Cerca nel blog

giovedì 4 aprile 2013

Eretico e Superavvocato versus Curia: 2-0

  
   Dopo l'ormai storica "tronata" battuta il 17 gennaio 2012 in quel di Firenze (sospensiva della causa civile), la Curia senesota, capitanata dal tandem Acampa-Buoncristiani, ha subìto una seconda, clamorosa, sconfitta stamattina, in quel di Forlì: il rinvio a giudizio dell'eretico, grazie ad un colpo da maestro del Superavvocato Luigi De Mossi, ritorna dritto dritto al mittente (cioè al Pm Di Vizio), per un errore procedurale smascherato dal legale ereticale. In pratica, il suddetto rinvio a giudizio doveva essere preceduto obbligatoriamente da un'udienza filtro del locale Gup (non vi stiamo a dire perchè: gli addetti ai lavori capiranno, gli altri si fidino...), udienza filtro che però NON c'era assolutamente stata, prima del rinvio a giudizio. Motivo per cui il Giudice monocratico Giorgio Di Giorgio non ha potuto fare altro che rimettere il tutto, di nuovo, nelle mani del Pm: si ritorna al via, come direbbe un giocatore di Monopoli...

   Perchè a Forlì, proprio nella città romagnola, questo processo per diffamazione a mezzo stampa contro lo scrivente? Perchè l'incriminato libercolo Le mani sulla città (nell'aprile 2009) era stato stampato proprio in loco, ed è questo il motivo per cui il trio lescano composto da chi scrive (alla guida dell'inaffondabile Renault Clio), dal praticante dottor Vincenzo Di Benedetto e dal Superavvocato Luigi De Mossi, di buon'ora, si è mosso alla volta di Forlì.
 Prima sosta, di natura tecnico-prostatica, ad un autogrill presso Sinalunga: chieste informazioni su Rosaria Bindi, ma nessuno l'aveva vista (trasferita in Calabria in pianta stabile?); lungo l'E 45 (strada infernale, quasi da rimpiangere la Firenze-Siena), prima lavoro preparatorio sull'udienza, prevista per le 12,30; in seguito, varie ed eventuali: libri vari, Storia (soprattutto la Rivoluzione americana), poesia, musica et alia. Nonchè, ovviamente, la politica: chi sarà mai il candidato Pd? Dal telefono, bollente, del Superavvocato, arrivava di tutto e di più; e poi - gustosa notizia -  la megamulta a Mussàri Giuseppe e Vigni Antonio da parte di Bankitalia, e poi ancora quello, e quell'altro...
 Mentre la nebbia si diradava, i tre costeggiavano il Fumaiolo, imprecando sulla condizione del manto stradale. Poco oltre, dottissima dissertazione del Superavvocato sulla tipologia dei guard-rail della E 45: un po' noiosa, ma ineccepibile (si presume...).
Puntuali, anzi in anticipo, alle 11,59 il trio lescano parcheggia davanti al Tribunale forlivese, un brutto palazzo di stile fascista (ma in Piazza Beccaria, quindi di buon auspicio).

 A rappresentare la Curia senesota, l'immancabile avvocato Enrico De Martino, elegantissimo come sempre, debitamente profumato ed abbronzato (qualche chilo da perdere, a volere sottilizzare); nell'attesa, il legale di Acampa e company faceva, con l'eretico, sfoggio della sua cultura umanistica ("siete passati da Sarsina? Ah, Sarsina: la città di Plauto!"), ed al contempo - per puro spirito di servizio, si intende - si intratteneva con un'avvenente collega del posto.
 Alle 12,54, però, silenzio in aula: si parte con Curia di Siena versus eretico.
Colpo di scena: il Superavvocato cala l'asso nella manica, il Pm (in questo caso, rappresentato dalla dottoressa Rava) cerca (blandamente) di opporsi, il Giudice si ritira in Camera di consiglio; dopo circa 30 minuti, ne esce, per dare appunto ragione all'eccezione procedurale presentata dall'avvocato De Mossi. Fine del tutto, almeno per ora (e per diversi altri mesi...).
 
 Processo fermo, dunque; morto sul nascere.
 L'anelito di Giustizia e Verità del duo Acampa-Buoncristiani (e di Andrea Bechi, di Monica Macchi, di Giampaolo Gallù) dovrà ancora attendere parecchio, prima di essere placato e soddisfatto. Chissà che non ci pensi prima il Vaticano...

20 commenti:

  1. Mi fate stiantare! Ci volevo essere anch'io sulla Clio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece - con quella strada di m... - ho evitato volentieri di farvi compagnia :-)
      Ma che c'è sempre la famosa deviazione "Canili-Verghereto", quella del viadotto in perenne riparazione che ti costringe a passare dalle stradine laterali?
      E 45, ennesima vergogna italiana... Roba da picchiare i responsabili della manutenzione!

      MICHAEL KOHLHAAS

      Elimina
    2. E' la prima cosa che è venuta in mente anche a me... mi prenoto già da ora per la prossima volta! Anna G

      Elimina
    3. Propongo, dunque, di prenotare un pulmino per la prossima udienza. Così si va tutti insieme a fare il tifo per il De Mossi e l'eretico. :)

      marghe carig.

      Elimina
  2. MA CHE FAVE... scusa il francesismo, ma come si permettono di lavorare cosí? Buon per te, ovviamente, per il disturbo pretenderei il rimborso del viaggio!!!
    E magari anche tappare i buchi di quella strada tremenda che dovrei affrontare proprio domani: grazie per l'informazione, non ci passerò, l'ho presa un anno fa, guidavo e mi è venuta la nausea a forza di slalomare tra le buche oltre che l'angoscia di prenderne una e distruggere la macchina.

    RispondiElimina
  3. Buongiorno Eretico complimenti per la mossa procedurale del tuo super avvocato.La Bindi è stata calata in Calabria non si sa bene per quale ragione salvifica per la regione,mosse della peggiore corrente ex Dc.
    Cinzia

    RispondiElimina
  4. Il Vaticano (tutto attaccato..) ha grossi problemi anche con i suoi legali di fiducia; mertitevole di menzione Michele 'Mik' Briamonte da Torino che non ha consentito di ispezionare una borsa zeppa di documenti opponendo un passaporto diplomatico fresco di stampa.

    Peccato viaggiasse da Torino a Roma (To-Ro, lui che è della Juve ...) e il passaporto non serve !

    Briamonte è legale dello IOR e, da un annetto, consigliere Montepaschi ......

    Buon venerdì a tutti, Robertino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se Papa Francesco avrà già letto la Relationem dei tre cardinali (soldi, affari sporchi, lobby gay). Chissà se la Curia di Siena non sia citata. Chissà se qualcuno, cambiato il vento in Vaticano, non canterà...

      Ps Si parla di De Martino, ma l'altro avvocato del monsignore mi pare già fuori gioco

      Elimina
  5. Altra bella notizia che conforta chi combatte da sempre contro l'ingiustizia, l'arroganza la prepotenza dei potenti e dei corrotti....non a parole ma con i fatti. Complimenti a te e al super-avvocato....

    RispondiElimina
  6. Congratulazioni ! Grande De Mossi! Ma questa volta, Raf, ti sei dimenticato di fare la descrizione con dovizia di particolari dell'elegante e impeccabile abbigliamento del bell'avvocato De Mossi.

    marghe carignani

    P.S.: allora la Clio non te l'hanno ancora sequestrata. Io la mia Lancia Lybra sto per venderla, in autostrada consuma pochissimo e va come un missile, oltre a essere elegantissima. Se ti serve per il prossimo processo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima,
      a proposito dell'eleganza del Superavvocato, ti basti questo: era l'unico (dicasi l'unico!) fornito di toga, in aula. Al punto tale che, dopo qualche minuto, se l'è tolta, per non essere troppo distonico...quanto al Giudice (confermo: Giorgio Di Giorgio, nome palindromo, come sottolineato dall'avvocato De Martino), non aveva neanche la cravatta ("sono udienze di smistamento, senza discussione", si è giustificato il magistrato).

      L'eretico

      Elimina
  7. quello di gracciano5 aprile 2013 15:00

    il giudice giorgio di giorgio è uno scherzo?

    RispondiElimina
  8. Lo so, c'entra poco col pezzo sopra, ma leggetevi questo ennesimo articolo su Siena.

    http://www.italiaoggi.it/giornali/dettaglio_giornali.asp?accessMode=FA&codiciTestate=1&id=1818912&preview=false&titolo=A+Siena+sta+venendo+gi%3F+tutto

    RispondiElimina
  9. Trama degna di un road movie. Strategia legale .......TRAPATTONIANA: Tutti dietro, melina e ....pronti a colpire in contropiede!!!!
    Complimenti.

    RispondiElimina
  10. Se esistesse Giustizia davvero invece dell'Eretico sotto processo ci sarebbe TUTTA LA CURIA DI SIENA!

    RispondiElimina
  11. Un saluto. Complimenti all'Eretico.

    Per quanto riguarda la Curia. Possiamo dire che non sono molto interessati, neanche alla Fondazione Mps. Come giustamente, infatti, l'arcivescovo di Siena Antonio Buoncristiani, ci informa;"possiamo fare a meno della Fondazione Mps". E sempre di seguito "torniamo alla voglia di unità di un tempo".

    Ok, speriamo ci siano ancora tanti buoni cristiani a Siena, ecco.

    http://www.ilmondo.it/attualita/2013-04-05/arcivescovo-siena-possiamo-fare-meno-della-fondazione-mps_230063.shtml

    RispondiElimina
  12. Ma il Pisillo non la difende mai la Curia? Immaginerei bene un tandem De Martino-Pisillo, visto che il non banchiere ha riposto la toga...

    RispondiElimina
  13. Stai attento Eretico perchè quella gente (gentaglia !?) è capace di tutto, guarda infatti che cosa stanno tentando contro Grillo !!

    E' notizia di ieri che, esauriti e falliti i sistemi più o meno legali per farlo fuori, il regime ora gli scatena contro anche la mafia !!

    Come ultima risorsa non c’è male, complimenti !!!!!!!!!

    RispondiElimina
  14. complimenti prof. la verità viene sempre a galla,

    RispondiElimina
  15. che Ganzo! A leggerti è come seguire un romanzo avvincente, con uscite dal filo del racconto sempre precise che attirano l'attenzione. grazie

    RispondiElimina