Cerca nel blog

martedì 21 maggio 2013

Il futuro (fiorentino) della Mens sana minucciana


   Siamo arrivati all'epilogo della avvincente sfida fra Milano e Siena per i play off cestistici: con gara 7 si chiude, dentro o fuori. La stagione della squadra del dominus Minucci Ferdinando è al bivio, agonisticamente parlando.
I fatti più interessanti per il futuro della squadra più vincente degli ultimi anni in Italia non passano però dalla partita di stasera. A breve, la Guardia di Finanza e la Procura di Siena chiuderanno l'inchiesta "dedicata" alla creatura minucciana, e già questo è un punto fermo che - a prescindere da tutto il resto - dovrebbe fare riflettere gli sportivi sani: perchè mai, fra tutte le squadre italiane, non ce n'è una che sia così attenzionata dalle forze dell'ordine (dopo esserlo stata dalla Giustizia sportiva)? Invece di gridare al lupo, sarebbe gradita una risposta nel merito. Senza dimenticare appunto la prescrizione minucciana per la questione della Giustizia sportiva (attenzione, leggere i commenti a piè di articolo: entro la giornata si attiverà il solito che scriverà, FALSAMENTE, che Minucci è stato assolto. Scommettiamo?).

  Punto due: i soldi. Lo sport senese sarà pressochè azzerato, a livello di finanziamento Mps (Siena calcio, basket minore); il Minucci's team, pur ridimensionatissimo, avrà probabilmente i suoi 4 milioncini di euro. Giusto così?
Minucci Ferdinando, dunque, ha bisogno di soldi freschi e sonanti: mica per le sue case e per la sua villona, parliamo piuttosto della società. Lui, sobrio come è sempre stato, si accontenta del suo stipendino (a proposito, se il Mangia d'oro Minucci Ferdinando vuol dire ai suoi tifosi quanto guadagna ogni singolo mese, noi la cifra la pubblichiamo volentieri assai): ma il resto, la società?

   Prende sempre più corpo l'ipotesi che il nuovo sponsor sarà un marchio dell'industria farmaceutica: vuoi vedere che Menarini ci possa entrare qualcosa, vista la sua massiccia presenza in casa Mps? Soccorso regionale (contributo per il palasport fiorentino a carico dei cittadini della Regione), abbinato ad un'azienda farmaceutica fiorentina: questo pare proprio prefigurarsi come il futuro dell'ex dream team minucciano (GdF permettendo...).
Non sarà mica che il buon Minucci Ferdinando voglia trasferire la gloriosissima ed onusta di gloria Mens sana Siena in riva all'Arno? Magari NON SOLO per l'Eurolega, MA ANCHE per il campionato in quanto tale? Da Viale Achille Sclavo al Palamandela?
 La grande prestazione offerta l'altra sera dalla squadra del bravo Banchi potrebbe infatti essere l'ultima partita mensanina in terra di Siena.
Non resta che attendere: ma non ci sarebbe certo niente di cui stupirsi.
Conoscendoli ormai sin troppo bene, i servi (tutt'altro che sciocchi, giusto servi) minucciani, dopo la fine dei play off, apriranno le danze (senza avere mai scritto una virgola sull'inchiesta della Procura!), con una serie di pezzi per preparare l'opinione pubblica al grande salto in riva all'Arno: "i tempi sono cambiati, un ciclo è finito, non si poteva continuare senza cambiare qualcosa, bisogna iniziare a ragionare senza gli steccati "ideologici" di una volta, in fin dei conti Siena è stata molto più guelfa che ghibellina (giustissimo, peraltro)",  bla bla bla.
 Minucci l'ha insegnato: basta vincere, vincere, vincere.
Per Siena, per Firenze, per chi ci sarà. Come si diceva una volta: "Franza o Spagna...".

 Ps Fra i commenti del pezzo del 30 aprile, c'era una curiosa lenzuolata scritta per gettare fango sul sottoscritto, accusato - ovviamente senza alcuna prova - di essere al soldo della società dell'Olimpia Milano (come già scritto, magari lo fossi: mi accontenterei anche di pochino...). Accuse ovviamente anonime, ma che non scandalizzano le anime belle dei castisti che "ci mettono sempre la faccia". De minimis praetor non curat.
 In un passaggio della suddetta lenzuolata, c'è anche un attacco, personale e violento, nei confronti di un grande giornalista, del quale l'eretico si onora di essere amico: Enrico Campana. Il quale mi ha detto che lui intende tutelarsi legalmente, di fronte alla illazione anonima di cui sopra. Illazione che recita che lui sarebbe mosso da invidia, perchè Minucci gli avrebbe soffiato il posto in società 20 anni fa, all'inizio della sua (di Minucci) irresistibile carriera.
L'eretico crede che con Enrico Campana ai vertici della società, la Mens sana probabilmente avrebbe vinto meno (in Italia), ma di certo avrebbe lanciato qualche giovane in più, negli anni. Ed ancora più sicuramente, uno come Enrico Campana non avrebbe fatto sì che la sua squadra e la sua società godessero del "privilegio" di un'inchiesta giudiziaria tutta per loro...

32 commenti:

  1. cribbio, Enrico Campona vuol passare alle vie di fatto!!! roba da far tremare i polsi

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Caro anonimo,
      non so proprio se ci siano gli estremi per fare tremare i polsi a qualcuno; so però che Minucci Ferdinando, in Tribunale (non al bar sport, in Tribunale) ci ha già boccato una volta (e di brutto) con il Campana: staremo a vedere, comunque.

      Alcuni mi chiedono (non sul blog) cosa pensi della querelle Siena-Milano dopo gara 6 (insulti, trombette, gestacci). Risposta: nessuno può salire sul pulpito, nel basket italiota. E parafrasando uno importante parecchio, un match di play off non è un pranzo di gala. Chiaro?

      Quanto all'anonimo di poco sotto: il pezzo "articolato" sul buon Mazzei ci sarà domani, stia pure tranquillo: le promesse cerco di mantenerle, a differenza di altri; quanto al dottor Centini, basterebbe ed avanzerebbe quello che ho già scritto, per farlo rimuovere dalla poltrona che occupa, Curriculum alla mano. Comunque a brevissimo si tornerà anche su di lui e sulla sua attivissima famiglia, stiano tranquilli i suoi fans.

      Ps Consiglio vivamente di leggere Il Fatto quotidiano di oggi (pagina 12): Davide Vecchi ha scritto cose molto, molto, molto stimolanti sulla Siena mussariana (e quindi minucciana, tanto per restare in tema e per ribadire un punto fermo).

      Elimina
    2. Ma come? Dopo la sanità senesota, anche il basket è da considerarsi italiota?

      Elimina
  2. Eretico qui caschi di livello, si va' nel trito e ritrito.....lascia perdere Campana, non buttiamo, per ingraziare una amicizia, la fede di qualche lustro di basket di altissimo livello, che..conti e risultati alla mano non e' riuscita a nessuno....pensa Armani quanto avrebbe pagato....Minucci ha pestato una grande merda ma e' stato grandissimo come competenza e gestione SPORTIVA (!)

    Keo

    RispondiElimina
  3. Io non so se qualcuno parlerà di assoluzione ma so che i 2 pezzi da te anticipati ,relativi alla "risposta articolata" a Gennaro Mazzei ed alla "inequivocabile dimostrazione che il curriculum del Dott Centini ecc ecc" non sono uscti. Senza giusta documentazione le tue rischiano di rimanere solo opinioni magari condivisibili ma sempre opinioni rimangono.

    RispondiElimina
  4. Nella Piazza del Campo ci nasce la verbena..in riva all'Arno cosa ci nasce?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplice. Le viole.

      Elimina
    2. La murena. Di fiume

      Elimina
  5. Arieccoci, stavo in pensiero se non usciva il solito "periodico" su Minucci.. caro Eretico io ti leggo sempre volentieri sono un tifoso della Mens Sana di vecchia data non posso e non voglio giudicare l'operato di Minucci ma, se permetti, da tifoso, sono stracontento di aver vinto parecchio (in Italia ma anche di aver partecipato a 4 final four di Eurolega che ti assicuro, non è poco) e di non aver lanciato nessun giovane! Quanto a Campana meglio non mi pronunci. Grazie. Stefano Pellegrini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Stefano (complimenti per la firma, intanto),

      hai ragione in toto: ormai è quasi un appuntamento fisso (se non avessi altro da fare, credimi che ne farei più di uno o due al mese, di pezzi minucciani: il personaggio c'è davvero tutto...).
      Permettimi solo di dire che il tuo "non posso e non voglio giudicare l'operato di Minucci" è tipicamente in linea con la forma mentis da lui stesso imposta: l'importante è vincere, il COME non importa. E mi dispiace che tu sia disinteressato ai giovani (ma fai come credi, ovviamente).

      Un'ultima cosa: ti permetterai di giudicare l'operato minucciano, l'anno prossimo, percorrendo la Siena-Firenze per andare a vedere la gloriosa Mens sana?

      L'eretico

      Elimina
    2. Io la percorro di già mi basterà cambiare direzione. E poi chissà magari il nuovo sindaco ci farà una tensostruttura da 7000 posti per ottobre :-) Stefano

      Elimina
  6. Ripeto, il sig.re Minucci ha ricevuto un Mangia d'Oro, giusto premio per aver portato il nome di Siena in alto in Italia ed in Europa (anche se i telecronisti di Sportitialia dicono Siena quando perde e Montepaschi quadno vince ...).

    Se l'avesse fatto facendo cose illegali è giusto che renda il premio alla città e che la città stessa possa tutelare la propria immagine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari fosse così semplice! Se ognuno ridasse ciò che ha rubato Siena e i senesi riavrebbero l'Università, il Comune, il Monte, le Scotte.....

      Elimina
  7. Minucci questo premio voluto da Giuseppe Mussari non lo restituirà mai. Il problema è chi gli possa chiedere di restituirlo, con gli eroi che ci sono a Siena...

    RispondiElimina
  8. Caro Anonimo, io il Minucci Ferdinando ho avuto la sventura di conoscerlo ed era ed è rimasto la solita mediocrità di quando prendeva in giro quelli che seguivano in trasferta la Mensana di Sensi, Giustarini, Ceccherini, Dolfi e altri grandi giocatori ed allenatore il Cardaioli. Come si cambia col tempo eh? In seguito coi miliardi del Monte ha avuto la conversione sulla via di Piazza Salimbeni. Con i soldi elargiti dalla Banca dei senesi non era difficile fare una grande squadra, con grandi giocatori si, ma nessuno fatto in casa come un tempo. Poi alla gente piace sempre vincere e perdere però il senso critico, ma per me era meglio fare dei campionati dignitosi come un tempo, con dei giovani senesi e non e spendere quei soldi per sose più utili alla comunità. Qualche scudetto in meno e migliore qualità della vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce lo vedo proprio il Minucci che prendeva per il culo i mensanini senesi di un tempo, d'altra parte anche con il Monte aveva un rapporto un po' complicato quando ci lavorava...

      Elimina
    2. Ma perchè il Minucci conosceva qualche giocatore di basket al tempo? Non mi risulta. Personalmente credo sia giusto criticarlo per la scarsa trasparenza e per il fiume immenso di denaro di cui ha disposto, ma mai risposto. Come GM penso che abbia saputo fare il suo mestiere. Da senese, ex giocatore biancoverde e tifoso mens sanino sono strafelice di aver vinto 7 scudetti e di essere stato a billo ritto per una decade. O volevate restare in B1 a giocare contro il San Severo lanciando però giovani senesi?? PERCHE' LA STESSA ACCUSA NON VIENE MOSSA NEI CONFRONTI DEL SIENA CALCIO? QUANTI GIOVANI SENESI C'ERANO NELLE ROSE DEL SIENA NEGLI ULTIMI 10 ANNI?
      Certo Minucci e la Mens Sana erano dentro al sistema Siena e ne hanno beneficiato in larga parte, ma di certo la città non versa in rovina pergli ingaggi garantiti ai giocatori biancoverdi in questi anni. Senza Mussari, Vigni, Mancini e Baldassarri potremmo ancora permettercene 3 di squadre in serie A.
      Se poi Minucci l'anno prossimo porta la Mens Sana a Firenze io sono pronto ad accopparlo

      Elimina
    3. Conoscendo il tipo (Minucci), prepara l'arma. E poi è si bello vincere lo scudetto per anni, bella la Robur in A, ma avere delle strade come mulattiere, delle mura che sono coltivazioni di capperi a cielo aperto, una ferrovia da quarto mondo, con una città che vorrebbe essere turistica e addirittura diventare capitale della cultura in queste condizioni mi rende lo stesso molto critico. Quando la barca affonda bisogna gettare le cose superflue anche se piacevoli.

      Elimina
  9. Dopo avere parlato male del minucci. Voglio farti un complimento perchè fortunatamente sei sempre giovane e quindi sicuramente per moltissimo tempo sarai una delle poche coscienze tuttora libere in questa città disastrata. Ti incoraggio a continuare quello che fai perchè a forza di criticare la Casta a qualcuno degli omini o donnine comincino a pensare col proprio cervello. Come si dice?Batti e ribatti si piega anche il ferro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io cerco di portare in casa dei miei il "verbo" dell'Eretico e di tanti altri blog e voci fuori dal coro, ma purtroppo i risultati non si vedono. Lì per lì pare abbiano capito, magari ti dicono anche che hai ragione e poi, dopo qualche giorno risiamo punto e a capo. Caro prof, ora siamo alle porte coi sassi, ma perchè (lo so che non è corretto in italiano) non organizzi qualche lezione a questi vecchiarelli, chissà che a te diano retta...

      Elimina
  10. Che la persona in oggetto non sia mai stata particolarmente simpatica è un dato di fatto.
    Che abbia usato mezzi non leciti, sarà la giustizia ordinaria a stabilirlo.
    Quello che dispiace parecchio è che traspare ancora una volta in più, il fatto che si siano usate "sostanze" della collettività, per il raggiungimento di traguardi che avrebbero dovuto portare lustro a tutto l'ambiente e invece siamo (io sono) qui a pensare che forse non è tutto oro quello che ha luccicato in questo periodo sotto la "struttura" del palasport.
    Il gioco di spalare ...rda addosso alle persone non mi piace e spero che, al di la di responsabilità da stabilire, non passi in secondo piano quanto fatto da tutto il team della squadra e dai giocatori in questi lunghi dieci anni.
    Bei ricordi che spero non rimangano tali ma, si abbia l'occasione di riviverli anche in futuro.
    Roberto P.

    RispondiElimina
  11. Per completezza di informazione, TUTTI i procedimenti "sportivi" (alcuni anche con dossier anonimi) sono stati archiviati e chiusi. Per quanto riguarda quelli "penali", la posizione personale di Minucci e della società, come da te detto, sono ancora aperti.
    Mirko Nofri

    RispondiElimina
  12. Campana un grande giornalista?? Ma mi facci il piacere!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. al sor Din Don Dan stasera gli sarà andata la cena di traverso

      Elimina
  13. Gentilissimo Eretico, la vittoria indiscutibile, meritata e netta di stasera al Forum (quarti playoff, gara 7) rende chiare e lineari tante cose. La Milano più forte degli ultimi 10 anni ha perso contro la Mens Sana più debole degli stessi anni, tanto che Scariolo ha fatto chapeau dopo partita: la stessa persona che alimentava le trovate giornalistiche (anche del Campana) sui presunti favori arbitrali che il Minucci avrebbe foraggiato. Aria rancida, s'è scritto ... E questo risultato è stato raggiunto nonostante i grossi errori estivi di Minucci che portano il nome di Kasun e Kemp e del sottoutilizzato Rasic. Per tacere del carneade Christmas appena arrivato.

    GdF: la querelle dei soldi in nero ai giocatori non appassiona nessuno da Armani all'ultimo dei presidenti di serie C (in D si gioca gratis, ormai)perchè è un problema comune anche al calcio e tutti i presidenti di qualcosa di sportivo ne sono coinvolti. Infatti stanno tutti col fiato sospeso ... Se poi dovesse venire fuori che con i soldi della sponsorizzazione (privata) tra una banca e una società di basket si alimentava la bella vita degli scrocconi del Sistema Siena, sarò ben felice di vedere alla sbarra (come direbbe De Andrè) gli eventuali malfattori, fosse anche il presidente vincente - e retrocessosi al ruolo antico di G.M. giusto per non finire alla Baldassarri.
    Nel maggio 2012 sono andato a Milano per le finali con il pullman dei tifosi. Ce n'erano due che mi facevano notare che il budget Armani fosse infinitamente più grande di quello Mussarian-minucciano. quando gli ho detto di aver letto bilanci della Mens Sana Basket che portavano ricavi nell'ordine dei venti milioni di euro, ai due giovanotti sono cascate le braccia dallo stupore: quanta disinformazione si è fatta a Siena sul rigirio di soldi! Ma almeno la mens Sana ha vinto e il suo compito l'ha espletato, magari in altri campi (comune, fondazione, università,ospedale ...) qualcuno fosse stato alla stessa altezza e lì erano veramente soldi totalmente pubblici!

    il suo amico Campana non pare riscuotere grande successo visto che il sito Pallarancione.it che lo ha ospitato nell'ultimo anno ha chiuso i battenti o quasi (non postano un articolo dal 7 maggio con i playoff in corso in tutto il mondo cestistico). Mi dicono, comuni amici che si sono scottati con lui, che il Campana si sia dato al golf. I suoi articoli prolissi e intricati, pieni di strafalcioni sembra che interessino meno delle mie cronachette senesi sul Cittadino o su Dailybasket.it Una volta mi ha bacchettato perchè avevo citato in un articolo la "ley Beckham" ritenendo avessi fatto confusione con la "legge Bosman": naturalmente non sapeva di cosa si parlava. Mi quereli pure, tanto ho le prove scritte di tutto ciò. ricordando, come ben sa l'Eretico, che la querela è un arma a doppio taglio. Costringe il giudice a indagare se per caso il querelato abbia scritto il vero e nei giusti limiti. e se ha ragione come il Campana l'ha vinta col Minucci anche io ...

    Umberto De Santis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi scusi Sig. De Santis ma non è che i venti milioni di euro di ricavi che lei dice di aver letto nel bilancio della Mens Sana Bk sono frutto del'operazione di cessione del marchio ?

      Elimina
    2. vado a memoria, perdonate l'eventuale imprecisione: 13,5 MLN DI EURO RICAVI BILANCIO 1° SCUDETTO PIANIGIANI 2006-2007; 18,5 MLN DI RICAVI 2007-2008 tanto per fare due esempi. Gli 8 mln del 2012 sono andati nel bilancio 2011-2012 (la Mens Sana calcola l'anno fiscale da luglio al giugno dell'anno dopo) quindi sono cose diverse nel tempo, ANCHE SE SONO RICAVI PURE QUESTI.
      Umberto De Santis

      Elimina
    3. Ho il timore che abbiamo un concetto di RICAVO un attimino diverso. Lei parla di 13,5 MLN di € di RICAVI a fronte del 1^ scudetto....ergo LEI sostiene che la vittoria dello scudetto 2006-7 alla Mens Sana abbia fatto entrare nelle casse 13,5 MILIONI (.. extra rispetto al budget dell'annata) ....le chiedo perdono...ma non è che confonde il RICAVO con il BUDGET?
      Io credo che la vittoria dello scudetto abbia permesso a Mens Sana di ottenere un aumento di BUDGET per l'anno successivo :il RICAVO lo si ottiene da cessione di giocatori, prestiti degli stessi, merchandising vario e ANCHE la cessione del marchio.Ad oggi, personalmente, non ho ancora capito se la cessione del marchio sia stata fatta per ripianare perdite o aumentare il budget. Va da sè che le due ipotesi sono COMPLETAMENTE DIFFERENTI.

      Saluti

      Elimina
    4. i ricavi è la somma di tutte le entrate dell'anno (sponsor+botteghino+pubblicità+varie, ecc), il budget un'altra ovvero la parte dei ricavi destinata alla formazione del roster, perchè poi ci sono le spese generali da finanziare. Ovvio che il 2° scudetto abbia generato un bilancio di ricavi al 30 giugno 2007 di 13,5; quello chiuso al 30 giugno 2008 di 18,5 sempre citati a memoria. Poi dal bilancio non si desume direttamente il budget, visto che la normativa fiscale prevede l'accorpamento per voci omogenee senza particolari. La cessione del marchio avviene, secondo quanto sappiamo, nel 2012. Il ricavo della vendita va appunto tra le voci attive dell'anno fiscale che si chiude il 30 giugno 2012, ed è stato fatto per ripianare perdite, voce non smentita dalla società in nessuna sede.

      Elimina
  14. Grazie Eretico ! Anche questa volta pezzo propiziatorio per una ulteriore vittoria sui tuoi amici milanesi che sono perito di aria rancida, denunce anonime (?), giornalisti non troppo obiettivi e sopratutto, dati alla mano, di scarsa capacità cestistico-manageriale ... che soddisfazione !!

    RispondiElimina
  15. In tutto questo schierarsi Minucci si Minucci no, non c'è nessuno preoccupato per le sorti della Società?
    I dirigenti passano, ma le società restano (o dovrebbero).

    RispondiElimina
  16. In merito al commento scritto da Umberto De Santis in cui si evidenzia una polemica con il collega Enrico Campana, mi sento, a nome della Redazione de Il Cittadino Online, di dissociarmi da quanto scritto dal nostro collaboratore. Il contributo di Campana sul nostro quotidiano è sempre stato per noi un prezioso arricchimento nei contenuti e nelle competenze. Competenze di cui abbiamo beneficiato sia dal punto di vista umano sia dal punto di vista professionale.
    Il direttore responsabile
    Raffaella Zelia Ruscitto

    RispondiElimina