Cerca nel blog

martedì 20 marzo 2012

Consiglio comunale: il primo fra separati in casa...

   Quest'oggi, in Consiglio comunale, c'è stata più confusione del solito, in particolare sulla famigerata mozione dedicata alla Fondazione Mps: c'era quella di maggioranza, poi quella presentata da Nannini Pdl (e letta dall'ex pilota stesso, forse per cercare di non farla comprendere agli astanti), infine l'intervento aperturista di Gabriele Corradi, che sta cercando punti di incontro con la maggioranza ceccuzziana (se accetta un amichevole consiglio, quello che l'eretico gli dà è di NON credere, mai, a mezza parola di ciò che gli viene detto dall'altra parte...). Laura Vigni ha criticato l'apertura corradiana.
 In pratica, sulla questione Fondazione tutto è rimandato al 3 aprile, vale a dire al prossimo Consiglio comunale (nonchè sempre più in limine rispetto al cambio della guardia Mussari-Profumo in Banca). Staremo a vedere, dunque. L'impressione è che siamo al tutti contro tutti, opposizione compresa.

Nel frattempo, oggi c'era da registrare il primo incontro diretto fra margheritini e diessini, dopo le nomine di domenica. Un partito, il Pd, nato in un ristorante a San Gimignano nel giugno del 2007 (come descritto dallo scrivente ne La Casta di Siena), non poteva che disgregarsi, di fatto, una volta finito il pasto da consumare...
  Come nella Firenze dantesca, una volta sconfitti manu militari i ghibellini (l'opposizione, o ciò che la rappresenta), la fazione egemone inizia a scannarsi in modo implacabilmente endogeno, intestino. A Firenze, la guelferia, ormai senza più contrappesi ghibellini, cosa fece? Fece nascere il partito della guelferia bianca (famiglia dei Cerchi), e quello dei Neri (famiglia dei Donati). I cerchieschi erano quelli di più recente inurbazione fiorentina, mentre i Donati coagulavano intorno a sè larga parte (non tutta) della Firenze antica. Dopo un iniziale prevalere della fazione cerchiesca, finirono per vincere i Neri (con Dante esiliato, come ben si sa).
Fra i 15 della maggioranza, 6 sono monaciani, 9 ceccuzziani: chi resterà in piedi, alla fine?
Non si dice che Siena è città dal fascino medievale?

18 commenti:

  1. E adesso aspettiamo con Gioia le mosse dei monaciani. Avranno la presidenza della Fondazione o scoperchieranno la pentola con qualsiasi bassezza? Povera Siena, il momento ricorda i secoli decadenti dell'Impero!

    RispondiElimina
  2. Cato Eretico,
    mi fa piacere vederLa in consiglio. Non sarà che alla prossima l'avremo candidato?
    Ma ora c'è un'urgenza che spero sia venuta fuori oggi. A parte il votare diversamente, qualcuno ha posto il problema della RIFORMA STATUTO FONDAZIONE?
    Possibile non si capisca che bisogna andare alla radice del male e non limitarsi a mettere un' di crema chi sui brufoli chi sulle ragadi? O lo si capisce troppo bene?
    Quelli dell'Osservatorio che Lei conosce bene, come la pensano al proposito? E se lo si proponesse all'IdV che sta tentando di dissanguare un morente PD?
    Un Suo parere sarà per me illuminante (ma non 'quietante' su questo punto).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ringrazio del piacere, ma in effetti ci sono stato davvero pochino: avevo stabilito, fra me e me, trenta minuti di permanenza, poi quando ha iniziato a parlare Fulvio Bruni di Cultura e ha detto che "bisogna fare Sistema", ho avuto un lieve calo di zuccheri e ho dovuto abbandonare prima della mezz'ora.

      Sono d'accordissimo con te/lei della riforma dello Statuto, sempre più cogente ed urgente.
      Quanto all'Idv, speriamo si siano svegliati (avrebbero fatto meglio a farlo un anno fa prima delle Comunali, ma insomma...).
      Quanto infine alla mia presenza al prossimo Consiglio comunale, devo deluderla: NON ci sarò! Potrei solo - come già scritto altre volte - fare l'Assessore alla Cultura: chiaramente per fare solo cose per i miei amici e soprattutto per organizzare, a spese del Comune, le presentazioni e le pubbliche letture dei miei libri...
      L'eretico

      Elimina
    2. A dire la verità si sarebbe dovuto svegliare Evangelisti perché l'IdV si era già svegliata e difatti i "locali" avevano messo un crino di pregiudiziali ineludibili che avevano portato alla loro alzata dal tavolo della maggioranza. Solo che furono commissariati, proprio da Evangelisti, e quindi - come dicono gli Americani - il cavallo fu portato a bere. Ora siccome hanno preso la cenciata e, grazie a quell'alzata d'ingegno, non hanno alcun potere contrattuale e non fanno parte della schiera che tiene sotto schiaffo Franchino, fanno gli oppositori duri e puri. Si vede che gli ordini romani sono cambiati. Comunque va bene così.

      Elimina
  3. Devo ammettere che dei bancari in servizio attivo o in pensione mi sono sempre fidato poco. Hanno troppi legami in banca.
    Per me Mazzoni, Piccini, Cenni, Corradi anche, hanno troppo in comune attorno al bancone
    Finché lo statuto della Fondaizone è com'è i dipendenti MPS non dovrebbero poter fare i sindaci né i segretari dei partiti. Anche se brave persone. Ci sono incompatibilità originarie se vogliamo metterla così. L'Aurigi s'incavola di sicuro, ma se ci pensasse a mente fredda non potrebbe concludere diversamente. Parlatene per favore. Il momento giusto è giusto, mi sembra, nella mia scarsa comprensione della Siena politico/partitica.

    RispondiElimina
  4. Io mi sono opposta in ogni modo al rinvio della discussione sul Monte dei Paschi, e ritengo grave che l'assist al sindaco e alla maggioranza sia stato dato da Corradi in nome di una fantomatica ricerca di unità impossibile. Nella mozione della maggioranza c'era solo una piccolissima apertura alle nostre critiche, ma di fatto non si parlava di azione di responsabilità e non si dava nessuna garanzia di rinnovamento vero (come conferma del resto la designazione di Profumo). Allora perché rimandare? Per far decantare la conflittualità interna al gruppo consiliare del PD? Per smorzare la reazione degli ex margherita? Ma il futuro della Banca e della Fondazione a chi interessa?
    Laura Vigni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Gli statuti, nel definire l'assetto organizzativo delle Fondazioni, si conformano ai seguenti principi: a. previsione di organi distinti per le funzioni di indirizzo, di amministrazione e di controllo; b. attribuzione all'organo di indirizzo della competenza in ordine alla determinazione dei programmi, delle priorità e degli obiettivi della Fondazione ed alla verifica dei risultati, prevedendo che l'organo stesso provveda comunque in materia di: 3) esercizio dell'azione di responsabilità nei confronti dei componenti gli organi di amministrazione e di controllo". (Decreto Fondazioni).

      Elimina
  5. Come abbiamo inserito in un documento stilato ieri dalla Sezione comunale della Lega Nord di Siena, quanto successo fa veramente vergogna (per non dire di peggio). Non è più tollerabile che sia diano questa immagine e questi esempi ai cittadini-elettori senesi. È proprio grazie a questo modo di operare che, a Siena, il cittadino non capisce più che differenza c’è tra maggioranza ed opposizione. Uno schifo.

    Francesco Giusti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno schifo, appunto. Ma non perchè il cittadino non capisce più che differenza c'è tra maggioranza ed opposizione, ma perchè MAGGIORANZA E OPPOSIZIONE SONO LA STESSA IDENTICA COSA!!! E non a Siena, ma a livello nazionale, e non da ora. Come i ladri di Pisa, hai visto? Di giorno litigano e di notte vanno a ruba' insieme....

      Elimina
  6. Sono rimasto male x l'appoggio dato al sindaco.
    Comunque, vedendo il bicchiere mezzo pieno, l'appoggio si può sempre ritirare se non vengono date garanzie su:
    - azione di responsabilità;
    - rinnovamento manageriale della Banca con eliminazione dei succhiasoldi non professionali;
    - valorizzazione competenze interne;
    - tetto allo stipendio dei manager a cominciare da presidente ed amministratore delegato;
    - garanzie su livelli occupazionali;
    - mantenimento D.G. a Siena;
    - ecc.
    Il SINDACO GARANTISCE TUTTO QUESTO?

    RispondiElimina
  7. Ma che vuoi che garantisca, Franchino il Ceccuzzi...l'azione di responsabilità, per esempio, NON la potrà mai garantire, per ovvi motivi di rapporti personali con chi sappiamo. Quella è davvero una prova, forse LA prova, della sua impotenza (politica).
    Giusto per fare un esempio, perchè secondo me non può garantire nessuno dei punti, se non forse quello dello stipendio dei manager: che tanto, a quei livelli, si può aggirare a proprio vantaggio senza grossi problemi, con benefit ed altro. Sempre per il Bene comune, si capisce...
    L'eretico

    RispondiElimina
  8. Vorrei sommessamente fare notare anche un'altra cosa: la granitica ed insormontabile coerenza piddina, in controtendenza rispetto a quanto penosamente mostrato dal Partito nel resto d'Italia su tutte le questioni dirimenti (non solo l'articolo 18, si pensi ai temi etici e a tantissimo altro), e nonostante la sopra descritta contrapposizione "intraguelfa" fra monaciani e ceccuzziani.
    Quando c'è la Banca di mezzo, il mastice è insuperabile...
    L'eretico

    RispondiElimina
  9. La gioia dei senesi è tanta, il prato davanti al MONTE è FIORITO
    i fratelli di ankara sono pieni di gioia,
    Cantare con l’aria di bella ciao
    Una mattina mi son svegliata, o borgia ciao o borgia ciao o borgia ciao, ciao, ciao! Una mattina, mi son svegliata e ho cacciato l’invasor! O FIORITINOOOO, portami via, o borgia ciao o borgia ciao o borgia ciao ciao ciao, o FIORITINOOOO portami via che CON TE VOGLIO VENIR, VOGLIO VENIRE lassù nel Monte ,o borgia ciao, o borgia ciao, o borgia ciao ciao ciao, VOGLIO VENIRE lassù sul MONTE ORA che c’è libertà.
    e il regista comunale si concede un bel Drinkgoli cantando o borgia ciao o borgia ciao o borgia ciao ciao ciao!anche il faccione del ragionierino quasi fiorentino è sorridente ,solo al comando,i suoi consorti tutti a casa! Anche lui canta a voce bassa tanto non vado via o borgia ciao o borgia ciao o borgia ciao ciao ciao.

    RispondiElimina
  10. Gabriele corradi22 marzo 2012 17:45

    Non riesco a capire questi commenti. Cosa cambia se la discussione verra' fatta il 3 aprile , 12 giorni dopo, e dopo aver tentato di fare un difficile documento sulla linea del consiglio del 29 novembre? Pensate che in dieci giorni succede l'irreparabile oppure gli ex margheritansimsaranno,calmati? Se così fosse vorrebbe dire che erano,solo,arrabbiati per una mancata nomina.....pora Siena. Se invece vorranno andare fino in fondo hanno mille modi per farlo. Per quanto riguarda l'opposizione, state tranquilli che la faremo ma sulla Fondazione ognuno deve dare il proprio contributo perché e' un patrimonio di tutti. Io la penso così e mimcomportomdi conseguenza senza fini personali perché ringraziando ostro signore nonmhomda chiedere e nemmeno da ringraziare nessuno....

    RispondiElimina
  11. rispondo all'eretico.
    Franchino si può criticare, ma è potente, furbo ed intelligente.
    Ora al Monte comanderanno in tre Profumo, Viola e lui.
    Lui sa che se Siena perde il Monte sarà il primo (sindaco) che dovrà andarsene, anche prima che termini il mandato...come si sorregge l'economia della città, tutta, altrimenti?
    La politica (leggi Franchino) ha ridotto la banca in questa situazione e la politica (leggi Franchino) sarà la sola che potrà salvare la Banca.E dovrà, secondo me, accettare compromessi.CON TUTTI.
    Per cui qualche cosa se vuole salvare la baracca la deve per forza garantire.

    RispondiElimina
  12. Leggo con stupore molti commenti. Mi spiegate la differenza che c'è tra il 20 marzo ed il 3 aprile per parlare di indirizzò della fondazione? Sulla linea del odg del 29 nov andiamo avanti. Se sarà possibile trovare un intesa compresa un'eventuale azione di responsabilità bene altrimenti ognuno per la propria strada.Se gli ex margherita nel frattempo si raffreddano vuol dire che era solo una ripicca per una mancata nomina. Quindi esculo il problema Monte dove cerchiamo di dare il nostro contributo noi proseguiamo all'opposizione dove ci hanno messo gli elettori. gabriele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Coda di paglia?
      Non a caso anche Lei ex Mps prestato alla politica...
      Ha aiutato Ceccuzzi e i DS a uscire da una situazione potenzialmente imbarazzante. Questi sono fatti, "tutto il resto è noia..."

      Elimina
    2. Caro Gabriele, l'errore che hai commesso è molto semplice. Per parafrasare una situazione sportiva, in quel momento voi eravate come un pugile che ha messo all'angolo l'avversario, lo stavate per mettere ko e invece di insistere gli avete permesso di riprendere fiato. Questo è quanto, la sospensione la dovevano chiedere caso mai loro!! Per quanto riguarda i nomi che avete fatto per le nomine stendo un velo pietoso su DRINGOLI che ti ricordo essere stato anche nel CDA dell'Università con tale BIGI!!! Saluti...

      Elimina