Cerca nel blog

mercoledì 27 febbraio 2013

Crack pastificio Amato: promemoria per la Magistratura

 
    Domani verranno interrogati i due signori che hanno egemonizzato la vita politica, e non solo, dell'ultimo decennio senese, Ceccuzzi Franco (eh sì, adesso bisognerebbe chiamarlo così...) e quel Mussàri Giuseppe che raccatta ormai un avviso di garanzia alla settimana.
 Vorrei rivolgermi, con pieno intento collaborativo, alla Magistratura inquirente di Salerno: al Procuratore Franco Roberti, al Pm Vincenzo Senatore, alla Guardia di finanza - nucleo polizia tributaria - locale. A tutti coloro che stanno indagando sul crack del pastificio Amato, insomma.
 Ad adiuvandum, vorrei solo permettermi di ricordare alcuni fatti, affinchè si possa ricostruire il contesto del rapporto fra l'onorevole Del Mese e l'allora deputato, fresco di nomina, Franco Ceccuzzi.
 La documentazione, le carte, le eventuali prove, ce le avete voi, che quindi ne sapete - come è giusto che sia - molto più di me; dal canto mio, avendo vissuto (e descritto per primo) quel rapporto dalla sponda senese, vorrei aggiungere qualche elemento: deciderete voi se utile o meno.

  L'allora Presidente, in quota Udeur (Mastella), della Commissione Finanza della Camera dei deputati, è stato di gran lunga il politico extra moenia più omaggiato e riverito, nel biennio 2006-2007.
Quando arrivava a Siena, era come se arrivasse uno statista di prima grandezza, una sorta di Churchill campano. A me, questa platealizzazione aveva subito destato sospetto: sia pure che l'Udeur allora era un alleato di Prodi e del Pd (ed aveva Mastella Ministro della Giustizia, si badi bene!), però questa "corrispondenza d'amorosi sensi" tra il politico senese (e futuro Sindaco) e l'attuale carcerato Paolo Del Mese strideva.
 Sempre ad adiuvandum, mi permetto di andare a ripescare alcuni passaggi quantomeno eloquenti della stampa cittadina verso Paolo Del Mese (contenuti nel mio libro Le mani sulla città, pubblicato nel 2009). Giudicate voi, ogni commento risultando pleonastico:

 "La città e le Contrade dovranno ringraziare il Parlamento per la sensibilità dimostrata nei loro confronti e IN PARTICOLARE PAOLO DEL MESE...che ha mantenuto gli impegni presi in occasione del Palio d'agosto" (Franco Ceccuzzi, Corriere di Siena, 16 novembre 2006, pagina 3). Come saprete, il Del Mese si era concretamente attivato, da idealista quale è, per una Legge che salvaguarda il Palio di Siena: l'onorevole Franco Ceccuzzi, tra gli altri omaggi, gli fece dono anche di una bandiera della Contrada della Torre (dovete sapere che l'indagato Ceccuzzi è un noto contradaiolo di questa Contrada).
 Una giornalista locale, Gaia Tancredi, scriveva del politico campano in modo liricheggiante:

"Lui è campano, ma il Palio ha imparato a comprenderlo ed amarlo e soprattutto a comprenderne i tesori (allusione profetica?, Ndr), tanto da decidere di battersi in Parlamento per preservarlo nella sua natura originale" (19 novembre 2006), Corriere di Siena).

 A domanda della cronista, Del Mese riferiva, riferito al suo collega senese:

"Sa una cosa, Franco Ceccuzzi è davvero un bel rompiscatole. Non mi ha mollato un attimo; Ceccuzzi HA DAVVERO A CUORE I BISOGNI della vostra città, TENETEVELO CARO, perchè sulle faccende che riguardano Siena si batte come un leone" (sempre 19 novembre 2006).

 Nel gennaio del 2007 l'idillio era ancora in piena corsa, al punto che il prestigioso editorialista dello stesso quotidiano, Stefano Bisi, proponeva a caratteri cubitali "Un brindisi per Paolone!" (sic); sotto, pubblicava una imperdibile foto di Ceccuzzi e di Del Mese, insieme, accanto ad un bottiglione di una magnum di Nobile di Montepulciano, da Ceccuzzi donata allo statista di Pontecagnano Faiano.

"Ci consentirà l'onorevole (Del Mese, Ndr) di chiamarlo così. Ormai è un senese onorario.Negli ultimi tempi ha aiutato Siena per il Monte dei Paschi e per le Contrade".

 Il panegirico a mezzo stampa, infine, si concludeva con l'augurio, da parte di Franco Ceccuzzi, che Del Mese "possa ricevere altre magnum di vino altrettanto pregiato del nostro territorio, PER NUOVI ED ALTRI MERITI".
La caduta del Governo Prodi prima, la carcerazione in un secondo tempo, lo hanno un po' frenato, da questo punto di vista...

Ps Domanda delle cento pistole: Ceccuzzi Franco e Mussàri Giuseppe, domani, viaggiano insieme, alla volta della Procura di Salerno? Visto che non si sentono più (Ceccuzzi dixit), vanno con due macchine diverse?

25 commenti:

  1. Dal Cittadinonline:
    il commissario Laudanna in comune si sta distinguendo per un’azione prudente, quasi priva di iniziativa. Salvo quella di non firmare l'ok per il Palio (anzi, i Palii), dato che non c'è la prevista copertura finanziaria di 800mila euro per le spese del solo Comune.

    Ma è vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laudanna detto Oblomov. L'inerzia allo stato puro.

      Elimina
    2. Ma si può pensare solo al Palio???? Qui siamo alla follia!!!!

      Elimina
    3. Tesoro, i senesi si svegliano solo quando gli tocchi il Palio e le Contrade. Pur troppo ci hanno ipnotizzato così per intere generazioni..e ora racogliamo i frutti(marci) di questa mentalità.

      BK

      Elimina
    4. Secondo me, palio o non palio, il commento iniziale dice qualcosa di importante: Laudanna si è mostrato molto passivo, fin qui, limitandosi ad amministrare ed appellandosi al fatto che il suo ruolo non è quello di fare delle scelte politiche a medio-lungo termine. Peccato.
      Peccato, perchè penso ai finanziamenti a fondo perduto che la UE da per il progetto della capitale europea della cultura (nel quale, magari, Siena non sarebbe comunque arrivata fino in fondo, ma che sarebbero potuti servire a realizzare qualche spazio che potesse rimanere alla città e a chi ci vive).
      Peccato, perchè c'era l'occasione di fare un po' di chiarezza sulle dinamiche del comune(come altri commissari hanno fatto altrove), ma è stata buttata via.
      Peccato perchè Laudanna aveva l'occasione di dimostrare che, qualche volta, lo Stato in Italia esiste, propone e realizza, e non si limita a garantire uno status quo che sta bene soprattutto a chi amministra.
      Peccato, perchè è triste constatare che, ogni giorno che passa, trovo sempre un nuovo motivo per vergognarmi del mio Paese.

      Elimina
  2. Eretico non posso commentare quello che hai scritto, la vicenda Amato la conosco poco e spero che i magistrati riescano a breve a fare chiarezza a cio' confida anche il chianino ceccuzzi. Infatti come tutti gli indagatiil chianino dice: ho fiducia nella magistratura, anche diabolik aveva fiducia in ginko. Ma a proposito del chianino.... che adesso sia un noto contradaiolo della Torre no davvero ha amici confidenti pronti a fare gli zerbini al suo passaggio ma contradaiolo no davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo,
      pensavo (speravo) si capisse l'ironia!
      Come dimostra il caso Del Mese, Franchino ha solo utilizzato cotidie le Contrade per legittimarsi politicamente. Spero che almeno adesso lo capiscano (quasi) tutti.

      Quanto al discorso di Laudanna e del Palio, pare proprio sia così; e stavolta non c'è più Del Mese ad "aiutarci".
      Se così fosse, sapremmo ancora una volta chi ringraziare...
      Adesso scusate, vado alla manifestazione!

      L'eretico

      Elimina
  3. Bastardo Senza Gloria27 febbraio 2013 14:44

    Quindi fatemi capire. Dai giornali di Salerno si legge che il duo "Ceccussàri" si prodigava in cene nella costiera amalfitana (beati loro), nel frattempo fiumi di denaro (qualche milione) usciva dalle casse del Monte dei pascoli per andare a finanziare una srl di sedicimila euro con sede sociale a malta.... di proprietà degli Amato, padroni di casa dove si svolse la suddetta cena, chiaramente di tale srl non è rimasto niente...ed i soldi? Mha.....non ho capito bene chi dobbiamo ringraziare......

    RispondiElimina
  4. sarebbe interessante sapere se il direttore del giornale fiorentino locale che omaggiava tal del mese è lo stesso che ora occupa un incarico di rilievo nella fondazione mps. così tanto per sapere....

    RispondiElimina
  5. Il Consorzio per la tutela del Palio non potrebbe richiedere indietro la bandiera della Torre a questo Del Mese? Non penso che se la sia portata in carcere

    RispondiElimina
  6. "Ps Domanda delle cento pistole: Ceccuzzi Franco e Mussàri Giuseppe, domani, viaggiano insieme, alla volta della Procura di Salerno? Visto che non si sentono più (Ceccuzzi dixit), vanno con due macchine diverse?"

    io avevo capito che ceccuzzi andava giù insieme ad AMATO, invece mussàri aspettava che lo passasse a prendere D'ALEMA

    van giù in 4 con 2 macchine perchè può darsi che qualcuno debba trattenersi . . .

    RispondiElimina
  7. e qui emerge il chianino ceccuzzi.. dare una bandiera a chi non ne conosce ne l'uso ne il vero significato... concordo con il precedente messaggio.. la bandiera o dalla Contrada della Torre o dal Consorzio deve essere recuperata...

    RispondiElimina
  8. avete per anni parlato di palio ma vi siete fatti portar via la cosa piu' importante.. cosa mangeranno i cavalli ??? che triste fine.

    RispondiElimina
  9. Mi dicono che Ceccuzzi Franco fosse alla cena della vittoria dell'Onda. Ma non era della Torre? Avete mai visto un contradaiolo che va alla cena della vittoria della contrada avversaria?!

    BK

    RispondiElimina
  10. "vanno con due macchine diverse" ... Raffaele sei geniale!

    RispondiElimina
  11. Fuori dal post..

    Caro Eretico, la manifestazione di ieri faceva schifo! potrei usare mille giri di parole ma preferisco essere diretto.
    Ben venga l'iniziativa ma le persone presenti erano al quanto raccappriccianti, vedere alla manifestazione gente che ha contirbuito allo sfascio della città mi ha dato un po di disgusto, stanno cercando di rifarsi una verginità e questo non è tollerabile.
    Dopo ieri sera istituirei una nuova categori asociale, oltre agli "omini dell'orto" aggiungerei "le donnine con la pelliccia", ne ho viste un paio e secondo me rappresentano il rincoglionimento di questa città!
    Francesco


    RispondiElimina
  12. A questo punto, passate le elezioni, c'è da augurarsi, sia a Siena,che a Salerno, che comincino a scattare un po' di manette anche per gli indagati eccellenti !!!

    Il "buon" Gianluca Baldassarri, che ne avrà pur combinato di grosse , non può essere ritenuto il principale responsabile dello scandalo e sia l'unico a dover stare dentro per rischio di fuga ed inquinamento di prove.

    RispondiElimina
  13. Una questione minima ai limiti dell'inezia.
    Non sapevo che le bandiere - che sono le insegne ufficiali della Contrada - potessero essere regalate da un protettore (?) a un'altra persone che, per quanto autorevole e prestiogiosa, apparentemente non riveste la stessa qualità.

    RispondiElimina
  14. Certo che se ieri alla manifestazione ci fosse stato qualcuno in più non era male...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roma non è stata costruita in un giorno e Siena è stata distrutta in una decina d'anni e quindi anche risvegliare le coscienze richiede tempo.

      RIPRENDIAMOCI SIENA!!

      FOLOSO

      Elimina
  15. Cecccccccooooobaaaaaaaaaaaaaaaaaooooooooooooooo

    RispondiElimina
  16. ....si uno poi prende la Salerno Reggio Calabria e si ferma a Catanzaro... e speriamo che li rimanga!!!!! E speriamo anche che L'altro, al ritorno(se ritorna) si fermi nella Chiana. Che programmino.

    RispondiElimina
  17. Alla fine so andati ognuno per conto suo. Il Tirreno ci informa che il presidente è arrivato con una Lancia Thema, mentre il Sindaco addirittura in taxi.

    RispondiElimina
  18. http://www.ilfazioso.com/se-viene-fuori-lo-scandalo-dei-mutui-non-rimborsati-mps-al-pd-il-partito-salta.html

    RispondiElimina