Cerca nel blog

venerdì 17 agosto 2012

Palio: il Montone, il Ministro Cancellieri, le scorte...



     Mentre il vittorioso Montone sfila per le vie della città, non si può non pensare al fortunato abbinamento della cena della prova generale tra la Contrada di Via dei Servi e il Ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri. Tecnica del Governo Monti, nonchè ex Commissario prefettizio di Bologna, come spesso rimembrato da queste colonne al tempo in cui Franchino il Ceccuzzi paventava la fine del mondo se fosse stato costretto a lasciare la guida della città. A maggior ragione in vista dei due Palii: i quali, invece, si sono svolti con le luci e le ombre di sempre, anche senza la guida dell'illuminato conoscitore della Festa.
Tradizionalmente, il Ministro dell'Interno il giorno di Ferragosto non va in ferie: sta al pezzo, a vigilare sulla sicurezza di noi cittadini perbene (si fa per dire...).
Il 15 agosto della Cancellieri è stato comunque quantomai intenso, nonchè in parte irrituale: polemica sulla scorta di Gianfranco Fini a livello nazionale, cenona in Piazza Alessandro Manzoni in occasione del tour senese caldeggiato dal Commissario Laudanna (futuro Ministro della Repubblica anche lui? Dopo essere stato a Siena, potrebbe fare il Commissario nazionale antimafia....).
Per chi durante i 4 giorni vive di solo Palio, il quotidiano filoberlusconiano Libero - diretto da Maurizio Belpietro, a sua volta scortato! - ha imbastito una durissima polemica sulla scorta del Presidente della Camera dei deputati, accusato di avere affittato per tutta la stagione balneare un hotel ad Orbetello per gli uomini della sua scorta, ovviamente a carico del contribuente.
 Iniziativa lodevole assai, quella di Libero (Fini ha annunciato querela, ma fa parte del "gioco"): se non fosse che Belpietro ha una sua sfacciata unilateralità, che gli fa colpire sempre e solo i castisti di una parte, quasi mai dell'altra.
 Ciò scritto, qualche leggerezza, sebbene sia tutto secondo la Legge, ci deve essere stata, da parte dell'ex delfino di Giorgio Almirante. Non a caso, bacchettato piuttosto duramente anche da Francesco Merlo su Repubblica del 15 agosto ("L'estetica della scorta", pagina 30); e bacchettato, Fini, dalla stessa Cancellieri, nel colloquio con Merlo:
 "Sicuramente è uno spreco, probabilmente non isolato, da eliminare e soprattutto da non ripetere. E per me è l'occasione per rilanciare quella battaglia che da tempo voglio condurre a testa alta sull'uso e abuso della scorta".
  Chissà se nel Montoncino qualcuno gliel'ha sussurato nelle orecchie, ma Siena è all'avanguardia, quanto a scorte (non armate, peraltro): cosa altro è, se non una scorta in piena regola, il gruppo di contradaioli (3,4,5...) che scorta appunto il fantino nei 4 giorni palieschi?
Il problema sorge allorquando si arriva all'"estetica della scorta", riprendendo il notista di Repubblica. Il quale (a proposito di Fini) infatti scrive, con grande acume:
 "quella scorta NON LO PROTEGGE MA LO OMAGGIA...in Italia ogni scorta diventa la corte del potente di turno, non più luogo e mezzo militare per "scorgere" il pericolo ma ornamento ed abbellimento di "cortesia"".
E Siena, anche in questo, è Italia...

15 commenti:

  1. Vedo solo ora che il sito animalista di cui si occupò il Corrsiena è gaudente per il frano a San Martino di ieri, con tanto di intervento dell'ex Ministro Brambilla.
    Polemiche davvero penosette.
    Per come la pensa l'eretico, a Siena i cavalli sono sin troppo tutelati: il rischio è connaturato alla corsa ed alla velocità. Ci si può battere per le cinture di sicurezza, giustamente: non per abolire le autostrade...
    L'eretico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va bene la libertà di pensiero, di parola, di espressione, si stampa ma qui si è superato ogni limite e qualcuno deve intervenire:
      http://www.centopercentoanimalisti.com/phpBB2/viewtopic.php?t=52351


      Attacchi a giornalisti come il Bisi che difendono la Festa
      http://www.centopercentoanimalisti.com/phpBB2/3-vt52156.html?postdays=0&postorder=asc&start=30

      Luca

      Elimina
    2. Pubblico volentieri, ancora prima di andare a leggere il sito animalista.
      Se è stato offeso, solidarietà a Stefano Bisi. Con il quale concordo, tra l'altro, sul pezzo che ha fatto stamattina sull'evento saltato in Fortezza ieri sera.

      L'eretico

      Elimina
  2. Eretico, rintraccia la brambilla e diglielo tu con parole più convincenti delle mie.
    Con 312.389 euro di reddito la brambilla (è volutamente scritto con la minuscola - come dovrebbero essere scritti i nomi di tutti coloro che SI GOVERNANO) si può permettere di sbarcare il lunario dedicandosi a fare qualunque cosa tanto per lei le tasse di ogni tipo, bollette di luce, gas, aqua, spazzatura (che si paga a metri quadri come l'Ici o IMU), benzina , pedaggi, canone rai (pensate al servizio che offrela rai nei tre lunghi mesi (giugno-lugli-agosto) estivi a chi deve pagare quel disservizio, ecc. per la brambilla e soci che hanno governato, governano e governeranno sono cose di nessuna importanza.
    Se gli avanza tempo alla brambilla gli si potrebbe suggerire di prendere le difese anche delle zanzare e delle mosche vietando la vendita di qualunque insetticida che viene prodotto proprio per uccidere gli animali: lo dice lo stesso nome del prodotto. Anche i topi poverini avrebbero bisogno di qualche protettrice e la brambillina potrebbe pensare un po' anche a loro. Gli scarafaggi e le zecche sono perseguitate inesorabilmente ma anche loro non ancora hanno trovato una protezione. Ci penserà la brambillona? I ragni, poveri ragni, le pulci e i calabroni, i tafani, gli acari e le cimici quando avranno qualche piccola attenzione dalla brambillissima?
    Ci vorrebbe l’ACCISA per questa gente che, se solo avesse da fare i conti giorno per giorno con lo stipendio, non avrebbero tempo di pensare di dedicare tanto tempo per inventare cose ca fanno rabbrividire! Le Ambulanze per cani e gatti sarebbero potute arrivare quando tutto il resto per i cittadini fosse funzionanti? Le anmbulanze per i cani! Necessarie più delle visite mediche, esami clinici e test dai tempi incalcolabili (parlo della gente) ma i cani sono i cani: dopo, dopo arriverà anche qualche attenzione per gli umani.
    Care Signore e Signori oggi si traduce con “Cari amici animali e umani” Stoppa Edoardo docet.
    brambilla, quando avrà finito di aggiustare i problemi dei cari amici animali, se gli avanzerà il tempo, come certamente gli avanzeranno i 312.389 euro di reddito, penserà anche un pochinino agli umani”? Gli umani hanno pazienza, tanta pazienza, aspetteranno.
    Eretico, rintraccia la cara amica a****** brambilla e fatti dare una risposta.
    d.a.

    RispondiElimina
  3. Ma Mussari perchè non si è visto a giro in questi Palii?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era al mare a brindare alla faccia dei Senesi.

      Elimina
  4. Gira voce che ieri sera fosse alla festa in Fortezza, al posto del dibattito annullato su Siena Capitale della cultura...

    RispondiElimina
  5. Nel sito 100% animalisti esiste una sezione dedicata a tutti gli incidenti di caccia dove e' morto qualcuno.
    Commenti di gioia, entustiatici e secondo me , vergognosi, nei confronti di coloro che hanno perso una persona cara.
    Credo che un animale abbia sicuramente piu' sentimento e cervello di questi personaggi.
    E del resto, la Brambillona ha mai avuto un solo pensiero per tutti i bimbi che muoiono di fame e di malattie?
    Macche'...basta stiano bene i suoi cuccioli.....
    Povera Italia....

    RispondiElimina

  6. La Brambilla va attaccata non tanto perchè non si batte per "i bimbi che muoiono di fame o di malattie", perchè è normale che non ci si possa battere per tutto e per tutti: noi pensiamo al Palio ed al Pd, intanto nella non lontanissima Siria (Aleppo) si combatte casa per casa e i bambini crepano di bombe o diarrea.
    La questione è: la causa per cui la rossona si batte, è da considerarsi giusta? Noi, a quel punto, rispondiamo fermamente di no. Convinti che a Siena i cavalli da un certo punto di vista siano anche troppo tutelati: più di certi anziani lasciati a se stessi, per esempio...

    L'eretico

    RispondiElimina
  7. ma quel gazzilloro di Pistoia che ha vinto il Palio e che si è sdraiato a petto nudo sotto l'altare del Duomo? speriamo ci sia qualcuno che gli dica qualcosa, almeno la prossima volta si spera che non lo rifaccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente un GAZZILLOROOOOOOOOOOOOOO!

      Elimina
  8. Il gazzilloro di Pistoia si è messo una polo bianca prima di entrare in duomo (gli ero accanto). Informati prima di sparare cazzate a caso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, il Gazzilloro di Pistoia la polo bianca se l'è messa quando gliel'ha data il sacerdote, prima era a petto nudo, puoi vedere le 10.000 repliche che passano su CCS...

      Elimina
  9. Se si è sdraiato non lo so ma che era a petto gnudo non si può negare, c'era tutta la mia famiglia e lo hanno visto bene. Comunque non è colpa del Montone, è dagli anni '80 che spesso si ripresenta il problema del fantino che entra in Duomo senza giubbetto e magari senza nemmeno la maglietta. La cosa buffa è che per l'appunto questa maleducatissima consuetudine ha origine proprio da un Palio vinto dal Nicchio!

    RispondiElimina
  10. Caro Eretico, quando ti riferisci ai guardia fantini penso di aver capito cosa intendevi, ma bisogna ammettere che vi sono ancora alcune contrade in cui questo ruolo non è diventato una mera questione di prestigio. Inoltre la figura del guardia fantino ha recentemente subito delle modifiche tali da farne quasi una semplice comparsa. Se infatti facciamo sì che il fantino in caso di caduta sia obbligatoriamente recuperato da degli "addetti ai lavori" del Comune (per ora questa norma non viene rispettata al 100% ma in questi tempi di cap e soprallassi è lecito pensare che stiano facendo sul serio), viene meno la possibilità di affibbiargli i due tradizionali ceffoni che potrebbe meritare. In questo scenario quale deterrente possono avere le contrade? Detto ciò sia chiaro che non nego affatto che vi sia spesso una spiccata tendenza dei contradaioli al protagonismo, e da qui deriva il desiderio di apparire accanto all'assassino di turno.

    RispondiElimina