Cerca nel blog

sabato 22 dicembre 2012

Il fattore P: Pasquale, Paonazzo, Polifemo...


   Una volta, ai "bei" tempi della Guerra fredda (fortunatamente mai diventata calda, almeno dalle nostre parti), c'era il fattore K: nella Siena prenatalizia 2012, molto più modestamente, ci dobbiamo accontentare del fattore P.
P, come Pasquale D'Onofrio, l'anestesista sellato, competitor di Franchino e di chi sarà alle primarie del centrosinistra (spostate al 20 gennaio);
P, come Paonazzo del Nicchio, alias Maurizio Cenni, che lascia il Pd (ciò significa che ancora ne faceva parte, anche se nessuno se n'era accorto);
P, come Polifemo, alias Mauro Marzucchi.

 Partiamo giusto da quest'ultimo: sul quale non è che l'eretico abbia poi molto da scrivere, visto che sembra semisparito dalla scena, dopo avere perduto, nei giorni scorsi, il poprtavoce Di Prisco e il Consigliere Marzocchi. Ne parlo, solo per una curiosità, che sottopongo al vaglio dei lettori: stamattina l' eretico l'ha incontrato in Via delle campane, alle 12,21. Sono ripassato dallo stesso posto dopo un'ora circa, ed era ESATTAMENTE, SFACCIATAMENTE allo stesso posto, con il cellulare - si immagina rovente - attaccato all'orecchio.
Fra un'oretta devo ripassare dallo stesso luogo; se ce lo ritrovo, cosa devo pensare?

 Maurizio Cenni, da par suo, non sta invece per niente fermo: abbandonato il Pd, pare naturaliter veleggiare verso il rassemblement che candida il dottor Eugenio Neri. Essendogli amico (di Eugenio), gli consiglio, con natalizio calore, questo: di tenerlo (il Cenni) ben lontano. O comunque, il più lontano possibile. Di certo, i voti (pochissimi) che può ancora muovere, sono decisamente inferiori ai voti (tanti) che può fare perdere con la sua sola presenza, anche lontana.
 Se in loco ci fossero menti raffinatissime (rischio eluso, tranquilli), si potrebbe quasi pensare che l'ex Sindaco castista (anch'egli filoAntonveneta, tanto per dire) giocasse a favorire Franchino il Ceccuzzi, in vista di queste primarie, in cui la scadenza per il reperimento delle firme è stato prorogato (pro-Valentini) al 2 gennaio 2013.

  Pasquale D'Onofrio, per concludere. Dopo avere scritto che ne avrei parlato, il simpatico (senza ironie) anestesista delle Scotte mi ha cercato. Ben volentieri, ci siamo presi un Campari al Conca d'oro, a fine mattinata.
Quale sarebbe il problema, insomma? In estrema sintesi, questo: l'eretico ha in mano documentazione sull'iter che lo ha portato al primariato ( documentazione non pro-Pasquale, per capirsi); il dottor D'Onofrio, da par suo, dice di potere provare senza alcun dubbio la regolarità, assoluta e cristallina, del percorso che lo ha portato a diventare, 3 anni or sono, Primario anestesista. Ci siamo dati appuntamento a fra qualche giorno, quando il simpaticamente legnoso Pasquale porterà le carte pro domo sua. Dopodichè, staremo a vedere.
 Il motto della sua campagna insiste sul "sorprendere Siena": vediamo se intanto, nei prossimi giorni, inizia a sorprendere l'eretico...

43 commenti:

  1. Su Polifemo non so cosa dire, visto che lo considero un altro "bisonte della politica" da rottamare.
    Sul Cenni preferisco non dire niente, altrimenti potrei esagerare dato che lo considero, insieme a Mussari, il protagonista del decennio tragico che ha portato alla distruzione di Siena. Non capisco come Neri possa avere accettato il sostegno di cotanto personaggio, ma vedendo a Siena TV che il PDL vicino a Neri torna a farsi rappresentare da Lorenzo Rosso, penso che il BARNUMcentro CINICO sia costruito per far rivivere la politica più trita (DC - AN - PCI - PSI e via dicendo), una vera novità, e una vera tragedia per Siena.
    Di D'Onofrio, che conosco poco, apprezzo il suo tenero tentativo di smarcarsi da Ceccuzzi, che forse insieme al suo condivisibile distacco dai Monaciani e da altri partiti, sembra diventato bersaglio delle solite schifose vendettine.
    Attento a non cascare nelle tagamate caro Eretico, non so chi ti fornisce le notizie, ma sono sicuro tu sappia bene chi sono i maestri del fango e del marcio in questa Città. Penso che nell'Ospedale ci siano situazioni ben più gravi e degne di attenzione di quelle di D'Onofrio, che mi risulta essere un professionista stimato e competente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'Onofrio detto Bombola, Marzucchi detto anche Sporcellata, e Cenni detto Izzino.

      Elimina
    2. Caro Eretico, questo tuo innamoramento per una lista capitanata in prima persona (nemmeno il decoro di un paravento) dai responsabili legali e politici dello sfascio Siena (in primis l' affaire Antonveneta) mi fa venire in mente ad un parto sotto i fumi dell' alcol penatalizio. Non mi spiego in altro modo questa tua pre-campagna elettorale.
      Che ci sia il Neri sopra a questa fedita torta conta davvero poco. Ci potresti essere anche te, sarebbe comunque un qualcosa totalmente non credibile.
      Mi meravigliano davvero (e meravigliano moltissimi tuoi lettori) questi tuoi interventi.
      Come lo siamo sempre stati, grazie alla tua lezione e ai tuoi puntuali richiami, saremo attentissimi agli sviluppi di questa tua posizione e capiremo presto magari il perchè di tutto questo.
      Un tuo assiduo lettore

      Elimina
    3. Caro anonimo,

      scusa davvero, ma parmi che l'alcol prenatalizio abbia fatto danno più a te che a me (anche perchè tendenzialmente continuo a bere come al solito, anche durante le feste...).

      Ho presentato, sul blog, Enrico Tucci (dopo averlo incontrato), con parole di sincera stima ed un buon augurio per il futuro; ho presentato Laurina Vigni, ovviamente con parole di sincera stima ed i migliori auguri del mondo; presento Eugenio Neri, a livello personale, con parole di autentica e sincera stima (che confermo in toto oggi) e paccate di dubbi su chi invece lo presenta e lo sostiene (se qualcuno vuole avere le idee più chiare, si legga il libro sulla Sanità, prima di scrivere scempiaggini in libertà).
      Se qualche anonimo lettore si meraviglia di ciò, problemi - non da poco - suoi: non credo dovuti all'alcol prenatalizio, peraltro...

      L'eretico

      Elimina
  2. Caro anonimo,
    stai pur tranquillo: credo proprio che la documentazione in mio possesso non sia assolutamente "una tegamata", come scrivi. E comunque sarò ben felice se il buon Pasquale mi porterà una documentazione tale, da eliminare la forza dell'altra. Per lui, e per il bene delle primarie (pur con tutto ciò che se ne può dire).
    Non ci resta che aspettare.

    L'eretico

    RispondiElimina
  3. Di Polifemo caro Eretico, se vuoi te ne posso (e se ne possono) raccontare tantissime ma ne ho alcune inedite che ti farebbero gola.... comunque da ragazzo era della Civetta e poi diventò dell'Istrice.... a Siena la cosa peggiore è quella di essersi "rivenduto".....
    Cenni come Falqui.... Basta la Parola... per farti andar di corpo.... un altro rivenduto... (dal PD alle liste civiche ma non è il primo... Piccini docet) ora in questa congrega nicchiaiola si potrebbe unire il Marzocchi e perchè no anche il Balestracci che è uno che ci sta "sempre bene" un pò dovunque....
    Alla fine Pasquale è l'unica novità all'interno del Csx...
    le informazioni che lo danneggerebbero che da molti giorni ci prometti ancora non ce le riveli... ma se sono così eclatanti e sicure, perchè non le hai dette prima, magari nella tua inchiesta su Sanitopoli toscana, senza aspettare la candidatura di Pasquale,,, mi sembra tanto informazione a orologeria... ahimè di Berlusconiana memoria con i giornali del Padrone sempre pronti a rivelare e suscitare scandali addosso agli avversari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro attivissimo anonimo proPasquale,

      a questo punto devo difendere apertis verbis Polifemo Marzucchi: ammesso (e assolutamente non concesso) che da bambino fosse civettino, a noi cosa ci importa, in questa sede? Niente di niente di niente. Punto e basta.

      Dirò di più: mi accusi di "informazione a orologeria", ma poi dici e non dici (facendo capire che potresti) su di lui. Bella coerenza, complimenti!

      E le notizie su D'Onofrio non le rivelo solo perchè il dottor D'Onofrio mi ha chiesto, lui, di aspettare, per potere portare documentazione sua.

      Di che cosa ti preoccupi, dunque? Il buon Pasquale di certo saprà smentire la robaccia in mano all'eretico, no? E vivremo tutti più felici e contenti, facendo questa festa di democrazia che si avviano ad essere le primarie...

      L'eretico

      Elimina
    2. Eretico mi sottovaluti o fai finta di non capire... a me dell'appartenenza contradaiola di Polifemo poco mi importa ...la ho usata solo per dire che è uno che nella vita non si è vergognato a cambiar bandiera...e comunque ricorda che nel bacino di voti istriciaiolo il Buon Polifemo ha sempre pescato a piene mani una buona parte delle sue numerosissime preferenze... a Siena, come sai, purtroppo funziona anche così... anche Paonazzo in questo senso ha giocato in modo simile..
      Sulle notizie su D'Onofrio ti ho solo chiesto perchè non le hai pubblicate molto prima della candidatura se rappresentano uno scandalo nella nostra sanità...tuttoqui, a mio avviso come ho detto anche ad altri, il dire e non dire e lasciar intendere è un modo di fare giornalismo che a me non piace... in generale, e non parlo per Pasquale D'Onofrio e del suo caso, fai quello che hai sempre fatto: pubblica quello che sai ed aspettati poi smentite e se del caso querele... comunque non mi preoccupo di nulla, figuriamoci, io di Pasquale D'Onofrio ho stima, ma sono anche pronto eventualmente a ricredermi. non ho nessuna intenzione di ergermi a suo paladino, non ho criticato "il fatto" ho criticato il tuo modo di fare giornalismo in questo caso, ma forse questi non sono argomenti per il blog
      mi firmo (come ho già fatto altre volte), l'Anonimo dell'ultima volta è stato semplicemente un errore e non la volontà di nascondermi

      Elimina
    3. p.s. io sono l'altro "anonimo" non quelle delle 18,46

      Elimina
    4. MANTOVANI PAOLO23 dicembre 2012 19:43

      CARO ANONIMO ORAMAI A SIENA DI RIVENDUTI CE NE SO' A IOSA!

      E SECONDO IL MIO PUNTO DI VISTA AI GIORNI OGGI NON E' UNA BRUTTA COSA!

      CI' SO IN TUTTE LE CONTRADE!

      ANCHE NELLA MIA!

      Elimina
  4. Perdonami Eretico ma ancora non mi capacito perché, semplicemente, non riesco a trovare la risposta. Mi spiego meglio: il Dott. Neri, di ottima famiglia senese, si candida a Sindaco...Di lavoro è cardiochirurgo, medico affermato, non un medico condotto qualunque con tutto il rispetto che si deve ai medici di base. Ergo le mani sono importanti e non possono permettersi di stare ferme per cinque lunghi anni....Perderebbero capacità. Non credo che Neri corra per fare il sindaco...Se si pensa a chi c'è dietro, sono tutte persone pronte a far da spalla al candidato Sindaco Pd pur di tornare in sella... Perché di li provengono tutti provengono...Morale: questa è una lista civetta bella e buona pronta a infinocchiare quei senesi che vedono nel Neri il cambiamento....Non riesco ancora a capire cosa ci sia dietro ma non credo che Neri voglia fare il sindaco...

    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo mi sembri molto impostato, quasi uno che lo fa di mestiere. Sei per caso quello in turno a rispondere sui blog dell'agenzia Robespierre? Ormai lo sanno tutti che siete a presidiare tutti i blog sparando su tutto in particolare quelli del pd che vi hanno rotto il giochino. Quando vi fa comodo parlate delle strategie del Monaci col Neri, oppure delle strategie del Monaci con il Valentini. Sparate contro le persone senza una notizia vera oppure le espellete dal partito e poi gli date dei rivenduti.Ma quando la finite di buttare m...a su tutto e su tutti? Sempre a cercare un nemico, ma vogliamo ricordare chi c'è nel Pd? Ceccuzzi, Piazzi nella Fondazione, pres.Estra gas, in altre banche e forse continua ancora a insegnare all'università, Fabbrini Fondazione, altre partecipate pres.dell'immobiliare che detiene tutti gli immobili dei DS, Mancini Pres. Fondazione, Monaci Presidente Consiglio reg., Bezzini Pres.Provincia dipendente PD in aspettativa, Periccioli Pres. Ato e altri dipendente Pd in aspettativa, Vigni Fabrizio Pres. Sienambiente dip.Pd in aspettativa. Mi fermo qui per ora. Quanto prendono queste persone? Sono tutte iscritte al PD. Abbiate la decenza, di lasciare stare i professionisti seri che hanno il coraggio di spendersi per gli altri.

      Elimina
    2. e neanche il primario di Cardiochirurgia ...

      Elimina
  5. Il Marzucchi stará facendo quello che ha sempre fatto, sta cercando il modo di collocarsi in una posizione dove nell'ormai certo ballottaggio possa vendersi al miglio offerente, non importa con quanti voti tanto fanno comodo anche un migliaio.
    Il Paonazzo e altri ex DS, come Piccini ed altri ex Margherita hanno provato a battagliare dentro un partito in mano a persone sorde alle quali non interessa niente di Siena, hanno preferito lasciarlo perché, con metodi stalinisti, dei lungimiranti politici hanno avuto la pretesa di togliergli la parola... Questi gesti hanno contribuito a far cambiare minimamente le regole delle primarie, perché il rischio era che anche molti sostenitori del Valentini girassero le spalle al PD e il Ceccuzzi e il Carli si sarebbero ritrovati soli a dirsi quanto siamo bravi e quanto siamo belli.
    Sono diversi giorni che si sente dire un soprannome in merito al candidato D'Onofrio, Dott. Bombola. Qualcuno sa dirmi perchè lo chiamano Dott. Bombola? Per avere una versione veritiera sarebbe meglio me lo dicesse lui.

    RispondiElimina
  6. Ma insomma, Anonimo del 22 dicembre 2012 18:46, il D'Onofrio lo conosci o non lo conosci, ti risulta da cosa stimato e competente? da quel che hai sentito all'edicola o al bar delle scotte dove costui trascorre volentieri del tempo a fare il piacione con tizio e caio? Per caso sei tra questi amici del quartierino? L'hai detto, all'Ospedale ci sono situazioni molto gravi e degne d'attenzione alle quali il tuo stimato professionista ha contribuito in parte ma con zelo e continuità. Non basta confrontare le carte del D'Onofrio con quelle dell'Eretico, già un'operazione penosa. Siamo alle scemenze, un candidato Sindaco che si confronta con un Blogger su presunte irregolarità amministrative. Visto che siamo alla frutta e al caffè, e in piena assurdità, perché non chiediamo al precedente Direttore Generale Morello di portare le carte? Magari le descrive meglio.
    Poi c'è tutto il resto dove carta non canta !

    RispondiElimina
  7. sul Marzucchi....beh, e' stato vicesindaco con tutti i sindaci da dieci anni a questa parte e su chi sia mi pare già abbastanza. Il buon Neri, bravissima persona mi dicono, si deve portare sulle spalle un'accozzaglia di liste che nascondono nomi che comprendono tutto il peggio della politica locale da sempre (sia di sinistra che di destra! un record!!). D'Onofrio, anche lui ottima persona dicono, per come si è presentato (leggi l'intervista di ieri sulla Nazione) non mi sembra persona accondiscendente verso nessuno. E già questo è un buon inizio....

    RispondiElimina
  8. Eretico, purtroppo la tua faziosa unidirezionalità ti porta ad essere poco credibile. Te lo dice uno che condivide la sostanza delle tue idee. Secondo me ti sei fatto prendere la mano dalla fantasia. Producili questi documenti invece di minacciare e basta.

    RispondiElimina
  9. mi sembra che si sta cadendo nel gossip di bassa lega, allora contribuisco anche io con una notizia forse vecchia ma vera, non sentita dire ma scritta e documentata da alcuni articoli del Corriere della Sera del febbraio 2004, dicono nulla eretico o forse il "personaggio" coinvolto è troppo forte per lei? oppure gli sta simpatico? un aiutino piccolo si parla di abitazioni acquistate a prezzo "agevolato" , poca cosa niente di male che vuole che sia una agevolazione nel prezzo pari a.......non lo dico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo,
      siccome l'anno non ho voglia di andare a controllarlo (avendo altro da fare), né però voglio sbagliare, dammi un piccolo aiuto. Trattasi di immobile in precedenza sede locale di un glorioso partito della prima Repubblica? Così vedrai che paura ho...

      L'eretico

      Elimina
  10. Caro anonimo delle 18,43,solo per tranquillizare Te ed altri eventuali, da notizie di fonte sicura posso dirti che il Rosso non fà, e difficilmente farà, parte del BARNUM CENTRO CINICO. qUINDI SONNI TRANQUILLI PER tE E PER L'OTTIMO CANDIDATO Neri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. menomale! adesso non ho davvero più dubbi sul votare il neri (sempre che il valentini non vinca le primarie)

      Elimina
  11. Correva l'anno 1989 quando presso il Palazzo di Giustizia di Palermo, il famoso "Corvo", inizio mediante una serie di lettere anonime, a diffamare e a creare un clima di pesante sospetto all'allora Magistrato e mai troppo compianto Giovanni Falcone, creando così i presupposti di una stagione di veleni che non solo coinvolse l'Individuo, ma il suo Pool e l'intera istituzione della Magistratura.
    Forse l'istituto del "Corvo", ha presentato storie anche più remote e sicuramente presenta storie più recenti, come il caso Vatileaks, assumendo addirittura delle volte connotati grotteschi come in quest'ultimo caso, in cui il "Corvo" per sua stessa ammissione si sentiva depositario di un mandato dell'Altissimo per difendere il successore di Pietro dalle cose terrene.
    Vedo o meglio leggo bene che anche nella piccola Siena, e nello specifico nel Grande Policlinico Universitario Senese, l'Istituto del Corvo oramai ha preso piede, presentandosi sotto il "becchime" di chi sa quale potere o persona occultata dall'anonimato (mi vien da ridere.......).
    Il Corvo in questione si presenta a favore di un becchime dato a lui ad orologeria, come spesso si usa fare in quei pollai in cui i polli sono assiepati in batterie ed il mangime vieno loro presentato in maniera quasi o del tutto automatica.
    Così anche questa volta, l'ora del mangime è arrivata puntualmente, e guarda caso, un'ora che scocca sempre in concomitanza di un evento, in cui ancora una volta il Dott. D'Onofrio è chiamato a svolgere un ruolo in prima persona (professionale, politico), e più la posta in gioco si fa alta e più il Corvo alza il tiro: "l'eretico ha in mano documentazione sull'iter che lo ha portato al primariato (documentazione non pro-Pasquale, per capirsi)".
    Ebbene io lo posso dire, come dico il mio nome alla luce del sole, Dott.Quarta, non nascondendomi dietro all'anonimato, di lettere buttate li ad orologeria, e fatte circolare sia nella rete che nell'ambiente di lavoro, in cui l'Eretico e i suoi eretici, andavano distribuendo cariche ecclesiastiche a destra e a manca.
    Posso così portare alla luce del sole la mia testimonianza di Amico, di Collega e di Cittadino, in cui testimonio, nonostante la mia, diciamo così, giovane età lavorativa, l'onore di vivere e aver vissuto parte dell'esperienza lavorativa del Dott. D'Onofrio.
    Esperienza lavorativa fatta anche di battaglie spesso aspre, che hanno sempre portato in fondo la sua firma, non
    nascondendosi mai come spesso è uso comune fare dietro la Sigla di ciò che si rappresenta.
    Esperienza lavorativa fatta di nuovi percorsi, nuove idee, cercando sempre la condivisione di tutti.
    Esperienza fatta di risultati visibili, tangibili e posti alla consultazione di tutti, i numeri difficilmente si possono nascondere, e nella loro freddezza in numeri palesano realtà inequivocabili.
    Così è (se vi pare)......... l'esperienza lavorativa del Dott. D'Onofrio, in cui da sempre sono presenti nel suo operare quasi in maniera ossessiva due capisaldi: la Giustizia e il Sacrificio.
    Pronto ancora una volta ad essere annoverato nell'organigramma delle gerarchie ecclesiatiche che ruotano intorno al Dott. D'Onofrio, caro Eretico le porgo i miei più cordiali saluti.
    Un ultima considerazione, spero vivamente, e lo dico da cittadino, che questo non sia il preludio di una campagna elettorale fatta di colpi bassi e di diffamazioni; che la dialettica possa assumere toni aspri è nell'ordine naturale delle cose, come dovrebbe essere nell'ordine naturale delle cose discutere dei programmi che hanno a cuore la CITTADINANZA E IL BENE COMUNE.
    Dott. Quarta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uè, dotto', guardi che l'Eretico non è per niente anonimo.
      Gaurdi che il Dott. D'Onofrio credo (e spero!) abbia le carte in regola (mai termine fu più appropiato!) per difendersi anche da solo, o al limite, se l'Eretico dovesse pubblicare falsità, tramite legali: insomma, non ha di certo bisogno di peana farciti di retorica a piene mani (giustizia e sacrificio con la maiuscola...suvvia!).

      Diffamazioni? No grazie. Colpi bassi? Sì, ne voglio a iosa, se veritieri! E' ora che il tanto marcio che ammorba Siena venga fuori e sia chiaro e cristallino a tutti i cittadini, cosicché, se ricadessero nell'errore, non potrebbero più dire di averlo fatto in buona fede...

      Firmato: non "Corvo" ma merlo spiumato

      Elimina
    2. A scanso di equivoci, sapiamo bene che l'Eretico non è persona anonima.
      L'Appellativo "Corvo" fa riferimento alle modalità e al soggetto mediante il quale certi documenti sono giunti in mano all'Eretico:
      "l'eretico ha in mano documentazione sull'iter che lo ha portato al primariato (documentazione non pro-Pasquale, per capirsi)".
      Certamente il Dott. D'onofrio, non ha bisogno della mia difesa come per altro credo anzi ne sono sicuro non abbia bisogno di difesa alcuna, vista l'incosistenza delle argomentazioni.
      Se per lei, Giustizia, guardi aggiungo anche Sociale e Sacrificio costituiscono elementi di retorica è un problema suo, per me rimangono sempre dei valori che meritano altro che maiuscole, visto che ultimamente diciamo circa 20 anni, i cittadini ne sono stati privati da un lato e oberati dall'altro.
      Distinti Saluti.
      Dott. Quarta

      Elimina
  12. Correva l'anno 1989 quando presso il Palazzo di Giustizia di Palermo, il famoso "Corvo", inizio mediante una serie di lettere anonime, a diffamare e a creare un clima di pesante sospetto all'allora Magistrato e mai troppo compianto Giovanni Falcone, creando così i presupposti di una stagione di veleni che non solo coinvolse l'Individuo, ma il suo Pool e l'intera istituzione della Magistratura.
    Forse l'istituto del "Corvo", ha presentato storie anche più remote e sicuramente presenta storie più recenti, come il caso Vatileaks, assumendo addirittura delle volte connotati grotteschi come in quest'ultimo caso, in cui il "Corvo" per sua stessa ammissione si sentiva depositario di un mandato dell'Altissimo per difendere il successore di Pietro dalle cose terrene.
    Vedo o meglio leggo bene che anche nella piccola Siena, e nello specifico nel Grande Policlinico Universitario Senese, l'Istituto del Corvo oramai ha preso piede, presentandosi sotto il "becchime" di chi sa quale potere o persona occultata dall'anonimato (mi vien da ridere.......).
    Il Corvo in questione si presenta a favore di un becchime dato a lui ad orologeria, come spesso si usa fare in quei pollai in cui i polli sono assiepati in batterie ed il mangime vieno loro presentato in maniera quasi o del tutto automatica.
    Così anche questa volta, l'ora del mangime è arrivata puntualmente, e guarda caso, un'ora che scocca sempre in concomitanza di un evento, in cui ancora una volta il Dott. D'Onofrio è chiamato a svolgere un ruolo in prima persona (professionale, politico), e più la posta in gioco si fa alta e più il Corvo alza il tiro: "l'eretico ha in mano documentazione sull'iter che lo ha portato al primariato (documentazione non pro-Pasquale, per capirsi)".
    Ebbene io lo posso dire, come dico il mio nome alla luce del sole, Dott.Quarta, non nascondendomi dietro all'anonimato, di lettere buttate li ad orologeria, e fatte circolare sia nella rete che nell'ambiente di lavoro, in cui l'Eretico e i suoi eretici, andavano distribuendo cariche ecclesiastiche a destra e a manca.
    Posso così portare alla luce del sole la mia testimonianza di Amico, di Collega e di Cittadino, in cui testimonio, nonostante la mia, diciamo così, giovane età lavorativa, l'onore di vivere e aver vissuto parte dell'esperienza lavorativa del Dott. D'Onofrio.
    Esperienza lavorativa fatta anche di battaglie spesso aspre, che hanno sempre portato in fondo la sua firma, non
    nascondendosi mai come spesso è uso comune fare dietro la Sigla di ciò che si rappresenta.
    Esperienza lavorativa fatta di nuovi percorsi, nuove idee, cercando sempre la condivisione di tutti.
    Esperienza fatta di risultati visibili, tangibili e posti alla consultazione di tutti, i numeri difficilmente si possono nascondere, e nella loro freddezza in numeri palesano realtà inequivocabili.
    Così è (se vi pare)......... l'esperienza lavorativa del Dott. D'Onofrio, in cui da sempre sono presenti nel suo operare quasi in maniera ossessiva due capisaldi: la Giustizia e il Sacrificio.
    Pronto ancora una volta ad essere annoverato nell'organigramma delle gerarchie ecclesiatiche che ruotano intorno al Dott. D'Onofrio, caro Eretico le porgo i miei più cordiali saluti.
    Un ultima considerazione, spero vivamente, e lo dico da cittadino, che questo non sia il preludio di una campagna elettorale fatta di colpi bassi e di diffamazioni; che la dialettica possa assumere toni aspri è nell'ordine naturale delle cose, come dovrebbe essere nell'ordine naturale delle cose discutere dei programmi che hanno a cuore la CITTADINANZA E IL BENE COMUNE.
    Dott. Quarta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dott. Quarta posso sapere in quale campo della medicina operi? la tua carriera visto la giovane età è o è mai stata influenzata/influenzabile dal tuo amato dott. d'Onofrio?
      grazie

      Elimina
    2. Sono Un Anestesista, ho 40 anni e lavoro da circa otto anni, nella UOC di Anestesia diretta attualmente dal Dott. D'Onofrio.
      Ebbene sì la mia carriere è stata ed è pesantemente influenzata non solo dal Dott. D'Onofrio, ma anche dal Dott. Pede suo predecessore e mio maestro, come anche da parte di tutti quei professionisti e colleghi che lavorano nel pieno rispetto delle regole, nel pieno rispetto dei pazienti e loro familiari, cercando di alleviarne la sofferenza la dove possibile, o altrimenti cercando di ridurre i disagi di iter lunghi e dispendiosi, con nuovi percorsi come l'attuale preospedalizzazione per i pazienti che devono intraprendere un intervento chirurgico, o altrimenti cercando di garantire la massima trasparenza come ad esempio nelle liste di attesa.
      Insomma tutti coloro che rappresentano la buona sanità, e che spero possano influenzare la carriera mia e di tanti altri medici e professionisti della sanità.

      Elimina
  13. Gentile signor eretico. Sono Gianna Massari, vedova del dott. Osvaldo Pede, primario anestesista che Pasquale D'Onofrio ha degnamente sostituito dopo la sua prematura scomparsa. Pasquale è sempre stato strettissimo collaboratore di mio marito e lo ha egregiamente sostituito (anche con l'incarico di facente funzione), nel periodo più critico della sua malattia. Pasquale ha sostenuto il concorso ed era nella graduatoria tramite la quale mio marito, il dott Pede, ebbe l'incarico di primario.....non ne so molto di più riguardo agli atti amministrativi. Quello che però posso sicuramente dire, senza tema di smentita è che io, medico a mia volta, non avrei potuto immaginare persona più idonea a ricoprire quell'incarico, sia per competenza, esperienza (ha sempre lavorato in tandem con mio marito)collaborando con lui nella creazione di quella nuova struttura fin dall'inizio. Era l'unica persona che poteva continuare a portare avanti e gestire il progetto con coerenza ed in continuità rispetto a ciò che mio marito aveva pensato e costruito. Che senso avrebbe avuto che a ricoprire quell'incarico fosse stata una persona che ne ignorava completamente l'iter, il senso e gli obbiettivi? La scelta ricaduta su Pasquale D'Onofrio, oltre che amministrativamente corretta, è stata sicuramente una scelta di buon senso,caratteristica che spesso manca nella pubblica amministrazione. Mi addolora (e sicuramente avrebbe addolorato molto anche mio marito), vedere questi tentativi di delegittimazione costruiti, evidentemente, solo per cercare di mettere discredito su una degnissima persona,solo per rispodere a logiche del peggior giornalismo che evidentemente si nutre volentieri di fango.Cui prodest? Se lo chieda, come me lo sono chiesta io.Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sig.ra Gianna Massari, visto che lei conosce così bene il Dott. D'Onofrio, saprá sicuramente dirmi come mai sia stato soprannominato dottor bombola.
      Le sarei veramente grato se mi fornisse una risposta, come giá detto in altro post potrebbe darla direttamente il D'Onofrio.

      Elimina
    2. Signor Anonimo, non conoscevo questo soprannome del Dott. D'Onofrio.Immagino che sia un epiteto molto recente. Per cui non sono in grado di darle spiegazioni. Forse andrebbe chiesto a chi glielo ha affibbiato...... TUTTI gli anestesisti lavorano con maschere, tubi, monitor e bombole. Sarà per questo? Se è per questo, chi lo ha pensato ha ben poca fantasia......Approfitto di questa risposta per precisare che, all'epoca,fu proprio mio marito a nominare Pasquale D'Onofrio come suo sostituto facente funzione ( spetta al primario indicare il nominativo di chi lo sostituisce in caso di assenza prolungata) durante il periodo più critico della sua malattia. Questo a dimostrazione del rappoto di fiducia esistente tra di loro, nato dalla stretta collaborazione nel creare insieme la struttura di cui mio marito divenne primario e Pasquale suo aiuto.

      Elimina
    3. L'Anonimo del 27 dicembre 2012 10:12 ha risolto l'enigma:
      D'Onofrio si chiama dott. Bombola perchè entrò in sala RMN (dove è presente un potente magnete) con una bombolina (10L)d'ossigeno appesa al letto di un pazziente. dato che la dombola era di materiale ferromagnetico non poteva entrare nella zona di rispetto. Questa venne "catturata" dal campo magnetico fortunatamente senza danni a persone e cose. Ciò nonostante la sua rimozione richiese una spesa di 20.000-30.000 euro.
      Complimenti!!!

      Elimina
    4. ma complimentoni dottore!! che serio professionista!

      Elimina
  14. Gentile signor eretico. Sono Gianna Massari, vedova del dott Osvaldo Pede, primario anestesista che Pasquale D'Onofrio ha degnamente sostituito dopo la sua prematura scomparsa. Pasquale è sempre stato strettissimo collaboratore di mio marito e lo ha egregiamente sostituito (anche con l'incarico di facente funzione), nel periodo più critico della sua malattia. Pasquale ha sostenuto il concorso ed era nella graduatoria tramite la quale mio marito, il dott Pede, ebbe l'incarico di primario.....non ne so molto di più riguardo agli atti amministrativi. Quello che però posso sicuramente dire, senza tema di smentita è che io, medico a mia volta, non avrei potuto immaginare persona più idonea a ricoprire quell'incarico, sia per competenza, esperienza (ha sempre lavorato in tandem con mio marito)collaborando con lui nella creazione di quella nuova struttura fin dall'inizio. Era l'unica persona che poteva continuare a portare avanti e gestire il progetto con coerenza ed in continuità rispetto a ciò che mio marito aveva pensato e costruito. Che senso avrebbe avuto che a ricoprire quell'incarico fosse stata una persona che ne ignorava completamente l'iter, il senso e gli obbiettivi? La scelta ricaduta su Pasquale D'Onofrio, oltre che amministrativamente corretta, è stata sicuramente una scelta di buon senso,caratteristica che spesso manca nella pubblica amministrazione. Mi addolora (e sicuramente avrebbe addolorato molto anche mio marito), vedere questi tentativi di delegittimazione costruiti, evidentemente, solo per cercare di mettere discredito su una degnissima persona,solo per rispodere a logiche del peggior giornalismo che evidentemente si nutre volentieri di fango.Cui prodest? Se lo chieda, come me lo sono chiesta io.Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto caro Eretico? Non hai raccontato ancora nulla che piano piano le verità vengono a galla da sole.....

      Elimina
  15. Questa volta Eretico non riesco a seguirti.
    Ti sei chiesto chi è il corvo (o la corva?) che ti passa queste notizie?
    Non pensi che, visti i particolari accessi, appartenga al Sistema Siena che hai sempre combattuto?
    Non pensi che il corvo o la corva abbia l'interesse a passarti solo le notizie sulle persone che contrastano certe lobbies, e non quelle più importanti dei "potenti" di nomina politica?
    Non pensi che attaccare questo D'Onofrio che (non me ne voglia) penso conti poco, più o meno come un comune cittadino, sia un errore o un favore ai vecchi politici inciucioni che sembra voler contrastare?
    Come mai queste notizie non sono uscite un anno fa quando si candidò come consigliere comunale?
    Quando le sono arrivate queste notizie? Quando sono stati (giustamente) trombati dal MPS i Margheritini? Quando ci sono state le votazioni sul bilancio? Quando è stato allontanato (finalmente) Morello dalle Scotte? Quando si è espresso contro la ricandidatura di Ceccuzzi? Ce lo dica e se lo chieda per favore, perchè questa tempistica, che qualcuno ha chiamato giustamente ad orologeria, non mi sembra appartenga al suo stile, sempre rivolto contro quella feccia che ha rovinato Siena, e che, per me, è anche dietro a queste porcherie.
    Da quanto ho letto questo D'Onofrio è professionista stimato, e per il suo lavoro, ha verifiche giornaliere in questo senso. Stesse cose non si possono dire per i tanti di nomina politica che hanno distrutto MPS, Università, Sanità e la città tutta. Cerchi di farsi dare dal corvo o dalla corva, tutte le nomine e le promozioni fatte da Morello (forse sotto ordine dei soliti fratelloni) sia in campo amministrativo che sanitario, che hanno ridotto il nostro Ospedale in queste condizioni; ecco queste ci interesserebbero parecchio di più. Penso che tante decisioni siano al limite (o fuori?) dalle norme, anche se le stesse normative a volte sono difficilmente interpretabili anche da noi addetti ai lavori, figuriamoci da chi non può aggiornarsi tutti i giorni.
    La saluto e la invito a proseguire nella sua preziosa opera, ma la prego di essere molto selettivo delle fonti prima di rischiare di gettare inutilmente fango su un cittadino o un professionista stimato; spari più in alto, ha le capacità per farlo, e visto che ci sono altri medici in corsa per cariche anche più importanti, inizi a verificare anche i loro incarichi, quando e come li hanno avuti. Vediamo se il corvo o la corva sono disposti a passarle anche queste informazioni.

    RispondiElimina
  16. A questo punto vogliamo vedere le carte, tutti questi interventi puzzano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si infatti sinceramente anche a me mi sembrano tutti pilotati in difesa di d'onofrio, che poi cosa mai avrà detto l'eretico per suscitare la loro collera???? Raffaele io non sarei stato così corretto da aspettare a pubblicarli quindi tanto di cappello!

      Elimina
  17. essere il candiato sindaco per la lista in cui militano cannamela, renai, francesconi e berni deve essere stimolante soprattutto per i senesi che lo voteranno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'Onofrio si chiama dott. Bombola perchè entrò in sala RMN (dove è presente un potente magnete) con una bombolina (10L)d'ossigeno appesa al letto di un pazziente. dato che la dombola era di materiale ferromagnetico non poteva entrare nella zona di rispetto. Questa venne "catturata" dal campo magnetico fortunatamente senza danni a persone e cose. Ciò nonostante la sua rimozione richiese una spesa di 20.000-30.000 euro.

      Elimina
  18. Se d'Onofrio invece di ergersi a paladino attaccando le persone senza conoscere gli argomenti (vedi bilancio del comune)avesse studiato di piu' probabilmente attirerebbe meno dissenso. I professionisti diventano stimati per la competenza che deriva dalla conoscenza e dall'approfondimento
    Metodo che poi usano quando si confrontano anche con altri settori. Se invece, come d'onofrio ha fatto in comune, si trasformano in testa d'ariete di qualcuno la credibilita' va a farsi friggere, anche nel lavoro.

    RispondiElimina
  19. Ma Basta. Questo d'Onofrio e' uno che si e' fatto nominare primario "facente funzioni" con un sopruso. Ha raccolto 100 voti per SEL ricattando alcuni sottoposti e con quei voti e' entrato in consiglio comunale.... e come con la bombola in RMN, ha contribuito a farlo saltare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il suo commento è un commento non solo fazioso ma nache irrispettoso della memoria di chi non c'è più, questa definizione la dice lunga sugli autori di questa porcheria messa in atto da anonimi su cui spero si possa fare giustizia:
      ""facente funzioni" con un sopruso.

      Elimina
  20. continua continua con la zolfa di chi non c'è più. Ma non ti pare d'averlo usato anche troppo prima e dopo la sua prematura scomparsa ? speriamo da lassù non ti abbia visto all opera con quanto ha provato inutilmente a insegnarti qualcosa

    RispondiElimina