Cerca nel blog

giovedì 22 novembre 2012

Il compagno Enrico (Rossi) fa l'analisi del sangue (politico)


  Ormai siamo al count down per le Primarie piddine (anche se verosimilmente ci sarà il secondo turno). L'eretico come di consueto seguirà con morbosa attenziosa politologica, senza andare però a votare: prima di dare due euro al partito delle banche, preferisco ingoiarli, anche senza acqua. In più, ci vorrà molto più del quarto d'ora previsto da Renzi, per votare, specie se uno non si sarà registrato prima. Il certificato della prima comunione, poi, proprio non lo trovo più: pare ci voglia anche quello, fra la varia documentazione, per potere votare...

   Ciò detto, la simpatia ereticale va alla Puppato: non è una efficace comunicatrice, come si è visto nel confronto su Sky; ma è davvero l'unica che non abbia scheletri (o Rutelli) nell'armadio.
 In attesa dell'arrivo del Giano bifronte Renzi (tuonante contro la Casta senese distruttrice del Monte, ma filoceccuzziano: vedremo sabato sera...), dunque, sono sembrate all'orecchio ereticale degne di (triste) nota le recentissime parole del compagno Enrico Rossi da Pontedera, tese a mettere in dubbio che Renzi possa usare la parola "sinistra", di cui lui (Rossi), Bersani, D'Alema e Rosaria Bindi (Penati e Frisullo?) sono evidentemente gli unici depositari.
 Ascoltiamolo, il compagno Enrico:
"Colpisce che Renzi usi spesso la parola "sinistra" e con una certa disinvoltura, considerato il pulpito da cui proviene...io che di sinistra sono sempre stato (e che diamine, Ndr) ne prendo atto con soddisfazione, per questa parola "sinistra" che richiama ideali di giustizia sociale, dopo essere stata data tante volte per morta o caduta in disuso, viene ripresa e usata nel dibattito politico. Ai neofiti do il benvenuto con l'auspicio che non sia solo scelta di marketing" (da Facebook, ripreso da Repubblica Firenze di oggi, pezzo di Massimo Vanni).
 Chi frequenta le pagine di questo blog, forse resterà interdetto, di fronte a queste parole. Non si ritireranno fuori le solite storie sulla Sanità (a breve - come detto - uscirà un libercolo ereticale stimolante, in tal senso); resta solo da chiedere una cosa, al Montesquieu di Pontedera, come lo chiamano gli illuminati.
Che la sinistrorsità di Renzi sia opinabile, lo accettiamo senza problema alcuno (ma i quattrini degli evasori italioti in Svizzera lui li tasserebbe, Bersani no: il compagno Rossi?); ma il compagno Enrico, per piacere, ce la può dire una cosa di sinistra, una fra le tante, da lui fatta nella Toscana felix da quando ne è diventato Presidente?

Ps Il 21 dicembre a Gori (Georgia), città natale di Stalin, rimettono in piedi una statua in onore del più illustre fra i goriani (?). Parte un aereo speciale della Regione Toscana, per l'occasione?

14 commenti:

  1. senese ironico e un po' indignato22 novembre 2012 22:16

    oggi hanno bloccato l'accesso internet dai computer di una Banca primaria per un sito nel quale nelle ultime settimane si faceva gossip fortemente polemico e con attacchi alle persone spesso fuori misura.Ora da questo blog si protesta e s'invoca la libertà di stampa e di parola, come gira il mondo, come gira! dopo la vicenda delle nomine non hanno imparato nulla, Siena ha imboccato un'altra strada,sono finite o dovranno finire le "sette", i gruppetti familistici, ma non l'avete ancora capito che la gente è stufa dei giochetti? Non l'avete ancora capito che molti cittadini non arrivano a fine mese,non pagano i mutui? Non tutti hanno stipendi alti e alte indennità da carica pubblica, non tutti possono acquistare abitazioni a prezzi come definire agevolati? Gira il mondo gira, capire quando scendere ecco il problema.Buona discontinuità a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ci si può girare intorno quanto si vuole, ma l'oscuramento del Gavinone è sbagliato in linea di principio; in più, è inefficace, dal punto di vista dei censori, perchè comunque il blog verrà letto; verosimilmente è controproducente (sempre dallo stesso punto di vista di cui sopra), perchè aumenterà l'interesse generale sul blog.
      Chi l'ha deciso, meriterebbe l'Oscar: quello, appunto, del censore occhiuto.
      Tra l'altro, ci rimango doppiamente male: va bene che c'è una corposissima paccata di arretrati da smaltire, ma non mi querela più nessuno. Che figura ci faccio?
      Oscuratemi, almeno!!

      L'eretico

      Elimina
  2. Eretico, non addurre scuse, se non trovi più il certificato della prima comunione chiedilo ad Acampa, te ne procurerà volentieri e velocemente una copia....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari puzzerebbe un po' di bruciato...ma tutto regolare!

      Elimina
    2. Come sono sagaci i tuoi lettori, Ereticuccio!

      Elimina
  3. Hai ragione, anch'io come te certo non voterò nè per le primarie nè per il PD ma la Puppato mi ispira davvero molta fiducia, la vedo "trasparente e pulita", proprio come la Vigni. Sarà il nome?

    RispondiElimina
  4. La gestione della sanità Toscana è sicuramente una cosa di sinistra, sovietica se vogliamo, ma sinistra. Un sistema sanitario basato su un mastodontico e assolutamente autoreferenziale apparato amministrativo per il quale la componente professionale è solo la tenue giustificazione per la propria esistenza è certamente degno di Brezneviana e (poco allegra) compagnia. E quando la crisi morde facendo mancare le risorse per mandare avanti il carrozzone la soluzione non è quella di ristrutturare la componente amministrativa rendendola più snella e meno costosa, ma espellere dal sistema parte dei cittadini (i "ricchi" secondo il verbo ISEE), eliminare tutte le convenzioni (le liste di attesa rammentano le code davanti ai negozi dell'URSS), e, dulcis in fundo, sospendere tutta la attività chirurgica programmata. Nel frattempo le ruberie a Carrara sono state ufficialmente quantizzate in 402 milioni di euro spariti nel nulla. Più di sinistra di così ...
    Enrico Tucci

    RispondiElimina
  5. forza, senesi, eleggiamo un sindaco di destra e stiamo a vedere quanto e cosa cambierà a Siena! Bisogna cominciare a vedere le persone, non la destra o la sinistra (anche perchè a Siena, l'ho detto e lo ripeto, non vedo grosse differenze). Eleggiamo una persona seria, onesta, pulita, motivata. Se la destra è capace di candidare una persona così la voto anche io, anzichè astenermi come al solito. Ma non mi venite a dire che Nannini (!!!!!) avrebbe fatto meglio di Ceccuzzi perchè mi fate veramente sbellicare!

    RispondiElimina
  6. Bastardo Senza Gloria23 novembre 2012 18:19

    Vorrei chiedere al presidente Rossi se la parola sinistra "che richiama ideali di giustizia sociale" può essere usata dagli ex amministratori del comune di Siena.
    Vorrei capire se "giustizia sociale" è anche schierarsi con l'attuale vertice Mps.
    Vorrei sapere se le scelte ed i debiti accumulati da istituzioni storiche come l'Università di Siena e della fondazione Mps sono in linea con la giustizia sociale alla quale dovrebbe guardare chiunque amministri un bene pubblico, a maggior ragione se si dichiara di sinistra.
    Tralascio a data da destinarsi le domande sulla sanità perchè non vorrei essere prolisso.
    Concordo con "miki" sul fatto che oramai destra e sinistra sono solo appendici di un potere che ha matrici uniche e che serve solo per controllare meglio "le masse".
    Resta il fatto che ancora la parola sinistra serve in certi posti, come questa città, per vincere le elezioni. Rifletteteci un pò.
    Grazie professore per gli spunti di riflessione.

    RispondiElimina
  7. E' proprio vero, oggi l'uso dell'affermazione "di sinistra" è spesso abusata ed usata in modo inappropriato!!!
    Il dubbio amletico in proposito mi è venuto pensando a Franco Ceccuzzi. Sai quando si va a correre la testa frulla e si pensa alle cose più svariate.....
    Se lui è - certamente - di sinistra, come posso essere di sinistra anche io, mi sono chiesto, visto che pensavo di essere sempre stato di sinistra, ma politicamente non ce n'è una dell'ex sindaco che condivido?
    Ed il dubbio è aumentato quando sono andato a leggere il suo curriculum ed in special modo la parte in cui si racconta la sua infanzia, con il babbo (di umile mestiere, che ora non ricordo) che lo porta ai comizi e lui che si innamora della politica, e poi lascia addirittura l'università per seguire la sua passione. Si sa che sono le esperienze dell'infanzia formano l'individuo.
    E io, che sono cresciuto nella bottega di mio nonno calzolaio, ed ho ascoltato affascinato negli anni dell'infanzia i racconti di lui e degli amici che andavano a trovarlo, racconti che parlavano spesso di anni di guerra, di partigiani, di valori di solidarietà, di democrazia, di uguaglianza, di libertà riconquistata, io che ho passato un infanzia simile a quella di Franco, come è possibile che oggi sia distante anni luce politicamente da Franco?
    Cazzo!!! Dovevo aspettare oltre 50 anni per capire che non sono di sinistra e meno male che mi è venuto da pensare all'ex sindaco.
    Poi si dice che correre fa male!

    RispondiElimina
  8. Caro Eretico,
    un'altra chicca per la prossima uscita del libretto sulla Sanità nostrana potrebbe esser quella dei concorsi interni all'Usl 7 per il passaggio a D e Ds, presidenti delle commissioni i chiarissimi dott. Ghezzi e Baldi (il DG era allora la spavalda dott.ssa Benedetto) .
    Sono venuti fuori dei gran cervelloni (vincitori di concorso) al Centro Direzionale ed un gran branco di somari nelle Zone. Qualcuna molto vicino alla Direzione addirittura sbuffava prima dell'orale per la perdita di tempo, evidentemente già con le domande in tasca e la vincita scontata.
    Potresti anche verificare l'opportunità / regolarità che nella commissione del concorso per D ci fossero dei concorrenti per Ds ? E poi guarda caso anche questi sono rientrati beatamente (e senza sforzo) fra i cervelloni.

    RispondiElimina
  9. La fidanzata del Comandante, quella del secondo piano. Era commissaria d'esame nel primo e candidata (poi vincitrice) nel secondo. Per aspettare che lei finisse l'orale per il Ds di fece il 22 o 23 di dicembre.

    RispondiElimina
  10. Caro Eretico, in molti si aspetta il tuo pacco natalizio. Forse verrà fuori anche lo spreco di soldi pubblici per dare una bella consulenza ad un amico della consorte del Rossi. Sicuri che la gara sia stata gestita correttamente ? Anche qui probabilmente un peso e due misure come per i concorsi.
    E poi il Pestelli, nell'intervista alla stampa sulla spending review è stato ben furbetto ad omettere questa consulenza (qualcuno parla addirittura di oltre 200 mila euroni ), snocciolando invece l'elenco di quelle di importo davvero trascurabile. Ma pensa che si sia davvero tutti 'bischeri' ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora il buon Pestelli ci dovrebbe spiegare anche l'ottima riorganizzazione amministrativa che sta mettendo in atto e che credo sia stata appena deliberata. Tutto fatto per snellire i processi aziendali e per risparmiare ovviamente !! E quanto si risparmia !? La ex amichetta del comandante (quella del 1° piano) ora farà la Dirigente con tanto di Ufficio (Legale) privato . Il Comandante si prenderà un bel Dipartimento ( forse a costo zero ? ) come un paio di altri dirigenti parecchio incompetenti (rima casuale) ! Unità Operativa,finalmente, anche per il tuttologo amico di Rosaria...e chi più ne ha più ne metta. La barca affonda, si cercano i soldi anche sotto le scrivanie ma si regalano poltrone da diversi mila euro cadauna !!

      Elimina