Cerca nel blog

mercoledì 7 dicembre 2011

Banca Mps: tutto pronto per l'operazione Caltagirone...

  
  Dopo la clamorosa condanna a 3 anni e sei mesi per la questione Unipol dell'estate indimenticabile 2005, Francesco Gaetano Caltagirone si era autosospeso dalla vicepresidenza di Banca Mps, per ragioni di opportunità che ognuno può valutare come salutari. Ma la Banca una volta senese non può proprio fare a meno del Calta, considerato l'imprenditore più dotato di liquidità in questa Italia 2011 (ma anche negli anni scorsi, era sempre lui il più liquido, quindi non molto è cambiato...).
  Alla prossima assemblea del 1 febbraio 2012, dunque, l'appena uscito Caltagirone verosimilmente rientrerà in pompa magna alla vicepresidenza della Banca. Così avremo un Presidente alle prese con la rogna Galaxopoly, un vicepresidente fresco di condannona (per gli standard italiani, vi sembrano pochi i tre anni e mezzo?). A questo punto, bisogna cambiare il povero direttore generale Antonio Vigni, che non risulta avere pendenze con la giustizia: l'eretico sommessamente propone un criminale di guerra catto-croato, così all'Opus Dei ed in Vaticano sarebbero contenti e rassicurati, e si potrebbe finalmente sbarcare nei Balcani, dove già ci sono Intesa e soprattutto Unicredit.Copn una joint venture ben pensata, ci si può raccattare anche qualche cestista locale in erba, visto che lì è pieno di talenti, e si fa felice anche Ferdinando Minucci, alle prese con una squadra di ultratrentenni...
Basta divagazioni, torniamo al 1 febbraio prossimo venturo.
"...l'Assemblea sarà chiamata...a deliberare in ordine ALLA REVOCA O ALLA PIENA INTEGRAZIONE del consigliere Cav. Lav. Francesco Gaetano Caltagirone, a seguito della sospensione dichiarata dal Consiglio in data 10 novembre 2011" (la condanna di cui sopra è datata 31 ottobre, per la cronaca).
L'operazione "Reintegro Caltagirone", dunque, è pienamente in atto: indovinate come si schiererà Mussari Giuseppe, fra "revoca" e "piena integrazione". Si accettano scommesse...
Noi la seguiremo con l'attenzione che merita, questa assemblea: come credo faranno gli aderenti al sempre più agguerrito Osservatorio sul Monte (quello dei "buoni", per capirsi), riunitosi ieri sera a San Miniato (l'eretico era presente, e ritornerà su vari aspetti trattati nella lunga - anche troppo! - serata, con interventi di indubbio interesse).

  Per intanto, godiamoci il ritorno di Caltariccone (come definito da Dagospia) sulla scena montepaschina. Ma qualcuno ha mai pensato che se ne fosse andato?

10 commenti:

  1. Complimenti di cuore (e di fegato) al Mussari e a tutta la combriccola per questa mossa, che sicuramente renderà Mps sempre più autorevole agli occhi del mercato e dell'opinione pubblica

    RispondiElimina
  2. Lunedì mattina Robertino faceva fotocopie all'inizio del lungo corridoio che conduce alla Direzione Generale e dietro un porta socchiusa ha sentito il direttore Vigni, il direttore Rossi e il direttore Massacesi conunicare alle venerabili organizzazioni sindacali che la tredicesima mensilità sarà rateizzata ......

    Questo è lo stato di salute del terzo gruppo bancario italiano !

    Robertino, montepaschino da tre generazioni.

    RispondiElimina
  3. Almeno così i dipendenti che fino ad ora hanno fatto finta di niente, non potranno negare......
    g.b.

    non più di sei mesi fa sono andato in una agenzia mps per aprire un conto. Alle mie rimostranze per gli alti costi richiesti per la gestione, l'impiegato mi ha detto: "Ma lei è venuto nella boutique delle banche!"
    Vogliamo commentare?

    RispondiElimina
  4. ...vuoi vedere Robertino che quello che ho sentito dire a proposito di schiaffi e cazzotti volati ai piani alti del Monte era vero ??indaga indaga eretico ..R.F

    RispondiElimina
  5. io farei salire di grado anche il duo da puttantour ROSATI-DEGORTES......

    In questa situazione a fianco del venerabile Tano ci vorrebbe gente con esperienza economico-finanziaria e grade carisma.......
    BEPPE PENSACI !!!

    RispondiElimina
  6. montepaschino indignato9 dicembre 2011 10:12

    CHIEDERE UFFICIALMENTE LE DIMISSIONI IMMEDIATE DEL PRESIDENTE BOCCOLUTO e di tutta la sua consorteria nominata ai vertici della BANCA E nelle VARIE CONTROLLATE senza i curriculum adeguati e senza un criterio professionale: dove sono le lauree in economia e finanza? Dove sono i titoli da BANCHIERI, pubblicateli e informate il POPOLO DI SIENA.

    RispondiElimina
  7. Più va avanti questo strazio, più il Calta avrà spazio e potere in seno alla Banca(senza curarsi troppo dei guai giudiziari): almeno questo vorrei fosse ben chiaro a tutti...
    L'eretico

    RispondiElimina
  8. al montespaschino indignato posso dire: che i laureati in economia e banca estranei al sistema sono a lavorare lontani da casa impiegati 3.2 a vita grazie ai sindacati che hanno firmato contratti penalizzanti sempre per quelli che venivano dopo

    RispondiElimina
  9. Ma perchè il Calta non lo facciamo direttamente Presidente? Almeno lui di affari e soldi capisce sicuramente più di parecchi altri...

    RispondiElimina
  10. Forza Magistratura!!!!

    RispondiElimina