Cerca nel blog

martedì 29 gennaio 2013

Siena in Tv: istruzioni per l'uso...


    Mentre il bubbone Antonveneta (e non solo) si allarga a macchia d'olio, con particolari sempre più ficcanti (la "banda del 5%" all'area finanza, l'ex segretario mussariano Valentino Fanti sentito dalla Procura et multa alia), non si può non parlare di ciò che sta accadendo mediaticamente alla città, sovraesposta come mai in precedenza.

 L'eretico stesso è un po' travolto da questa ondata: abituato a parlare con un giornalista foresto con cadenza mensile o giù di lì, a questo giro viene contattato da 5 o 6 giornalisti al dì. Si cerca di fare il possibile, e non sempre ci si riesce. Anche perchè la tendenza a "cannibalizzare" la fonte locale, da parte loro, è forte assai; il problema loro - e qui si dovrebbe aprire una discussione mai aperta prima - è questo: oltre allo scrivente, con chi parlare, per avere notizie? Uno va dai colleghi della carta stampata, ovviamente: pochi ne tornano contenti, soddisfatti. Diciamo quasi nessuno...
 Siena sta purtroppo facendo venire fuori l'altra faccia del suo scandalo e delle sue ruberie: il servilismo mediatico. I foresti - non tutti brutti e cattivi - lo dicono con chiarezza: a parte la violenza fisica, qui siamo come nel profondo sud. Tale e quale. L'eretico, dopo averlo scritto per anni, annuisce: pur potendoselo permettere - credetemi - senza infierire in alcun modo.
 Addetti stampa delle varie istituzioni che perdono penosamente il dono della favella (ma sono pagati per parlare, no?); politici o amministratori che scappano a gambe levate alla prima mezza domanda. Anche in questo, Mussari Giuseppe, con la sua fuga mostrata ieri sera da Piazza pulita, è il più grande, il più trendy di tutti: credo diventerà un cult...

  Ieri sera, da Franchino il Ceccuzzi ai mutilati, durante il momento del "mussarian ripudio", una brava giornalista della scuola santoriana voleva riprendere il tutto: è subito arrivato il solerte Alessandro Mugnaioli ad intimarle di andarsene quanto prima ("abbiamo pagato noi la sala!", il diktat dell'ex assessore); dopo un breve conciliabolo, uno spiraglio si è aperto: Franchino ha dato l'ok, e la troupe di Servizio pubblico è rimasta. Franchino, allora, redento sulla via dell'affaire Antonveneta? Dopo il suo solenne discorso di abiura nei confronti del grande amico, dopo avere parlato di Fondazione e banca (ma non era lui quello che non parlava delle società quotate? Ah, forse perchè la Borsa era chiusa...) è tornato il Franchino di sempre, quello che conosciamo sin troppo bene: la giornalista gli voleva fare un paio di domande ficcanti, lui si è fatto largo fra la folla piddina a mo' di navigato centometrista. Niente intervista. Se giovedì sera il tutto sarà mostrato (e penso proprio di sì), sarà uno spasso.
 
 Morale della storiaccia: Siena sta perdendo (ha perduto) la faccia ANCHE da questo punto di vista, rivelandosi semplicemente così come è stata in questi ultimi anni (spesso anche sotto la potestas picciniana, va detto); brutta, la parodia del Palio (francamente non vista): ma è lo scotto - amaro, negativo - che si deve pagare, in casi come questi.
Anche perchè bisognerebbe ricordare e stamparsi sulla fronte una cosina, forte forte: senza i Mussari e senza la Casta locale, i giornalisti foresti in città NON ci sarebbero certo venuti, e nessuno avrebbe sbattuto Siena in prima (ed in seconda, in terza, in quarta) pagina. No miliardi spariti, no battage.
 Un senese onesto, deve sentirsi più offeso per una sciocca parodia del Palio, o per il collasso della "sua" banca? Guarda un po' il caso, poi, colui che l'ha sfasciata per davvero era sempre lì ad esaltare il Palio, le Contrade, il modello di vita contradaiola: ed intanto, Lui sbrodolava di Contrade, ed i milioni (pardon, i miliardi) se ne andavano dalla città. Però il Palio, sempre in palmo di mano (l'ha anche vinto, no?).
 Se non si capisce questo, si guarda al dito invece che alla luna: come molti, puntualmente, stanno facendo. Passi per quelli che proprio non ci arrivano, limitati assai; parecchio meno per chi - nonostante l'evidenza dei fatti - continua a fare il furbetto. Lui sì, strumentalizzando - come sempre - la Festa.

Ps Bell'interrvista all'eretico su Libero di oggi (pagina 2). Anche sul problema informazione in loco (il dramma dell'autocensura, per esempio).
 Alla fine, ammetto di essermi tolto un anno (!), mentendo spudoratamente all'intervistatore: tipo Gianna Nannini, no?

51 commenti:

  1. Eretico, guarda che quando Mondani girava l'anno scorso per Report diceva a quattr'occhi che al sud aveva trovato più vivacità giornalistica! Un minimo di pluralismo qua e là c'è, non generalizziamo sempre. Comunque ok per l'intervista su "Libero", ma a me, caro amico, avevi parlato della 'rimozione' anche da Canale 3 quando facevi il basket del Costone per colpa del tuo babbo, l'altro intrepido con l'Aurigi da una ventina d'anni e più, vero? C'è un Rosario che sul cittadinoonline si ricorda sempre e solo di Pietraserena, però. Dev'essere giovane assai, mi pare. Beato lui.
    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra che oggi, a parte Pietraserena e pochi altri ci sia il vuoto nell'opposizione, anche perchè la gran parte di quella che si definiva opposizione, ma poi era connivenza, si sia fusa con pezzi del PD, della Margherita, della CGIL e tutto il peggio del passato in quel buglione civico chiamato Baricentro Civico.
      Altre voci dissonanti sicuramente non riesco a vederle, se non quelle di Aurigi e Movimento 5 Stelle, e se sbaglio il sig. Antonio non ha che da nominarli.

      Elimina
    2. La coalizione Pietraserena,Siena C'è e FARE Fermare il Declino è l'unica alternativa seria e credibile. Attinge all'esperienza VERAMENTE CIVICA di Pietraserena che, UNICA, insieme ad Aurigi ha sempre DENUNCIATO in sede di Assemblea Mps la gestione allegra che poi ha portato al naufragio.
      Dopo il risultato delle elezioni nazionali il Baricentro Civico si sfalderà mentre il PD sarà spazzato via dalle inchieste giudiziarie

      Elimina
  2. Il NY..Times doveva dire che questa vicenda del Monte Paschi è stata pilotata a livello internazionale (ora che l'euro dava segnali di ripresa) ed esecutore, ovviamente MarioMonti!!

    A quale cinese o russo o arabo vorrà svendere quel che resta dell'Italia, il signor Monti e i suoi comparetti Casini e Fini? Prontamente la fondazione sta obbedendo prospettando di vendere vendendo il 10%..

    http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2013-01-29/punta-riflettori-incontro-draghigrilli-142501.shtml?uuid=AbDq5EPH

    "Banca italiana presa nel vortice della politica elettorale", titola oggi il New York Times. Pur essendo il Monte dei Paschi di Siena una banca "regionale", lo scandalo "ha implicazioni politiche e perfino europee", osserva il quotidiano newyorchese, facendo notare che il caso Mps è scoppiato proprio quando la Bce e i leader europei sembravano essere riusciti a ridare credibilità all'euro..... Monti, in un'intervista a La7, ha affermato che "è una cosa sensata dire che bisogna rafforzare il capitale della banca, come ha detto il presidente Profumo, dichiarando di essere alla ricerca di un partner finanziario di lungo termine". Non è la prima volta che viene evocata l'ipotesi dell'apertura del capitale della banca a "un partner finanziario stabile", osserva Les Echos, ricordando che si era già parlato dell'eventuale ingresso di fondi sovrani del Qatar o di Singapore.

    RispondiElimina
  3. caro eretico;
    nei prossimi giorni la stampa nazionale, per mantenere alto l'interesse sulla notizia MPS, arriverà anche a parlare dello sfigato Bisi e della stampa locale completamente assoggettata al partito e a Mussari.

    Poi si sposteranno su l'università, l'ospedale e il Santa Maria della Scala CHIUSO...(dimenticato niente??)

    Dopo aver parlato di di questi argomenti sarà sicuramente tempo di elezioni e li, forse, 2 risate ce le faremo.
    Sai che ridere se vincesse Grillo..




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ride vincesse Grillo?????
      MAGARI!!!
      È l'unica alternativa in questo schifo
      Paolo

      Elimina
  4. A proposito della Gianna nazionale; compose e cantò l'inno dei mondiali di calcio Italia '90. Pensavamo di vincerlo e lo perdemmo miseramente! Adesso, per queste elezioni si è prestata per l'inno del PD..... sta' a vede' che ciaccia che pigliano anche stavolta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. G R A N D I S S I M O !!!
      la ciaccia che più conta è alle comunali, perchè alle politiche non sarebbe di certo una novità.

      dai super-Franco, dacci una gioia !!!
      come disse il presidente della Longobarda a Oronzo Canà....."PERDERE, E PERDEREMO !!!"

      torniamo seri, giovedì sera tutti incollati a vedere santoro e travaglio, anche se non li tollero !

      Elimina
  5. Tanta amarezza. Come leggere nei libri di storia dell'autoreferenzialità e dei privilegi di questa o quella classe politica in chissà quale realtà passata.
    Geniale Benigni quando nell'elogio alla Costituzione racconta la corruzione della nostra classe dirigente come se fosse qualcosa di passato a cui guardare con stupore e distacco, inconsapevoli che invece è in mezzo a noi.
    Secondo la mia opinione, non ne verremo mai fuori se non iniziamo una volta per tutte ad affiancare alla "denuncia", la "proposta".
    A breve ne avremo l'occasione perchè il voto è oggettivamente un'occasione, anche se in gran parte denaturata da troppo tempo di malaffare.
    Ma dobbiamo creare anche un'altra occasione.
    Quella di puntare il riflettore sul dirigente di mezza tacca che lavora accanto a noi frutto di una tessera o di un legame di inciucio.
    E' l'ora di smettere di tollerare il nostro diretto superiore se è palesemente un incapace e per giunta intoccabile per presunte amicizie importanti.
    Dobbiamo iniziare ad avere coraggio, nel nostro piccolo, se nel libro di storia, tra qualche anno, vogliamo che venga scritto che "Siena si è liberata finalmente da tutto questo marcio".
    Distrutta l'Università, distrutto il Monte, facciamo attenzione, perchè inizia la distruzione della Sanità. E mentre guardiamo attoniti verso Piazza Salimbeni, l'attacco si sposta in Piazzale Rosselli e in viale Bracci.
    Vi prego, concittadini.
    Come successe molto tempo fa, gente da tutte le contrade si riunì in Piazza del Campo per "accompagnare" alla stazione gente poco raccomandabile che si era "accampata" nella nostra bella città, come fece Barbicone, dobbiamo fare noi.
    Ciascuno deve trovare la forza di allearsi con il buono più vicino che ha per pulire il proprio giardino, affinchè i corrotti e gli incapaci fuggano per carenza di ossigeno!
    Un giorno tornerà il sole e i mediocri piangeranno lacrime amare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alle Scotte, certo, come alla Bastiglia, dovrebbe ricominciare il risveglio di questa comunità anestetizzata da decenni di benessere-droga, dove si accetta il parruccone inetto tanto con l'assicurazione sanitaria privata il montepaschino si va a curare altrove...parliamo, allora, senesi, chiediamo gente che ci sappia curare, non che millanta di saperlo fare

      Elimina
  6. Bloccata a casa ho girato per blog e in effetti questo è il più simpatico. Ma mi manca tanto il Santo, che aveva commenti molto vivaci. Chi ne sa niente? Non può ripartire ora? Sono finite le minaccie che sicuramente avrà avuto per dovere chiudere? Facci sapere, eretico nostro.
    Quel rosario hai ragione Antonio, fa un pessimo servizio a Pietraserena che mi sembra bene impostata in queste elezioni. Non sarà qualcuno che la prende per il c... o incosciente che la danneggia senza capirlo?
    Gianna Nannini è proprio un disastro. Era più serio concedersi a Ingroia allora.
    Maddalena

    RispondiElimina
  7. Ciao eretico Raffaele,

    ho scoperto le tue inchieste solo la scorsa estate, in uno dei miei rari ritorni in città, acquistando il libro "La casta di Siena".
    Sono via da Siena dal 1993, dopo il Liceo Piccolomini e la laurea in economia, lavoro come bancario in una B.Popolare della Lombardia.
    Sono molto dispiaciuto per quello che sta vivendo la città: spero sia l'occasione di una riscossa civile, politica, culturale.

    Però la riscossa morale non serve solo a Siena: i casi Pop.Milano (Ponzellini e Cannalire), Pop. Lodi (Fiorani), banca Credinord (la banca della Lega), il sistema Formigoni e CL - e mi fermo non perchè manchi dell'altro - ci dicono che se a Siena si piange, altrove (nello specifico nella operosa Lombardia) non c'è niente da ridere.

    E volendo ampliare l'orizzonte: libri come quello di Luciano Gallino da Torino (Finanzcapitalismo) o Raghuram Rajan da Chicago (Terremoti Finanziari) spiegano come il passaggio da un capitalismo del tipo: "denaro che divente merce che divente denaro" ad un capitalismo: "denaro da denaro" ci abbia portato alla situazione economica che stiamo vivendo.

    Apprezzo le tue citazioni dantesche: troverei molto appropriato, però, anche il collodiano Pinocchio, con i suoi consulenti Gatto e Volpe e la guida morale Lucignolo.

    Grazie per il tuo lavoro.

    leonardo s.

    RispondiElimina
  8. I monti bond...sono un regalone a chi acquisterà la banca per un soldo bucato. Il prestito potrà essere restituito anche in strumenti finanziari, vale a dire carta igienica usata!! Banca risanata..comprata dai fondi del Qatar..con il bocconiano, mediatore (al 5% do di più??). Tecnico, ma di chi? Non per l'Italia!!

    RispondiElimina
  9. Meno male che cominciano a cercarti, ti vedrei volentieri da Santoro, da Floris, da Formigli...

    RispondiElimina
  10. Pare che il Mussari sia stato sospeso dall'ordine degli avvocati, dimesso da ABI, scaricato dal partito, disconosciuto da tutti... fosse la volta buona che va a zappare un po' di terra col Ceccuzzi!

    RispondiElimina
  11. La cosa era sotto gli occhi di tutti, da anni: La Nazione cronaca di Siena, proprietà Monti Riffeser, è "drogata" dalla pubblicità e dai prestiti MPS per la tenuta di Bagnaia (costantemente in perdita), il Corrierino è guidato dall'ideologo del "groviglio armonioso" nonché massimo rappresentante toscano di una nota loggia massonica; Canale 3 si commenta da solo per l'insipienza, Antenna Radio Esse - con giornaliste (hahaha!) del calibro di Viola Carignani e Cristiana Mastacchi - è scontata, melensa, provinciale, lecchina; i portali d'informazione (?) tipo Siena News e Siena Free si fanno dettare gli articoli dalle veline della Robespierre. MA DOVE SI VOLEVA ANDARE CON GENTE COSI'?
    Sta cadendo tutto a pezzi e chi votava PD o si è svegliato all'improvviso dal torpore, oppure continua a tenere il capo sotto la sabbia (avvilente vedere su facebook 30/40 enni - alcuni che lavorano anche al Monte o in "controllate" - che continuano a postare le foto delle vacanze o del palio mentre siamo in mezzo alla bufera).
    Per parafrasare un detto caro a tanti senesi: CHI GODE SIENA E FA FINTA DI NIENTE... E' SOLO UN DEFICIENTE!

    RispondiElimina
  12. Informazione locale. Il marcio è nel manico. L'altra mattina un quotidiano di firenze pubblicava, con grande evidenza, una lettera del proprio editore in risposta ad un articolo, apparso su un quotidiano romano, a proposito di una mega operazione immobiliare tra Siena e Grosseto. Ebbene l'editore, ovviamente anche proprietario con l'anziana madre della società immobiliare in questione, snocciolava cifre e dati a proposito degli impegni mancati (sic!) dalle amministrazioni comunali interessate territorialmente rimbrottandole amabilmente dei ritardi con cui procede la faraonica operazione (super campo da golf compreso). Solo che l'Editore si è dimenticato di dire che , forse, tutte quelle collaborazioni facilmente instaurate e poi disattese, erano il frutto della vicinanza tra quel gruppo editoriale e BMPS , Mussari imperante (ospite fisso con la luisa stasi della famosa tenuta (cfr Dagospia)), tanto che la Banca (cfr l'autobiografia non autorizzata scrittadall'Eretico)era in qualche modo implicata economicamente nell'operazione immobiliare tramite una società controllata. Forse non è un caso che adesso quelle stesse amministrazioni comincino, lodevolmente, a rivedere i propri impegni (in fondo il ko inflitto ad Ampugnano fa parte della stessa partita); forse non è un caso che l'era Profumo abbia chiuso i rubinetti a certe spericolate partecipazioni. Ma tutte queste cose andrebbero dette e scritte. Specialmente se si è editori e si vuole dare credibilità ai propri giornali. Ma se non lo fa il numero uno cosa ti puoi aspettare dai maestri venerabili e i numerari opus dei imprestati all'informazione?

    RispondiElimina
  13. Caro Eretico, a giudicare da quanto appare sui giornali direi che hai avuto più soddisfazioni in 10 giorni che in tutta la vita. Il Fatto di oggi titola "MPS, anche il canestro riesce con il buco. I conti truccati di Mens Sana Basket". La gente farebbe bene a leggere di più quello che scrivi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, la gente farebbe bene a leggere di più quello che scrivi invece di criticarti e basta senza aver letto neanche una tua pagina!

      Elimina
  14. Caro eretico,
    tutto giusto, tutto corretto. Tuttavia non posso non rivolgere un pensiero a quei senesi che in questi anni non hanno avuto favori dalla casta, che non hanno fatto parte del sistema, che vogliono bene alla città e alle sue tradizioni e che ora devono subire questo scempio.
    A loro, di cui mi sento di fare parte, va tutta la mia solidarietà. A tutti coloro che sono cresciuti a Siena credendo in certi valori. A quelli che vanno ancora
    in Contrada per dare e non per ricevere, a quelli che vanno al palazzetto o al Rastrello per cantare la Verbena e non per stringere qualche mano.
    A quelli che fieramente credono che sia più importante lasciare ai propri figli una comunità solidale piuttosto che un appartamento a Follonica. A quelli che, in senso dispregiativo, sono stati spesso etichettati come "senesoni" da coloro che ora si nascondono come topi.
    Io faccio parte di questa categoria e onestamente non vedo l'ora che sia tutto finito. Mi fa male al cuore vedere la mia città trattata così, nonostante abbia tutti i motivi per mettermi sul divano a godere dello spettacolo. Mi fa male vedere come si generalizzi senza tenere conto dei tanti che non hanno colpe: il messaggio che sta passando è che TUTTI i senesi sono colpevoli, o perché hanno fatto parte della casta o perché non hanno preso a manate chi ne faceva parte; è che TUTTI i contradaioli sono colpevoli, perché secondo alcuni ora le Contrade sono diventate solo un ritrovo per arrampicatori sociali. Io so che non è così, lo vedo tutti i giorni.
    Non ce la faccio più a dovermi sentire in colpa se esulto per un gol della Robur o se spero che la Mens Sana vinca l'eurolega o se mi do da fare in Contrada.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido e purtroppo mi associo! Ricordate tutti cari concittadini che da ora in poi saremo SOLI a difendere quel poco di onorore che è rimasto a questa povera città

      Elimina
  15. Buondì prof, credo di essere stata una delle prime persone ad aver acquistato il libro su Mussari, ma ora ho idea che varrà un tot, per cui me lo porto dietro e quando ti trovo a correre me lo autografi. ok? Anna G

    RispondiElimina
  16. la falce e il martello
    hanno rovinato la città di Sello

    RispondiElimina
  17. I "Valentiniani" all'attacco:

    http://www.ilcittadinoonline.it/news/156597/Il_PD_di_Monteriggioni_vuole_chiarezza.html

    Continua la guerra fratricida all'interno del PD.
    Scappa da ride', perché quando le cose andavano "bene" mica mi sembravano così inveleniti...

    RispondiElimina
  18. Mi viene veramente da piangere! Non so se tutti abbiano veramente compreso la portata di questo disastro epico che avrà ripercussioni per decenni. Il silenzio colpevole e complice dei senesi è la giusta ricompensa a questo stato di cose. Se penso poi che il probabile ballottaggio (perchè spero che almeno a questo si arriverà) potrebbe essere tra Ceccuzzi (forse?) e una banda di individui in cui ci sono un ex sindaco del periodo d'oro del dissesto coadiuvato da sostenitori del PD dell'epoca del dissesto passati ad altro schieramento....beh!.... allora non so proprio come "culturalmente", prima che sotto altri aspetti, si risolleverà questa città martoriata!

    RispondiElimina
  19. A proposito di figuracce:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/01/30/mps-anche-canestro-riesce-col-buco-conti-truccati-di-mens-sana-basket/483689/

    http://ilsensodellamisura.com/2013/01/30/per-il-rettore-delluniversita-di-siena-il-dissesto-si-risolve-con-il-kamasutra-dellinsolvenza-incrociata/

    http://ilsensodellamisura.files.wordpress.com/2013/01/ilfatto.pdf

    Penso che per oggi possano bastare...

    RispondiElimina
  20. Il post non c'entra niente con l'argomento, ma non sapevo altrimenti come fare. Vorrei chiedere al Prof. Ascheri dove posso trovare in città i suoi tre libri. Sono tutti reperibili, c'è una libreria dove quando chiedi i suddetti volumi non ti chiedano nome, cognome, indirizzo, telefono, fedina penale, impronte digitali, ecc..? Grazie

    RispondiElimina
  21. Ma il Neri è sparito dal globo terracqueo? E' sparito o lo hanno fatto sparire? Altra cosa che mi piacerebbe tanto tanto è che prendesse le distanze in maniera forte da Minuti Monaci Monaci!!! Se avesse anche questo coraggio, oltre quello dimostrato contro l'Azienda Sanitaria, penso che tanta brava gente lo voterebbe!!!
    Dai Eu fallo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la penso esattamente come te! Eugenio prendi le distanze in maniera forte e chiara!
      grazie

      Elimina
  22. Un saluto

    La domanda sul senese medio, ( e scusami/te non necessariamente, onesto ) é solo la drammatica conseguenza, della realtà; quella di una comunità che é stata abituata a tutti i livelli a vivere di elemosine, aiuti e sovvenzioni.

    Poi, ... mi sembra che il frullatore mediatico in cui é stata catapultata Siena a livello mediatico, non abbia intaccato minimamente il solito stile di vita cittadino. Non mi pare che ci siano state ne sollevazioni popolari, e nemmeno atti eclatanti di "discontinuità".

    Per quanto riguarda la "stampa" senese volevo dire una cosa. In questi giorni si legge di ( forse ) un ridimensionamento delle sponsorizzazioni per la Mens Sana, e di un totale abbandono per la Robur. ... MA I GIORNALI ED I SITI INTERNET LOCALI, COME MAI VENGONO ANCORA FATTI SOPRAVVIVERE, DAI SOLDI DEL MONTE ? Non sarebbe il caso di azzerare immediatamente queste uscite dai bilanci del "Babbo" ?
    P.S. Ho tralasciato volutamente il discorso dei protettorati delle contrade.

    RispondiElimina
  23. Io purtroppo ho dovuto lasciare Siena, perché per me non c'era possibilità di uno straccio di lavoro e quindi di vita. Da senese espatriato al nord guardo con tristezza la situazione. Prevedo tempi bui, probabilmente peggio della peste del 1348. A Siena, chiunque può citare almeno un massone, almeno un inciucio. Un giornalista può sparare sul mucchio per ricevere un nome e un cognome..

    RispondiElimina
  24. a proposito di tv, sempre per irmanere in ambito groviglio armomioso, ci sarebbe da scrivere la lista dei figli, intesi proprio come prole, sistemati in ogni dove dalla casta locale, proprio per arginare eventuali dissensi e promuovere il consenso.
    Penso alle penne della nazione, del corriere, delle emittenti televisive, figli di accompagnatori del basket, figli di proprietarie di alberghi e proprietari di emittenti tv imparentati con la presidenza mps, figli di ex procuratori della banca etc etc. basta scorgere i cognomi, dico questo perchè per anni gente priva di titoli si è data stipendi da sistemati mentre te, povero cane ti battevi i piedi nel culo.
    aggiungo, il passaggio delle frequenze della televisione di stato, come la chiamava frank e che ha visto la cessione di una parte di dipendenti del canale civico come caspita è avvenuta?? finanza creativa perfino nella cessione di lavoratori? cone uqlai contratti? il post è attinente perchè tali servitori e figli dei figli hanno goduto del sistema e ne godono tutt'ora e hanno permesso che fino all'esplosione del caso tutto fosse ovattato e narcotizzato, sono anche loro colpevoli se non di piu' in quanto senesi.
    sull'arogmento televisione di stato e figli spero di aver stuzzicato l'appetito dell'eretico.
    FINIAMOLI!!!!

    RispondiElimina
  25. stasera a porta a porta men sana e siena

    RispondiElimina
  26. La libera informazione è
    stato il primo bene comprato dalla
    banca». Tanto amara quanto vera questa affermazione. Bellissima intervista(anche la foto, a onor del vero) su Libero. E con la libera informazione si è comprata la coscienza di tutti coloro che ora non sanno, non hanno visto e non hanno responsabilità. Come nelle dittature d.o.c.

    RispondiElimina
  27. Sul Fatto di oggi si allarga l'orizzonte oltre le mura, fino al palasport. Il buco della Mens Sana, si definisce. Solo qui a Siena, pare, tutte le ciambelle riescono col buco.

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/01/30/mps-anche-canestro-riesce-col-buco-conti-truccati-di-mens-sana-basket/483689/

    RispondiElimina
  28. Forse caro Eretico, uno di questi giorni potresti parlare di Gandhi (assassinato 20 gennaio 1948) ai tuoi alunni. Se trovi il tempo.

    Così, per dare un modello di umanità che sia alto, un traguardo cui aspirare, oltre i soliti tristi individui che disturbano il passeggio per le vie di Siena. Oltre il denaro rubato, oltre la vergogna di essere vili e ignobili.

    RispondiElimina
  29. Eretico, ho ascoltato su radio radicale l'intervento del maestro Fontani all'incontro del 28 gennaio alla saletta dei mutilati che chiedeva come fare a dare ai cittadini più controllo sociale dal basso, verso il potere. Finalmente il democratico Ceccuzzi gli ha risposto!!!! E già questo mi sembra un cambiamento dei tempi.

    Ho preso appunti sulla risposta:
    Bisogna recuperare il ritardo su processi partecipativi che ci sono in altre realtà diverse da Siena; per esempio il bilancio!
    Poi SE (SE) ci sono episodi di soffocamanto del dissenso, penso che questi vadano contrastati sempre (FANTASTICAMENTE DEMOCRATICO!!!!!)
    Va rivotato in tutti i modi deve finire il lavoro già ottimammente iniziato.

    Paolo Pepi

    RispondiElimina
  30. Oltre l'elenco da te fatto, gli "intellettuali" dove li metti?
    Ce n'è uno che abbia la libertà e la forza morale per esporsi in questo momento? Anche questi si contano sulle dite di una mano.
    E la normalizzazione della Contrade - che sono state buone a piangere per € 14.000,00 di protettorato - non è un altro lato della stessa medaglia?
    Faccio un esempio che mi sembra interessante: a fine 800 a fronte del potere centrale che voleva togliere l'università da Siena si opposero con forza le Contrade, di cui qualcuna si recò direttamente dal Re, mentre altre presero carta e penna per protestare.
    Chiaro il perchè oggi la città è stata distrutta in tutte le sue Istituzioni in un assordante silenzio..CHE PENA!

    RispondiElimina
  31. Guardate anche questi:

    http://shamael.noblogs.org/?p=6765

    http://shamael.noblogs.org/?p=6756

    http://ilsensodellamisura.com/2013/01/30/per-il-rettore-delluniversita-di-siena-il-dissesto-si-risolve-con-il-kamasutra-dellinsolvenza-incrociata/#comment-36225

    http://ilsensodellamisura.files.wordpress.com/2013/01/ilfatto.pdf

    RispondiElimina
  32. Ieri sera da Floris e' intervenuto Profumo. Dopo aver dichiarato la completa indipendenza di MPS dalla politica, si e' lanciato in un elogio a Ceccuzzi. Bene, ho pensato! Bella coerenza.
    In risposta ad una domanda sul futuro del Monte, ha poi affermato:
    "auspicabilmente a Siena".
    O vai!

    Cassandro

    RispondiElimina
  33. Una eretica domanda, ma il mussari giuseppe (lo scrivo minuscolo non a caso) che in questi giorni è su tutti i giornali è lo stesso che tmepo fa ha scritto questo volume: Gli strumenti della crisi: i derivati finanziari. Aspetti giuridici, tecnici e psicologici. Autore: Giuseppe Mussari, David Monti ?

    RispondiElimina
  34. Ebbene sì: un altro libro profetico, direi...

    L'eretico

    RispondiElimina
  35. cittadino FORZA MAGISTRATI per la GIUSTIZIA30 gennaio 2013 21:44

    ERETICO per cortesia suggerisci una modalità tecnica per chiedere che il segretario dell'inquisito mussari, il "banchiere" distruttore di ricchezza e traditore del popolo di Siena, attualmente responsabile delle segreterie riunite di PROFUMO e VIOLA LASCI IMMEDIATAMENTE TALE DELICATO E STRATEGICO INCARICO.MI RIFERISCO AL DIRIGENTE TOP MANAGER VALENTINO FANTI il "gran visir" mussariano per lunghi anni,ascoltato/interrogato in Procura per quasi 7 ore.Ma non c'era la discontinuità Presidente Profumo, lo diciamo con rispetto,non c'era un altro esperto montepaschino non contagiato dal virus letale del mussarismo? Non è forse una contraddizione e UNA MANCANZA DI RISPETTO VERSO I MAGISTRATI avere per capo della segreteria tecnica un dirigente organico al sultano detronizzato? La notizia data dalla stampa nazionale veicola un messaggio chiaro: gli uomini del sultano sono ancora nei posti che contano!
    Stessa considerazione nel collegio sindacale Il cui CAPO SEGRETERIA è lo stesso dirigente del periodo "antonveneta" quando i sindaci si chiamavano DI TANNO/PIZZICHI/FABRETTI INDAGATI CON IPOTESI DI GRAVI REATI, anche qui PRESIDENTE PROFUMO URGE discontinuità, grazie.

    RispondiElimina
  36. MA Pizzichi è quello finito in carcere per Eutelia? Ed è tra i sindaci revisori? ma che strano

    RispondiElimina
  37. Qui non si finisce più: ora anche il Chianti Classico! Nei prossimi giorni cosa ci si deve aspettare? Il Brunello, la cinta senese, la razza chianina. Ma te guarda per questi stronzi come si è ridotta Siena

    RispondiElimina
  38. A proposito di comunicazione visto che proprio il Corsera rende pubbliche le preoccupazioni dei vertici Mps per le notizie allarmistiche che potrebbero far scappare i correntisti (si veda la retromarcia del Procuratore capo di siena), viene spontaneo chiedersi che fine abbia fatto il gran comunicatore Davide Rossi. Forse troppo impegnato nei suoi allenamenti mattutini con i big dell'informazione localesi sarà dimenticato del perchè mensilmente riscuote un così lauto stipendio? O i nuovi vertici lo hanno rinchiuso nella stessa cassaforte di Vigni insieme ad altri documenti trop secret? Forse uno dei motivi per cui in questi giorn i tantissimi correntisti preferiscono chiudere e rivolgersi altrove non sta tanto nella paura di perdere i propri averi ma nel disgusto di contribuire, anche solo per un centesimo, a far campare simili individui. Matndatelo (madateli) a casa e vedrete che i clienti torneranno.

    RispondiElimina
  39. «Buco» da 10 milioni all'Asl Documenti sotto sequestro":
    http://www.lanazione.it/siena/cronaca/2013/01/31/838588-sequestro-asl-documenti.shtml

    Qualcuno questa estate in Fortezza diceva:"Viva la nostra Siena"

    RispondiElimina
  40. Non solo Monte Paschi... Se i media trattassero i guai della sanità Toscana con lo stesso entusiasmo e "fantasia" con cui seguono le vicende lombarde, il PD sarebbe nella ... Dopo il buco della Asl di Massa (420 milioni) adesso vengono a galla i "ritocchi" ai bilanci della Asl di Siena... Ma naturalmente gli amministratori locali del PD - loro - potevano non sapere.

    Ciao
    Gino

    RispondiElimina
  41. Il coraggio prima di tutto: ma siete sicuri che questo coraggio ci sia? ne dubito. Siena è stata tradita ma i senesi non hanno il coraggio di ammetterlo nè tanto meno si sentono in dovere o in diritto di chiedere spiegazioni per quanto è avvenuto. Si dice che tutti sapevano ma allora perchè tutti hanno taciuto? è vero ci sono state nel tempo le denunce ma se queste non hanno avuto il necessario seguito vuol dire che chi tali denunce ed accuse ha portato avanti lo ha fatto in modo sbagliato o meglio non è stato in grado di evidenziarle nella dovuta maniera; le accuse lanciate sono state flebili e sapendo che in questo caso erano rivolte a persone sorde e cieche dovevano essere trovati gli idonei strumenti per farsi intendere.

    RispondiElimina