Cerca nel blog

sabato 10 marzo 2012

Il Bisi attacca l'eretico, ispiratore di violenza...

   Molti lo aspettavano al varco, dopo l'uscita del libro sul suo grande amico Mussari: che farà, il Bisi? Che dirà, cosa scriverà l'ideologo del Sistema Siena e del mai abbastanza decantato "groviglio armonioso"? Bisognava aspettare il 10 marzo, per gustarsi lo spettacolo; e bisognava attendere un attentato incendiario (peraltro non il primo), senza danni per le persone, ad una filiale romana del Monte dei Paschi (rivendicato da frange anarchiche), per scuoterlo dal torpore dell'attesa.
 La sintesi del suo intervento di stamattina sull'house organ del Mps (pagina 5) è che il clima è pesante (giusto: come potrebbe essere altrimenti?), e che in giro ci sono dei "cattivi maestri" che alimentano la violenza. Leggere il passaggio, per credere:
"Speriamo che non si passi alla terza fase, quella della violenza contro gli uomini.
Leggere sul web frasi del tipo:" ... che a Siena c'è chi può permettersi di camminare, passeggiare, correre in ogni luogo e strada della città, senza nessun problema e senza doversi guardare le spalle, e chi ha presentato un esposto (Mussari, Ndr), pare proprio di no..."MERITEREBBE UN CHIARIMENTO DALL'AUTORE DELLO SCRITTO. "Chi sa parli", si usa dire". Quelle parole - blog alla mano - sono ereticali.
L'eretico, quindi, sarebbe uno che incita alla violenza ad personam (contra personam) nei confronti di chi ha portato finalmente benessere in città, in questi dieci anni. Ancora una volta, che ognuno ragioni con la propria testolina, se possibile.
Stefano Bisi mi chiede un chiarimento: gli offro due riflessioni, e financo una proposta. Sperando risultino chiare, a lui e ai lettori.

 In primis, continua, da parte bisiana, questa singolarità di parlare dello scrivente, senza citare il blog ("sul web": un pochino generico, no?), figuriamoci il libro (ovviamente non recensito): a tal punto arriva la paura di pubblicizzare il libercolo, caro Stefano? Di seguito: non sarebbe meglio provare a rispondere ai tantissimi problemi (ed alle domande, puntuali e specifiche) posti dalla biografia mussariana, invece di scrivere d'altro, creando ex abrupto pericoli che - fortunatamente - non esistono (e se esistono, non certo per "merito" mio)?

  Secondo: il criminalizzare chi scrive cose scomode ed imbarazzanti per chi detiene il Potere, additando lo
scrivente a sobillatore di folle inferocite, è una tecnica vecchia come il mondo del giornalismo. Così adesso se disgraziatamente succede qualcosa al President (cui auguriamo di trascorrere indenne il resto della permanenza senese), c'è già il mandante, servito in anticipo. Facile e deresponsabilizzante al tempo stesso, no? So bene grazie a chi tira avanti il tuo giornale (oltre all'impegno tuo e dei tuoi collaboratori), e capisco anche la umana necessità di compiacere chi di dovere, ma a tutto pare ci sia un limite, no?
Con immodestia, l'eretico preferirebbe essere considerato un bravo docente (ed un mediocre scrittore), piuttosto che un "cattivo maestro"...

  La proposta, infine: caro Stefano, organizza tu l'evento, visto che hai lanciato il sasso in piccionaia. L'eretico - da te additato come una sorta di Toni Negri di fòri porta (San Marco) - è pronto, con un subitaneo gesto della sua destra, ad ammansire le sue brigate pronte - roncole e forconi in pugno - a partire per la caccia all'uomo, al President. Io, appunto, li fermo, mi impegno personalmente a bloccare i facinorosi. Così come li ho addestrati, uno per uno, alla violenza più cruda ed efferata, li posso fermare, solo che lo voglia: mi obbediscono ciecamente.
 Tu, in compenso, dì a Lui di darmi una sola cosa, in cambio: il contratto di acquisto di Antonveneta, con tutti gli annessi ed i connessi. Contratto Antonveneta in visione, in cambio della fine delle violenze.
Mi sembra un cambio alla pari, no?

23 commenti:

  1. Caro Eretico,

    spero mi sia consentito un paragone irriverente; il contratto di acquisto di Banca Antonveneta (senza Interbanca) ammesso che esista è come la salma di Bin Laden. Tutti crediamo sia in un posto mentre è gelosamente custodito in un altro .......

    Una domanda ai lettori prima del meritato riposo domenicale: chi può essere certo che il futuro presidente della Banca non decida di fare un'analisi costi/benefici del giornalino massonico del Bisi ?

    La forbice di Arrogance Profumo potrebbe arrivare anche in redazione .....

    Buona domenica da Robertino

    RispondiElimina
  2. Caro Bisi,
    mi rivolgo a Lei che è il cantore del potere cittadino, e la inviterei ad alcune semplici riflessioni su dei simboli della nostra comunità. Ce li siamo tramandati da molti secoli, e vanno al di là di un magro tozzo di pane quotidiano concesso da qualcuno, ma sono messaggi pesanti sull'essere e sul percorso da seguire e perseguire.
    Innanzitutto la BALZANA, con i suoi non colori Bianco e Nero. Non è "bandiera" astratta, ma è un messaggio inequivocabile su come dovremmo essere! Non è forse un invito, nella diversità estrema, ad essere in un modo ben definito? Solo con la partecipazione di questi opposti possiamo raggiungere la sintesi migliore. Il grigio li comprenderebbe entrambi mescolandoli, ma coloro che volessero essere tutto ed il contrario di tutto non potrebbero mai essere i migliori.
    E poi le allegorie del BUONGOVERNO e del CATTIVO GOVERNO di Ambrogio Lorenzetti, che furono messaggi primordiali di propaganda politica, indirizzati sopratutto a coloro che amministrano la Città. Furono affrescati proprio nelle stanze del potere perché servissero da monito costante sul comportamento da tenere ed il percorso da seguire per raggiungere e mantenere il benessere collettivo.
    A questo punto, scelga Lei, chi le pare, tra coloro che detengono e amministrano qualsiasi potere cittadino. Dovrebbe conoscerli bene tutti perché ne declama costantemente le gesta. Mi dica, c'è qualcuno che oggi ha ben chiari questi messaggi? O sono tutti dei personaggi grigi che con i loro comportamenti non perseguono gli interessi della comunità, spesso anteponendo anche quelli personali?
    Il vizio infine, secondo lei è rappresentato da chi critica il potere o da chi amministra ed ha amministrato male?
    So che non avrò il piacere di una risposta, perché non potrò firmarmi, e per ovvi motivi non vorrà dedicare il suo tempo prezioso ad un ignoto, ed anche perché, se lo facesse, ci dimostrerebbe che anche Lei legge questo blog!

    RispondiElimina
  3. sono senza pudore da sempre, pericolosi per la città, tanto da distruggere il patrimonio secolare di tutti. ora si sentono perfino in pericolo.
    ma resteranno impuniti in ogni sede, caro eretico, tranne che nelle loro cosceienze, perchè loro sanno quello che fanno.
    speriamo ci sia qualcuno che ne giudichi i misfatti, perchè tra i comandamenti c'è non rubare, non desiderare la donna d'altri, non si uccide solo con la lupara.
    c'è chi ti stima eretico in modo spontaneo per quello che dici e fai, senza riscuotere o avere interessi come nel caso dei sopracitati.

    RispondiElimina
  4. Bastardo Senza Gloria10 marzo 2012 19:35

    Mi sento di esprimere tutta la solidarietà mia personale e dei Bastardi Senza Gloria che adesso presiedo, al professore Raffaele Ascheri, lui si vittima di violenza mediatica da parte di chi con ostentata arroganza e sprezzo della libertà di espressione manifesta teoremi assurdi e privi di fondamento contro coloro che liberamente si esprimono sui blog, unico luogo dove ancora non si ha da parte di certi personaggi il controllo sulle opinioni altrui.
    I cattivi maestri caro giornalista, non lo nomino volutamente, sono coloro che lei si ostina a difendere e che hanno creato la situazione attuale. Le cose le vada a spiegare a quelle famiglie che ora si dovranno sobbarcare sacrifici non certo per colpa loro! Le cose le vada a spiegare a quei giovani che marciscono nelle liste di collocamento passando di concorso in concorso senza possibilità di chiamata diretta come succede ad alcuni suoi conoscenti.
    Non accettiamo moralismi da chi moralismi non li può fare.

    RispondiElimina
  5. Benessere in città in questi 10 anni? Puó anche essere, ma a che prezzo? 500 e rotti anni di storia bruciati, scomparsi, svaniti, il famoso senso di appartenenza alle ortiche, sputtanate continue su media nazionali...ma neanche Fede dice piú cose del genere del su pupillo. Eppure anche Silvio si é prodigato in assunzioni senza contratto...

    RispondiElimina
  6. Ancora una volta, mi trovo (piacevolmente) a segnalare ai lettori ereticali il blog Il Santo.
    Leggetelo - anzi guardatelo - oggi: c'è un'intervista bisiana imperdibile...

    L'eretico

    RispondiElimina
  7. Avete presente Pangloss?

    RispondiElimina
  8. Purtroppo sono questi interventi, di personaggi inqualificabili e arroganti, i pericoli più grossi per eventuali atti poco urbani. Devo dire che anche io, che mi ritengo persona estremamente moderata e con nessun "precedente", inizio a temere di non riuscire più a controllarmi davanti a ciò.
    Ci sono persone che continuano a navigare nell'oro e nei lussi dopo aver distrutto un territorio, avere impoverito altre persone incolpevoli, ci sono squallidi personaggi che continuano a leccarli i piedi e reggerli la balla; e poi ci si meraviglia se qualcuno potrebbe perdere la testa?
    Ecco questo è quello che temo: essere costretto a comprendere (non a difendere e tanto meno a sostenere) chi, esasperato da questi schifosi comportamenti, potrebbe diventare nervoso o addirittura violento.
    Un altro bel risultato di questa classe dirigente.

    RispondiElimina
  9. servi e spie sono utili ma alla fine di loro non si fidano, per primi, chi li ha adoperati. La cosa buffa è che servi e spie hanno continuato a recitare lo stesso copione mentre attorno a loro tutto è cambiato e sta cambiando. Nulla sarà come prima, e servi e spie stavolta non potranno riciclarsi perchè il copione è cambiato. Ha ragione Robertino... forse la rivoluzione è già cominciata e certi amici degli amici sono come quel ministro dell'informazione irakeno che, sul roof dell'albergo, negava che gli americani stessero arrivando a Bagdad mentre nella strada sotto sfrecciavano i tank Usa. Do you remeber?

    RispondiElimina
  10. Ma il Bisi per scrivere tali piccinerie viene anche retribuito? il suo giornale è l'apoteosi del niente e prima di fare il moralizzatore dell'ultima ora dovrebbe guardarsi in casa e vergognarsi!!!!!

    RispondiElimina
  11. La battuta sembra facile, ma, per me, è geniale (copyright di un caro amico che vuole l'anonimato): se l'eretico è un cattivo maestro, il Bisi cos'è? Un cattivo Gran maestro...
    L'eretico

    RispondiElimina
  12. Dimenticavo: ringrazio gli amici bloggers (il Santo e gli illuminati) per la solidarietà, che so essere sincera.
    Ed in uno slancio di cattolica pietade, mi sento quasi di perdonare il Bisi per le sciocchezzuole che ha scritto ieri. Sto diventando troppo buono?
    L'eretico

    RispondiElimina
  13. Che coraggio a scrivere certe cose! Il Bisi...

    RispondiElimina
  14. Solidarietà all'eretico, bisi smettila lo sanno tutti chi sei!

    RispondiElimina
  15. Questa uscita del Bisi è certamente sbagliata, però vorrei ricordare che il direttore del Corriere di Siena almeno di certe cose è stato il primo a scrivere in tutto il panorama locale (università, certe storture della sanità ed altro). Questo credo gli vada riconosciuto.

    RispondiElimina
  16. A me il "personaggio" in questione assomiglia a:
    URIAH HEEP,un personaggio letterario creato da Charles Dickens nel suo romanzo David Copperfield.
    Il personaggio è celebre per la sua OSTENTATA UMILTÀ, L'UNTUOSA OSSEQUIOSITÀ, e la generale IPOCRISIA; in sintesi è FALSO e VISCIDO.
    Uriah viene ripetutamente descritto come brutto e REPELLENTE - alto, magro e pallido con i capelli rossi e lo sguardo spento, parla con un TONO DI VOCE SOMMESSO e sembra NON GUARDARE MAI NEGLI OCCHI DEL SUO INTERLOCUTORE. Dickens enfatizza negativamente anche le movenze di Uriah, descritte come STRISCIANTI.
    - NON VI SEMBRA UGUALE????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, UGUALE!!, anzi, se possibile, anche qualcosina peggio (l'Uriah locale)

      Elimina
  17. Segnalo che oggi, passando da Firenze davanti ad una qualsiasi edicola, si vedeva chiaramente che le civette richiamavano ad una notizia che immagino abbia grande risalto anche sul Corriere di Siena, sempre attento alle vicende della banca senese.
    MPS vende le sue quote di ADF (aeroporto di Firenze), non mi sembra che sia un bel segnale che una banca esca da un investimento strategico del genere.
    Per chi non ha saputo niente in merito metto il link.
    http://firenze.repubblica.it/cronaca/2012/03/12/news/la_regione_toscana_entra_in_aeroporto-31370354/
    Sempre più in giù...

    RispondiElimina
  18. Se il Bisi si preoccupa dei suoi, noi ci preoccupiamo del nostro Blogger - da corriere.it:

    http://www.corriere.it/esteri/12_marzo_12/violenze-blogger_10e4d8e6-6c3d-11e1-bd93-2c78bee53b56.shtml

    cinque persone uccise e 200 arresti
    Record di violenze contro i blogger nel 2011
    Il rapporto di Rsf contro la cybercensura: «Resterà
    come un anno di una violenza senza precedenti»

    RispondiElimina
  19. ma che vuoi che dica....Bisi è solo una cosa: uno SCHIAVO DEL POTERE! fa veramente schifo che riesca ancora a muovere la penna per scrivere solo fesserie...

    Comunque secondo me lo scrive per mettere le mani avanti...nel senso che alla fine è davvero ammissibile che qualcuno li prenda a calci in culo per strada !!!
    Tira, tira alla fine la corda si rompe....

    E quindi così se capitasse, saprebbe subito a chi dare la colpa dicendo pure "io l'avevo detto..."

    Si vede comunque che si è accorto che in città il CLIMA è pesante....

    RispondiElimina
  20. La violenza, quella vera, l'ha subita solo la Verità e quindi la Giustizia giacché in tutti questi anni è stata doviziosamente nascosta anche dagli organi di informazione. Per il resto è solo aria fritta buona a compiacere i potenti del momento come erano soliti fare i giullari di corte; ormai, le non notizie dei quotidiani con con cronaca locale, e mi fa strano che il Bisi come buona parte dei politici senesi ancora non lo sappiano, non li legge più nessuno se non ha voglia di ridere. Per quanto attiene poi l'incolumità delle persone bisogna annotare che il difficile non è incominciare bensì smettere perché la lista sarebbe davvero lunga. Meglio astenersi.

    RispondiElimina
  21. Giusto: asteniamoci dalla violenza come i preti dal fare sesso!

    RispondiElimina
  22. Caro Eretico, leggendo tutti i commenti del discepolo di sallusti (almeno fisicamente gli somiglia noo?)mi sono ricordato quando in via dei termini c'era il negozio telecom italia e la vicina accettazione telefonica.
    Una sera che di servizio c'era un pendolare fiorentino, legato ombellicamente ai servizi sita con firenze, entrò qualche secondo prima dell'ora di chiusura,per una telefonata.
    Il collega avvisò che alle ore 20 precise avrebbe spento la luce perchè altrimenti avrebbe perso il servizio per firenze, ed io vi dico che le sue condizioni economiche, gli avrebbero permesso di dormire sotto il ponte della vecchia, ma il giornalista entrò ugualmente in cabina x la telefonata.
    Alle ore 20, testimonio io, si spense la luce, il giornalista uscì a capo basso senza proferire verbo, ed al collega qualche giorno dopo gli fu comminato un giorno o due di sospensione.....elemento vendicativo questo giornalista noo?

    RispondiElimina