Cerca nel blog

mercoledì 21 novembre 2012

Il mercoledì scolastico: il catechismo di Stato...


   In vista dello sciopero di sabato (che l'eretico farà, pur non andando a Roma: troppi impegni, compresa la serata renziana al Palaminucci!), a margine delle polemiche seguite allo sputtanamento mediatico da parte di Report del Miur (rimando per la questione agli illuminati, esperti del suddetto scempio), vorrei questa settimana scrivere di un qualcosa che forse sfugge a molti, anche a molti insiders del mondo della scuola.

  Non solo i "colleghi" di Religione sono vistati dal Vescovo (cosa indecente, e solo italiota in tutto il mondo occidentale); non solo i "colleghi" di Religione risultano godere di quegli scatti che a noi sono negati (e per i quali sabato si sciopera, appunto): c'è - come se non bastasse - di più.
Durante una delle solite supplenze, l'eretico si è fatto prestare da un solerte ragazzo il suo libro di educazione religiosa: la solita infarinatura sugli Ebrei e su Mosè, qualche cosina sugli Egizi, due cosette di passaggio su Lutero, e poi vai con il catechismo. Catechismo cattolico, si intende.
 Il testo in questione è "Chi cercate", di tale Stefano Palazzi, Capitello editore, 6,90 euro (almeno costa quanto vale).
 Qualche perla, còlta rapsodicamente, dedicata a chi dice che "non si fa catechismo a scuola, è tutta un'altra cosa, ci mancherebbe altro" (e giù stipendio più alto...).
 "La risurrezione di Gesù NON è un simbolo o un mito, ma un FATTO STORICAMENTE CREDIBILE per una serie di motivi. La verità della risurrezione di Gesù poggia sulla testimonianza degli Apostoli resa con il sangue: nessuno è disposto a morire per una falsità" (pagina 97).
Siccome gli Apostoli sono morti per testimoniare la loro Fede, quello che hanno detto è "storicamente credibile": ci si rende conto dell'aberrazione di ciò che viene scritto? Tutto ciò che è testimoniato con il sangue, è autentico in re ipsa? Da fare venire i brividi, a pensare a qualche esempio della Storia (quella studiata sul serio).
 La Sindone? Atteggiamento problematico, sulla spinosissima vicenda? Manco per niente! Eccola, la problematicità che si insegna nella scuola italiana a proposito della Sindone:
"Elaborando una statistica (?), incrociando tutti i dati, si è concluso che su 200 miliardi di crocifissi UNO SOLO può avere le stesse caratteristiche dell'uomo della Sindone e, conseguentemente, è altissima la probabilità che l'uomo della Sindone sia Gesù di Nazareth"(sulla Sindone, ben 4 pagine, da 77 a 81).
 Ma questo Palazzi, non lo querela mai nessuno?

25 commenti:

  1. A mia figlia di 10 anni cerco di raccontare tante cose, per esempio che nessuno ha la verità in tasca, e che la fantasia non è la realtà, e che tutto ha la sua fine. Nelle serate noiose che nulla passa e nulla arriva, mi viene anche da dirle che dio non è un uomo, e neppure una donna, e neppure una sedia impagliata. Dio -forse- non è mai esistito, ma è utile a tutti noi per passare il natale, e per arrivare ogni anno a giugno, e poi a settembre, e per girare l'angolo in fretta, anche se piove, anche se si è soli.

    RispondiElimina
  2. prof.ssa Giuliana21 novembre 2012 20:58

    Ci sarebbe da radiare chi lo adotta un testo del genere. Non sto qui a dire che questo post dell'Eretico espone in modo magistrale tutta la situazione dell'insegnamento della religione cattolica, perchè di questo si tratta, RELIGIONE CATTOLICA, non di storia delle religioni come ci viene continuamente ripetuto. Per riagganciarmi ai commenti della scorsa settimana, ed in particolare a quello di Camilla Marzucchi, dico che no, non mi sembra assolutamente formativo per i ragazzi un tale tipo di insegnamento. Chi è interessato fa catechismo in chiesa dai 6 ai 14 o 16 anni (!!!!), non occorre che lo si faccia anche a scuola, repetita iuvant ma a tutto c'è un limite. Al signor Luca chiederei un commento a questo post dell'Eretico, vorrei che ci dicesse se considera decente un tale approccio ad una materia che lui considera così importante per i propri figli. Tra parentesi non le sembra, signor Luca, di essere un tantino in contraddizione con lei stesso quando afferma che fratellanza e solidarietà non sono valori (ma lo dovrebbero essere per un cristiano) ma contemporaneamente lei vuole che i suoi figli abbiano un'educazione cristiana cattolica impartita addirittura dalla scuola che dovrebbe essere laica.

    RispondiElimina
  3. strano, alle 22.00 nessun commento. tutti prodighi a sparare sentenze vs i nostri (s)governanti che non sono b'oni a niente, che hanno rovinato questa città( mentre invece quelli del'opposizione si sono sempre stracciati le vesti in pubblico!a me parevano i ladri di pisa...), tutte osservazioni giuste e incontrovertibili sostenute forse da persone che al massimo hanno ricoperto una carica in parrocchia.
    e invece sullo scempio scolastico -religioso niente. si , si ,subito pronti ad accusare gli insegnanti di fannulloneria, che fanno tre mesi di ferie, che quelli di latino lavorano tanto per i compiti e quelli di ginnastica poco perchè fanno ruzzà!
    poi del fatto che siamo l'unico paese del mondo che ha migliaia di catechisti pagati dallo stato senza aver fatto il concorso, senza aver seguito una graduatoria, con un programma stabilito da uno stato straniero che indottrina i bambini dalla scuola dell'infanzia alle superiori no, non si commenta; ci va bene così . celeri a contestare i maestri per il programma non in pari con le altre classi ma non interessa che anche questo governo ha tolto risorse economiche( e umane) ai bambini disabili e a quelli abili aumentando i fondi(360ml) alle scuole cattoliche ( gli stessi 360ml tagliati alle cure assistenziali per i malati di sla, (ma chi se ne frega, tanto sono condannati).
    possibile che non s capisca che stanno rimbecillendo i ns figli con le boiate creazioniste, con leggende millenarie vendute come realtà storiche: religione viene da religere, cioè confinare, restringere al campo intimo e personale della fede che va professate in luoghi privati, aperti al pubblico, ma privati come le ecclesie, e non in istituti pubblici senza possibilità di contraddittorio.
    ma si', sfoghiamo le ns frustrazioni sui sindaci, sugli assessori, sugli ammninistratori, e scordiamoci dei finanziamenti ricevuti direttamente o indirettamente dalla fondazione, dimentichiamoci della gioa provata al palaminucci o alla mps arena, solo accuse e nessuna proposta seria di ricostruzione, non solo sul blog( prezioso e puntuale) ma anche di fronte a chi potrebbe e dovrebbe recepire le proposte.
    lorenzo

    RispondiElimina
  4. C'era una volta un macellaio, bravino a detta della clientela nel tagliare la ciccia che risultava poi essere anche buona. Vedeva che la clientela aumentava, che gli incassi crescevano, incominciò a montarsi la testa e ritenne di potersi dedicare anche ad altro.C'era il boom del mattone ed il nostro "ricco" macellaio pensò bene di diventare "un impresario edile". Tutti possono intuire come andò a finire.La macelleria sostanzialmente abbandonata a se stessa ed in mano a giovani volenterosi apprendisti dovette chiudere.L'azienda edile in mano ad un impresario "macellaio" fallì miseramente.Un uomo, se saggio, conosce i propri limiti e sa dove può arrivare.Questo terreno per te, caro eretico (nonostante lo pseudonimo) non è congeniale.Sii saggio non fare come il macellaio.

    RispondiElimina
  5. Querelare per cosa, scusa? Per non pensarla come te? Perché si tratta di testo non scientificamente corretto? Mi chiedo: è più grave questo, oppure il mio libro di storia (di storia!) delle superiori a taglio ciecamente marxista, giustificazionista con Stalin, violentemente antisemita nel raccontare la storia di Israele, quasi surrealista nel suo anticlericalismo rispetto al Risorgimento italiano? Stracciati pure le vesti per l'ora di religione (insieme alla prof.ssa Giuliana che mi ha di recente dato dell'intellettualmente disonesto), ma comprendi che molti, faute de mieux, mandino i figli dalle suore. Cetero, continuo a pensare che la paga oraria di un docente non sia così scandalosa da dover scioperare. Luca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prof.ssa Giuliana22 novembre 2012 13:43

      Perchè si tratta di un testo scientificamente scorretto dal momento che la storia si fa coi documenti (in senso lato) e non coi forse o i si dice o i sembra che. Ci potrebbe fornire, di grazia, l'autore di questo tremendo testo di storia sul quale lei ha studiato alle superiori? In quanto insegnanti di tale materia sapremmo giudicare se è così scandaloso come lei ritiene (non è che non mi fidi ma sa, visto il suo garbuglio fra valori cristiani e valori che vorrebbe venissero insegnati ai suoi figli -quali?-, sul quale tema non mi ha risposto, faccio come San Tommaso). E iscriva pure i suoi figli a scuole cattoliche se ritiene che l'insegnamento della suddetta religione sia essenziale alla loro formazione, ha sicuramente la mia benedizione.

      Elimina
    2. Personalmente querelerei chi autorizza che un testo simile possa entrare in un aula delle medie. A scuola si deve insegnare il pensiero critico razionale, dovrebbe poi stare alla sensibilità di ognuno fare le proprie scelte spirituali quando si è pronti. Io non so se quello che dici riguardo all'atteggiamento dei libri di storia verso i regimi comunisti sia vero, so solamente quale è sempre stata in Italia la pantofola più baciata tra quella del Vaticano e della Sinistra...tra l'altro l'ex governo di centrodestra voleva equiparare i partigiani ai repubblichini per cui credo che la situazione non sia più la stessa del tuo libro di testo. Non so cosa sia peggio, se delle simpatie staliniste o l'insegnare religione cattolica nella scuola pubblica di uno stato laico (con insegnanti pagati dai cittadini ma scelti dal clero). So solo che è sbagliato. E la gara a trovare "il meno peggio" la lascio volentieri a quelli che dicono che Mussolini era buono perché ha ammazzato meno gente di Itle.

      Elimina
    3. Religion is like a penis. It's fine to have one and it's fine to be proud of it, but please don't whip it out in public and start waving it around... and PLEASE don't try to shove it down my child's throat.

      Traduzione:

      "La religione è come un pene. Va bene averne una e va bene andarne fieri, ma per favore non tirarla fuori in pubblico e non iniziare a sventolarla in giro....e PER PIACERE non provare a spingerla giù per la gola di mio figlio."

      Elimina
    4. ma lei, Luca, non ha niente di meglio da fare che tediarci con simili corbellerie?

      Elimina
  6. Ma se al posto della religione - che così insegnata non serve proprio a niente - si reinserisse l' educazione civica, ma quanto sarebbe più utile!

    RispondiElimina
  7. E che dire dei TG che tutti i santi giorni ci devono far sapere della visita pastorale in tal posto, della nuova enciclica di Benny 16, oppure di cosa ne pensa la CEI di famiglia, ricerca scientifica ecc.? E dei vari Don Mazzi la domenica sulle reti nazionali? E dei vescovi che vengono "scomodati" per dire la loro sui fatti anche più vari, dall'abuso dell'alcool alla violenza domestica?
    Ho vissuto per lavoro in Francia e Germania e nessuna TV pubblica è così supina nei confronti della Chiesa Cattolica SPA!
    Non critico chi segue la religione per fare del bene agli altri (ce ne sono tantissimi di cattolici che aiutano il Prossimo secondo i dettami del Vangelo), ma la Chiesa come istituzione, a mio dire molto, molto lontana dai dettami di quel Gesù di Nazareth che predicava povertà, umiltà e apertura nei confronti dei diversi.
    Ah, per terminare: sentito che diceva Papa Razzo l'altro ieri all'udienza in San Pietro? Che la guerra in Palestina è male e che dovrebbero fermarsi. Eh, meno male che lo dice lui, sennò da soli 'un ci s'arrivava a capillo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che Benedetto XVI nel prossimo Angelus domenicale dica che a Siena la classe dirigente che regna da 70 anni deve fermarsi........perchè questo da soli non si capisce.

      Elimina
  8. Ho un amico di fede islamica. Durante una delle nostre lunghe conversazioni in cui esprimevo seri dubbi sul'esistenza del divino, egli non solo si dimostrò fermamente convinto della sua fede in dio , ma affermò di poter anche dimostrarne l'esistenza. Io chiesi come, e lui indicandomi il libro del corano mi disse che "se c'è scritto nel corano allora vuol dire che è vero. mai scriverebbero una falsità nel corano".

    BK

    P.S.:.. anche io e "Coso" è probabile che sabato si vada a sentire IrRenzi al PalaMinucci. Intanto vi lascio con la seconda chicca dal BKblog :
    http://beatrixkiddoblackmamba.blogspot.it/


    RispondiElimina
  9. Scusate l'intervento che non c'entra niente con quanto riportato nell'articolo.

    Mi hanno detto che dai comupter del Monte hanno abbuiato anche il blog di Gavinone ... ormai caro Eretico rimani solo te leggibile da quel mondo ... non è che sarai troppo boncitto?

    RispondiElimina
  10. Per l'Anonimo del 21 novembre 2012 23.07:
    voi papisti siete così incredibili da essere a tratti surreali. Vi infiltrate nelle cervici più permeabili con opinioni sull'aldilà spacciandole per vere perché è l'unico modo che conoscete di rapportarvi al prossimo, cioè trattarlo da idiota. Il potere del vaticano, una delle più grandi holding immobiliari del mondo, giova ricordarlo, quindi una delle organizzazioni più lucrose del pianeta e in Italia pure esentasse (come se si parlasse di fratini da cerca delle noci), è solo economico e conseguentemente politico, ma ha poco o niente a che vedere con lo spirito.
    Volete inculcare (perché insegnamento non è) il pensiero cattolico nelle scuole pubbliche, ma non volete pagare i vostri evangelizzatori scolastici (tanto ci pensa lo Stato con i soldi dei fessi che pagano le tasse) e avete anche l'arroganza di pretendere che i medesimi non sottostiano a nessuna graduatoria e che siano scelti dai vostri sibaritici prelati.
    La Prof.ssa Giuliana ha ragione da vendere ed è anche troppo garbata quando la definisce intellettualmente disonesto, dato che questo andazzo è pagato con NOSTRI SOLDI. E la vergogna non si ferma certo alla questione economica.
    Visto che il vaticano è uno stato autonomo per scelta, perché doverebbe avere una corsia preferenziale di indottrinamento degli alunni/e ITALIANI?
    Perché non consentire anche ai buddisti, ai musulmani, agli indù o al mago Otelma (perché no? E' più italiano lui del papa) di spiegare nelle scuole il loro spiritual pensiero?
    Quindi altro che querelare, andrebbero cacciati via da tutte le scuole i cosiddetti “insegnanti di religione” e cancellata quest'ora di plagio autorizzato. La stessa cosa naturalmente deve valere per i cappellani militari (ma che senso ha un professatore di pace fra chi è addestrato alla guerra?) pagati sempre coi nostri soldi.
    Almeno insegnaste i valori veramente rivoluzionari (e anche l'importanza di vivere secondo questi precetti) che le sacre scritture ci hanno lasciato, come l'amore verso gli tutti gli altri (perché siamo veramente tutti uguali), l'importanza della solidarietà vera, non quella di facciata che si vede nelle pubblicità televisive patinate (“se non ci fosse la chiesa accanto a voi, chi ci sarebbe?” Si, raccontalo ai detenuti di S. Vittore, ed è solo l'ultimissimo di una serie infinita di casi di schifosi che si approfittano di chi non si può difendere)-
    Dovreste essere un aiuto vero nella missione di EDUCARE (conoscete il significato di questo verbo?) e non baloccarvi feticisticamente con lenzuoli, creazione dell'universo, resurrezioni voodoo e quant'altro.
    Guzzanti dice, con una comicità geniale, una cosa verissima: "la chiesa si preoccupa delle persone fino a cinque minuti prima che nascano e poi dopo la morte; nel mezzo c'è un grandissimo CHISSENEFREGA!”
    Fate scendere dal piedistallo i grassi prelati, il clero arraffone e fateli venire a “portare la croce” insieme a noi, ossia aboliamo tutti i privilegi per stare meglio tutti e vi stupirete di quante persone sarebbero al fianco vostro pronti a trattarvi da persone vere con amore e rispetto.
    Ma essere d'esempio con le azioni, per chi razzola male è un bel problema, vero?

    Per l'Anonimo del 21 novembre 2012 21.33:
    sennò che fai? Torturi l'Eretico e lo sciogli nell'acido? O lo impicchi sotto il ponte dei Frati Neri?

    Un saluto a tutti

    Thomas Müntzer

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prof.ssa Giuliana22 novembre 2012 20:22

      Inutile, Thomas, con Luca la partita è persa. Non sai che per lui "solidarietà e fratellanza sono due pseudo-valori" perchè gli uomini hanno trasformato Place de la Concorde in un enorme lago di sangue?
      E comunque non è disonesto intellettualmente perchè ha studiato quasi 18 anni mentre noi, poveri bischeri, si stava a prendere il fresco. Ma mi faccia il piacere!!

      Elimina
    2. Che ci vuoi fare Giuliana, certe argomentazioni mi fanno prudere le mani. E allora meglio sfogarle sulla tastiera. Consiglio promozionale (non me ne vorrà l'Eretico se parlo di un altro blog): dai un'occhiata al blog di Beatrix Kiddo. L'inizio promette bene. Ciao

      Thomas Müntzer

      Elimina
  11. Confermo in toto quanto detto da "diamine". Brutto, bruttissimo segno, questa censura del Gavinone.
    Aggiungo che c'è anche Il Cittadino, fra i superstiti.
    Sarò diventato troppo buono davvero? Ah, saperlo...

    L'eretico

    RispondiElimina
  12. Forse conta anche il fatto che gli altri blog (compreso il Gavinone) sono anonimi, quindi il censurato non può uscire allo scoperto in nessun modo, pena la perdita dell'anonimato.

    RispondiElimina
  13. @ prof.sa Giuliana e @ gli altri anonimi con analoghe posizioni.
    1) Per quanto attiene al libro di storia delle superiori, le chiedo qualche giorno di tempo per ricercarlo in soffitta: sono passati vent'anni, e siccome gli autori differivano di anno in anno, non mi ricordo proprio chi ha scritto il terzo (erano tre libri azzurrognoli, il primo dei quali scritto da uno degli Annales, Bloch, Febvre, o uno così...) - se ho un po' di tempo, cerco anche qualche estratto esemplificativo;
    2) mi rendo conto di essermi spiegato malissimo sul tema dei valori da veicolare ai figli: intendevo dire che i concetti di solidarietà e fratellanza, come sono normalmente declinati nella nostra società, affondano le loro radici in un egualitarismo post-illuminista che, storicamente, ha portato ad eccessi razionalistici il più noto dei quali è il Terrore francese. Questi stessi valori, al contrario, andrebbero ancorati al principio dell'amore divino ed alla potenza redentrice del Figlio che ci ha reso anche noi figli e, dunque, fratelli (cfr. Mt. 22,34-40);
    3) continuo a dire che l'ora di religione rappresenta una specie di riserva per panda, e che il cristianesimo (non necessariamente il cattolicesimo) dovrebbe essere parte dell'insegnamento di italiano, storia, filosofia (a proposito, il mio libro di filosofia, Dal Prà, trattava Marx in più pagine di tutta la scolastica medievale: mi chiedo, se togliamo il terribile Secolo Breve, quale delle 2 filosofie ha maggiormente influenzato la storia di Europa? Ma glissons...);
    4) parlare di cristianesimo, ovviamente, non significa fare catechismo, e credo che qualsiasi insegnante di religione con un po' di cervello sottolinei che Gesù di Nazareth, allo stato delle nostre conoscenze, è sicuramente esistito a cavallo del I sec. a.C. e d.C., è sicuramente morto in croce a Gerusalemme, ha sicuramente cambiato la storia del Mondo. La Risurrezione è, di per sé, concetto teologico e pertanto meta-storico;
    5) la Sindone emoziona chi ha già fede (io non ho idea se sia autentica, ma mi auguro con tutto il cuore che lo sia), ma non aggiunge un credente alla Chiesa. Questo è certo.
    Buona serata, Luca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prof.ssa Giuliana23 novembre 2012 21:54

      ci ho studiato anche io sul Dal Pra e mi sembra che la scolastica medievale fosse trattata anche troppo approfonditamente, una noia mortale. L'unico che mi ricordo volentieri è Guglielmo d'Occam, guarda caso accusato di eresia. Mi ricordo invece di aver studiato con molto piacere Marx e Weber. De gustibus....
      Per Thomas: sono passata da Beatrix Kiddo, grazie del consiglio.

      Elimina
  14. ebbene, alcuni uomini hanno la necessità di delegare a qualcun altro parti del loro vivere: così come ancora troppi aspettano nostalgicamente il ritorno del duce, come molti fino ad ieri hanno ciecamente ingoiato tutto di silvio e come altrettanti si sono beati delle glorie sportivo-paliesche pur di essere guidati da un qualcuno che ne deresponsabilizzasse l'operato.
    queste genti semplici, povere di spirito si lasciano illudere, ingannare da despoti di turno che hanno una sola missione: usare le menti deboli per accumulare denaro con il quale prendere il potere per accumulare più denaro. ne sono esempio i camerati fascisti, anche locali, che durante il ventennio si sono accaparrati fondi e appartamenti e terreni a Siena; amministratori che hanno fatto carriera in banca o all'interno di istituzioni di vario titolo; prelati che hanno in dote immobili e liquidi e gestioni milionarie senza la necessità di rendere trasparente il bilancio delle loro attività pecuniarie.
    questi mascalzoni confidano nelle persone che abboccano, che bevono tutto, che si lasciano abbindolare e si adoperano affinchè di questi assorbitori si moltiplichino, utilizzando quei pulpiti dove non è previsto il contraddittorio e/o il confronto: l'altere e la cattedra.
    la scuola E' esattamente il contrario: è dibattito, è dubbio, è confronto e nascita di idee, luogo di "critica"(lett.)di ricerca della verità, di esplorazione della realtà, che induce l'uomo in divenire ad assumere il senso critico, la voglia di conoscere, la capacità di scegliere nella cornice di quei valori, tanto odiati dal potere secolare e temporale, di LIBERTA', UGUAGLIANZA,FRATELLANZA ( maledette Rivoluzione Francese e Repubblica Romana-quella del 1849)come sostengono i fanatici del viva maria e il prof(?)de mattei!
    siamo nel secondo millennio e ancora chiavi di sciamani e sovrani "teodicei".
    affranchiamoci!!!
    lorenzo

    RispondiElimina
  15. Si mormora in città che ti abbiano messo le mani addosso. confermi?

    RispondiElimina
  16. Caro anonimo,
    SMENTISCO nel modo più categorico possibile.

    Che qualcuno possa avere qualche pruritino, quello effettivamente ci può anche stare. E che tanti berrebbero un bicchierino in più, anche...

    L'eretico

    RispondiElimina
  17. cittadino laico e credente26 novembre 2012 21:52

    caro eretico invece di contribuire a minare le fondamenta cristiane italiane e europee che hanno portato alla supremazia dell'occidente in termini di libertà e democrazia pur con tanta strada ancora da percorrere, CRITICHI altri comportamenti, chi proibisce l'apertura di Chiese cristiana,chi minaccia e fa violenza sulle donne perchè vestono alla moda occidentale, basta con questo relativismo culturale e religioso, dobbiamo essere fieri delle nostre radici cristiane certamente nella tolleranza.In Nigeria ha visto cosa succede? Vi sono dei martiri ogni domenica e non voglio farla lunga perchè l'eretico che è uomo di cultura ha capito.Dobbiamo togliere i nostri simboli cristiani per rispettare la sensibilità di una minoranza? Ma è assurdo! Le minoranze sono libere di pregare nei loro spazi e dove credono rispettando le NOSTRE LEGGI DELLA REPUBBLICA ma lasciamo stare la nostra religiosità popolare antica.Io sono laico e credente ma questo "laicismo" da quattro soldi residuo delle vecchie frustrazioni comuniste dopo la loro sconfitta storica mi provoca davvero irritazione.Quando gli operai polacchi venivano picchiati e uccisi dalla polizia comunista solo per andare alla Messa allora non sentivo proteste e dichiarazioni di questi democratici,libertari,antifascisti nati dalla resistenza.Ma smettiamola e siamo seri!

    RispondiElimina