Cerca nel blog

giovedì 24 gennaio 2013

Mps: la prossima è Patagonia (e su Mussari altro rinvio)

 
  Chiedo scusa ai lettori non montepaschini, o non troppo interessati alle vicissitudini Mps (ce ne sono, credetemi): anche oggi tocca scrivere di Mps e di Mussari Giuseppe! Avevo pronto un bell'articolo su tutt'altro, ma ubi maior, minor cessat, no?
 La prossima settimana (salvo cose eclatanti) prometto che il blog sarà interamente demussarizzato...

 In attesa dell'evento dei grillini (alla Lizza, a partire dalle 19), a cui parteciperà anche l'eretico, e della presentazione alla libreria Cuba libro di domani pomeriggio (ore 18), c'è da segnalare il SECONDO RINVIO (dopo quello di ottobre) per quanto concerne la richiesta di rinvio a giudizio di Galaxopoly. Pare per un vizio formale.
 L'eretico fa sommessamente notare che il Giudice è la dottoressa Monica Gaggelli, colei che un anno e mezzo or sono assolse, con formula piena, monsignor Acampa dall'accusa di calunnia e di incendio doloso (Acampa difeso dall'avvocato Mussari Giuseppe). Di più, non dirò (c'è l'archivio del blog, per chi vuole documentarsi: sarebbe bene che questa vicenda finalmente uscisse dagli angusti recinti mediatici cittadini).
 Se ne riparlerà dunque il 13 marzo: tutta biada per la prescrizione, a lume di naso (da ottobre 2012, siamo alfine giunti a metà marzo 2013: sarà poi quella la volta buona?).

 Come annunciato nel titolo, la prossima operazione border line (a volare bassissimi) della finanza mussarian-vignana pare proprio che avrà (abbia) l'esotico nome di Patagonia. Molto simile a Santorini, ad Alexandria e ad altre. Con Alexandria, si capisce benissimo il modus operandi mussariano (quello che ho descritto dalla prima all'ultima pagina del mio libro): nella banca come nello sport, massimizzare il presente, ponendo al contempo le basi per la devastazione futura. Ad Abi raggiunta e posizione consolidata nel milieu politico-finanziario-mediatico nazionale, chi se ne frega della città? Soldi (della banca) sperperati malamente, per garantirsi bellamente appoggi per la scalata abista, romana.
 Tanto i servi sciocchi ad ossequiarlo, al ritorno senesota nei fine settimana, sarebbero stati sempre tutti lì, dal primo all'ultimo. Come e più di prima.

Ps Un'avvertenza ai lettori: nei commenti sul "collega" Stefano Bisi, si raccomanda di cercare la continenza verbale, per evitare guai al portafoglio. Il buon Stefano non lo sa, ma mi è già toccato censurarne 3 o 4, davvero troppo duri (chissà se lui l'avrebbe fatto...).
 Capito? Il giornalista non è "pelato", è, al massimo, "calvo", meglio ancora "stempiato"; non è uno aduso alla censura, è che ci sono troppe altre notizie cogenti. Mi raccomando.
 Nel mio piccolo, resto in attesa (dal maggio scorso!) di conoscere il nome ed il cognome di quella mammina così angosciata, la quale aveva il terrore che il suo amatissimo pargoletto potesse capitare sotto le mie grinfie a scuola. Aspetta e spera.

33 commenti:

  1. Colgo l'occasione del tuo nuovo scritto sul Mussari, per esprimere il mio sconcerto per come la notizia di ieri è stata trattata da tutti i soloni della stampa nazionale.
    Di nuovo mi chiedo, l'avevo già fatto in un precedente post, ma dove stavano nel corso di questi anni i vari Giannini, Riva, e compagnia cantante? Eppure, guarda caso, già c'era qualcuno che, ad operazione Antonveneta appena conclusa, aveva fatto notare che qualcosa dal punto di vista finanziario nell'acquisizione non andava.
    Perchè, ripeto, i soloni non hanno illo tempore indagato facendoci conoscere il loro illustre punto di vista? Forse alcuni ulteriori disastri potevano essere evitati. O no?
    E poi altra cosa scandalosa è che nei commenti si confonde, sempre il, scusate, c...o con le quarant'ore.
    Cosa centra la senesità, il palio, le contrade,la città provinciale chiusa nelle sue tradizioni ecc, tutte cose che rivendico con orgoglio e che fanno parte del nostro bagaglio culturale, con la cattiva amministrazione di una congrega di dilettanti allo sbaraglio che, a tutti i livelli, in questi anni ha rovinato ciò che i nostri predecessori avevano creato e conservato nel corso dei secoli.
    Spero almeno ci siano delle voci che - nonostante le macerie in cui siamo ridotti- riesca a difendere la nostra essenza ed identità culturale. Saluti a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare che l'eretico abbia già illustrato nel suo libro come la la stampa (e non solo) fosse stata "condizionata".
      Finiti i soldi, scoppiato il bubbone, liberi tutti ...
      Era ora.
      Sulla provincialità sono d'accordo non c'entra nulla.
      Di questi tempi meglio provinciali che metropolitani ....
      Rileva semmai l'ottusità complessiva di una città che ebbra di palio, mens sana, robur (e non solo) si è consegnata inerme a colui che era stato incaricato di svaligiarla.
      Dante, fiorentino (e quindi un pò bucaiolo), scriverebbe ancora Senesi gente vana ....
      Forse vani no ma stupidi forte si.
      Non tutti per carità, ma coloro che tipo l'eretico o il santo (che non a caso ha chiuso) la hanno pagata sulla loro pelle la loro lungimiranza.
      Quindi evitiamo per favore in futuro concetti abusati come senesità, eccellenza etc.(ma di che????), cerchiamo solo di essere o una città normale, una delle tante, ma dove magari si vive bene (a differenza di questa ormai devastata) e sopratutto si è liberi di proclamare pubblicamente il proprio dissenso e di criticare il satrapo di turno, il Gheddafi di noartri che il baffino, il valtere o il gargamella di turno ci hanno mandato e statene certi proveranno a rimandarci.

      Elimina
    2. ma, forse dobbiamo farci una domanda: questi signori che hanno distrutto la città di siena sono dei geni venuti da qualche pianeta lontano? Sono degli esseri superiori?
      No, non mi pare proprio. E allora come hanno fatto a distruggere la città, che peraltro essendo ricca aveva tutti i mezzi per difendersi?
      Non è che grazie al palio, alle contrade, al siena e alla mens sana ed altre cose ancora, hanno "distratto" i cittadini dalle cose importanti?
      Altrimenti dobbiamo concordare che i cittadini senesi (categoria a cui appartengo) siano tutti rincoglioniti dalla nascita; ecco secondo me non lo siamo dalla nascita, ci siamo fatti condurre (chi più e chi meno) verso questa sorta di oblio e ne pagheremo le conseguenze.
      In sostanza le qualità che tu citi, i nostri valori sono stati il mezzo di trasporto della malapolitica che ci ha condotto fin qui.

      L'E-remita

      Elimina
    3. Credo, che c'entri invece , perchè con la scusa del palio, le contrade e il provincialismo ci siamo bellamente adagiati facendoci levare la seggiola da sotto il c..o e solo quando sè battuto la musata abbiamo avuto un sobbalzo!!!
      sobbalzo bada bene non risveglio perchè se ci fosse svegliati si sarebbe tutti davanti al monte a chiedere spiegazioni, con le tende come fanno in p.zza tahrir!!!!!!
      Silvia.

      Elimina
  2. Spero che legga il profeti colui che scrive su sunto affinche' sappia che: e' davvero deleterio oltreche' fuori luogo vantare amicizia del mussari e prenderne le difese senza avere contezza di quanto e' accaduto o almeno di quello che ha fatto il mussari ai danni della banca mps e di conseguenza alla citta' tutta. Il profeti vanta della sua amicizia personale che ai senesi nulla potrebbe interessare ma difendere le malefatte che porteranno la banca alla disfatta non e' tollerabile quindi caro profeti dimostri quello che ralmente sei..... immaginatelo da solo che per quanta fantasia ti ritrovi......e un ci arrivi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io il Profeti lo lascerei perdere vista la confuzione che alberga nel suo cervello. In un post si vanta di essere un senese doc, in un altro dice che i senesi fanno cacare. Io piuttosto sono ansioso di "ribeccare" a giro tutti i lecchini del Mussari. Soddisfazione tristissima ma necessaria ...

      Elimina
    2. Sergio Profeti ha dimostrato negli anni (tanti) di Sunto di essere uno dei pochi a Siena che ha criticato le scelte politiche e paliesche quando riteneva giusto farlo. E ci ha messo sempre la faccia quando tutti i blog ora tanto in voga a Siena, questo compreso (e Raffaele non me ne voglia), erano di là da venire.
      Profeti su Sunto dice un'altra cosa, per me sacrosanta: che ora sono tutti contro Mussari ma fino a l'altro ieri erano tutti in coda fuori dalla sua porta. Ed un minimo di pudore nelle dichiarazioni, specialmente da chi ricopriva incarichi nell'amministrazione pubblica come nell'economia privata, sarebbe auspicabile.
      Su una cosa dissento dal Profeti (così non potrò essere tacciato di essere il suo difensore d'ufficio): sul fatto che nessuno ha detto niente fino ad ora. La realtà è che chi ha cantato fuori dal coro non ha trovato spazio per esprimere il dissenso, ed ha pagato caro il non allineamento ai poteri. Ed io, anche se fortunatamente per vicende poco importanti ed ormai lontane nel tempo, ne so qualcosa.

      Elimina
    3. Stamattina su Radio24. Fassina: "Non era la politica ad influenzare il Monte, ma il Monte che influenzava la politica perchè i sindaci (Ceccuzzi escluso) erano tutti ex-dipendenti della banca".

      Elimina
  3. Scusa, Raf, non c'entra niente..ma il Cenni che fine ha fatto? Come mai nessuno ne parla? Non è stato forse anche lui nei gangli del potere senese negli ultimi 10 anni? Perché si da la colpa di tutto quello che accade al po'ro Franchino e al po'ro Beppino? Ci dai, per favore, qualche notizia sul rubicondo del Nicchio? Grazie

    RispondiElimina
  4. Gran successo - nonostante il freddo - dell'iniziativa dei grillini. Ne parleremo domani, ovviamente.
    Con dovizia di particolari, come sempre.
    Giornate intense, queste...

    L'eretico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al comizio di Grillo, ieri sera, tanta gente come a quelli del Ceccuzzi...

      Elimina
  5. Concordo con quanto affermato dall'eretico, bella serata ed interventi semplici ed apprezzabili da parte dei candidati del movimento. Un'ottima partecipazione da parte dei cittadini, speriamo sia un punto di partenza per la città e per l'Italia. Complimenti anche per il tuo discorso, sobrio e chiaro. Grazie anche a Beppe Grillo per la sua energia e il suo coraggio, per una serata mi sono reso conto che non siamo circondati solamente da miserabili... ed è riuscito nell'impresa di risvegliarmi dal mio misantropismo politico.
    A.P.

    RispondiElimina
  6. Il profet?....quello che si vanta di avere abbandonato il contradaiolo semolice per la causa giornalistica?.....quello talmente "controcorrente"da avere cercato di sabotare un palio straordinario del tutto legittimo e importante da effettuare?siena ha dei seri problemi da risolvere.il profeti continui a fare le statistiche dei cavallini e delle carriere.e a gestire quel piccolo circolo alimentato da ex dirigenti trombati,finiti o falliti.io non lo leggo piu'da anni,oltretutto scrive in maniera ridicola.ripeto,ci sono problemi veramenti seri che parlare del profeti.

    RispondiElimina
  7. Mussari sa moltissime cose di parecchia gente e sa anche in quali tasche sono finiti gli 1,5 mld da lui fatti abilmente sparire nell’ambito dell’operazione di acquisto dell’Antonveneta !!

    Non a caso all’epoca per tenerlo buono lo nominarono presidente dell’ABI !!!

    E’ quindi un personaggio con grande capacità di ricatto e se i suoi referenti politici ed i suoi confratelli massoni non lo tirano fuori velocemente dalla merda, farà succedere un vero proprio tsunami politico-giudiziario e finanziario dalle conseguenze imprevedibili e non solo per il PD !!

    Chi fino ad ora lo ha sostenuto dovrà stare molto attento a non fare mosse false e soprattutto fare in modo che tenga la bocca cucita !!

    Lui invece dovrà stare attento al caffè che beve ed evitare di andare a Londra !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai quante bocche si chiudono con 1,5 miliardi...
      Oggi ha detto Maroni che sente puzzo di tangenti: ma che acume!

      Elimina
    2. Oh...ma ve lo ricordate il film "I banchieri di Dio" ?

      Elimina
  8. bruno (non valentini)25 gennaio 2013 09:11

    Mio buon Eretico, voglio condividere con te e con i tuoi lettori alcuni ensieri "fantascientifici" che sono affiorati alla mia mente e che ho esresso anche su FB....
    Correvano i primi anni 80....Il Monte dei Paschi di Siena fece il "gran balzo al Sud comprando piccole banche in Calabria e Sicilia.... Erano i primi anni 80 Berlusconi coltivava "simpatiche amicizie" con tipi alla Dell'Utri ed alla Mangano....Erano i primi anni 80 un giovane calabrese ambizioso viene a Siena capisce dove è il potere della città, ci si infila ed inizia una rapidissima ed impensabile scalata....Erano i primi anni 80 Berlusconi costruisce Milano 2 e Milano 3 con il fondamentale aiuto del MPS.... si può pensare ad un nesso ? E' solo fantasia della mia mente malata ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scorrere la lista degli appartenenti alla P2 potrebbe aiutare.

      Elimina
  9. Peccato per i pochi senesi. Tantissimi, invece, gli studenti universitari. Come sempre Siena dorme, anche mentre tutto crolla

    RispondiElimina
  10. @ fausto magi (ma in generale a molti senesi): buongiorno a tutti. Mi chiamo Armando Michieletti e mi permetto di rispondere alla domanda “Cosa c’entra la senesità? ...”. C’entra, purtroppo, ma è un discorso ampio. Ho vissuto a Siena per più di 10 anni, amo il Palio (ho la fortuna di esser stato accettato e battezzato nell’Istrice), «invidio» molte cose di Siena ma, giuro che lo dico col massimo rispetto, purtroppo quella «senesità» (e in generale quell’esser orgogliosamente gelosi delle vostre tradizioni) ha spesso impedito a chi, da fuori, voleva provare a giudicare. Attenzione: non è che chiunque voglia giudicare debba per forza farlo con supponenza... Eppure quella «senesità» ha spesso impedito il confronto, ecco forse cosa c’entra... Ripeto, lo dico col massimo rispetto, con enorme amore verso Siena, il Palio e gran parte dei senesi... seguivo molto Sunto (e il Profeti l’ho conosciuto di persona per questioni di lavoro) anche se onestamente capivo la metà di quel che diceva nei suoi articoli, eppure mi stupisco che solo adesso ci si indigni per certe sue prese di posizione... Chiudo ribadendo i miei (lo so, inutili) auguri affinché riusciate a far piazza pulita di certi personaggi, a riprendervi il controllo della vostra fantastica città e, in futuro, a difenderla meglio da chi non vi ama!

    RispondiElimina
  11. Due fidanzati litigano e lei accoltella lui. In bella evidenza nel sito del diversamente pettinato direttore del corriere. Di Grillo che passa da Siena nessuna traccia. GRANDE!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DIVERSAMENTE PETTINATO mi fa morire sei uN grande!!!!

      Elimina
    2. Diversamente intelligente, no?

      Elimina
    3. Anonimo 25 gen 10:32 sei un genio! DIVERSAMENTE PETTINATO è un neologismo fantastico! Dovrebbero metterlo su Wikipedia. Lo useremo d'ora in poi.....

      grazie

      Elimina
    4. Diversamente pettinato è da nobel! Ma non ne avrà scritto perchè non avrà saputo del cambio programma, magari sarà stato ad aspettare al tartarugone e sarà stato anche contento che non c'era nessuno...

      Elimina
  12. Caro Eretico,
    ricordiamo al signor MarioMonti che fino al 2011, il socio privato di maggioranza dopo la Fondazione, era tal Caltagirone, suocero del suo alleato PierferdiCasini..
    Quanti utili ha riscosso il ricco suocero dell'UDC nel 2009 e nel 2010???
    Il PIERFIDI... si sposò anche nel Palazzo Pubblico della città, che ora dicono di non conoscere!
    Ricordalo ERETICO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se non ne avevo davvero alcun bisogno, ti ringrazio del suggerimento! Lo farò, lo farò: a partire dall'incontyro di stasera alla libreria Cuba libro (ore 18). Di cui mi pare sulla stampa cartacea di avere visto poco, o forse mi sbaglio?

      L'eretico

      Elimina
    2. ..mister Monti...e lo sposino Casini che vogliono andare a fondo della vicenda..siano accontentati. Andate a fondo.
      A tutto il board di cui faceva parte Caltagiorone ha fatto comodo..non vedere le perdite, scomparse nel famoso (anche allora) Alexandria, hanno riscosso lauti dividendi!!

      Elimina
  13. Altro che intense, Siena pare diventata l'ombellico del mondo! La cosa si spande a macchia d'olio. Ho letto proprio ora (sul sito Comitato ampugnano - gruppi - speciale Mussari)che nelle intercettazioni risulta anche la Severino.

    RispondiElimina
  14. I PD hanno scaricato Siena: tutta colpa della (notevole)grettezza provinciale dei Senesi. L'aumento di capitale non doveva farlo la Fondazione. Così fregavano (ancora) i risparmiatori ....
    Bella gente. Complimenti. Presi i soldi, addio.
    Suggesiva, invece, la metafora di Mussari e del Linoleum lanciata da Grillo per spiegare la realtà esattamente contraria.
    Ma se Beppe era così Franchino cos'era?
    La domanda sorge spontanea, ma non trova risposta decente.
    Altri licheni, funghi e batteri oggi si agitano con lui nel brodo primordiale del rinnovamento discontinuo ...
    Un posto comunque lo meritano: nel carrello dei .... bolliti.



    RispondiElimina
  15. Non ho nessuna simpatia per Mussari, a parte quella sua aria da George Clooney tosco-calabro (vedi la sua immagine con profilo a 3/4 e mano sotto mento); studentello pieno di entusiasmo, dal profondo sud è giunto in questa città, come molti altri, del resto. Cresciuto, allevato, accudito in quel di Fontebecci, sicuramente con un appeal insolito, sconosciuto, ha fatto breccia, il ragazzo; anche perchè, vero, il livello cultural-dialettico degli adepti in quegli anni.........per il rampantino calabro è stato un gioco da ragazzi. La carrierona da lì è partita e più o meno 15 anni fa l'ascesi, quella da brivido! Fondazione, banca in tandem col nostrano Gabriellone da Sangi (a proposito, ma dov'è? Non è stato intervistato? Non una comparsina in qualche talk?Corriamo ai ripari! O ha fatto come Corona su una 500?). Osannato, incensato, apprezzato (soprattutto nell'elargire al Pd locale, contrade ac similia), premiato, e ora? Scaricato! La colpa è solo sua! Individuato l'agnello sacrificale, tutti santi, immacolati, benedetti! Nessuno sapeva, ma gli stessi che ne vantarono illo tempore i meriti ora quasi neppure lo conoscono e con facce d'angelo si ripresentano alla comunità purificati dal sacrificio. Il discorso mi sembra presto fatto: alla fine dei giochi i senesi si sono fatti sfilare un bene preziosissimo da una classe dirigente avventuriera che loro stessi hanno continuato a mantenere al grido de "tanto, se non voti questi, chi voti?".

    RispondiElimina
  16. certo che quelli del Pd hanno una bella faccia tosta a dire di non conoscere quell'omino calabrese che a suo tempo ha versato solo 700000 euri nelle casse del loro partitino

    RispondiElimina
  17. cornelio senese per la GIUSTIZIA26 gennaio 2013 18:14

    IL "sultano" è senza lo scudo (abi), ora tutta la sua consorteria trema! tutti i vari banchierucoli nominati senza titoli,senza capacità richieste per le varie poltrone sembrano tanti soldati sbandati lasciati in balia non del nemico ma della GIUSTIZIA. Forza Magistrati PULIZIA TOTALE E DEFINITIVA! Se non ora quando?
    ps: si possono far rinviare i processi,si può rallentare il viaggio verso la VERITA' ma questo viaggio non si ferma! Chi non la la cultura della Legge e della legalità oggi trema! I senesi onesti invece gioiscono non per vendetta ma per GIUSTIZIA.Forza Magistrati la gente onesta è con Voi! Non la deludete

    RispondiElimina