Cerca nel blog

lunedì 20 maggio 2013

Una settimana al voto: adottiamo un "omino degli orti" per uno!


  
   Fra una settimana esatta, sapremo finalmente chi sarà il vincitore di questa tornata amministrativa: i vincitori, anzi, giacchè davvero nessuno pensa ad una possibilità di vittoria al primo turno.
 Diamo quindi per scontato il ricorso al ballottaggio, sfumato due anni or sono ( Alex Nannini, secondo, avrebbe detto di fare convogliare i suoi voti su Franchino il Ceccuzzi?); il problema a questo punto è: ballottaggio sì, ma fra chi?
 Verosimilmente a contendere al Valentini lo scettro di Sindaco saranno o il pentastellato Michele Pinassi, o Eugenio Neri (secondo voci ricorrenti - non si sa quanto accreditate, bene dirlo - Neri avrebbe un discreto margine di vantaggio su Pinassi, ma l'effetto Grillo di giovedì prossimo potrebbe fare cambiare le cose); e Laura Vigni?
 Resta da dire che tutti danno per certo il raggiungimento del secondo turno SOLO per il candidato piddino, dunque. Con piena ragione, direi.
 Ma ciò comporta una considerazione, che è alla base di tutto: in quale parte della penisola, se non nei Comuni sciolti per mafia aut similia, si trova il caso di un partito che ha letteralmente distrutto quello che in una città si può distruggere, ed è sicuro, secondo unanimi pronostici, di arrivare quantomeno a giocarsela al ballottaggio per il secondo turno? Peraltro, come ammesso financo da esponenti stessi del Pd senesota, quasi senza fare campagna elettorale. Indice di salute della vita politica della città?

 Campagna elettorale strana, dunque, all'insegna di un tasso di trasformismo e di sfacciataggine da latitudini sudamericane. Si sperava, se non in una palingenesi, almeno in una salutare rigenerazione della prassi politica: invece, oltre a rivedere TUTTE le stesse facce degli ultimi anni (trovatemi un'eccezione: ne sarò lieto), non è cambiata neanche la modalità di approccio verso le elezioni.
Gente che pietisce penosamente voti, santini distribuiti a destra e manca anche per strada, pubblicità elettorale che proviene dagli ambiti più imbarazzanti (bravo il Santo, l'altro giorno, ad avere denunciato un esempio clamoroso e scandaloso, in tale senso), prese di posizioni trivialmente elettoralistiche, candidati ipersputtanati (da questo blog, e non solo) che fanno finta di niente o minacciano querele invece di spiegare i punti oscuri del proprio passato, mentre in democrazie mature, per molto meno, sarebbero già stati costretti ad abbandonare la corsa, ed a chiedere scusa per essersi presentati.

 Resta una sola speranza, forse flebile: che siano i cittadini a dire basta alla pratica clientelare. Anche quelli che l'hanno ben volentieri accettata, trovino un sussulto di dignità, per quanto colpevolmente tardivo, e a buoi (bovi) scappati per sempre.
 Almeno questo: chi vi chiede il voto, mettetelo in fondo alla lista dei votabili.
E ognuno adotti - come un lettore suggeriva, acutamente - un "omino degli orti", o una "donnina della Cooppe", e spieghi loro che i dirigenti oggi piddini li hanno presi in giro (per il culo, diciamolo papale) per tanti anni.
Andate nei loro capanni di lamiera, accanto a quelle invereconde vasche da bagno che fanno indegna mostra di sé negli orti, calpestate la mota causata dalle precipitazioni di questo piovosissimo maggio: fatevi apostoli di informazione, dunque di democrazia. Il voto di queste persone è decisivo per le sorti della città, e loro non leggono i blog, è grassa se leggono La Nazione. 
Fategli capire che loro, ormai, hanno dato (ed avuto): che pensino almeno, se non ai figli, ai nipoti...

Ps Giovedì verso le 18,30 - sottoclou di Beppe Grillo - ci sarà l'eretico, alla Lizza. Gli amici del Movimento mi hanno invitato a parlare. Come per la campagna elettorale delle politiche, sarà un piacere farlo. Così come lo è stato partecipare ad eventi organizzati da altri candidati a Sindaco. Quanto al Pd? L'eretico non veniva invitato né dal Pd ceccuzziano, né da quello valentiniano. Forse perchè il partito è sempre nelle mani dello stesso?

29 commenti:

  1. Ho da segnalare due fatti alla tua attenzione :

    1) oggi il sig.Epifani viene a Siena x appoggiare il candidato Valentini

    2) l azienda ospedaliera careggi ha oscurato il blogg ( solo il tuo ) ! Mano longa di Sua Sanita'!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Epifani viene a Siena: se ribatteva una boccata come il giorno prima per uno scalino di troppo, a raccattarlo c'era Franchino il Ceccuzzi. Già questo basta ed avanza, per quanto concerne la discontinuità del Valentini (consiglio pezzo di Meletti sul Fatto di oggi, a tal proposito).

      Quanto alla censura a Careggi, che dire? Vuol dire gli operatori fiorentini interessati al blog, leggeranno a casina (che pena, però).

      L'eretico

      Elimina
  2. Ho ascoltato Valentini, devo dire che questo candidato e' veramente poca roba. Mai un affondo serio sulla passata gestione,mai un parlar chiaro sul PD e le schifezze compiute. Sembra quasi che si sia accontentato di essere il candidato sindaco e quindi potenziale vincitore. Imbarazzante il fatto che in lista con lui ci sia una banda di ceccuzziani mai pentiti. Povera Siena se costui sarà Sindaco. In questo momento l'unica persona capace e con contenuti e ' Laura Vigni. Il Neri ha dietro un armata branca leone da fare paura. Il M5S avrebbe la maggiore spinta propulsiva, ma il candidato sindaco e' debole. Forse se fosse stato Aurigi, avrebbe avuto maggior peso. Adottare e' difficile, perché e' gente che non ascolta e non si fida. Comunque devi continuare a scrivere sulle oscenità di questo sistema, i giovani ti leggono e da li puo venire un cambiamento.

    RispondiElimina
  3. Rivoglio indietro i due euro che ho pagato per votare alle primarie del PD !!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Oh! Era l'ora!
    Quindi secondo l' Eretico si dovrebbe votare M5S. Voto di mera protesta dunque.
    Capisco. Certo ad essere dipendenti pubblici con stipendio assicurato e tanto tempo libero si fa bene a votare protestando (o a protestare votando). Insomma in molti casi il M5S (pieno zeppo di studenti, di disoccupati e di pubblico impiego) ha preso un po' il posto della defunta e gloriosa Rifondazione Comunista (dei bei tempi del primo BertyNights). Non tanto per affinità ideologiche, ma soprattutto per appartenenza sociale. Ovvero l' appartenza a quelle categorie o che non hanno nulla da perdere (e da fare) o di quelli che fanno i finocchi col culo altrui. Insomma M5S e Vigni alla fine potevano anche presentarsi insieme ed essere quasi certi di andare al ballottaggio contro Valentini. Ma forse la Vigni ha voluto tenersi qualche asso nella manica (qualche posto alla fine si rimedia sempre).
    Sarebbe interessante invece capire dai sostenitori del M5S di Siena cosa intendono fare (il loro programma da ciclostile è un po' pochino se paragonato ad esempio al progetto di Tucci o di Neri o soprattutto di 53100) e a chi vorrebberlo farlo fare (chi di loro ha le competenze) per rimettere in piedi il tessuto produttivo, strategic e vitale della città. Almeno perchè si abbiano di nuovo i soldi per pagare le tasse con le quali, peraltro, si pagano anche gran parte delle vite degli Eretici e di molti grillini.
    Questo per non rischiare di passare da dare il voto a coloro che hanno distrutto il sogno Siena a quelli che potrebbero eliminare il poco che è rimasto.
    JR

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro JR (?),
      rispondo alla tua analisi (sulla quale ovviamente non concordo quasi per niente) puntualizzando solo un paio di cose:
      1) come già scritto (ma per qualcuno giova ripetere), vado giovedì dai grillini come sono andato svariate altre volte da altri. Non concordo assolutamente su tutto (difendo la Gabanelli, per esempio), ma sono convinto che siano fra i pochissimi a potere alzare la voce sul Monte (e non solo) senza essere sommersi da fragorose risate;
      2) si, hai colto nel segno: il mio stipendio proviene dallo Stato, quindi dalle tasse dei cittadini. Francamente - come direbbe uno che a JR sta di sicuro simpatico - non penso che siano soldi buttati.

      L'eretico

      Elimina
    2. Io non voglio rimediare nessun posto (visto che ho 60 anni, se avessi voluto farlo ne avrei avuto il modo e il tempo e l'occasione). E poi è noto che 5 stelle non si allea con nessuno, Laura Vigni

      Elimina
    3. Riferito all'M5S quello del programma è un falso problema !
      Per far meglio di chi ha ammninistrato Siena fino ad oggi, basterebbe non fare niente : almeno non faresti danni !!!

      Elimina
  5. Un saluto. Condivido, ... BASTA, adottiamone anche un paio per uno, per favore!

    Davanti a trecentocinquanta, forse quattrocento persone, PRATICAMENTE UN'ASSEMBLEA DI PARTITO ALLARGATA ... e radunata nell'aula magna dell'Università per stranieri, il neosegretario nazionale ha enunciato un concetto accolto in un silenzio forse rassegnato: «La nostra responsabilità, non quella penale di cui si occupano i magistrati, ma quella politica, è stata di non aver capito, quando fu presa Antonveneta, che se cresci e diventi una banca di rilievo internazionale non puoi conservare una forma di governo che avevi quando la banca era tua. Questo non è stato capito anche perché voleva dire mettere quote sul mercato e perdere parte del controllo della banca stessa».

    "... Il cuore della campagna elettorale è una piccola percentuale: 4 per cento. A tanto si limita il diritto di voto dei soci che partecipano (con qualsiasi quota) alla proprietà del Monte dei Paschi. E' stato il sistema perfetto per mantenere la senesità dell'istituto nonostante andasse alla conquista dei mercati planetari. ..."

    " ... Basta conoscere un poco la città per comprendere come mai un renziano come Valentini vada così d'accordo con Epifani. Qui i vincoli sono complicati, di struttura medievale, governati da alleanze improvvise e improvvisamente salde, o altrettanto improvvisamente volatili. ... "

    http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/a-siena-il-pd-verso-il-voto-diviso-tra-renziani-e-anti-dimenticandosi-del-56180.htm

    RispondiElimina
  6. Caro Eretico, la provocazione di adottare un "omino degli orti" la lanciai io tempo fa. Purtroppo resta e resterà una provocazione, visto che i tentativi di redimere i miei adorabili vicini pensionati (da buoni ex-comunistacci sono tutti cacciatori, smadonnatori certificati e grigliatori di salciccioli alla festa del Partito) sono fatalmente destinati a fallire. Se gli parli di attualità politica locale ti rispondono: "noialtri s'è patito la guerra, quando passò il fronte s'è visto picchiare la gente dai facisti!" e allora non sai se sorridere bonariamente o arrabbiarti.
    Ma sai, finché ti confronti con persone semplici che magari hanno fatto la terza elementare ci può stare; chi mi fa veramente INCAZZARE sono le "nuove leve": gente che ha (in teoria...) studiato, che legge i giornali, va su internet ma continua a foderarsi gli occhi col prosciutto.
    Ho conoscenti che con la massima naturalezza mi hanno telefonato per farmi sapere che si sono candidati nelle file dei dissestatori e che senza nessuna vergogna mi hanno chiesto il voto.

    Scoraggiato mi chiedo: sequestro un "omino degli orti" in cantina e gli faccio leggere il tuo blog stile "Arancia Meccanica" (stecchino sotto le palpebre), oppure compro una tanica di benzina e mi dedico ai Valentini boys?

    MICHAEL KOHLHAAS

    RispondiElimina
  7. Io faccio come il pd al parlamento, dico una cosa è ne faccio un'altra . Dico ufficialmente voto pd e nel segreto dell' urna movimento cinque stelle. Non farò niente ma almeno si cambia e visto che tanto devo andarmene da questa terra, perché precario e e senza aiuto da nessuno, il cambiamento sarà utile ad altri, non ai soliti noti.

    RispondiElimina
  8. Se avessimo notizie sul disastro provocato dal sistema: sul Monte, sull'università,sul comune,etc.etc...( come abbiamo notizie sulle notti brave di Berlusconi,)forse tanta
    gente saprebbe meglio cosa fare e anche gli omini degli orti penserebbero più ai propri nipoti.
    la solita nonna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari fosse così semplice! Concordo sul fatto che non ci sia la dovuta informazione, ma è anche vero che le cose si sanno comunque. Il problema è non volerle vedere e rifiutarsi di credere che quello che è successo sia vero. Mi creda, purtroppo, gli anziani non hanno più il coraggio e la voglia di cambiare (ormai voteranno così tutta la vita) ed i più giovani hanno interessi personali e continuano a portare avanti la teoria dell'aggancio, piuttosto che del merito.

      Elimina
  9. Ma gli omini degli orti che ce le mandano a fare le loro donnine alla Coppe? Non sono autosufficienti almeno a verdure?

    RispondiElimina
  10. Caro Eretico,

    Dovremo tutti parlare di cucina di ITALIA 2?
    Ti prego, dacci lumi.

    F.to
    L'Anonimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Anonimo,
      scusami, ma proprio non ti capisco, sicuramente per mia deficienza (in senso etimologico).
      Dovrai quindi essere tu, ad illuminarci...

      L'eretico

      Elimina
    2. Caro Eretico

      http://www.alimentipedia.it/files/images/presto.street-food-heroes.jpg

      F.to
      L'Anonimo

      Elimina
  11. è davvero vergognoso che ad oggi si continui a parlare del ceccuzzi ma ancora piu' vergognoso è il comportamento del valentini che dopo una presa di posizione iniziale contro il ceccuzzi ed un marcato vittivismo per l'atteggiamento tenuto dai piddini senesi sulla sua candidatura alle primarie, ad oggi si ritrova a braccetto con il ceccuzzi e nulla piu' ha da dire su chi ha messo Siena in ginocchio. Ottimo trasformismo sig valentini veramente bravo e non salvo, visto le recenti posizioni, nemmeno la vigni che spudoratamente confluirà i suoi adepti (voti) al valentini. Bravi tutti continunate cosi... andremo dritti come pendoli.

    RispondiElimina
  12. Sono molto curioso di vedere come andrà a finire questa tornata elettorale.
    Da una parte fiutando la città mi sento di poter dire che il Valentini vincerà abbastanza agevolmente, dall'altra se rileggo la storia di Siena qualche dubbio mi viene.
    Infatti i senesi sono stati storicamente fedelissimi al potente di turno, ma sempre con un ma.
    Sono stati infatti prima i più filo-austriaci della Toscana, poi i più monarchici e fascisti d'Italia e infine i più comunisti d'Europa.
    Quando però si sono "covertiti" lo hanno sempre fatto a sorpresa, velocemente e in maniera netta. Se oltretutto al senese si dà l'opportunità di pugnalare il potere in declino, quatto quatto, nel segreto dell'urna, beh ecco che allora qualche dubbio sul trionfo del George Clooney dei poveri mi viene.....

    RispondiElimina
  13. avete notato che a Siena non esiste occupypd? o sbaglio?
    è un segnale profondo, vi pare?
    Dantès

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipenderà dal fatto che nel PD senese non ci sono boys, ma solo omini degli orti?!

      Elimina
  14. Ciao Eretico,
    non c'entra niente con il tuo articolo, o forse anche sì!!!?? Vorrei avere qualche delucidazione su Siena Jazz. Non so se ti sei mai occupato della questione, ma in momenti di vacche magre , di strade dissestate, di perdita di posti di lavoro, di difficoltà per tutti, i presunti ingenti contributi pubblici (non ne sono certa, me ne hanno parlato) a favore di questa associazione, se veri, mi sembrano quantomeno scandalosi! Anche perché, non mi pare che tale associazione riversi sulla città servizi in proporzione! Ma chi sono questi? E mi chiedo: non sarà che, come al solito, c'è dietro qualcosa di politicamente scorretto?
    Grazie per l'attenzione.

    RispondiElimina
  15. riccardo clemente21 maggio 2013 20:17

    Vorrei saper quanti di coloro che scrvono contro il pd oggi votavano pd sino a tre anni fa ..... e poi chi c'era con il pd? Sel, psi, comunisti, verdi ecc... nessuno li ricorda? Penso che con tutti i se e tutti i ma il Neri sia il meno peggio. Purtroppo credo che visti gli interessi, la paura di perdere i privilegi ottenuti con le amicizie non cambierà molto. Ci vorrà ancora un passaggio elettorale per capire che i vecchi amici non hanno più soldi da dare distribuire e sono come l'opposizione, anzi peggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti, terribilmente tutti! E ti dirò di più! Senesi DOC che hanno mantenuto questa classe politica per generazioni che, all'indomani della notizia sulla stampa nazionale del disastro del Monte dei Paschi, hanno tolto il conto corrente dal Monte. Un'armata Brancaleone di tanti Schettino!

      Elimina
  16. non cambierà niente......
    lo dico e ridico da mesi.... non cambierà niente.
    Si stanno gia ricreando gli intrecci maledetti del groviglio armonioso.

    personalmente odio gli omini degli orti e le donnine della coppe, non mi fanno pena e anzi gli darei foco.
    Poi si dice che è gente di poca cultura? invece quelli che ci hanno governato fino oggi?

    Che schifo... ma in una situazione così non vi da noia che vi chiedano il voto?

    firmato l'ancora + incaz..to
    ale benve



    RispondiElimina
  17. Caro Eretico non ti illudere, anzi non illudiamoci. La Casta è più compatta di prima; a sentire Epifani, rappresentante pro Valentini, c'era anche un certo Ceccuzzi. Le solite facce che dovevano sparire, invece sono sempre sulla cresta dell'onda. Hanno già deciso come dividere la torta, è la commedia delle parti. Valentini contro Neri e tutti e due contro Polifemo; i ladri di Pisa, il giorno litigano e la notte vanno a rubare insieme. Ma chi vogliono prendere in giro. Pensa al Gattopardo: 'Che tutto cambi perchè resti tutto uguale'. Pinassi, Falorni, Vigni, novelli Don Chisciotte; avranno qualche seggio, un'opposizione che potrà fare molto poco. Il Monolite trasversale della Casta purtroppo mi sembra ancora forte. Spero di sbagliarmi, ma mi sembra un'altra occasione perduta per la nostra povera Siena. Nel momento gli omini degli orti sono preoccupati per la pioggia e le donnine della Coppe pensano a non bagnarsi i piedi. Per il resto, nulla da dichiarare.

    RispondiElimina
  18. Ciao Raffaele...posso permettermi di richiederti un articolo o quanto meno delucidazioni sui futuri rimborsi di queste campagne elettorali (almeno le ultime due...)?
    Premesso che di restituirli non ho sentito parlare (parlo dei candidati più noti...ma potrei sbagliarmi), non vorrei che si dovesse pagare (e vorrei sapere quanto ci è costato in termini di spese elettorali qualche mese di Franchino) per questo spettacolo di illusionismo di basso livello. L'ultima volta, al grido di "disperdiamo i nostri voti" per evitare l'1% di possibilità del ballottaggio con Corradi fu presentato in extremis Nannini. A questo giro, con gli schieramenti già un po' frammentati (alcuni sono forse alla finestra ad aspettare il risultato della prima tornata elettorale, per decidere se valga la pena o meno di risalire sul treno PD?), l'opposizione ha addirittura tentato l'impossibile; in realtà il progetto era nato in casa PD (quel partito che con tanto buon gusto, dopo aver mangiato il mangiabile, a livello nazionale, ha pubblicamente negato ogni minima responsabilità, scaricando Siena in quanto città di medioevali idioti dove c'era un PD sui generis...a detta loro) quando per far sembrare Bruno un fattore di svolta si era deciso di contrapporlo ad un simbolo del passato come Mugnaioli. Il Neri, con grande acume politico, a questo punto non poteva certo farsi scappare l'occasione di andare a ripescare il peggio del peggio di quel passato, rispolverando persino il Cenni (passando qualche sera fa da Piazza Indipendenza mentre venivano presentate le liste di NsB, guardando buona parte dei presenti credevo che fosse il ritrovo degli ex tesserati del PD...solamente la discoteca sotto le logge in pieno stile PDL salvava un po' le apparenze: toccherà pagare anche l' aperitivo elettorale ?). Per il resto abbiamo: gli ex dirigenti di contrada del 53100 e le contrade tutte indebitate (a testimonianza della loro inconfutabili capacità gestionali...ma qualcuno di voi lo sa quanti soldi girano in qualche festa titolare? Il Palio vinto, che una volta si saldava la sera stessa, deve costare per forza 3-4 volte quanto ha a disposizione una contrada?Si devono fare per forza delle società con saloni atti a ospitare convegni mondiali, per ospitare quei 10 che vanno assiduamente in contrada in inverno?); Laura Vigni, altro elemento di rottura col passato, ma da 2000 anni in politica (sarà anche brava, intelligente e onesta ma questo è incontestabile) e M5S che dopo i grandi successi dell'ultima volta ha deciso di ripresentare lo stesso candidato peraltro a detta di tutti deboluccio (anche se vorrei vedere quanti dei superincazzati che erano a inneggiare Grillo alla Lizza sarebbero stati pronti adesso, a scatola chiusa, a metterci la faccia al posto suo). Poi si può giustamente dire che Pinassi può parlare di Mps con la coscienza pulita, ma ricordo che anche il buon Colonnino nella famosa puntata di report non si tirò certo indietro; sarebbe disposto a sostenerlo come candidato sindaco l'Eretico?...
    Tutto questo per porre una domanda: questo triste spettacolo ci costerà anche dei soldi in termini di rimborsi? Se sì (e ho tanta paura sia così...), quanto? Sì potrebbe partire dalle elezioni precedenti per farsi un'idea, no?
    Non si potrebbe almeno farci prendere per il culo a gratis?

    RispondiElimina
  19. riccardo clemente22 maggio 2013 21:06

    Ai cittadini di Monteriggioni e non di Siena: in che paese un sindaco si dimette per andare a fare il sindaco nel comune accanto? Che rispetto può avere per i cittadini che lo hanno votato? Sarei curioso di vedere alle prossime elezioni a Monteriggioni quanti voteranno il PD, probabilmente tanti .....

    RispondiElimina
  20. ma della nuova carta sostapay della siena parcheggi a 17 euro (!!!!) nessuno dice niente ??? non sono questi servizi al cittadino ?? perchè un prezzo così alto ? non è politica anche questa ??

    RispondiElimina