Cerca nel blog

mercoledì 16 maggio 2012

Il Monte è al COCOLINEA; speriamo almeno per Mussari...

    La stampa montepaschinizzata continua ad esaltare le sorti magnifiche e progressive della Banca più antica del mondo. Si enfatizza la trimestrale presentata ieri (più 54,5 milioni di euro, ma meno 61% rispetto alla trimestrale dell'anno scorso: c'è da essere contenti?); si sottolinea poi che è diminuito il costo del personale (meno 3,2%, per complessivi 531 milioni: solo l'inizio?).
Ma la notizia del momento, per la Banca adesso gestita dalla diarchia Viola-Profumo, è il probabile arrivo dei Coco bonds (c'è ancora da sistemare la faccenduola dei Tremonti Bonds, ma stendiamo un velo pietoso...).
Pur di evitare un terzo aumento di capitale post Antonveneta (con la Fondazione che calerebbe a picco), Muhammar Profumo pare pronto a varare l'operazione in questione: questi Contingent convertible bonds - novità assoluta del panorama finanziario italiota - sono obbligazioni che si convertono automaticamente in azioni nel caso di eventi "luttuosi", particolarmente nefasti, per una Banca. Una extrema ratio, dunque (non a caso assente sugli house organ locali). Il problema è, in soldoni, che la Banca li deve vendere sul mercato a valori alti (intorno al 14, forse 15%), altrimenti perdono ogni appetibilità, financo potenziale.
Per la Fondazione Mps, poi, ci sarebbe un danno indiretto: se la Banca va a pagare interessi così alti per i Coco bonds, va da sè che ci sono (sarebbero) ancora meno dindini per il dividendo, quindi per alimentare le esangui casse del forziere gestito dal ragioniere di San Gimignano.
 Non parliamo, poi, dell'eventualità che il malefico spread resti così alto, diciamo sul 450: il tasso da pagare per i Coco bond da parte della Banca, allora, potrebbe salire ulteriormente, fino a toccare magari quota 17%, o giù di lì.
Per il Presidente Profumo, quindi, una strada decisamente in salita, come era ampiamente prevedibile. Rosaria Bindi glielo aveva detto di certo, e lui è troppo navigato per non saperlo.

  La notizia del giorno, però, è un'altra, e coincide con una campagna che questo blog vuole intraprendere, senza frapporre indugi.
 Oggi è il giorno in cui potrebbe decidersi la rielezione mussariana in seno all'Abi (da ratificare poi il prossimo 11 luglio). I 5 saggi (tra cui Bazoli di Intesa e Ghizzoni di Unicredit) devono decidere se affidare al banchiere etico Mussari Giuseppe le chiavi abiste per un altro mandato.
Siccome almeno un pochino di vantiamo di conoscerlo, noi lo diciamo a chiare lettere: QUESTO BLOG TIFA PER MUSSARI PRESIDENTE DELL'ABI!
 E ci danno davvero fastidio quelli (come Vittorio Malagutti sul Fatto di oggi, pagina 7: "I guai del Monte rischiano di rovinare la festa a Mussari") che gli gufano apertamente contro, accampando "dubbi sull'opportunità della riconferma" nati fra Intesa e le piccole banche cooperative.
Dubbi, incertezze, opinabilità? Questi banchieri ricalcitranti devono essere proprio rosi dall'invidia: gli rode che Lui sia più giovane, più bello, più affascinante, che sia su Facebook, che sappia andare a cavallo, che la sua squadra di baloncesto vinca scudetti a grappoli: e chi più ne ha, più ne metta!
Secondo l'eretico, gli rode perfino il fatto, a questi banchieri, che - a nemmeno 50 anni - ci sia già una biografia scritta su di Lui: gli altri, infatti, non ce l'hanno neanche di striscio. Tiè!

26 commenti:

  1. Situazione Mussari a parte, tanto si leva dai coglioni e speriamo per sempre da Siena, a me oggi interessa più la situazione nazionale che, parallelamente a quella senese, non potrà che peggiorare la nostra situazione locale. Da noi è inutile insistere è fallito tutto senza rimedio e pensando al futuro sono fortemente preoccupato anche dalla presenza delle brigate rosse del cazzo! Ma sarà mai possibile che nel 3000 ci siano ancora persone che parlano di proletariato o di un sistema economico centralizzato? Pur non difendendo il capitalismo così come lo conosciamo, sono e rimango un convinto assertore della concorrenza e sarei più tranquillo se ci fossero le brigate degli idraulici, dei preti (veri), dei poliziotti, macellai, mariti, mogli ecc. lo capirei e condividerei il loro assillo ma le brigate rosse o nere che siano mi fanno ridere quanto meno per il loro anacronismo storico. Quando pensate alle brigate rosse dovete immaginarvi persone, come poteva essere il compagno Mussari in erba e magari studente, col fucile; sbaglio o si vantava di essere di rifondazione o giù di lì da giovane. Gli operai sono per la conservazione e sicurezza, del posto di lavoro andate a chiederlo agli operai dell’Ansaldo teste di cazzo! Buon senso ci vuole, da solo basterebbe per risanare Siena e l’Italia intera. Ma vallo a spiegare agli amici degli amici o ai politici e/o sindacalisti del momento che non sanno nemmeno che cosa è lo “spread” ma di chi o di che si parla?

    RispondiElimina
  2. Gli "esperti" di finanza del Montepaschi e della Fondazione non finiranno mai di stupirmi. Già in occasione dell'ultimo aumento di capitale mi venne da ridere. Ti indebiti, e dai le azioni in pegno a banche prestatrici come garanzia, stabilendo una soglia tecnica ecc ecc. Praticamente come dare una pistola ad un'assassino e mettersi un bersaglio in fronte. Non perchè ce l'abbia con questi soggetti. Farei lo stesso con uno "strullo" cosi'. Se io fossi in una qualsiasi di queste banche mi metterei a ridere del mio "cliente".
    1) Ci guadagno gli interessi sul prestito.
    2) Ti schianto le azioni vendendo quelle che mi hai dato tu e ricoprendole a mio piacimento a valori piu' bassi.
    3) Mi trovo un altro cliente. Cosi' quando ti ho schiantato per benino e a forza di strozzarti mi hai dato tutte le tue azioni...le vendo a lui!
    Insomma, i "Nostri" si sono indebitati per difendere il 51%, hanno pagato 0.6 le azioni, le hanno rivendute a 0.3 e ora hanno....il 35%!FENOMENI.E non è finita...
    Ora con i Coco bonds siamo ai limiti del parossismo. Non solo ci si indebita,(In questo caso il Monte) ma pagando anche molto di piu' per la clausola di conversione automatica!!! E rischiando di annacquare il capitale e le quote della Fondazione con un aumento coatto ai "danni" dei creditori (potrebbe essere voluto...). Repetita NON iuvant. Scommetto che so chi li comprerà. Complimenti. Paghiamo milioni di euro a gente che fa operazioni finanziarie come comprerebbe una schedina del Superenalotto! Sempre a fantasticare su quello che vincerà. Mai a pensare a i soldi che butta...E' sempre piu' Monte dei Paschi di Vattelappesca. Per tacere della trimestrale...
    Un Disilluso.

    RispondiElimina
  3. ....nella eventualità remota che Mussari non fosse riconfermato, si sa già dove andrebbe a fare danno ?

    RispondiElimina
  4. MOUSSE DI MUSSARI - L’INCHIESTA SUL MONTE DEI PASCHI FA TREMARE LA POLTRONA DI MUSSARI AL VERTICE DELL’ABI, PER IL QUALE ERA STATO ADDIRITTURA CAMBIATO LO STATUTO -

    http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/mousse-di-mussari-linchiesta-sul-monte-dei-paschi-fa-tremare-la-poltrona-di-mussari-39012.htm

    RispondiElimina
  5. Pare tutto rinviato al prossimo esecutivo, per Mussari Giuseppe. Non è certo un bel segno, per Lui (vediamo cosa scriveranno i media senesoti domani sulle motivazioni).
    Purtroppo in Italia il talento e la autentica meritocrazia stentano ancora ad emergere...
    L'eretico

    RispondiElimina
  6. Credo che il vero salto Mussari lo voglia fare entrando in parlamento. Ma aveva e ha bisogno di questo passaggio intermedio all'ABI. Tanto non vi fate illusioni: all'ABI ci sarà lui. Sempre il Disilluso.

    RispondiElimina
  7. Fontebrandino di P. F.16 maggio 2012 12:49

    mi si dice, da fonti ben informate, di cercare su internet "CASAFORTE"......pare sia un'altra bella genialata montepaschina, l'ennesima emorragia di ricchezza e stabilità per la banca e di conseguenza per la città.
    pare che la spiegazione l'avremo domenica sera su report.
    io sinceramente c'ho capito poco, di sicuro ho capito che la faccenda è molto complicata, molto subdola, ai limiti dell'illegalità.....
    date un'occhiata anche voi !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendo i muri delle mie filiali e li vendo a un consorzio un po' mio e parecchio delle "solite (banche) note". Queste "solite (banche) note" mi fanno pagare un affitto da manicomio, però mi hanno almeno pagato a peso d'oro quei muri che ho venduto... Anzi, no! Loro i muri li hanno pagati con un'obbligazione a tasso ridicolo che io ho collocato nelle mie filiali, tirandolo in c. ai miei affezionati clienti.

      Elimina
    2. ecco, grazie, ora è ancora più chiaro che si tratta di movimenti da mani nel volto.....
      che gente !
      subito DISTINZIONE TRA BANCHE D'AFFARI E ISTITUTI DI CREDITO !!!

      Elimina
  8. Ciao Eretico,

    Ma la bella napoleta di (rigor)montiana memoria ... si sa nulla ?

    P.S.
    Ma è vero che il buon Beppe vive di fatto a Roma ed a Siena non si fa più vedere? La cosa (temo sia legata al timore che qualche dipendente (od ex) lo meni) mica avrà riflessi anche sua vita personale? Speriamo di no.

    Che ci dici ?

    Saluti
    l'Anonimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che viva in prevalenza a Roma, mi pare compatibile con la sua attuale attività; per quanto riguarda la paura di essere malmenato, fino a che l'eretico non dà l'ordine alle sue truppe, pronte all'azione subitanea, non corre alcun rischio. Con il Bisi che monitora, meglio non rischiare.
      Altro (sulla mussariana vita personale) dir non posso, nè devo.
      L'eretico

      Elimina
  9. Bastardo Senza Gloria16 maggio 2012 14:53

    http://www.investireinformati.com/obbligazioni/coco-bond-caratteristiche-e-rischi-il-core-tier-1-ratio/

    Per quelli che ne masticano il giusto, leggete qui.
    Ognuno si faccia le proprie idee, ma a me sembra che si vada verso una inesorabile "vendita" della banca, piano piano, senza dare troppo nell'occhio.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo, purtroppo, che ciò sia gia avvenuto nei fatti: le azioni che pesano, quelle della Fondazione, per intenderci, sono tutte già belle a pegno. Alla Fondazione gli è rimasto il diritto di voto.
      Prospettive ? I cocobond, ma occorre vedere chi li sottoscrive: la Cdp ? Oppure qualche "impegnato"? Eppoi occorre vedere con che scopo (visto che i tremontibond già costano un 11/12%)?

      Elimina
  10. Abi: verso la rielezione di Mussari

    http://www.asca.it/news-Abi__verso_la_rielezione_di_Mussari-1155141-ECO.html

    RispondiElimina
  11. Chissà se i PM leggono il sito marcodellaluna.info dovrebbero farlo perché in un lunghissimo post dell'altro ieri si é preso la briga di dar loro delle belle dritte sulle indagini...

    RispondiElimina
  12. Una delle notizie più importanti di oggi è l'uscita di scena del 'massoncino' Fabrizio Rossi.

    Cosa ne dirà il Bisi ?

    Robertino Montepaschino

    RispondiElimina
  13. Discontinuità?
    31.000 dipendenti e nessuno capace di fare il capo del personale (sic!)...
    invece di ripartire a fare la Banca via al COCOBOND....
    MA LA BANCA LA VOGLIAMO DIFENDERE O NO ?

    RispondiElimina
  14. Mps, emissione Coco bond non per far entrare Tesoro o Cdp- fonte Tesoro.
    http://it.reuters.com/article/itEuroRpt/idITL5E8GGI5A20120516?sp=true

    Mps, Viola fa “coco” a Eba e Fmi
    http://www.economiaweb.it/mps-viola-fa-coco-a-eba-e-fmi/

    RispondiElimina
  15. Dopo avere ringraziato Marco Fattorini per i preziosi ragguagli informativi, veniamo al cartaceo sul momentaneo stop abista a Mussari Giuseppe.
    Corriere di Siena: zero assoluto (non a caso); Nazione, un titolo che è tutto un programma: "Mussari verso la conferma (all'Abi, Ndr)"; e per rassicurare chiunque avesse qualche piccola paura al proposito, si ribadisce che "non ci sarebbero segnali contrari a un nuovo mandato biennale".
    Speriamo bene...
    L'eretico

    RispondiElimina
  16. I Co.Co.Bond, sono dei prodotti finanziari molto ma molto particolari, che a differenza di quanto scritto su di un giornale a tiratura nazionale non rappresentano dei titoli obbligazinari che possono tramutarsi in azioni nel caso in cui vi fosse la necessità, divengono azioni quanto il core tier 1 della banca va sotto un preciso e determinato valore. Divengono cioè azioni nel momento in cui l'azienda mostra dati patrimoniali preoccupanti. Quindi sottoscrivere co.co.bond è un'azione assai pericolosa, che come tale deve essere remunerata, tanto che il tasso di rendimento medio di questi prodotti si aggira intorno ed oltre il 15%. Ora nelle migliori delle ipotesi, cioè che non si vierfichi la situazione in cui viene effettuata la conversione in azioni dei bond, una banca che si finanzia al 15% ( se non di più ) che speranze ha di rendere produttivo questo capitale, a che tassi dovrebbe impiegarlo ( prestarlo ) ad oltre il 20%, e quale azienda sana si finanzia a questo tasso? Il presidente ha detto che intende fare i soli interessi della Banca, l'emissione di questo tipo di prodotto finanziario va solo nell'interesse di evitare l'aumento di capitale e quindi di evitare che il potere della fondazione diminuisca

    RispondiElimina
  17. Caro eretico, perché non suggerisci, visto che lo conosci, a De Risi di presentare una mozione in cui si invita il Sindaco a porgere, a nome di tutta la città, le scuse più sincere a "beppino". Non è, infatti, possibile che le menti più eccelze della finanza italiota, nel caso della riconferma,si siano sbagliate sul giudizio che hanno sulle capacità e qualità del Presidente (nonostante Lui abbia affermato che non è il suo lavoro. Noi invece dovremo soltanto vergognarci di ciò che abbiamo fatto allontanandolo dalla ns banca e quindi anche dalla ns città.

    RispondiElimina
  18. Li potrebbe comprare baffino almeno è sicuro che la banca sarà del partito.
    Grazia

    RispondiElimina
  19. Mussari ha questo di notevole: fa cascare le braccia solo per sentito dire, anche senza vederlo o sentirlo.
    Come non avverta la necessità di un esercizio di stile e di eleganza ritirando la candidatura per la riconferma alla Presidenza ABI è un'oscenità.
    Ha portato al prefallimento tecnico la Banca da lui diretta e vuole rappresentare le Banche italiane? Mah!

    RispondiElimina
  20. Se lo trombano all'Abi non è messo benissimo: un'altra banca, se lo presenta agli azionisti, rischia di far tirare fuori i forconi. Torna a fare l'avvocato? Va benissimo, ma ci sono i clienti da trovare (oltre ad Acampa): fitti ed ammucchiati?

    RispondiElimina