta "virtuosa" verso una sobrietà che si va sempre più perdendo.
    Mi piacerebbe semmai che a questo "sgarbo" si reagisse con un po' di sano buonsenso: la prossima volta che ci sono da piazzare gli ospiti del Monte per le cene della prova generale - anziché lasciargli il settorino "buono" a discapito dei contradaioli - venisse una volta tanto ceduto il settore marginale.

    MICHAEL KOHLHAAS

    RispondiElimina
  16. Per chi volesse divertirsi, ecco un altro istruttivo articolo sulle magagne (senza fine, a questo punto) della banca MPS!!

    http://icebergfinanza.finanza.com/2013/01/18/monte-dei-pasci-di-siena-e-la-sammaritana-deutsche-bank/

    RispondiElimina
  17. Sul tema Mps/Contrade vorrei chiedere: ma prima come si faceva? Non mi risulta che negli anni '80 Mps desse alcun contributo.....eppure in Contrada si stava bene uguale....Quindi? Questi soldini servivano per "contributo di liberalità" o per "contributo al consenso".....AH!?!?! saperlo...

    Hanno tagliato i contributi della Fondazione e ora della Banca, speriamo taglino anche qualche grembiulino almeno diventa un bavaglino.....

    RispondiElimina
  18. L'atto di Profumo è un chiaro attacco alla senesità della banca e non può che averlo concordato con chi l'ha messo nel posto che ricopre.Chiedetevi chi sono e perchè l'hanno fatto.Chi sono non è difficile capirlo poichè su quella poltrona ce l'ha messo il garante dei forti poteri finanziari internazionali chiamato dai partiti vigliacchi a massacrare gli italiani. Il "supertecnico" bocconiano invece di godersi la pensione è stato però chiamato dai suoi padroni (tenutari della ricchezza e Vaticano) a compiere una seconda missione,questa volta politica. Passata la paura del simbolo contraffatto della sua Lista Civica è passato subito all'attacco e dopo aver piazzato l'ex DC nella Bps ha mirato al bersaglio grosso senese (chianino), che vede nel 53100 la sua forza avendo già perso quella del suo partito. Il CAP attraverso i suoi affiliati Priori ed il chianino si sono subito fatti sentire attraverso casta-media,poichè hanno perso d'un colpo quel velo di autorevolezza che li rendeva tali difronte al popolo del "ci dovete rispettar".
    Brutto colpo per davvero,nei prossimi giorni sapremo se sparato a bruciapelo o se solo d'avvertimento!!!

    RispondiElimina
  19. Un saluto

    Un bene o un male ? ... Io sarei incline a classificarlo solo per quello che é realmente; un gesto assolutamente arrogante, tracotante, insolente e autoritario.

    Vorrei invitare comunque i miei concittadini, se avranno memoria per ricordarselo, a farlo presente ( anche in maniera rumorosa ) durante le varie cene della prova generale, dove si ripresenteranno i dirigenti MPS ed i loro influenti invitati .

    Smettiamola per favore, di farli venire nelle contrade, ed invitiamo i nostri rispettivi Onorandi Priori, a prendere una posizione chiara e netta al riguardo.

    RispondiElimina
  20. Bastardo Senza Gloria19 gennaio 2013 08:44

    Molto modestamente io dico: MA CHI SE NE FREGA!!
    Collegare questo fatto alla perdita della senesità, mi sembra un pò azzardato, in quanto il legame con la città è stato più volte reciso con scelte aziendali e di "personale" molto più gravi al mio punto di vista.
    Il Monte dei Paschi non è Siena.
    Se questo mi deve risparmiare quella sterile passeggiata ossequiosa degli onorandi, sono quasi contento!
    Poi chiaramente vorrei che insieme a questa scelta ci sia una uguaglianza di azione, magari negando erogazioni anche alle feste del partito democratico oppure a qualche giornale dalla tiratura di poche copie e che serve solo alla autoreferenzialità di chi ci scrive.
    Magari servisse tutto questo a salvare qualche posto di lavoro!
    Ma, qui do ragione a Marco Fattorini, mi sembra più un gesto di arroganza che di sostanza.

    RispondiElimina
  21. SANTORINI - GRECIA - DEFAULT !!

    Anche la scelta dei nomi delle operazioni finanziarie non era il loro mestiere .....

    Robertino

    RispondiElimina
  22. In realtà, non c'è da meravigliarsi un gran che. La crisi della Banca è chiara da tempo e da tempo Associazioni, come il Buongoverno MPS, preoccupate per le conseguenze anche sulla nostra comunità, hanno cercato di coinvolgere i concittadini e le istituzioni, scrivendo al Magistrato e ai Priori delle Contrade, e cercando di fare chiarezza sulle reali responsabilità di varie scelte scellerate con esposti alla Bankit, Consob, PM, invitando Profumo e Mancini ad evitare la prescrizione dei reati ed intervenendo quale persona offesa, a nome dei piccoli azionisti, nelle indagini in corso!

    RispondiElimina
  23. Un bene o un male?
    Da Contradaiolo non ho dubbi: un bene. Questa banca non è più senese, non ci deve niente. Non saranno certo 15000 euro a far finire le Contrade. Voci di bilancio su cui risparmiare ce ne sono...

    Michele

    RispondiElimina
  24. Ottimo; dopo santorini ora spunta alexandria ....
    Non gli è bastato di spolparla (era talmente piena di liquidità che avrebbe potuto comprarsi un bel pò di banche europee) hanno voluto infierire come se fosse il peggior nemico ...
    I nostri avi ci accoglieranno a sputi per come abbiamo fatto trattare la loro creatura; sono letteralmente schifato

    RispondiElimina