Cerca nel blog

lunedì 12 marzo 2012

Uno scoopino su Antonio Sclavi...

 
  Antonio Sclavi, chi è costui? Per tutti, a Siena, il più noto fra gli imprenditori del pane, con negozi ad ogni angolo della città; ma è anche un filantropo, con la sua quasi altrettanto nota attività di presidente (ora solo provinciale) della benemerita Unicef; da sempre appassionato di cinema (immancabile al suo fianco, nei cinema cittadini, Anna Carli), da un po' di tempo gli è preso lo sghiribizzo di diventare mecenato festivaliero del cinema. D'altro canto, in una città in cui il grande inganno si è fondato anzitutto sul panem et circenses, un panificatore come lui non potrebbe dire la sua? Sarebbe quasi strano che non lo facesse...

 Come già scritto mesi or sono, l'unico problema del neonato festival sclaviano è che lo Sclavi vuole fare il mecenate con i soldi altrui, in particolare della collettività. Sempre stato così? Sacrosanto, ma con due differenze, non da poco: il pubblico dovrebbe finanziare solo i progetti di chi ha esperienza e know how nel settore (in tutti i settori), mentre all'eretico non risulta che il pur appassionato panificatore vanti requisiti particolari che giustifichino dindini pubblici; in secondo luogo, il tempo delle vacche grasse è archiviato, e che il Monte dei contratti di solidarietà finanzi un neonato festival, potrebbe anche fare nascere qualche polemica (già non ne mancano, no?.
Di certo, si sa che il Comune - notoriamente florido - stanzia 10.000 euroni freschi freschi per la bisogna, e lo stesso dicasi della Camera di commercio senese. La cifra della onnipresente Bassilichi e, appunto, del Monte, non è data sapere (se ce le comunicano, ne prendiamo atto volentieri, e pubblichiamo immantinente).
In più - come gli amici illuminati hanno per primi scritto venerdì scorso - c'è questa curiosità del postale organizzato per portare i cronisti senesi dal campino di San Prospero a Roma, per la conferenza stampa sclaviana di stamattina (guarda caso, nella sede della Banca Mps, toh). Mentre l'eretico scrive, essendo partiti alle 8, dovrebbero essere quasi arrivati. Cappuccio e brioche (e pullman), a carico di chi, tanto per curiosità?
Fra una decina di giorni, comunque, arriverà in porto questa tre giorni cinematografica intitolata "O la Borsa o la vita!": titolo infelice assai, sul quale non scriviamo oltre per carità di Patria.
Da cinefilo incallito, l'eretico è ben lieto che, per esempio, arrivi a Siena un grande, vecchio regista come Giuliano Montaldo; e la direzione scientifica, affidata a Claudio Carabba, è nelle mani di persona che garantisce credibilità ed autorevolezza d'esperto. Resta, però, quello che si è scritto sopra, ahimè.

 E c'è anche un'altra chicchina, a dirla tutta. Mentre nel mondo giornalistico nazionale è tutto un dire dello scoopissimo della Amurri del Fatto sull'ascolto off the record della conversazione fra Calogero Mannino e Giuseppe Gargani sui rapporti fra Stato e mafia siciliana, nel suo ridotto anche l'eretico ha uno scoopino da proporre ai suoi tanti lettori. Piccola roba, ma certo significativa assai. Magari invece che off the record - come cioè la conversazione captata da Sandra Amurri - questa potrebbe essere on the record...
Risulterebbe che il suddetto Antonio Sclavi, nel telefonare ad una responsabile regionale dei finanziamenti per i festival cinematografici, qualche settimana or sono, si sia sbottonato un pochino. Un pochino troppo, forse.
Pare che addirittura - davanti a certe perplessità della importante signora - abbia sbottato una frase di questo tenore:
"Lei lo sa chi sono io? Sono l'uomo più importante di Siena, farò un festival del cinema a Siena, quindi voglio i finanziamenti!"
La sorpresa signora prova a fare ragionare l'esimio panificatore mecenate, dicendogli che ci vuole un back ground di almeno tre anni, prima di potere accedere ai suddetti finanziamenti regionali. Dura, sed lex. Non l'avesse mai fatto...
"Ma lei ha capito che io la sto chiamando a nome del nuovo Sindaco di Siena Franco Ceccuzzi e del Pd?".
A questo punto, bisognerebbe che Franchino il Ceccuzzi dicesse qualcosa, al proposito. Dato che all'eretico è aduso non rispondere preferendo buttarsi sugli avvocati, che glielo chieda qualcun altro, magari. Perchè noi siamo sicuri che questa frase sia sfuggita al panificatore, in perfetta buona fede (dello Sclavi): ma bisogna che Franchino ce lo confermi, perdinci!
Buon festival a tutti, dunque!

37 commenti:

  1. appunto....PANEM et circences

    RispondiElimina
  2. Ma con quanto guadagna con il pane non poteva pagarselo di tasca sua?

    RispondiElimina
  3. Sclavi, Carabba, Rossi, Montaldo e va bene che questo è "un paese per vecchi"!
    A me sembra più un film di naufraghi avvitati alle poltrone del potere.
    Sclavi vuole emulare Della Valle, ma con i soldi dei cittadini! "Hai visto mai'?"
    Ciao,
    Senese sconcertata

    RispondiElimina
  4. Evviva un festival che nessuno seguirà, di cui tanto si parlerà sulla stampa cittadina che copia e incolla i comunicati stampa redatti da gente che scrive ciò che gli viene dette di scrivere.
    Che perdita di tempo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, l'eretico lo seguirà, compatibilmente con gli impegni, e volentieri. Che lo Sclavi organizzi il tutto per fargli un piacere?
      L'eretico

      Elimina
    2. boni, non ci si può lamentare se i cinema chiudono e in città non c'è nulla e poi condannare una rassegna solo perché il presidente è lo Sclavi. I nomi forti ci sono e i film pure. Io sarò lì con l'eretico, magari mi tappo le orecchie se parla lo sclavi ma di certo non manco.

      Elimina
    3. "i film pure" dal programma presentato oggi non mi sembra proprio....

      Elimina
  5. Un altro personaggio che vuole continuare a mettere le mani nella marmellata ed essere sempre in mostra.
    Ma non si rende conto di quanto ha rotto i c.....i, in anni di percorsi ondivaghi, in anni che ha voluto essere nominato in tutti gli ambiti (anche con risultati del tutto deludenti), in anni che ha avuto a disposizione fondi pubblici non si sa se utilizzati al meglio (e anche ora ci riprova), in anni di fastidiosa presenza "prezzemolina" anche in settori a lui non confacenti.
    Per quanto mi riguarda e visto la sua età e la sua esagerata longevità politica, gli consiglierei di andare nella sua pensione dorata visto che ne ha tutta la possibilità (più o meno come il Berlusca)

    RispondiElimina
  6. ..il Monte farebbe bene a pensare alla sua gravissima situazione e alle scellerate operazioni che porteranno al licenziamento di molti! ma che e' una presa in giro, sponsorizza lo Sclavi con " O la borsa o la vita" ? La vita dei dipendenti!

    RispondiElimina
  7. Ah.. l'imprenditore in questione non rischia nulla di suo? Mecenate con i soldi dei contribuenti ma che storia e' questa, pretendo spiegazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dei contributi del Comune e della Camera di commercio, ho appena scritto. Per la Banca e la Bassilichi, invece, si attendono comunicazioni ufficiali (ma non sono tenute a darle, ovviamente).

      L'eretico

      Elimina
  8. Continuo a non capire per quali oscurissimi motivi vengano organizzati questi festival del c...o in una città che ha solo tre miserrime (ed è il caso di sottolineare la parola miserrime...) sale cinematografiche. Tale miseria fa sì che a Siena si veda poco o nulla del meglio che esce in sala.
    2 esempi: 1) Cesare deve morire, il film dei Taviani che ha vinto a Berlino (semmai, una cosina da nulla...), da 3 settimane sugli schermi, ma nella nostra città non ve n'è traccia; 2) Una separazione di Asghar Farhadi, autentico capolavoro, oltretutto vincitore di oscar per il miglior film straniero, passato a Siena tristemente solo un lunedì...
    E questa sarebbe la capitale della cultura 2019? Ma via...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Capitale della cultura non è la città con più cinema, ma quella capace di ritirare su le attività culturali promosse da questi, grazie al contributo dei privati che avendo idee brillanti, le portano alla luce contribuendo anche allo sviluppo economico. Essere Capitale alla Cultura serve per rilanciare l'economia partendo da chi vuol mettersi in gioco, non certo ad aprire musei o sale.

      Elimina
  9. Don Rodrigo voleva che le nozze, annunciate nella sua villa il 17 agosto 2010, non si facessero più. Quale il suo reale disegno? La telenovela continua, non vi perdete una puntata sennò non ci capite più niente.

    RispondiElimina
  10. Per lo sciopero dei dipendenti del MPS indetto per venerdì 16 marzo lo Sclavi potrebbe fare una sfornata straordinaria di rosette e distribuirle ai manifestanti almeno si renderebbe utile a sue spese ovviamente!!!!!!

    RispondiElimina
  11. " l' ultima follia" - o la borsa o la vita- del panificatore non e' perdonabile...ma per rimediare potrebbe essere un' ottima idea riempire la borsa di ciaccini e portarli ai dipendenti del Monte...quello e' il suo lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì così oltre a farseli pagare chiederebbe anche un contributo per la distribuzione al Comune. Franchino si accoderebbe subito!

      Elimina
  12. A Sclavi che si vuole dedicare alla sua venera eta' al cinema ( ma fin'ora cosa faceva) consiglierei il "Sorpasso" di Dino Risi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino il finale del film...

      Elimina
  13. OTTIMA EDIZIONE DEL TG3 REGIONE DI STASERA DOVE VENIVA DATO RISALTO ALLO SCIOPERO DI VENERDI'!

    QUESTO PROFUMO MI GARBA ASSAI!

    UNO CHE FA I PIANI INDUSTRIALI AGENDO FORTEMENTE SUL PERSONALE DEVE ESSERE VERAMENTE UNO STRATEGA!

    ERETICO FAI UNA COSA VENERDI'!

    RIZZA UN BEL GAZZEBINO PER IL CORSO CON LA TUA NUOVA PUBBLICAZIONE AUTOBIOGRAFICA!

    FIRMATO:UN MONTEPASCHINO AFFRANTO
    W TUTTI

    RispondiElimina
  14. Carissimi commentatori,
    vorrei fare notare che qui il punto NON è tanto la qualità dei film che verranno proiettati (sempre opinabile, peraltro), semmai è il discorso del finanziamento PUBBLICO.
    Ma soprattutto il quesito è: perchè nessuno smentisce - a 24 ore di distanza dal pezzo - la telefonata dello Sclavi? Che titolo ha lui per parlare a nome del Sindaco di Siena e del Partito democratico locale, quando va a domandare soldi pubblici? Questi sono i punti più dirimenti, dal punto di vista politico. E non solo...
    L'eretico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 'un sarà mica perché anche lui ha le mani "in pasta" nel groviglio armonioso??

      Elimina
  15. ...forse perchè il PD locale, a forza di leggere un quotidiano locale, ha colto il focus dello stile di vita del suo direttore: se strisci non rischi di inciampare.
    In questo caso potremmo aggiungere: se strisci e non ti fai sentire non rischi di inciampare.

    RispondiElimina
  16. Certo che non rispondono,è meglio il silenzio perchè si saranno detti.. Ma quante ne combina questo panificatore? Anche perchè sembra che un uccellino gli abbia cinguettato che c'è...tutti in fibrillazione.

    RispondiElimina
  17. Nemo Propheta13 marzo 2012 20:33

    "Lei non sa chi sono io!!!" Grande battuta dell'indimenticabile Toto'. Se lo Sclavi vuole passare alla Storia, che apra un cinema multisala, in questa citta' punitiva dove ci sono solo tre cinemini-ini-ini (nessuna offesa per il Pendola che, poretto, merita ogni sostegno e aiuto).

    RispondiElimina
  18. ma lui non vi ricordate che si iscrisse al PD prima delle elezioni comunali del Ceccuzzi?
    inoltre, la Anna Carli non era una delle Tre Grazie che sponsorizzarono il candidato Ceccuzzi in una serata memorabile a detta dei media di regime?
    Chi ama la storia ci dica chi erano le altre due, per favore!

    RispondiElimina
  19. Ma ancora è in giro un tipo del genere? pensavo fosse in pensione......o a far pagnotte di pane!
    Saluti

    RispondiElimina
  20. ...... scusate ...... ci siamo dinuovo ....... ma nel Comitato Direttivo della nuova associazione abbiamo parenti del grande Sclavi ........ mi sembra inopportuno ....... non credete ....... si fa tanto di chiedere novità, discontinuità etc. etc. e poi si trovano parentele ...... ma è un vizio ....... saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cioè cioè? Questa pare interessante...

      Elimina
    2. Scusa......guarda il Comitato Direttivo formato da poche persone e ....... troverai un giovane "parente" del boss........
      Buona ricerca!
      Saluti

      Elimina
  21. Ma questa è la città dei matti! Il sindaco che va con gli scioperanti del Monte contro Mussari e Viola. Il "panificatore" che vuole fare il cinema. Il rettore che rimane attaccato con la colla alla poltrona che non gli spetta. Rottamiamoli tutti! Non se ne può più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te li chiamo matti, io stronzi e comunque tutto questo perchè il sistema glielo permette

      Elimina
  22. ahahahahahahahahahahahahah......sentite l'ultima del panificatore : è a caccia di giovani talenti per fare...
    Hai visto mai?

    RispondiElimina
  23. L'unica è pagare a tutti una bella crocera - tanto ora i prezzi sono stracciati e comunque il viaggio non ci può costare più di quanto ci costano ora - naturalmente arruolando il comandante Schettino e no al Giglio, ma alle Sporadi, nell'Oceano Pacifico (paradiso degli squali)!

    RispondiElimina
  24. ....... di giovani talenti ....... per fare cosa nn so oppure immagino!!!!

    comunque perchè non spostate i riflettori su Firenze e sulla Capital Service.......un nuovo gruppo di potere......trasfughi da Siena si sta compattando entro l'estate.........
    Vigilare prima di casini ...........
    Saluti

    RispondiElimina
  25. Infatti a Firenze ci sono molti "rumors".....attenti a quei DUE!

    RispondiElimina
  26. A proposito della rassegna organizzata dal "re dei forni" il panificatore Sclavi e il suo strombazzato comunicato stampa "sfida vinta a Siena " interessante e' sapere che invece e' stato un flop e che alcuni relatori della tavola rotonda al S.Maria , tipo Adriano Sofri, abbiano detto: ma che roba ? Pallosa a chi e' servito organizzare 'sta roba?

    RispondiElimina