Cerca nel blog

lunedì 3 dicembre 2012

Vince il Pci, perde il Pd (non in Toscana)

 
  Il successo bersaniano (Pierluigi) di ieri si può sommariamente commentare così: ha vinto (le primarie, non le secondarie, come dice sempre lo "stratega" D'Alema) il buon, vecchio, rassicurante Pci, mentre ha perduto (definitivamente?) quel partito nato nell'ottobre del 2007 chiamato partito democratico. Il partito nato per diventare autosufficiente, per sganciarsi dalla zavorra ingombrante di Rifondazione.
Grazie alle primarie finalmente contendibili (quindi grazie a Renzi, va detto), il "rassicuratore di Bettola" ha fatto raggiungere il 30% nei sondaggi al Pd. Andiamo indietro al 1948, le elezioni più importanti del secolo scorso: il Fronte popolare (Pci togliattiano, più i socialisti nenniani) arrivarono - per chi non lo ricordasse - al 31%. Più o meno, come l'attuale Pd con il rassicuratore di Bettola leader (ad andare bene, visto che i sondaggi possono anche scendere, scontato l'effetto primarie). La Dc stravinse con il 48,5% dei voti, coagulando tutto il blocco moderato. Tutto un altro contesto, si dirà: e con piena ragione. Ma un neo-Pci (anche oggi alleato con i socialisti, anche se non se n'è accorto nessuno), la Storia italiana insegna, può arrivare al 35, 36%: non di più.
 Fare votare senza ingessature controproducenti: questo sarebbe stato stato il modo per coinvolgere davvero l'enorme bacino degli astenuti e dei delusi. In tutto il mondo, le Primarie si fanno per includere, non per escludere: non lo si dirà mai a sufficienza.Le migliaia di persone (perfino con tessera Pd, vedasi il caso di Nando Dalla Chiesa) cui è stato mutilato il diritto di voto, continueranno a votare Pd? Gongolino pure, i D'Alema e le Rosarie sinalunghesi: per ciò che sta loro a cuore in modo univoco (la salvaguardia del posto in Parlamento o, per lo stratega del Tavoliere, un ruolo da padre nobile - sic - del centrosinistra), ne hanno ben donde. Un altro lustro di potere lo potranno assaggiare.
Un'ultima considerazione, sul piano nazionale. Nessuno, o quasi, lo dice: ha vinto un segretario che, dovunque si giri, si trova un indagato, fra i fedelissimi; la fidatissima segretaria, il compagno Enrico Rossi - uno dei più bersaniani fra i bersaniani -, per non parlare di Filippo Penati e di una mezza dozzina di dalemiani. Rosaria tuonò, l'estate scorsa, contro il braccio destro di Bersani: "chi ha sbagliato deve andare via!". Oggi festeggiano insieme...
 
  Su Siena, dato in totale controtendenza rispetto all'Italia (in linea invece con la Toscana tutta): trionfo renziano, confermato in pieno. Per il Comune, solo in alcuni noti soviet del neo-Pci ha prevalso, di poco, il rassicuratore di Bettola: in Valli, a Sant'Andrea (ma di un solo voto!), nel soviet di Colonna San Marco, in quello del Petriccio e, soviet in fundo, in quello delle Taverne d'Arbia. Il dato complessivo però è senza dubbio clamorosamente pro-Renzi: 56,8, contro il 43,2%!
In un contesto normale - come bene hanno detto gli illuminati - il gruppo dirigente bersaniano dovrebbe alzare bandiera bianca (anzi, rossa...).
 Quello che, invece, dobbiamo fare noi oppositori è ogni giorno più chiaro, evidente e solare: sostenere, oggi più di ierio, con tutte le forze possibili, una candidatura ceccuzziana a Sindaco, contro ogni velleità - se ci sarà - dei renziani di turno.
 Se c'è Franchino candidato, signori, a questo giro si rischia (si rischia, eh) di vincere per davvero...

Ps Su 4600 richieste di voto in Provincia per il secondo turno di ieri, solo 4 accolte: un trionfo della democrazia. Anche la DDR era, appunto, "democratica"...

38 commenti:

  1. Ma a Siena no si è ancora candidato nessuno per il M5S?

    RispondiElimina
  2. Un paio di brevi considerazioni.

    A livello nazionale è ormai certo che tornerà Silvione a sfidare i "comunisti" e quindi si preannuncia l'ennesimo scontro tra mummie: viva il cambiamento!
    Nel grigiore generale della scena politica, almeno si poteva sperare che con Renzi da un lato ed Alfano dall'altro, magari qualche vecchio arnese d'apparato si sarebbe levato di torno. Invece... Invece toccherà fare il tifo per Beppe Grillo, anche se il M5S mi pare sempre più un apparato raccogliticcio, tipo Armata Brancaleone: tanta rabbia, qualche proposta valida, tanta buona volontà, ma finita lì.

    A livello toscano/senese, spero invece che la vittoria di Renzi rappresenti un voto contro la nomenklatura dei vari Rossi, Bindi, Manciulli e compagnia cantante.

    Riguardo a Franchino candidato a sindaco, caro Raffaele, va bene al provocazione, ma tale resta: senza un briciolo d'opposizione vera, senza un candidato credibile, chi credi che lo possa disarcionare? Credi che il senesino medio si prenda il rischio di far saltare il Sistema?

    MICHAEL KOHLHAAS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sabato scorso, ho notato Franchino, tra i fedeli che in Duomo assistevano alla Messa solenne per Sant'Ansano.
      Presenziava perché è rimasto folgorato sulla via di Damasco o per mero spirito di propaganda elettorale?

      Elimina
    2. Una considerazione conclusiva sulle primarie piddine: una consultazione in cui, nel secondo turno, vanno a votare 300mila persone (!) in meno rispetto al primo, NON può dirsi una manifestazione riuscita. Chi parla poi di "festa della democrazia", o non sa cosa voglia dire festa, o non sa cosa voglia dire democrazia...

      Ps Franchino è da anni grande amico di monsignor Acampa, quindi non mi stupisco della sua presenza. Spero abbia fatto anche la comunione, per suggellare al meglio la sua augusta presenza.

      L'eretico

      Elimina
  3. Sul candidato di Grillo, ancora non vi è ufficialità: spero a breve la riserva verrà sciolta dagli amici grillini.
    Quanto al resto, dopo il Tucci aspettiamo gli altri candidati (o l'altro).
    A questo giro, anche il senesino medio (non tutti, è chiaro) mi pare francamente deciso a cambiare: il voto per Renzi non può che essere letto in questa chiave ed ottica.
    Aspettiamo comunque gli eventi, e soprattutto la campagna elettorale.

    L'eretico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti, per quanto bassa posa essere la fiducia nei nostri concittadini, una rielezione di Ceccuzzi la escluderei come possibilità reale. Secondo me anche un candidato alla Colonnino (con tutto il rispetto per Colonnino) potrebbe batterlo.

      Elimina
  4. ecco il mio commento all'indomani del voto del secondo turno.

    http://beatrixkiddoblackmamba.blogspot.it/2012/12/sono-incazzato-nero-e-tutto-questo-non.html

    RispondiElimina
  5. Da Siena può venire una grande spinta al rinnovamento del Pd e quindi della politica, ma ci vuole coraggio. Ci vuole il coraggio di presentare alle primarie un candidato alternativo al chianino espressione di coloro che si sono spesi con successo per Renzi. A meno che, come si mormora, un patto già siglato a suo tempo tra Renzi e Ceccuzzi non preluda questa possibilità. Ah, saperlo ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma per favore! L'ultima cosa che si dovrebbe fare a Siena e' rivotare PD (e compagnucci vari di centrosinistra)!!!!!

      Elimina
  6. concordo sull'anti-democraticità dimostrata dal Partito "Democratico" in occasione delle primarie.
    non capiscono (o non vogliono capire) che a Siena e provincia HANNO PERSO. punto.
    proiettando il risultato del ballottaggio alle prossime comunali DOVRANNO PUR CAPIRE CHE CONTRO IL CECCUZZI VOTERANNO TUTTI COLORO CHE HANNO VOTATO RENZI + TUTTI COLORO CHE come me SONO STATI RIMPALLATI VERGOGNOSAMENTE AL BALLOTTAGGIO DI IERI.
    questo ruzzino della pre-registrazione gli si ritorcerà contro, hanno fatto una figura da cioccolatai, e non sembrano rendersene conto !
    stamani esultavano per la vittoria di bersani.....
    alla prima tornata elettorale utile chiappano una cenciata che se la ricordano, se ne accorgono tutto insieme !
    fosse per me si voterebbe domani.

    "DISSE LA MERLA AL TORDO :
    LA BOTTA SENTIRAI, SE NON SEI SORDO !"

    RispondiElimina
  7. Attenzione attenzione, Carlo Verdone respinto al seggio ! Amareggiato dichiara che non sa se voterà ancora PD:

    http://roma.corriere.it/roma/notizie/politica/12_dicembre_3/verdone-respinto-non-so-se-votero.ancoraPd-2112988917475.shtml#.ULxyolXbric.facebook

    RispondiElimina
  8. Qui non abbiamo bisogno dei candidati di Grillo, di Romolo, del Piccini o peggio del clan Monaci. Non serve nemmeno l'autocandidatura del Dott. Tucci, pur persona di assoluto pregio ... per conto di Silvio.
    I partiti e gli apparati sono finiti.
    Qui serve un candidato solo, che sia rimasto immune dal contagio dell'intreccio armonioso, una persona per bene, libera che possa chiamare per nome i ladroni e parlare alla gente, come nessuno qui in 50 anni di dittatura pseudo-sovietica ha mai fatto.
    Non è un compito facile, ma sono sicuro che l'eretico ce l'ha sottomano.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Prego l'anonimo di chiarire meglio l'espressione "sono sicuro che l'eretico ce l'ha sottomano", please. Forse ho capito, forse no: glasnost, dunque!
      Che siano finiti i partiti, sono abbastanza d'accordo: il Pd, però, c'è ancora. Nonostante la tonnellata di inquisiti e rinviati a giudizio, la sfanga ancora, come 20 anni fa. Chissà perchè...

      Ps Non so dire il perchè, ma è scomparso dal blog il pezzo sui 5 anni dall'uscita della Casta di Siena, pubblicato sabato 1 dicembre. Misteri senesoti...

      Elimina
    2. E' inquietante..è scomparso davvero! ma come è possibile?!

      Elimina
    3. Bastardo Senza Gloria3 dicembre 2012 18:29

      Io invece penso di aver capito, come l'hai capito certamente anche te. Credo si riferisca a quella persona sempre alla moda, con un grado di cultura assai elevato, che svolge brillantemente la professione di avvocato.
      Concordo.
      Ho una naturale simpatia e stima per questa persona.
      I partiti forse sono finiti, ma gli apparati di potere che si celavano e si celano dietro di essi no, sopratutto per quei partiti super organizzati come il pd. Quale il futuro? Non lo so. Penso però, che non abbiamo la cultura e la maturità sociale per superare questi carrozzoni finto assistenziali, dovremo aspettare almeno un paio di generazioni. Vedremo.

      Elimina
    4. Il PD non rientra tra i partiti, da sempre è "il partito", unico qui da noi è sottinteso.
      Per il resto, visto che hai capito benissimo, non Ti chiedo il nome del Tuo candidato ideale, ovviamente per non bruciarlo, ma anche perchè ho come la sensazione di conoscerlo. Spero solo che qualcuno Ti chieda un consiglio. Grillo e Renzi sanno bene che i bloggers sono gli opinion makers del momento ....
      A proposito: che brutta fine il Santo.

      Elimina
    5. Se la persona di cui si vagheggia è quella che penso anch'io...devo dire che a me personalmente non sta simpatico,che tuttavia lo ringrazio per il lavoro che sta facendo per difenderne un' altra che invece stimo molto e che in questo momento ha bisogno di lui, e che se mi restituisse il saluto che mi ha tolto (invero per ragioni che ignoro!) potrei, dico potrei, anche decidere che mi sta di nuovo simpatico. Ha in effetti una sua eleganza nel portamento. Ma non ce lo vedo in trincea, gli si sgualcisce la camicia..
      Quanto agli "apparati di potere" e ai "carrozzoni finto assistenziali", temo abbia ragione il BSG, non finiranno. Forse cambieranno l'interfaccia, ma non finiranno.

      cordialmente
      BK

      Elimina
  9. Il senesino medio forse è già pieno come una stufa... quello un po' sopra la media penso che se frega il giusto, andrà a finire che scegli scegli si ricada nel solito .....

    RispondiElimina
  10. Analisi magistrale dell'Eretico. Queste primarie gronderanno sangue politico. Conosco gente a cui è stato impedito di votare, gente che si asteneva da anni. Bel modo di riconquistarla alla politica!!

    RispondiElimina
  11. Intanto nella placida (ex)provincia senese
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/12/03/niente-piu-vini-di-soldera-case-basse/434527/

    RispondiElimina
  12. Segnalo che Laura Vigni lunedì 10 dicembre, alle ore 18, a Palazzo Patrizi presenterà la sua candidatura a Sindaco di Siena.
    Ma dove è finito il post di ieri sui cinque anni dalla pubblicazione della casta? Ho sognato?

    RispondiElimina
  13. Sappiamo bene perché a Siena e contado si vota piddì. E' vano esercizio ricordarlo. Il posto fisso, amnzitutto, il posto vicino casa, il posto del mi figliolo, che se va bene ti porto la damigiana. E certo, si vota tutti piddì, anche la nonna, e si va anche a fare volantinaggio il sabato mattina. Si lotta un po' con i congiuntivi, ma per il contado, poi, chi se n'accorge.

    Vince D'Alema, perde il piddì. Ma una fetta dei voti del piddì, che Renzi si portava con sé, finiranno al M 5 S.

    Sono curioso, a marzo, il piddì a trattare con un centinaio di parlamentari del M 5 S. Senza cravattina, senza calzettoni blu alle caviglie.

    RispondiElimina
  14. Grande Franco, bellissimo commento ai risultati delle primarie e bellissima indicazione programmatica per la prossima amministrazione. Siena Capitale 2019, le mura,il santa Chiara e via....pepe pepepepe! pepe pepepepe!
    Mi fermo qui e non voglio commentare altro dell'ennesima esternazione Ceccuziana.
    Ma voglio cercare di leggere quello che afferma il ceccuzzi con gli occhi di un semplice vero rinnovatore del PD senese, che vuole vincere le prossime elezioni amministrative. Penso che ce ne saranno, no!
    Leggo Franco ed allora penso, che la sua discesa in campo e le sue esternazioni continue (su temi di comodo) sono dovute ad una possibile duplice alternativa.
    O la strategia del PD senese, vistosi perso con la candidatura ceccuzziana, è quella che franco si attiri addosso tutte le antipatie, critiche ecc. ed incarni fino alla fine, nonostante le affermazioni contrarie, il vecchio sistema, per poi calare con un coup de teatre una figura effettivamente nuova, che vincerebbe sicuramente le elezioni.
    Oppure, c'è stato un inciucio partitico interno al Pd, anche con Renzi, che da via libera al Ceccuzzi-sindaco costi quello che costi anche a rischio, fortissimo di perdere.
    Va beh! la prima mi andrebbe bene, ma io povero semplice rinnovatore del PD, sognatore della buona politica, potrei mai accettare l'ultima eventualità, la più probabile?
    Fausto

    RispondiElimina
  15. La strategia del Ceccuzzi che calamita tutte le antipatie ed i rancori dei piddini delusi, per poi abbandonare in articulo mortis e lasciare il testimone ad altri, è in effetti suggestiva. Credo però sia sin troppo raffinata, per i castisti locali. E soprattutto: Franchino non può farsi da parte, sarebbe come alzare bandiera bianca, per sempre. In più, lui è l'unico garante degli interessi castisti, perchè è forse l'unico che delle scempiaggini senesi sa tutto...

    Ps Il pezzo di sabato - lo ripeto - è scomparso, e non so perchè. Boh.
    L'eretico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti sottoscrivo dieci...cento...mille volte! "quello" è seduto sul coperchio del pentolone...e guai a chi ci prova!
      Secondo me il gruppo Renzi è dibattuto tra un problema di opposizione all'apparato senese (leggi: il ri candidato) e l'assenza di un volto immediatamente potabile! Ma se candidano anche Pinco Pallino, ci va tutta Siena alle primarie pur di rimandare il nazzicone nella chiana! Me compreso!

      Elimina
  16. E tu non ti arrendere ,ripubblicalo e poi vediamo che cosa succede ...ma cosa ci vogliamo aspettare da un paese che arresta un giornalista per un reato di omesso controllo...

    RispondiElimina
  17. Franco Ceccuzzi è ancora l'unico che si è candidato per le primarie del centrosinistra a sindaco di Siena?

    RispondiElimina
  18. Eretico, ma un bel pezzo sull'avviso di garanzia al Moralizzatore quando ce lo fai???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo,
      sono tornato da scuolina giusto ora.
      Prima di cena te lo servo caldo caldo...

      L'eretico

      Elimina
    2. ...bellissimo!!! Grazie!!! :D

      Elimina
  19. Consiglierei all'anonimo delle 14,55 di candidarsi lui, visto che, senza mettere la faccia, continua ad alimentare inquinamento e confusione mischiando nomi di persone rispettabili a nomi di persone improponibli.
    Come dice giustamente l'Eretico, glasnost, chiarezza, basta furbetti che si nascondono per lanciare i propri sodali o tentare di affossare i concorrenti più puliti e forse per questo più pericolosi per il "Sistemone" che lui stesso vorrebbe confermare.

    RispondiElimina
  20. La legge non è delle più eque, ma ciò non toglie che la carica di direttore di giornale comporti la responsabilità di controllare cosa va in edicola. Ora non facciamo passare Sallusti per un martire della libertà di stampa che mi scompiscio dalle risate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Regalerei a Testa di Morto un bel soggiorno di una settimana in una cella delle patrie galere, in compagnia di 4 ergastolani illezziti dall'affollamento e dal sudiciume e vedrai gli passerebbe la voglia di fare il bischero. A lui e a Gommaflex (leggi Santanchè).

      Elimina
    2. Ma vergognati!

      Elimina
  21. premetto di aver partecipato alle primarie del centrosinistra in quanto, almeno a livello nazionale, non vedo l'ora di dimenticare il berlusca e il berlusconismo e quindi volevo dire, nel mio piccolo, la mia sulla scelta del futuro premier. detto questo, però, invece di arrampicarsi sugli specchi esaltando il risultato di "popolo", vorrei ricordare ai dirigenti piddini che a livello numerico tali votazioni sono state "drammatiche"! hanno votato in 39.000 a siena e provincia. bene, tanto per non dimenticare nel 2009 alle provinciali, votarono per il pd oltre 68.000 elettori, mentre la coalizione di centrosinistra che appoggiava Bezzini raccolse quasi 90.000 voti. di fronte a questi nudi e crudi dati c'è poco da esaltarsi e gridare al successo. la gente, di destra o di sinistra, è stufa. tutto qui e dei dirigenti seri dovrebbero analizzare con serietà i dati, magari cercando di cambiare davvero, a partire dalle prossime comunali, ma è tempo sprecato, purtroppo.

    RispondiElimina
  22. mi sa che il risultato a siena ha agitato i ceccuzzini..... sui social network i suoi fedelissimi sono scatenati a commentare ogni considerazione politica, continuando a difendere l'indifendibile!!!!

    RispondiElimina
  23. Mi rivolgo a Miki e a Guido Elia ---Commenti pieni di livore e faziosità fanno disonore a questo blog che è sempre corretto e rispettoso nei confronti degli avversari politici...prendere esempio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sallusti Santo Subito, bene così.
      Il titolare di questo blog è corretto e rispettoso, chi commenta non è MAI, o quasi, corretto e rispettoso nei confronti degli avversari politici. Comunque: 1. non considero Sallusti un mio avversario politico, lo considero un cretino e basta, a prescindere dalla politica (mi risulta infatti che sia un giornalista e non un politico) 2. Il livore e la faziosità miei e del sig. Elia si limitano, da parte mia, a chiamarlo Testa di Morto e ad augurargli un soggiorno nelle patrie galere e, da parte sua, a ricordare che 2 o 3 responsabilità come direttore di giornale ce l'aveva. Stop. Si leggono su questo blog commenti, da parte di Anonimi vari, letteralmente da denuncia e te mi vieni a parlare di livore e di faziosità? Non stimo Sallusti come non stimo una discreta quantità di gente di destra, sinistra e centro.

      Elimina