Cerca nel blog

martedì 22 maggio 2012

Censura colligiana: Brogioni resta a casa, Acampa suona il pianoforte...


     Ad un certo punto, ieri, nello psicodramma che si consumava nel Consiglio comunale senesota, ha fatto la sua improvvisa, mirabile apparizione anche l'enologo Paolo Brogioni, Sindaco di Colle di Val d'Elsa dal 2004. Come gli altri Sindaci ed amministratori vari della Provincia, è venuto a fare sentire la sua concreta e fattiva vicinanza al povero Franchino il Ceccuzzi. Dimostrando quello che è arrivato ad essere il Pd locale (locale?): o partito di brave persone con altissimo tasso di ingenuità (quasi da ricovero, direi), ovvero partito da gettone-presenza. Nel contratto con il Pd senesota, evidentemente, ci deve essere scritto anche "obbligo di presenza quando si rischia di andare sotto, soprattutto nel capoluogo".

   Ma torniamo al buon Brogioni. Venerdì scorso si è tenuta la presentazione del libro ereticale su Mussari Giuseppe a Colle. Grazie al suddetto enologo, nessuno spazio istituzionale (comunale) è stato concesso, e gli amici dell'associazione Il telaio hanno fatto ricorso al locale Il bastione di Sapìa. A scorno dei castisti colligiani, le brutte previsioni si sono tramutate in un bel sole da fine pomeriggio di una "radiosa giornata di maggio". A presentare il tutto, con la sua barba di stampo sudamericano, Livio Cimarosti, animatore dell'Associazione, che organizza - fra le altre cose - corsi di lingua italiana per stranieri completamente gratuiti, nella sua stanza ( ovviamente il Brogioni ha visto bene di aumentare l'affitto e di tagliare i fondi all'associazione: ben gli sta!).
Dopo l'introduzione di Alessandro Vigni (fratello della benemerita Laura, fiera oppositrice ceccuzziana), ci sono stati stimolanti interventi del numeroso pubblico presente (fra i tanti, anche il grillino senese Michele Pinassi, oltre a qualche esponente sellato colligiano).
C'è stata la preoccupazione, forte, del dipendente montepaschino tanto angosciato, quanto orgoglioso del suo ruolo (la Banca era stata anch'essa invitata, ma ha visto bene di marcare assenza); si è palesato il collaboratore del blog Marco Fattorini, per la prima volta dal vivo, con il suo orgoglio di senese documentato e inca...volato (cose che spesso purtroppo non vanno di pari passo); c'è stato poi l'intervento del professor Mario Papini, che ha colto molto bene il "senesismo" imposto dalla locale Casta in questi ultimi anni al dibattito pubblico, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti quanti. L'incontro stava a quel punto scivolando via senza particolari scossoni, quando l'eretico, alle spalle, è stato raggiunto dalla signora Silvana Alfano, che si è impossessata del microfono: la quale signora, con grande pathos, ha detto varie cose assolutamente condivisibili, urlando la sua rabbia di cittadina che si vede costantemente scavalcata da un Potere che finge di aprirsi, mentre in realtà le decisioni pesanti le prende nelle segrete (ma neanche troppo...) stanze. Una vis polemica che avrà fatto fischiare le orecchie a qualcuno, a Colle. Assolutamente condivisa dai presenti, invece.
In definitiva, l'enologo colligiano ha perso un'ottima occasione per fare bella figura, e con poco. Se avesse dato un localino, sarebbe passato benone - almeno per questo - di fronte alla platea colligiana. Che pensava mai che si sarebbe detto? Che si sarebbero progettati attentati dinamitardi contro il tanto cemento che sta abbellendo sempre di più Colle (sic)? Era stato avvertito dal Bisi della pericolosità sociale dell'eretico? Aveva ricevuto una telefonata dalla mammina angosciata, di cui ancora non si riesce a conoscere il nome? Tanta paura, per poco.
 E senza capire una cosa fondamentale: che non è più tempo di censure grossolane, non siamo più a tre, quattro anni fa. La censura dà sempre noia, ma quando un Sistema si sta sgretolando, rischia di diventare anche un formidabile boomerang. Ma questo, il buon Brogioni, forse, non lo sa...

Ps Pare che durante la presentazione della biografia del suo avvocato preferito, monsignor Acampa, Vescovo di fatto di Colle, stesse suonando il pianoforte nella sua reggia davanti alla Cattedrale colligiana. Chissà quale sarà il suo autore preferito.
 Che cuore sensibile si cela, dietro l'aria di manager efficiente...   

19 commenti:

  1. Acampa poteva venire al bastione Sapia ed allietare la serata con il dolce suono del suo pianoforte.
    Per me il suo compositore preferito è De Falla, quello della Danza del fuoco...

    RispondiElimina
  2. potevano farti usare il mitico temporary store....altra trovata geniale......

    RispondiElimina
  3. sicuramente emulo di Sir Elton John....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pesantuccia pure questa........

      Un post sul Masoni di qualche giorno fa è stato cestinato dall'Eretico !!

      Non c'è più religione.

      Robertino

      Elimina
  4. I sindaci della provincia tutti sulla stessa linea e, anche se cambiano di poco le parole il senso resta lo stesso. Li trovo davvero patetici...

    RispondiElimina
  5. Eh, i tempi sono cambiati! Una volta i prelati si preoccupavano di leggere e meditare la Bibbia, pregare per le anime dei peccatori, far visita e portare consolazione ai bisognosi...

    RispondiElimina
  6. Grande Silvana!!!! Se ci fossero tanti cittadini come te non saremmo dove siamo e il Brogioni starebbe in cantina E NON AVREMMO MEDIATECHE (che ci si fà A COLLE di una mediateca???? Non ce l'hanno neanche a Firenze!!!), FABBRICHINE E CANTIERI APERTI ALL'INFINITO.

    RispondiElimina
  7. A proposito di comuni della Provincia, si parla di centrali a biogas(bio non si sa quanto) in arrivo(Buonconvento?). Qualcuno ne ha notizia? Temo che dopo il periodo degli strazi in nome del progresso, siano in arrivo quelli in nome dell'ecologia

    RispondiElimina
  8. Mah,vuol dire che la prossima volta a Colle non ci sara' nesun sindaco e ognuno fara' cio' che vuole,o piuttosto un grillino visto che vogliono far fallire le banche potranno velocizzare la fine del monte che ne dite?oppure il caro vigni che tutto fa per se e niente a caso per la collettivita',poi si sa colle e' talmente cementificata che obiettivamente e' invivibile,in mano a bande di predoni e piena di furti omicidi e trafficonda ogni lato,inoltre anche l'eretico super partes o come si dice ha molto interesse a sparare a zero sulla cosidetta casta di siena quando in italia e anche in toscana ci sono prolemi ben maggior,mi ricorda quelle opposizioni mosce e consntitemi inefficaci che litigano per una pensilina del tram quando magari mancano milioni da un bilancio,sinceramente mi fate ridere parecchio,mi importa niente del libro su Mussari(persona da evitare)di chi c'era e di cosa pensasse il sindaco.fatevi distrarre pure da queste cavolate del caro eretico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, che dire... beato te se ti va tutto bene!! Io ringrazio l'eretico e quelli che come lui hanno provato e provano a smuovere e far aprire gli occhi alla gente e a dire le cose come stanno. La mia speranza è che sempre di più, e specialmente le nuove generazioni, riescano a farlo

      Elimina
  9. Non cominciamo a demonizzare anche il biogas che se fatto in maniera opportuna è una risorsa formidabile (anche se qualcuno della zona potrebbe essere un mero speculatore...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei capire non demonizzare, il biogas in sé non é il demonio, mi preoccupa piuttosto tutto ció che ne consegue come la monocoltura di mais che si verrebbe a creare in zona(350 ettari previsti), il traffico sostenuto di mezzi pesanti in una zona di campagna e anche nel centro abitato, la gestione degli scarti, il destino degli impianti qualora venissero meno gli incentivi pubblici. Non vorrei che fosse una delle solite idee "progressiste" perfar fare soldi agli amici degli amici, sai negli ultimi anni mi viene sempre piú spesso da pensar male, sará l'etá che avanza

      Elimina
    2. Lecito. Anzi. Doveroso.
      Il biogas per come lo vedo io ha senso quando si aggancia ad una filiera di recupero di sottoprodotti, magari integrati da colture dedicate. La monocoltura dedicata è, come tu sospetti, una puttanata sotto molti punti di vista.
      D'altronde ci sono, in un quadro ricco di voci positive (ricadute lavorative, sostegno all'agricoltura, energia verde eccetera) è impensabile che non ci siano anche voci sfavorevoli (camion eccetera). È surreale pensarla alla maniera della "botte piena & moglie ubriaca", quindi l'idea complessiva è quella di un quadro complessivo di efficacia. Che è molto diverso dal business plan che gli sviluppatori presentano.
      Insomma c'è un'ottima base su cui sviscerare discussioni. Non mi sembra però questa la sede opportuna.
      Ti chiedo formalmente scusa se ho dato l'impressione di una risposta sgradita, Sono abituato a detrattori miopi e sfegatati, non a interessati di mente aperta. Ho molte, molte risposte sul settore.
      Rileggi il mio intervento di due giorni fa, grazie

      Elimina
  10. Non mi sembra che ci sia niente di strano o anomalo nel negare una sala pubblica per la presentazione del tuo libro: Brogioni è del PD e come logico difende i "suoi". Piuttosto mi scandalizza la gestione di Colle come comune; fatevi un giro per le vie attorno a piazza Arnolfo (ed in piazza Arnolfo stessa): scarso decoro urbano, cantieri aperti ovunque, commercio che a causa dei continui cantieri aperti langue (o forse è meglio dire MUORE), innumerevoli fondi con cartelli AFFITTASI e VENDESI.
    Da consumati venditori di fumo cosa inventano i politici locali? Gli "incontri con la cittadinanza" nei vari circoli Arci, dove non c'è dialettica o scontro perché son tutti della stessa "parrocchia" politica! Oppure il Centro Commerciale Naturale COLGIRANDOLA, capace di organizzare patetiche manifestazioni come i mercatini dell'artigianato dove di artigianato c'è ben poco (son quasi tutti hobbisti, poveri cristi che mettono il banchino per "arrotondare" lo stipendio o per tirare avanti...).
    Insomma bravo Brogioni: Colle poteva essere una deliziosa meta per il turismo valdelsano ed il PD altro non ha fatto che i propri comodi per aiutare gli amici degli amici a cementificare! Bravo, torni a fare il vino, per piacere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se fa il vino con gli stessi criteri gli diventa aceto!

      Elimina
  11. Caro Eretico perché la tanto adorata laura VIGNI, non ha fatto dimettere dalla fondazione la sua adepta? perché l'anti Ceccuzionismo ha cominciato ha prendere campo, su cose fondamentali, quali MPS, sicurezza et altro, quando ormai cominciavano ad esserci le prime ammissioni ufficiose?

    ubisunt

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per favore... "HA prendere campo" con l'acca...
      Volete che il massone pelato bolli i lettori del blog come dei poveri ignoranti oltre che come provocatori?

      Elimina
    2. Haccidenti chiedo scusa

      Ubisunt

      Elimina
  12. Associazione "Il telaio"26 maggio 2012 07:33

    "Il Telaio ringrazia per la citazione, ma ritiene opportuno precisare che l'affitto non è stato raddoppiato bensì dimezzato, per compensare il mancato contributo del Comune. D'altronde ci risulta che il taglio dei fondi abbia riguardato molte, se non tutte, le associazioni iscritte all'Albo colligiano."

    RispondiElimina