Cerca nel blog

giovedì 21 giugno 2012

Abi: trionfo di Mussari Giuseppe!

 
   
    L'eretico, in tutta franchezza, l'avrebbe visto ancora più volentieri alla Presidenza dello Ior, la prestigiosa Banca vaticana. Ma non si può avere proprio tutto, dalla vita: ergo benissimo venga la riconferma all'Abi, la Confindustria dei banchieri. Primo banchiere ad essere Presidente abista, senza essere Presidente di alcuna banca. Il suo successore a Mps, nonchè suo grande sponsor, Alessandro Profumo sarà in brodo di giuggiole, oggi.
Quanto allo scrivente, solo un biografo può provare quella soddisfazione, quasi fisica, che si prova nel vedere l'oggetto del proprio faticoso lavoro salire (o restare) in alto.
 Ve lo immaginate se a soli 50 anni (per la gerontocrazia italiota, un'età da svezzamento), dopo 10 anni di inarrestabile ascesa carrieristica (Fondazione Mps, Banca, Abi ), il povero Mussari Giuseppe fosse dovuto tornare a fare l'avvocato di provincia, per difendere gli Acampa di turno (a proposito, nell'Appello a Firenze che fa, si ripresenta in Aula?). Una carriera così, che si ferma così presto? Non sarebbe quel che si dice "una storia italiana"...
Che abbia fatto bene al Monte (Fondazione e Banca), inutile ripeterlo per l'ennesima volta; qui piuttosto si vuole sottolineare la piccolezza, la meschinità, direi financo la grettezza di quanti - corrosi dall'invidia - a Siena si sono un po' lasciati andare contro di Lui, negli ultimi mesi. Meno male che a Milano e Roma, invece, chi capisce davvero di finanza sa apprezzare un vincente, nonchè banchiere-etico per antonomasia. Ha detto Lui stesso che quello del banchiere non è il suo mestiere? E allora? Non a caso fa il Presidente dei banchieri, mica il banchiere!

   E poi questa fastidiosa, fuorviante insistenza sui guai giudiziari: davvero stucchevole, per Dio! Chi non ha peccato, scagli la prima pietra, intanto; ma c'è di più, molto di più: con le sue riconosciute doti relazionali, Mussari Giuseppe - secondo la ricostruzione riportata da quasi tutti i quotidiani di oggi - ha svolto con pieno successo una delle sue consuete opere di persuasione. Giovanni Bazoli di Intesa sembrava un pochino scettico sulla di Lui riconferma, vista soprattutto il blitz della Procura di Siena e della Gdf dello scorso 9 maggio? No problem about it: Lui si è avvicinato a Bazoli, gli ha parlato con il suo magnetico slang senese-catanzarese, gli ha detto che Lui non c'entra niente, e Bazoli si è subito tranquillizzato. Come il padre esaminatore con la (futura) monaca di Monza Gertrude, Bazoli si è stancato prima lui di chiedere, che Mussari di rispondere...

Questo modus operandi mussariano, tra l'altro, non è certo nuovo. In una telefonata fra il Presidente del Collegio sindacale della Banca Mps Tommaso Di Tanno e Lui (18 marzo 2010, ore 10,46), al Di Tanno che gli chiede lumi sul coinvolgimento della banca e dei suoi pezzi grossi nell'affaire Ampugnano (per cui Mussari è fresco di richiesta di rinvio a giudizio dalla Procura di Siena, bene specificare), come risponde Lui?

Di Tanno: "Cioè non c'è nessuno che ha ricevuto un avviso di garanzia in quanto in qualche modo membro del Mps?".
Mussari: "No, assolutamente!".
Di Tanno: "Ho capito...".
Mussari: "No, assolutamente no".
Le ultime parole famose.
Per i pignoli o curiosi, il resto della telefonata è in "Mussari Giuseppe Una biografia non autorizzata", pagg. 139-141).
Era solo una questione di tempo, infatti, per Mussari. E si sta parlando di Galaxopoly, inchiesta che per i saggi dell'Abi pare sic et simplicier NON ESISTERE!
 Quanto al filone Antonveneta, Mussari ha detto che non c'è da preoccuparsi, per il suo ruolo (era solamente Presidente della Banca, nel novembre 2007: che ci potrebbe mai entrare, Lui?). Quindi si possono dormire sonni tranquilli, dalle parti di Palazzo Altieri.
 Il più rappresentativo dei banchieri italioti, dunque, si autoassolve da ogni inghippo giudiziario, con l'autorevolezza della sua stessa parola (senza nemmeno bisogno dell'avvocato Pisillo): poteva forse esserci un personaggio migliore, una figura più degna, per rappresentare le banche italiote in questo annus horribilis 2012?

29 commenti:

  1. Giusto: a Siena siamo solo pieni di invidia e di malelingue. Non perdoniamo niente a chi ha avuto successo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustissimo: peccato che il successo (la prima rata, almeno) glielo stiamo pagando noi, le restanti rate toccheranno ai nostri figli e nipoti...

      Elimina
  2. Sono sbalordito. Una persona che ha fatto del Monte Paschi un cumulo di macerie il cui conto sara' pagato dai dipendenti e dalla comunita' senese adesso lo riconfermano all'ABI?incredibile spero comunque di non rivedere questo disgustoso personaggi tale mussari da catanzaro a SIena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sbalordito di che? Al suo posto ci hanno messo uno che ha distrutto l'Unicredit! Non ci scordiamo chenel 2009 UCG è stato a tanto così dal default... Luca.

      Elimina
  3. Bastardo Senza Gloria21 giugno 2012 14:20

    Caro professore questa volta voglio essere positivo. IO la conferma del sig. Mussari la vedo come una speranza per tutti. Si una speranza per tutti noi, ognuno nei suoi ambiti.
    Io mi sono domandado spesso se facessi bene o no il mio mestiere. Dopo la vicenda del presidente dell'ABI, che esegue il mandato dichiarando che questo non è il suo mestiere, parlo del banchiere e per giunta dopo i risultati ottenuti nella gestione della banca di cui era presidente, sono veramente e sentitamente consolato dal fatto che alla fine il mondo è etico e giusto.
    Faccio il cantiniere e spesso mi capita, mio malgrado, di sbagliare qualche taglio del vino, di riempire qualche vasca sbagliata e via dicendo. Il mio pensiero è sempre stato: "potrò mai un giorno nonostante i miei errori, e il dubbio che questo sia il mio vero mestiere fare il presidente dei cantinieri italiani?"
    Ebbene si cari signori miei! Questo ci deve far riflettere ed essere positivi per le nostre ambizioni, nonostante, la nostra scarsa autostima.
    L'unico dubbio che a me rimane è......potremmo mai, per le nostre ambizioni, contare sulla suprema, incontrovertibile competenza di cinque saggi che realizzino dall'alto della loro saggezza le nostre ambizioni?
    ....Mica sarà più difficile trovare cinque saggi così....che sognare?
    Ma poi...chi stabilisce che certi signori sono dei saggi?......
    Forse è più saggio tornare a fare il cantiniere......e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, BSG! Con le sue parole, lei ha dato a tutti noi mediocri una grande speranza.

      Elimina
    2. Finalmente uno che ci capisce qualcosa!
      Bravo BSG!
      Finiamola con tutte queste illazioni e processi sommari.
      Se uno è bravo, può fare anche il capitano.
      Francesco Schettino

      Elimina
  4. Caro Eretico,
    mi chiedo e ti chiedo: ma perchè attribuire tanta importanza alla rielezione dell'Avvocato Mussari Giuseppe alla presidenza dell'Abi? E' evidente che il potere ricattatorio del calabrese doveva, in qualche misura, essere tacitato. Daltronde viviamo in Italia, il Paese degli enti inutili. Ti pare, ad esempio, che la scimmiesca ed insignificante Emma sarebbe stata eletta alla presidenza di Confindustria (ente inutile come l'Abi) se non fosse figlia di un importante industriale?
    Si può, comunque, essere tranquilli che l'Avvocato Mussari Giuseppe, dallo scranno su cui continua a sedere, grandi danni alla comunità non potrà farne (se ti pare poco!).
    Piuttosto, cosa ne pensi del biblico esodo che si sta verificando nella tua (giustamente) amata Robur?
    Inoltre, qualche scricchiolio si percepisce anche nella corazzata Mens Sana o Monte Paschi Siena, come dir si voglia? Con affetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accomunare la 'piccola grande' Emma all'avvocato calabrese è assai rischioso !!

      Tutti a Siena, pochissimi a Mantova sanno il perchè ......

      Archinto B.

      Elimina
    2. Nulla si dice a caso!

      Elimina
    3. Verissimo ma entrambi tengono una silenziosa famiglia composta da persone non stupide ......

      Elimina
  5. Comunque sia e nonostante tutto, come è andata a finire? L'hanno premiato per quel che ha fatto, punto e basta. L'eretico schive i libri, Reporter manda un servizio, la gente mormora e si indigna e cosa succede? Arriva la Guardia di Finanza, tutto si ferma per un giorno o poco più (la gente spera: arrivano i nostri!) si lascia invece passare un po di tempo dai fatti "et voila" può ricominciare, grazie ai suoi amici, a fare quello che dichiaratamente non è il suo mestiere (la gente ora dice: ce l'hanno tirato in culo ancora una volta!).
    Detto questo però, al di là della notizia o del veleno spruzzato in questo blog, cosa cambia? A pensarci bene domani tutto ritornerà tranquillamente difficile e forse, lo stesso volo delle rondini dell'Eretico, che continuano a volare e cacare indefessamente su questa meravigliosa città, ci potrebbe fare ingollare anche il Mussari capitano di qualche Contrada magari fra un anno (non di più) tanto, se non ci saranno più alcuni servizi sociali chi se ne frega e poi, qualcuno dice, che è anche un po bucone e con i tempi che corrono può entrare meglio negli ambienti che contano e a noi va proprio bene così!
    Alei!

    RispondiElimina
  6. Chiedo ospitalità sperando di ridestare il senese valore che giace assopito nei cuori del nostro popolo.

    O patria mia, vedo le mura e gli archi
    E le colonne e i simulacri e l'erme
    Torri degli avi nostri,
    Ma la gloria non vedo,
    Non vedo il lauro e il ferro ond'eran carchi
    I nostri padri antichi. Or fatta inerme,
    Nuda la fronte e nudo il petto mostri.
    Oimè quante ferite,
    Che lividor, che sangue! oh qual ti veggio,
    Formosissima donna! Io chiedo al cielo
    E al mondo: dite dite;
    Chi la ridusse a tale? E questo è peggio,
    Che di catene ha carche ambe le braccia;
    Sì che sparte le chiome e senza velo
    Siede in terra negletta e sconsolata,
    Nascondendo la faccia
    Tra le ginocchia, e piange.
    Piangi, che ben hai donde, SIENA mia,
    Le genti a vincer nata
    E nella fausta sorte e nella ria.
    Se fosser gli occhi tuoi due fonti vive,
    Mai non potrebbe il pianto
    Adeguarsi al tuo danno ed allo scorno;
    Che fosti donna, or sei povera ancella.
    Chi di te parla o scrive,
    Che, rimembrando il tuo passato vanto,
    Non dica: già fu grande, or non è quella?
    Perché, perché? dov'è la forza antica,
    Dove l'armi e il valore e la costanza?
    Chi ti discinse il brando?
    Chi ti tradì? qual arte o qual fatica
    O qual tanta possanza
    Valse a spogliarti il manto e l'auree bende?
    Come cadesti o quando
    Da tanta altezza in così basso loco?
    Nessun pugna per te? non ti difende
    Nessun de' tuoi? L'armi, qua l'armi: io solo
    Combatterò, procomberò sol io.............

    RispondiElimina
  7. ..degno capo di cotanta associazione..Associazione Bancarottieri Italiani
    La crisi che il mondo sta vivendo da chi è stata provacata..dalla politica, banca e finanza. E chi non la vuole risolvere la politica, la banca e la finanza, ferma sui privilegi..e sullo stronoggio o asservimento dei poveri!! Questo dovrebbe far comprendere meglio la massima che il mercato è ciò che divide il fesso risparmiatore dal suo denaro!!!

    RispondiElimina
  8. E' veramente strabiliante che il Dr Vigni sia indagato in quanto DG e questo Signore che tutti sanno essere l'artefice del disastro venga rieletto alla Presidenza dell'ABI. Viene veramente la voglia di abbandonar.e questo paese e questa città. Durante l'ultima partita della Mens Sana se ne stava tranquillamente in tribuna e non c' e' stato nessuno dico nessuno che con educazione gli abbia fatto presente che la sua presenza non era gradita visto il disastro compiuto. 5 secoli di storia gloriosa distrutti in 5 anni della sua presidenza.....e tutti zitti. Ma che popolo siamo?

    RispondiElimina
  9. A questo punto io direi che possiamo anche mettere Rocco Siffredi preside di un istituto femminile e Giuliano Ferrara AD della Casa Modena Salumi. Poi siamo TUTTI!!!!!

    p.s. dimenticavo anche Cassano presidente dell'Accademia della Crusca!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cassano presidente della Accademia della Crusca è davvero geniale ... si faccia virtualemnte stringere la mano

      F.to
      L'Anonimo

      Elimina
  10. Leggendo queste nomine (anzi, ri-nomine), credo che sia legittimo che l'Italia faccia la fine della Grecia

    RispondiElimina
  11. se siena fosse sempre siena perlomeno una cura a base di frontini l'avrebbe ingollata

    RispondiElimina
  12. Quanta ingiustificata amarezza e scetticismo fuori luogo. si è vero Peppino lo hanno imbullonato a roma in una poltrona che, con quello che sta per accadere alle banche italiane, intese come sistema, PRESTO COMMISSARIATE DI FATTO DALL'EUROPA, bè quella poltrona, per quanto ben remunerata,rischia di contare poco o niente. forse per questo peppino non ha avuto concorrenti, siamo mica scemi noi avranno pensato gli altri- certo qualche pressione indebita mostrando carte e registrazioni qualcuno l'avrà anche fatta ma la sensazione è che quel qualcuno abbia sprecato cartucce buone magari altrimenti. ma tanta era la bramosia di accomodarsi da non aver valutato che la poltroncina sarebbe arrivata comunque.... quanto a non vedere più peppino sulle lastre, bè, scordatevelo in fondo un albergo dove dormire in città o in campagna lo trova sempre

    RispondiElimina
  13. non c'entra con l'argomento ma volevo chiedere pareri dell'eretico e vostri su questo Guicciardini neo segretario provinciale del PD.
    se ne sa niente ?
    .....per lo meno, largo ai giovani !!!

    RispondiElimina
  14. La regola non scritta nella 'Corporate America' è che quando al livello di carriera in cui sei risulti totalmente inadeguato, è il momento di una promozione. Applicando il concetto all'ABI, non sorprende che Mussari sia diventato il 'Presidente dei Bancari Italioti' ... uno più inadeguato di lui nei livelli inferiori, dove lo potrebbero trovare ???

    RispondiElimina
  15. Caro Eretico,

    Pur essendo ancora (moderatamente) giovane ho perso da anni la convinzione che nel mondo (non solo a Siena)esista una qualche forma di meritocrazia.
    Anzi, ho sempre pensato che uno peggio facesse, meno fosse dotato e minori fossero le sue capacità e più la sua scalata verso la vetta fosse veloce ed agevole.

    Dico questo (in parte) anche per auto-assolvermi (colpevolmente) dei miei mille fallimenti personali.

    Da oggi Giuseppe Mussari ha raggiunto nella mia classifica personale
    Gennadij Nikolaevič Osipovič e Felice di Persia.
    Persone che ebbero grande potere e fecero grandi errori che nel 2005 furono entrambi promossi ...

    Gooogolate gente googolate ...

    F.to
    L'Anonimo

    RispondiElimina
  16. Solo per memoria storica riporto l'unico comunicato che ho trovato su questa scandalosa conferma, comunicato del 31 maggio trovato sul sito Pietraserena.siena. Come non essere d'accordo? E come non sollecitare Comune e Fondazione a prendere finalmente una posizione?

    “La mancata conferma di Mussari alla guida dell'Abi sarebbe un danno per il sistema bancario e non sarebbe una bella cosa per Banca MPS”: parole dell'attuale presidente di Banca MPS Profumo, intervistato dalla giornalista Lucia Annunziata.
    Per molti Senesi certe dichiarazioni appaiono incomprensibili, se non offensive. Chi ha assistito al disastro patrimoniale del Monte dei Paschi, che ha chiuso l'ultimo bilancio con un passivo di 4 miliardi e mezzo sotto la presidenza Mussari, coinvolgendo nella crisi la Fondazione MPS e tutto il territorio, proprio non sa spiegarsi quale altro tipo di ‘danno’ si potrebbe avere dall’uscita di scena dal mondo finanziario di un uomo che ha ammesso di essere estraneo a quel tipo di mestiere.
    Eppure sembrerebbe che qualcuno vorrebbe riconfermare Mussari alla presidenza dell'Associazione delle Banche Italiane. Per quali meriti, ai più appare ignoto. Né è lo stesso Presidente Profumo a chiarirlo: si limita a dire che “la mancata conferma sarebbe un danno al sistema bancario e al MPS”. Sarebbe interessante capirne il motivo. La frase appare sibillina.
    A voler ragionare niente giustificherebbe la conferma di Mussari a capo dell’ABI, dopo il disastroso risultato di esercizio del MPS portato all’ultima assemblea degli azionisti. Un’occasione dove il Presidente del collegio dei Sindaci revisori di MPS, ha ammesso - pubblicamente – che “il valore della banca Antoveneta era di 2,3 miliardi e fu acquistata per oltre 9 miliardi”, un prezzo apparso ai più poco “appropriato” e su cui ci sono accertamenti giudiziari in corso: una delle tante discutibili operazioni avallate da Mussari, e principale causa della crisi MPS. Debole è apparsa la difesa dell’avvocato ‘prestato alla banca’: “puniti oltre i nostri demeriti”.
    Le domande che molti in città si fanno sono queste: saprà tutelare Mussari gli interessi del sistema bancario italiano, visto che in pochi anni, dopo secoli di gloriosa storia, ha portato alla crisi la banca che presiedeva, che era la più antica, la più solida e la più liquida del sistema? I risparmiatori, le imprese e gli operatori si sentiranno sufficientemente garantiti da un sistema creditizio con a capo un uomo che ha fatto registrare questi risultati? Quale danno al ‘sistema bancario e socio economico’ può essere causato dalla mancata riconferma di Mussari? E altrimenti: quali meriti e quali competenze possono essere fatte valere? Risulta al vero che Mussari ha già un avviso di garanzia per la vicenda Ampugnano e che è aperta un'altra indagine sulla Banca da lui presieduta in questi anni?
    E’ legittimo che la gente abbia certi dubbi, come è legittimo e auspicabile che qualcuno dia delle risposte, anche sulle parole di Profumo, a partire dalla Fondazione MPS e dal Comune di Siena, nominanti lo stesso Profumo. Perché proprio non si trova una ragione a ‘premiare’ chi non si è mostrato all'altezza della situazione. Tanto meno si capisce come mai a scontare gli errori di chi ha determinato scelte alla prova dei fatti fallimentari siano i dipendenti della Banca e i cittadini del territorio, ovvero le persone senza alcuna responsabilità. Appare assai preoccupante infatti che il presidente Profumo, pur parlando di ‘estrema ratio’, prefiguri comunque scenari di esuberi, cessione di asset e chiusura di filiali. Gli errori e le sopravvalutazioni sono stati altrove. E non è difficile capire dove.

    RispondiElimina
  17. Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiero in gran tempesta, non donna di province ma bordello!

    RispondiElimina
  18. Tanto per ribadire la discontinuità tanto invocata dal PD in tema MPS, andate a vedervi la home page della banca (www.mps.it): figura in bella vista il logo Qualivita di quel mangiapane a ufo del Rosati accanto a quello del Touring Club...
    Gli amici degli amici sono come quelli str... che pur tirando lo sciacquone e lavorando di spazzolino restano sempre a galla...

    RispondiElimina
  19. Rettifico: il logo di Qualivita sulla home page del Monte c'era un paio di giorni fa con la pubblicità MPS Conto Italiano, oggi un c'è più. Che si siano vergognati nel frattempo?

    RispondiElimina
  20. Per come lavorano le Banche oggi nel nostro sistema economico, Mussari ne è degno presidente.

    RispondiElimina
  21. Come mai il Bisi a questo giro ha smesso di esultare via Corriere di Siena e di chiamarlo Mussabi?

    RispondiElimina