Cerca nel blog

venerdì 8 febbraio 2013

Continua il "Mussàri tour": Mantova, Perugia, radio Radicale...

 
  Come si può agevolmente immaginare anche senza essere astrofisici, il personaggio Mussàri Giuseppe oggi interessa più che mai: dopo anni di clamorose omissioni giornalistiche, ormai è sulla bocca di tutti. Gli ex amici lo rinnegano sfacciatamente (ultimi due, Profumo Alessandro e Giulietto Tremonti, e qui siamo a livelli ceccuzziani...); la Procura di Siena lo vorrebbe interrogare, ma lui si avvale della facoltà di non rispondere (perchè questo è, in senso tecnico, ciò che ha fatto l'altro giorno: poi magari parlerà, ma per ora si è avvalso).
 Il "Mussàri tour" ereticale, comunque, procede spedito assai: da questo pomeriggio, dovrebbe essere in rete l'intervista rilasciata ieri a radio Radicale, che è stata mandata in onda nel primo pomeriggio.
Domani pomeriggio (ore 18, libreria Di Pellegrini), l'eretico sarà a Mantova, a ripresentare la biografia mussariana, alla luce degli ultimi eventi: c'ero stato alcuni mesi fa, in piena situazione emergenziale post terremoto, che aveva lambito anche il mantovano. Verranno anche, a questo giro, i due mantovani eccellenti, Colaninno e la Marcegaglia?

Mercoledì pomeriggio, poi, sempre alle ore 18, stimolante appuntamento alla Feltrinelli di Perugia, in pieno centro storico, vicino all'hotel Brufani, da dove di fatto partì la Marcia su Roma poco più di 90 anni or sono...
 Evento organizzato e fortemente voluto da Maurizio Fratta, sarà un incontro importante, perchè pare che anche in terra d'Umbria ci sia grande attenzione mediatica sul caso Mussàri. Ed anche lì, quanto a libertà di informazione e di giornalismo d'inchiesta...

Sulla scorta delle esperienze pregresse (per esempio, la stessa Mantova), una delle domande più gettonate che viene tirata fuori dai foresti (a fortiori adesso!), è questa:

"Ma voi, a Siena, non vi eravate accorti proprio di niente? Non vi eravate accorti che vi stavano prosciugando la banca davanti agli occhi?".

 L'eretico, davanti a cotal interrogativo, allarga leggermente le braccia, e risponde che la grande parte dei senesi, in effetti, non s'era accorta di alcunchè, quantomeno fino a pochissimo tempo or sono.
"Sapete come funzionava, no? Per noi, il cielo doveva essere sempre più blu...".

Ps Si è fatto vivo, dalla magione dei Cappuccini, Robertino Barzanti, dicendo che non è intenzionato di avvalersi della facoltà di non rispondere, rispetto alla eretical lettera. A breve, mi risponderà. Sarà precipuo compito ereticale, quindi, di divulgare il contenuto delle affermazioni barzantiane. Restiamo, dunque, in trepidante attesa.

17 commenti:

  1. Digli al tuo amico Robertino che se aspetta ancora qualche giorno non lo leggerà più nessuno, ormai il post è vecchio. Credo che a questo punto possa considerarsi reticenza.

    RispondiElimina
  2. Idea del tuo amico Antonio:
    a Mantova fa proiettare da you tube il filmato
    "ciao beppino" è dall'operetta del 2012, maggio, molto significativa, sei anche citato lo sai vero?
    Siena sarà crollata per via dei delinquenti mussariani ma l'intelligenza brillante c'è sempre, forza, svegliatevi anche al voto (oddio, che consigli Raffaele, io so' perplesso assai).

    RispondiElimina
  3. Mùssari era un esecutore, che ora sta subendo gli scherzi del prete Botin e del professor Mario! Ma per i due miliardi di supervalutazione, "rispartiti" di Antonveneta, sarà salvato dagli altri santi co-banchieri.
    Recupereranno qualche milioncino della banca del 5, che ogni banca ha la usa, dei miliardi, non si saprà mai più nulla. Legge divina e legge umana!!

    RispondiElimina
  4. Mussari sconfessato da Profumo ? Mi sembra del tutto normale visto quel che ha trovato.
    Per il furbo Tremonti invece... un bel tacer non fu mai scritto !
    Vi siete mai domandati come mai tutte le banche italiane, Mps compreso, son piene di BTP a lunga scadenza ?
    Altrochè Deutsche Bank che vende Btp a seguito acquisto di Deutsche Post !

    RispondiElimina
  5. Leggendo quello che ha dichiarato Alberto Monaci ai giornali, ho capito tutto il conquibus: perchè è successo tutto e cosa invece avrebbe fatto andare le cose diversamente.
    Parlando del carattere di Mussari, Monaci ha detto che gli accordi politici prevedevano che era Mancini che dovesse andare a fare il Presidente della Banca mentre Mussari era destinato alla Fondazione.
    Poi invece.....
    Dico io, la sfortuna.... sarebbe stato l'unico caso in cui cambiando l'ordine dei fattori sarebbe cambiato sicuramente anche il prodotto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gabriello Mancini presidente di banca, non solo ne avevano discusso, si erano anche messi d'accordo. Agghiacciante. Vien da dare ragione alla Bindi.

      Elimina
  6. Ciao Eretico, sono in apprensione per l'indagine sui fondi neri della mens sana e sull'indagato minucci, siccome sono strasicuro che da li dentro è passato un bel po' di marcio e di fondi dell'ex banca, si sa nulla? no perchè se ora dovesse rivincere coppa italia e/o campionato qualche senesota gli stringerà anche le mani cosi' come avvenuto per il distruttore peppino.
    mica lo capiscano i tifosi dello sport che usano questi veicoli per togliere il toglibile al futuro della città.
    è ma s'è vinto coppe, scudetti e visto la serie a di calcio, che me ne frega se non ci rimarrà nulla.
    conifdo in qualche notizia, non spengiamo i fari che il gm ha svolto un ruolo non di secondo piano, anzi.

    RispondiElimina
  7. cittadino senese9 febbraio 2013 23:23

    CARO ERETICO, avrà letto le dichiarazioni dell'ex onorevole ALBERTO MONACI che è stato interrogato presso la procura di Firenze come persona infrmata sui fatti, si parlava chiaramente del MONTE.Nella sua abile dialettica permeata da democristianese con parentesi di scherzo e di burla nel ricordare simpaticamente il vecchio mancini oggi presidente della fondazione o forse della ex fondazione mps, Monaci sembra dipingere un quadretto idilliaco del "sistema-Siena", una specie di fattoria degli animali dove tutti erano uguali. No! Caro consigliere regionale che sei in politica dagli anni 70 e sempre al centro di questo "sistema", non tutti uguali, c'erano quelli molto più uguali! Il quadretto non è idilliaco, dimentiche forse quanta ricchezza c'era in città prima dellanefasta operazione antonveneta? E poi dipingi il "povero" Vigni come un "buon secondo" e che "non sapeva dire di no al Mussari".....ma non siamo al gioco delle figurine, non sapeva dire di no se il mussari chiedeva mazzola e rivera per un gigi riva! Ma qui si offende il buonsenso della gente e la...memoria! Noi ricordiamo bene chi era il direttore generale, che significa di tutto! ricordiamo bene quanto valeva la banca del salento circa 440 miliardi di vecchie lire e fu pagata 2.500 MILIARDI di vecchie lire, poi la vicenda delle nomine non solo le ultime anche quelle prime, una squadra di "banchierucoli" alcuni dei quali con titoli di studio imbarazzanti per i ruoli loro assegnati,ricorderà bene il nostro onorevole qualche nomina in Banca Toscana per la quale il generoso Fiorenzani utilizzò aggettivi forti.Il sistema Siena crolla anche per la drammatica mediocrità degli "attori" ma non poteva bastare la mediocrità, infatti LA PROCURA DI SIENA HA GIA' IPOTIZZATO GRAVI REATI, insomma caro consigliere regionale e ex onorevole è in corso una SOLUZIONE FINALE GIUDIZIARIA che riporterà GIUSTIZIA e farà chiudere questa brutta pagina decennale.Ci sarebbe da scrivere tanto altro ma per ora va bene così, di presidenze di banche ne parleremo in altra occasione. La parola d'ordine dei senesi è questa: meno male che la Procura c'è!

    RispondiElimina
  8. Perché non ci dice qualcosa di monti jr e della jp morgan visto che ancora tanti non sanno niente di questo legame tra monti (jr) e mps.

    RispondiElimina
  9. Articoli interessanti. Meriterebbero un commento:

    http://www.italiaoggi.it/giornali/dettaglio_giornali.asp?preview=false&accessMode=FA&id=1809388&codiciTestate=1

    http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/lady-mussari-la-signora-luisa-stasi-possiede-un-piccolo-impero-immobiliare-a-siena-foraggiato-50205.htm

    RispondiElimina
  10. ho sbirciato nel sito www.stefanobisi.it . mi hanno colpito due cose:

    -il silenzio tombale sugli eventi mps
    -lo scarsissimo numero dei post dei lettori

    non scrivere nulla sulle vicende mps mi sembra una scelta singolare, mentre la scarsità di interventi dei lettori denota un interesse quasi inesistente per gli articoli del giornalista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti trovo che la sua posizione sia, a questo punto, risibile (oddìo..speriamo che "risibile" non sia da querela!) considerando che perfino C3t - la cui direttrice è proprio la figliastra del Mussàri - ha rotto il muro del silenzio e ha mandato le sue telecamere alla presentazione del libro dell'Ascheri "Mussari Giuseppe, una biografia non autorizzata". Un evento più unico che raro (le telecamere di c3t, non il libro dell'Ascheri).

      BK

      Elimina
    2. Questa poi! Che comincino a disconoscerlo anche in famiglia?!! Va be' che il libro è uscito un anno fa e siamo mooolto in ritardo, ma questo è proprio un fulmine a ciel sereno

      Elimina
    3. Ammetto di essere molto in ritardo anch'io, infatti ho avuto modo di ascoltare la tua intervista a radio radicale solo poco fa. Mi complimento con te e spero che, anche se in ritardo, molti che ancora non avevavo sentito o letto comincino a farlo grazie ai tuoi libri e alle tue interviste, che fra l'altro spero siano sempre più frequenti (se poi ti si comincia a vedere anche a Canale 3...)
      Anna G

      Elimina
  11. Che ti avevo detto, sui profili facebook del sindaco e dei suoi accoliti, la vittoria della coppa italia serve a magnificare il sistema e addirittura a coprire gli scandali di cui sono artefici.
    nella piu' bieca operazione di confondere il culo con le 40ore...
    roba da matti!

    RispondiElimina
  12. Ad alzare la coppa, però, a questo giro Franchino, di verde sciarpato, non si è presentato, almeno a guardare le foto; forse era a controllare il perimetro delle mura cittadine, divenute improvvisamente argomento di campagna elettorale, dopo anni di piddino silenzio.
    Su Repubblica Firenze di oggi lo danno eliminato dall'agone, per mano del Pd romano, se alle politiche il Pd in loco tracolla. Oh, tocca votare Bersani, allora?

    L'eretico

    RispondiElimina
  13. Ma... invece di Ceccuzzi e Bersani s'è dimesso il Papa... bada a forza di generalizza' con quest' Antonveneta che casino!
    Commissariato anche lo IOR !

    RispondiElimina