Cerca nel blog

venerdì 30 marzo 2012

Il Prefetto Pantalone se ne va: ce ne faremo una ragione...

 
  In questi giorni, il Prefetto di Siena Gerarda Maria Pantalone sta lasciando la città (e la Provincia, è sempre bene ricordare) in cui si insediò nel settembre del 2009. Come anticipato nel titolo, l'eretico se ne farà una ragione...

  I castisti, invece, fanno a gara a chi la ringrazia di più e meglio (non è certo casuale). Stamattina l'eretico ha letto - fra i tanti - questo messaggio della BIMURTI Franchino-Quello della Provincia (due corpi, un solo comunicato, secondo prassi ormai consolidata), che merita di essere parzialmente ripreso:
"In questi due anni la dottoressa Pantalone ha mostrato grande attaccamento al nostro territorio, lavorando in ogni occasione con competenza, professionalità, passione e spirito di collaborazione...la dottoressa Pantalone grazie anche alle sue doti umane ed alla cordialità, ha fatto sempre sentire la sua vicinanza ed il suo sostegno alla Provincia e a tutti i Sindaci...".
Il migliore dei Prefetti possibili, dunque? A sentire la BIMURTI castista, sì, o giù di lì. Tutti i gusti sono gusti.

 L'eretico NON la pensa assolutamente così. A parte il fatto che quei birbantelli di illuminati hanno tirato fuori (nel pezzo su Gioffrè di ieri) una birbata telefonica concernente l'intellettuale senese (più senese che intellettuale) Gilberto Madioni che si mette a parlare a nome del Prefetto: siamo in fervente attesa di smentita da parte della Prefettura (conoscendo il personaggio Madioni, verosimilmente millantava, quando metteva di mezzo il Prefetto: ma a maggior ragione, bisogna che dalla Prefettura arrivi una secca smentita!).
 La sempre elegantissima ed inappuntabile dottoressa Pantalone (mitica la montatura degli occhiali degna di una diva holywoodiana), Magistra elegantiarum delle istituzioni senesi, è stata due anni e mezzo Prefetto di una città che, in questo biennio, ha definitivamente perso la (presunta) innocenza della classe dirigente a suon di avvisi di garanzia e megasputtanamenti (mai affrontati politicamente), e il Prefetto NON ha MAI neanche fatto cenno alla questione morale di Siena e del Senese (chissà ora a Salerno, ove troverà il grande vate politico di Franchino Ceccuzzi, l'ex onorevole e ex mastelliano Paolone Del Mese da Pontecagnano Faiano...). Era nelle sue possibilità, il farlo: ha preferito soprassedere. Questione di scelte.
L'eretico si augura che il dottor Renato Saccone - successore della Pantalone - possa essere più loquace, sullo spinoso tema. Sempre ovviamente rispettando il galateo istituzionale, ma ricordando appunto quali sono i poteri di un Prefetto.

 Franchino e Quello della Provincia, poi, pongono l'accento sulla "cordialità" del Prefetto uscente. Dal loro punto di vista, dicono bene. Vorrei anche vedere.
Sacrosanto che un Prefetto si interfacci con i Sindaci e con i Presidenti di Provincia: sarebbe strano il contrario. Nessuno obbliga il Prefetto, però, a partecipare per esempio a pomeriggi letterari tipo quelli con Stefano Bisi che presenta i suoi gustosissimi libri sui potenti senesi: che obbligo istituzionale c'è, a presenziare?

 Nessuno pretendeva, esimia dottoressa Pantalone, che Lei venisse alle presentazioni dei libri ereticali, (meglio anzi non farsi vedere con scrittori subissati da problemi giudiziari...), ma mi potrebbe spiegare perchè ai libri esaltanti la Casta Lei c'è stata sempre, e a quelli che ne denunciavano le malefatte, invece, nemmeno una volta?
L'eretico resta in attesa di una Sua risposta.

12 commenti:

  1. Bye bye, Prefetto Pantalone. Ora inizia il mestiere difficile: da una città meravigliosa e senza problemi, ad una piena di problematiche.

    RispondiElimina
  2. Bastardo Senza Gloria30 marzo 2012 18:48

    Le riflessioni del Professore mi trovano molto daccordo.
    In tal caso vorrei ricordare che il Prefetto dovrebbe avere sempre un profilo da alta istituzione, quale rappresenta, e quindi essere punto di riferimento della legalità e dei principi morali che ad essa si rifanno, essendo il diretto rappresentante dello stato sul territorio.
    Io ho avuto molto la sensazione di un Prefetto molto mondano, al quale piaceva piacere alla gente che piace. Quindi nessun richiamo alla moralità, forse mancavano i motivi?
    Eppure tra un party e un altro qualcosa sarà venuta a sapere. O no.

    RispondiElimina
  3. Ma per comodità, eleganza ed ospiti!
    Vuoi mettere una presentazione nella fastosa sala degli specchi dell'Accademia dei Rozzi, ricolma di persone importanti, con un servizio impeccabile ed un libro di un autore cristallino... e non diciamo altro; con quella di un libercolo scritto male da un plurindagato, presentato nella squallida sala dei mutilati, alla presenza di poca gente maleodorante ed un custode poco accogliente!
    Scusa ma.... la classe è classe!

    RispondiElimina
  4. Poi la Sala degli specchi ai Rozzi è meglio proprio perchè ci sono gli specchi e ci si può specchiare...

    RispondiElimina
  5. Tanti se ne faranno una ragione, anzi berranno di gusto un bicchiere di buon vino in più. Speriamo nel prossimo!!

    RispondiElimina
  6. Io aspetto sempre che vengano abolite le prefetture che costano molto più che le province e servono molto poco( al prefetto per le inaugurazioni basterebbe un segretario, un autista, un vice-prefetto e qualche dipendente).In Italia vi sono 105 prefetture, che in media, hanno circa 150 dipendenti.Moltiplicate per i loro stipendi, per le auto blu, per i costi di manuntenzione, rappreserntanza,manutenzione etc.etc. e vedete che cifra da finanziaria viene fuori ogni anno.
    P.s..l'ex prefetto,vista la crisi, ha deciso di seguire l'esempio di austerità della provincia in tempo di austerità.La provincia ha limitato ad uno(2 luglio) i ricevimenti per il palio, il prefetto ha lasciato invariato il numero dei ricevimenti( 2 luglio e 16 agosto) ma ha cumulato gli inviti con un unico cartoncino: la S.V. è invitata per il 2 luglio e per il 16 agosto. Quando la sobrietà va a braccetto col risparmio..........

    RispondiElimina
  7. Ricordatevi che la Gerarda ha data il premio al Bisi per l'onestà e la correttezza delle informazioni gionalistiche in occasione dei festeggiamenti per i 150 anni della Repubblica..............quale presentazione di libro pensate che potesse scegliere?
    A proposito, chi propone i premiati e le persone a cui assegnare le onorificenze della Repubblica?

    RispondiElimina
  8. Le propongono gli uffici o le associazioni, quasi mai le Prefetture. E a decidere sono il Ministero dell'Interno ed il Qurinale.

    RispondiElimina
  9. Allora è stato proposto dall'associazione a delinquere chiamata"distruggi il Monte che ti diverti"?
    (che fa Professore, me la censura?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come vede, non l'ho assolutamente censurata. Anche perchè, di grazia, chi potrebbe arrivare a querelare, per la sua affermazione? Gli "amici" della Casta dicono tutti di non avere responsabilità, quindi in questa "associazione a delinquere" loro non possono proprio esserci.
      Il Monte - ora è chiaro - ha accumulato deficit per cagione dello Spirito Santo: lo stesso dell'incendio in Curia, per esempio...
      L'eretico

      Elimina
  10. Tanti auguri al dottor Saccone. Vista la situazione senese, avrà di certo molto da lavorare. Speriamo non faccia finta di essere capitato nel Bengodi d'Italia come qualcun altro

    RispondiElimina
  11. La Gerarda sarà già a godersi il sole in costiera..piove? Allora tutti a fare shopping!!

    RispondiElimina