Cerca nel blog

sabato 27 aprile 2013

Una partita indimenticabile (altroché Governo Letta)


 
  Il Governo Letta, il primo governo nepotistico nel senso più autentico della parola, è dunque fatto: il maleodorante inciucione (da salvare la Bonino e la Idem, foglie di...per salvare la faccia all'impresentabilità generale) è quindi servito. Se avessi la tessera Pd, la straccerei: ma ovviamente non ce l'ho.
 Questo blog si ribella, a modo suo, con una singolare forma di resistenza non violenta: scrivendo di tutt'altro...

  Quest'anno l' eretico ha quasi attaccato le scarpe (calcistiche) al chiodo; diciamo quasi, perchè poi problemi vari spesso impediscono al portiere titolare di prendere posto tra i pali, e quindi arriva la telefonata blandisci-riserva dell'allenatore-Presidente-uomo immagine del Gruppo sportivo Fedelissimi, Paolo Gallerini, a chiamare lo scrivente:
"Mi dispiace davvero, ma la prossima partita bisogna che tu venga in tutti i modi, Tommaso non c'è. Non ci lasciare senza portiere, eh!".
Come si fa a dire di no, salvo impegni improcrastinabili?

  L'altra sera, il 19 aprile, è andata in onda un'altra di queste partite; era in programma, al comunale di Via Custoza in Siena, il match tra i Fedelissimi e una squadra colligiana (credo) sponsorizzata dalla Pasticceria Lorena. Siamo alle battute conclusive del campionato: iniziato molto bene, poi trascinato, fra defezioni, squalifiche ed infortuni, malamente assai.
 La serata già prometteva male: delle punte di diamante della squadra, solo l'ottimo professor Antonio Batelli era presente, peraltro in piena forma. Gli altri (Luca Biagiotti, il capitano Marco Fini, nonchè il George Best senese, Pippo Fabbri) erano invece tutti assenti, per un motivo o per l'altro. Ma non è tutto: la squadra è scesa in campo con 7 giocatori, di cui due in brutte condizioni fisiche (Senio Corsi e l'immarcescibile Gianni Vannoni).
 Come potere sperare di farla franca, al cospetto di una compagine di ragazzotti, alcuni dei quali sarebbero potuti tranquillamente essere figli nostri?
 Quel che resta di una armata che lo scorso anno era stata capace di vincere il torneo, ormai arranca, sbanda paurosamente: ed il campo di calcio non permette di alterare, con artifizi contabili, i bilanci...

  Venendo al povero eretico, l'ormai inesistente allenamento specifico conta, eccome se conta (non drammatizziamo sull'età: in questi tornei amatoriali, si vedono portieri anch'essi sopra gli anta, nel senso più vicini ai 50 che ai 40...). Morale della favola: nel primo tempo, squadra in piena balìa degli avversari. 3 per i colligiani, 0 per noi.
 Con un record negativo per lo scrivente, in 25 anni di onorata (non sempre, a dirla tutta) carriera: tre tiri nello specchio della porta, tre reti per gli avversari! Un tiro imparabile, uno su cui si poteva fare certamente di meglio, uno di piena responsabilità.
 Nel secondo tempo, come d'incanto, la catarsi calcistica arride alla squadra, ed anche all'eretico: sospinti dal trascinante Batelli, la squadra di Paolo Gallerini inizia a macinare un po' di gioco, tiene un minimo sotto scacco, almeno per qualche minuto, la difesa avversaria, crea qualche minimo problema all'altrui portiere.
 Risultato parziale del secondo tempo, 1 a 1 (quindi sconfitta finale per 4 a 1, per chi non fosse troppo pratico del calcio).
 L'eretico, chissà come, forse per la vicinanza con l'hotel Garden di mussariana memoria, sfodera due o tre interventi degni della pristina grandezza, magno cum gaudio: non poteva continuare come nel primo tempo, no?
 Fino a quando l'arbitro (il mitico - senza enfasi - Giorgi di Buonconvento: chi lo conosce, sa perchè...) fischia la fine: game over.

 Tutti sotto le docce, dunque: stanchi, sconfitti nettamente, ma fondamentalmente felici.
Tutto bene? No, perchè le docce dello spogliatoio di Via Custoza in Siena hanno una peculiarità curiosa, forse degna del socialismo reale: le docce sono 7, ma la manopola regolatrice è una sola! Pensate forse che una decina di maschi malvissuti possano trovare agevolmente l'accordo sulla temperatura, dopo una partita di calcio con annessa sconfitta?
Almeno noi giochiamo in campo, correndo e calciando: quello del Governo, invece, gioca a Subbuteo... 

13 commenti:

  1. riccardo clemente27 aprile 2013 19:20

    Nelle docce l'importante è che non ci siano saponette da raccogliere ... nonostante la storia del calcetto immagino invece che la voglia di scrivere sul nuovo governo sia tanta.....
    Come cittadino invece mi sento sollevato e felice: un governo c'è, è politico e basta nascondersi dietro i tecnici, mi sembra equilibrato. Non sono marziani, come non lo siamo noi che votiamo e che di solito postuliamo .... inciucio? Sicuramente, ma he volete quando in parlamento ci sono 3 partiti al 30% ognuno? Si potranno fare cose di sinistra e di destra, di centro, ma soprattutto mi aspetto si possano fare cose di buon senso e che ci diano prospettive.
    Forse non siamo proprio un paese alla disperazione economica e sociale ma i discorsi e le facce sono così: abbiamo bisogno di guardare verso il cielo e la luce e non per terra e verso il buio....
    Non nutrivo molte speranze in Letta ma invece mi ha sorpreso positivamente ..... e sorprenderà pure Lei Ascheri (o forse no....)

    RispondiElimina
  2. Caro Riccardo,

    che dirti? Vedremo, vedremo: diamo tempo al tempo.

    Intanto ti dico che la tanto sbandierata giovinezza della compagine (di fascistica memoria?) non migliora neanche il Governo Berlusconi del 2008 (sic): età media di quello, 52,5; di questo, 53. Tante donne? 7 su 21, in questo; 6 su 22 in quello berlusconiano del 2008. Ed alcune di queste donne sono più che meritevoli, altre parecchio, parecchio meno. Ottimo il Cv della Ministro Carrozza: ma guardate da quale Università viene, e fatevi qualche domanda sui suoi rapporti (politici) con il Governatore Rossi Enrico, tanto per dire.

    Ps Quanto al calcio, refuso clamoroso: ho citato Senio Corsi, ma intendevo nominare Senio Losi. Mi scuso con entrambi. Quanto alle saponette, almeno quelle non ci sono, bellamente sostituite da più agevoli bagnoschiuma.

    RispondiElimina
  3. Io la tessera ce l'ho: ch devo fà ? Me devo suicidà ?
    Gli errori, anche gravi vengono da lontano, ma giunti al pun to in cui siamo, che strade restavano ?
    Csx e M5S all'opposizione ? Elezioni anticipate ? E se con questa legge elettorale usciva lo stesso risultato ? (illusorio che venisse cambiata)
    Caro Prof. la denuncia è il sale della vita, la sferza per gli sfacciati, ma poi subito dopo ci vuol la proposta...

    RispondiElimina
  4. Oggi, 28/4/2013 domenica, poco fa al momento del giuramento del Governo, c'è stata una sparatoria all'esterno di Palazzo Chigi.
    Mi sembra di rivedere un film già visto ... preparamoci nuovamente alla chiusura a riccio di tutta la politica, allo scagliarsi della stampa e di tutti i "collusi" contro il M5S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il rischio effettivamente c'è, inutile nasconderlo.
      Il gesto dello sciagurato è davvero di inaudita gravità ed insensatezza. Speriamo che per i due carabinieri l'esito delle ferite non sia troppo pesante.
      Resta un fatto: questa pessima politica, in questi ultimi anni, aveva un solo merito, quello di non avere portato (riportato) la violenza nelle strade. Speriamo di potere continuare a dirlo e a scrivere...

      L'eretico

      Elimina
  5. MI fa veramente sorridere che qualcuno, che non sia un elemento di governo, già lodi il nuovo governo!
    Non me ne voglia sig. Clemente, ma davvero pensa che dopo 60 giorni di stallo in cui l'impegno principale è stato mettere alla berlina il M5S, adesso che in 4 e 4 8 s'è fatto un governo di "larghe intese", questo sia, come per miracolo, costituito dalla créme della società e della politica?
    E' abbastanza chiaro, IMHO, che i due mesi di stallo hanno sortito gran parte del loro effetto nel far si che tutto l'apparato politico vecchio di 30 anni abbia confezionato, come durante l'elezione di monti, prima uno stallo governativo, poi una mini crisi in cui non solo l'europa ma anche il mondo "ce lo chiede" (che mi sembra un po' come il "Dio lo vuole" dei crociati) dopodichè il cittadino, cotto a puntino da uno stato ansiogeno precostituito ad hoc un po' da tutti, sia stato portato all'accettazione entusiastica di una compagine e di un maxi inciucione in cui, sono pronto a scommettere, chi ne fa parte non sarà mai nella condizione ne di fare i tanto sospirati taglioni ai privilegi della casta ne mettere a repentaglio la propria sicurezza, ad esempio quella giudiziaria, varando leggi veramente degne di questo nome. Tra l'altro, elemento non trascurabile, al di la della crisi che c'era prima e c'è adesso, il tanto nominato spread in queste settimane non è mai salito troppo, anzi è addirittura sceso, chiaro segno del fatto che i mercati se ne sbattono della situazione reale italiana, a loro basta fare affari!
    Sono pronto ad essere smentito, anzi me l'auguro, intanto però tutti ora pensano che il M5S sia lo sconfitto della partita.
    Un'altra considerazione in merito. Noi italiani siamo gente strana, sempre pronti a dimenticarci velocemente delle malefatte dei nostri "beniamini" in cambio di una pacca sulle spalle e ad additare quello che magari s'era preso il carico dell'indignazione generale come il populista lanzichenecco di turno che vuole solo sfasciare invece di costruire.
    Se oggi si parla di tagli ai benefici della casta, lo si deve per lo più al M5S che ha portato in parlamento una forza sufficiente a rompere l'immobilismo di questa classe politica d'accatto. Non credo sia un caso che solo dal momento del loro avvento si sia riusciti a fare qualcosa sotto il profilo della moralizzazione della politica, quantomeno ad iniziare un percorso di discussione!
    Vabbè....che lei abbia ragione sig. Clemente me l'auguro di cuore; anch'io vivo in questo paese.....
    Francesco
    p.s.
    prima che mi si accusi di essere un sostenitore del M5S dico io che ho votato convintamente il M5S che rivoterei, ma non partecipo in alcun modo alla vita politica del M5S ne a livello nazionale ne a livello locale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi invece che il M5S ha cotto a puntino il PD e l'ha spinto verso l'inciucio o ribaltone che dir si voglia.
      M5S aveva l'opportuità di fare la spina nel fianco del Csx e far veramente pesare i suoi 8,5 milioni di elettori.
      Ora gli toccherà aspettare il prossimo turno, ma sul doman non v'è certezza....
      L Sorge

      Elimina
  6. Caro eretico meglio pensare al calcio, tanto questi non potranno fare nulla, perché la crisi e di sistema e deriva dalla scarsità di combustibili fossili, niente combustibili fossili niente crescita, niente crescita tanta disoccupazione, tanta disoccupazione calo dei consumi, calo dei consumi chiusura di aziende.....ecc.
    MEGLIO pensare al calcio un campo d'erba si trova sempre.

    RispondiElimina
  7. Https://www.aspeninstitute.it/istituto/comunità-aspen/comitato-esecutivo

    RispondiElimina
  8. Un saluto

    Mi sembra opportuno, far vedere la foto di Enrico Letta, che gioca a Subbuteo.
    https://twitter.com/kaspo/status/327556781796642816/photo/1

    P.S. Io gli invidio il "panno" liscissimo, e le porte "ancorate" ... una sfida, ce la farei volentieri.

    RispondiElimina
  9. http://siamolagente.altervista.org/attenzione-lelezione-di-napolitano-e-anticostituzionale-ecco-il-documento-che-lo-dimostra/

    RispondiElimina
  10. e qui godetevi l'eretico "sponsorizzato":
    https://plus.google.com/photos/103143092030076940670/albums/5736464428653539361/5736465527225426514?banner=pwa
    ma anche paratutto:
    https://plus.google.com/photos/103143092030076940670/albums/5736464428653539361/5736466354002869202?banner=pwa

    RispondiElimina
  11. Guarda stasera di prenderne meno di 4...

    RispondiElimina